Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
madex

Sostituzione di delibere e sorte delle cause condominiali

In tema di condominio negli edifici, nel caso di sostituzione della delibera spetta sempre al giudice valutare se è intervenuta la cessazione della controversia.
12 Marzo 2014 ore 17:56 - NEWS Assemblea di condominio

Delibere assembleari


AssembleaLa deliberazione assembleare è il risultato di una discussione tra i partecipanti alla riunione condominiale che ha come risultato quello di vincolare tutti i condomini alle decisioni ivi assunte (art. 1137 c.c.).

L'assemblea decide di nominare amministratore del condominio Tizio piuttosto che Caio?

Tutti i condomini, ergo anche assenti, astenuti e dissenzienti, devono rispettare quella decisione; in poche parole ogni condomino dovrà riconoscere l'amministratore nominato quale proprio legale rappresentante rispetto alle gestione delle parti comuni e comportarsi come tale.

Chiaramente le decisioni assembleari non sono incontestabili: la legge, esattamente l'art. 1137 c.c., prevede che le delibere possano essere contestate impugnandole davanti all'Autorità Giudiziaria.


Impugnazione delle delibere


Ai sensi dell'art. 1137, secondo comma, c.c. contro le deliberazioni contrarie alla legge o al regolamento di condominio ogni condomino assente, dissenziente o astenuto può adire l'autorità giudiziaria chiedendone l'annullamento nel termine perentorio di trenta giorni, che decorre dalla data della deliberazione per i dissenzienti o astenuti e dalla data di comunicazione della deliberazione per gli assenti.

Si badi: la legge fa riferimento a quelle che la dottrina e la giurisprudenza hanno definito deliberazioni annullabili.

In particolare – a dirlo è la sentenza n. 4806/05 (e la riforma del condominio ha sostanzialmente recepito questi principi, cfr. art. 66 disp. att. c.c.) le delibere con vizi relativi alla regolare costituzione dell'assemblea, quelle adottate con maggioranza inferiore a quella prescritta dalla legge o dal regolamento condominiale, quelle affette da vizi formali in violazione di prescrizioni legali, convenzionali, regolamentari attinenti al procedimento di convocazione o informazione in assemblea, quelle genericamente affette da irregolarità nel procedimento di convocazione, quelle che richiedono maggioranze qualificate in relazione all'oggetto (Cass. SS.UU. n. 4806/05).

Contestazione deliberaDiversa l'ipotesi della nullità che consente l'impugnazione in ogni tempo (quindi anche dopo anni), fatti salvi gli effetti della prescrizione della restituzione dell'indebito (leggasi impossibilità di chiedere indietro somme di denaro) e dell'usucapione (cfr. art. 1421 c.c.).

Secondo la Cassazione sono da ritenersi nulle le delibere prive degli elementi essenziali, con oggetto impossibile o illecito (contrario all'ordine pubblico, alla morale e al buon costume), con oggetto che non rientra nella competenza dell'assemblea, che incidono sui diritti individuali, sulle cose, sui servizi comuni o sulla proprietà esclusiva di ognuno dei condomini o comunque invalide in relazione all'oggetto (Cass. SS.UU. n. 4806/05).

Si badi: l'impugnazione non sospende l'efficacia della delibera che, per essere ottenuta, dev'essere domandata all'Autorità Giudiziaria secondo le norme dettate con riferimento ai giudizi cautelari (cfr. art. 1137, terzo e quarto comma, c.c.).

Ad ogni buon conto è bene ricordare che le cause aventi ad oggetto impugnazione delle delibere assembleari sono soggette al tentativo obbligatorio di mediazione previsto e disciplinato dal d.lgs n. 28 del 2010.


Impugnazione e sostituzione


Molto spesso per evitare le conseguenze pregiudizievoli di una impugnazione sull'efficacia (nel breve periodo per il caso di sospensione e nel lungo per il caso di invalidazione) le assemblee condominiali sostituiscono il deliberato oggetto di contestazione con altra decisione del medesimo tenore.

Esempio: l'assemblea in prima istanza nomina l'amministratore senza rispettare i quorum deliberativi previsti dalla legge, un condomino impugna e l'assemblea sostituisce quella decisione con una uguale nel contenuto ma questa volta rispettosa delle maggioranze all'uopo necessarie.
In tali casi si parla di cessazione della materia del contendere (è stato eliminato il vizio contestato) e di prosecuzione della causa per la così detta soccombenza virtuale (insomma solamente per statuire chi deve pagare le spese legali).

Può accadere che la sostituzione non faccia venire meno i profili d'illegittimità: si supponga, restando al caso dell'esempio, che vengano rispettate le maggioranze ma che l'amministratore non possegga i requisiti di legge per essere nominato e che tale aspetto fosse stato già contestato con l'originaria impugnazione.

In tal caso, a dirlo è stato il Tribunale di Lucca con una sentenza resa il 23 gennaio 2014, la sostituzione non ha effetto ai fini pratici.


Si legge nella pronuncia che per determinare la cessazione della materia del contendere non è sufficiente, infatti, la sostituzione della delibera impugnata con altra asseritamente presa in conformità della legge, ma è necessario che tutti i contendenti si diano reciprocamente atto della mutata condizione e sottopongano al giudice conclusioni conformi (condizione soggettiva) e che il giudice verifichi la rimozione della precedente causa d'invalidità (condizione oggettiva), dovendo accertare se la deliberazione ratificante, anche in ipotesi non impugnata, sia immune dai vizi denunciati contro la deliberazione ratificata (v. per considerazioni di principio espresse in materia di società e associazioni del libro primo ma estensibili alla fattispecie in esame, Cass. civ. 13/6/2008, n. 16017) (Trib. Lucca 23 gennaio 2014 n. 111).

Come dire: se la parte che ha impugnato contesta la ricorrenza di tale sostituzione, il giudice deve verificare se la delibera che sostituisce quella viziata sia a sua volta viziata o meno.

riproduzione riservata
Articolo: Sostituzione di delibere e sorte delle cause condominiali
Valutazione: 5.00 / 6 basato su 1 voti.

Sostituzione di delibere e sorte delle cause condominiali: Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
dona
Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News
REGISTRATI COME UTENTE
323.216 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Sostituzione di delibere e sorte delle cause condominiali che potrebbero interessarti


Per individuare l'amministratore basta la deliberazione dell'assemblea

Condominio - S'ipotizzi che una persona debba far causa ad un condominio: a chi dev'essere notificato l'atto introduttivo del giudizio?

Delibera assembleare di approvazione dei lavori ed eccesso di potere

Manutenzione condominiale - Tra i profili d'illegittimità di una delibera assembleare di condominio v'è anche l'eccesso di potere, ossia l'esercizio del diritto in modo distorto.

Quando si può ottenere la sospensione dell'efficacia della delibera condominiale

Assemblea di condominio - L'impugnazione della delibera condominiale non comporta automaticamente la sospensione della sua efficacia. Come fare per ottenerla e quali sono i presupposti?

Il condominio minimo è un condominio a tutti gli effetti

Condominio - Esiste un numero minimo di persone superato il quale si applicano le norme sul condominio? Cosa accade per i condomini minimi, cioè con due soli partecipanti?

Condominio, condotte illecite e responsabilità

Assemblea di condominio - Se una deliberazione condominiale può comportare la commissione di illeciti, il condomino può semplicemente dissociarsi da quella decisione oppure deve impugnarla?

Condomino non può impugnare delibera con cui si stabilisce fargli causa

Condominio - Il condomino contro il quale il condominio inizia una causa, o alla cui azione la compagine decide di resistere, non può votare all'assemblea che lo riguarda.

Nuova proroga del blocco delle sospensioni delle utenze domestiche

Leggi e Normative Tecniche - Il 30 aprile l'ARERA ha nuovamente prorogato al 17 maggio 2020 il blocco delle procedure di sospensione per morosità per le utenze domestiche di luce acqua e gas.

Una causa condominiale è sempre utile se la delibera è illegittima?

Condominio - Non ci sono stime certe ma il sentire comune pone la causa condominiale ai primi posti tra le controversie nei nostri uffici giudiziari.

Delibera assemblea condominiale: quando può essere nulla o annullabile

Assemblea di condominio - Differenza tra delibera nulla o annullabile; quando i condomini possono impugnare una delibera e quali sono i termini da rispettare per invocare l'invalidità.
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img anonimo
Mi chiamo Alberto e vorrei avere chiarimenti su una questione che riguarda i rifiuti. Vivo in un condominio e da diversi anni uno dei condomini si occupa di portare fuori i...
anonimo 08 Gennaio 2021 ore 15:19 2
Img lorenzomasi
C'è compatibilità tra amministratore di condominio e tecnico asseveratore di lavori superbonus?...
lorenzomasi 08 Gennaio 2021 ore 11:54 1
Img iside1707
Buongiorno, Siamo un contesto di 4 unità e da luglio i rapporti con i miei vicini si sono incrinati. Il mio vicino tiene la cassa e paga le bollette e fino ad ora siamo...
iside1707 29 Dicembre 2020 ore 19:41 3
Img carlocorneo
Buongiorno, mi chiedevo se ai fini del calcolo del tetto di spesa (plafond fiscale per solo l'isolamento termico) è possibile conteggiare oltre alle abitazioni e ai negozi,...
carlocorneo 29 Dicembre 2020 ore 18:27 1
Img gafforoberto
Salve, ho acquistato un appartamento in un condominio all’asta, l’appartamento era l’unico in cui non erano stati installati i ripartitori sui termosifoni...
gafforoberto 22 Dicembre 2020 ore 11:58 9