La procedura per la definizione della controversia nei servizi di telecomunicazione

NEWS DI Burocrazia e utenze
Controversie nei servizi di telecomunicazione: se il tentativo di conciliazione non riesce, si può chiedere la definizione della lite all'Agcom e/o rivolgersi al giudice.
17 Aprile 2015 ore 00:55
Avv. Valentina Papanice

Tentativo di conciliazione


discussione in un tavolo di mediazioneNelle controversie tra utente e operatore di servizi di comunicazione elettronica, prima di rivolgersi al giudice è obbligatorio, salvo alcune eccezioni, avviare un tentativo di conciliazione. In sostanza, con la formulazione di un'istanza, ci si rivolge ad un'autorità amministrativa, nella specie il Co.re.com e gli altri organismi indicati dall'art. 13, dell'all. A, delibera 173/07/CONS, per tentare di risolvere la questione in via stragiudiziale attraverso la facilitazione di una parte terza come il conciliatore.

Spesso la lite si risolve in tale stadio.


Procedura per la definizione delle controversie davanti all'Agcom


Ma, cosa fare se il tentativo di conciliazione non va a buon fine, del tutto o in parte? La legge consente a tal punto di avviare la causa (precisamente, la legge consente di avviare la causa ben prima, cioè appena siano passati trenta giorni dal deposito dell'istanza per la conciliazione, anche se la procedura non si è conclusa).

Ma, in alternativa alla causa o prima della causa, è possibile rivolgersi all'Agcom (Autorità garante per le comunicazioni), perchè definisca la controversia.

Il procedimento, regolato dali artt. 14 e ss., all. A, delibera 173/07/CONS, può essere avviato dalle parti congiuntamente o dal solo utente. La differenza sostanziale con il tentativo di conciliazione è che in quel caso l'organismo adito potrà solo favorire l'accordo, mentre in questo caso, sarà la stessa Autorità a decidere per le parti, a meno che queste non raggiungano un accordo durante il procedimento.

La procedura non può essere avviata da chi, pur avendo presentato istanza per il tentativo di conciliazione di cui all'art. 1, della stessa delibera 173/07/CONS, non ha partecipato alla relativa procedura, fatta salva la possibilità di far valere in giudizio le proprie ragioni.

Il deferimento della soluzione della controversia all'Autorità deve essere promosso entro tre mesi dalla data di conclusione del primo tentativo di conciliazione e non può essere promosso se per lo stesso oggetto le (stesse) parti sono già in causa davanti al giudice.

Gli artt. 14 e 7, comma 3 indicano il contenuto che deve avere l'istanza. Ad ogni modo il procedimento può essere avviato anche mediante la compilazione del modello GU14, presente sul sito ufficiale dell'Autorità e dei Co.re.com.

Oggi come oggi, la funzione della definizione delle controversie è diffusamente delegata dall'Agcom ai Co.re.com (Comitati regionali per le comunicazioni). In tali casi l'istanza va indirizzata al Co.re.com, mentre negli altri casi andrà indirizzata all'Agcom.

L'Autorità (o, dunque, il Co.re.com), verificata l'ammissibilità dell'istanza, entro dieci giorni comunica alle parti l'avvio del procedimento. In tale comunicazione sono indicati: a. la data di deposito dell'istanza; b. l'oggetto della procedura; c. l'ufficio in cui si può prendere visione degli atti; d. il responsabile del procedimento; e. i termini entro cui produrre memorie e documentazione, nonché per integrazioni e repliche alle produzioni avversarie, ed il termine di conclusione del procedimento.

L'Autorità invia ancha alla parte convenuta copia dell'istanza depositata, nonché degli allegati che non siano già nella sua disponibilità.

Le parti possono dunque partecipare al procedimento presentando memorie e depositando documenti, e successivamente presentando integrazioni e repliche alle produzioni avversarie, nel rispetto dei termini assegnati dall'Autorità nell'avviso di avvio del procedimento.

L'incontro tra le parti si tiene solo se il responsabile del procedimento lo ritenga opportuno oppure su richiesta di una delle due parti.

utente stressatoAll'udienza di discussione le parti potranno comparire personalmente o (se si tratta di persone giuridiche) in persona del legale rappresentante, o facendosi rappresentare da altri soggetti cui avranno conferito una procura, generale o speciale, purché idonea a conciliare o transigere la controversia, conferita con atto pubblico o con scrittura privata autenticata ovvero con scrittura privata con allegata la fotocopia di un documento di identità del delegante. L'incontro, se il responsabile del procedimento lo ritiene opportuno, può avvenire anche tramite audio o video conferenza.

All'incontro le parti possono esporre le proprie ragioni e farsi assistere da consulenti o rappresentanti delle associazioni di consumatori.

Se, sulla base delle dichiarazioni delle parti, emerge la possibilità di raggiungere un accordo conciliativo, il responsabile del procedimento può esperire un tentativo di conciliazione e, in caso di accordo, redige un verbale secondo le indicazioni fornite dall'art. 12, co. 1 e 2 per il tentativo di conciliazione.

In caso di mancato accordo, si procede con lo svolgimento dell'incontro per la definizione della controversia e, al termine dell'udienza, il responsabile del procedimento redigerà il verbale.

La mancata comparizione di una delle parti o l'astensione dal far valere in udienza le proprie ragioni non possono essere interpretati come accettazione delle ragioni della controparte, come rinuncia all'istanza. In tal caso la controversia è comunque definita alla luce di quanto risulta dalla documentazione acquisita agli atti e tenuto conto delle difese scritte svolte dalle parti.

Se nel corso del procedimento è necessaria, a fini istruttori, la partecipazione di altri soggetti, il responsabile del procedimento provvede, se del caso, a convocarli in udienza ovvero a rivolgere loro apposite richieste istruttorie.

Il responsabile del procedimento può disporre l'acquisizione di documenti, perizie o altri elementi conoscitivi. Nei casi suddetti, gli oneri economici necessari per il compimento delle perizie sono anticipati dalla parte che ne ha fatto richiesta ovvero, se disposte d'ufficio, provvisoriamente ripartiti secondo equità. I documenti acquisiti sono integralmente accessibili per le parti, le quali parti possono nominare un proprio consulente tecnico.

Il responsabile del procedimento, sentite le parti interessate, può disporre la riunione di più procedimenti aventi ad oggetto controversie omogenee.

Chiusa la fase istruttoria, la documentazione relativa alla controversia è inoltrata all'Organo collegiale, con la relazione del responsabile del procedimento e la proposta di decisione.

L'Organo collegiale, ove lo ritenga necessario, può convocare le parti per un'udienza di discussione.

Il provvedimento di definizione della controversia costituisce un ordine dell'Autorità ai sensi dell'articolo 98, comma 11, decreto legislativo 1° agosto 2003, n. 259; ciò vuol dire che in caso di mancata esecuzione del provvedimento l'Autortià può comminare una sanzione amministrativa secondo i minimi e i massimi indicati in quell'articolo. Il provvedimento deve essere prontamente comunicato alle parti e pubblicato nel Bollettino ufficiale e sul sito web dell'Autorità.

L'Autorità, con il provvedimento che definisce la controversia, ove riscontri la fondatezza dell'istanza, può condannare l'operatore ad effettuare rimborsi di somme risultate non dovute o al pagamento di indennizzi nei casi previsti dal contratto, dalle carte dei servizi, nonché nei casi individuati dalle disposizioni normative o da delibere dell'Autorità.

Resta salva la possibilità per le parti di far valere in sede giurisdizionale il maggior danno.

Nel provvedimento l'Autorità, nel determinare rimborsi ed indennizzi, tiene conto del grado di partecipazione e del comportamento assunto dalle parti anche nel tentativo di conciliazione e può riconoscere il rimborso delle spese necessarie e giustificate per l'espletamento della procedura, secondo criteri di equità e proporzionalità.

Inoltre, se risulta che l'operatore non ha partecipato all'udienza fissata per la conciliazione senza addurre giustificati motivi, e pur avendo comunicato la volontà di partecipare (avendo reso la dichiarazione di cui all'articolo 8 comma 3, della delibera), vanno comunque rimborsate all'utente, se presente all'udienza e indipendentemente dall'esito del procedimento di definizone, le spese sostenute per l'esperimento del tentativo di conciliazione.

La definizione delle controversie di modesta entità, (in particolare quelle riguardanti prestazioni di natura pecuniaria o commerciale di valore non eccedente i 500,00 euro) è delegata al Direttore e non all'organo collegiale (salvo nei casi di straordinaria rilevanza regolamentare, giuridica o tecnica).

In tali casi la motivazione della decisione deve essere particolarmente sintetica e focalizzata sulle questioni di diritto sostanziale che rappresentano l'oggetto principale della controversia.

Alle decisioni così adottate si applicano le disposizioni dei precedenti commi da 3 a 6, dell'art. 19, della delibera, ad eccezione dell'obbligo di pubblicazione sul bollettino ufficiale.

Dunque, anche in questo caso saranno applicabili le sanzioni per l'inottemperanza al provvedimento e l'Autorità potrà condannare l'operatore al pagamento di somme risultate non dovute o al pagamento di indennizzi, restando salva la possibilità per le parti di far valere in sede giurisdizionale il maggior danno, e al rimborso delle spese sostenute per l'espletamento della procedura.

Se nel corso del procedimento la parte che aveva richiesto l'intervento dell'Autorità rinuncia alla propria istanza oppure risulta che la richiesta dell'utente sia stata pienamente soddisfatta, così come nei casi in cui vengano pronunciate l'inammissibilità o l'improcedibilità dell'istanza, viene disposta l'archiviazione del procedimento. Il provvedimento di archiviazione è comunicato alle parti.

L'utente, con la proposizione dell'istanza, o nel corso della procedura, può chiedere l'adozione degli stessi provvedimenti temporanei che possono essere richiesti in fase conciliativa per ottenere la continuità dell'erogazione del servizio o a far cessare forme di abuso o di scorretto funzionamento del medesimo da parte dell'operatore sino al termine del procedimento, ai sensi dell'articolo 2, comma 20, lettera e) della legge 14 novembre 1995, n. 481.

Per maggiori dettagli sul procedimento si rinvia alla lettura integrale dell'All. A, delibera 173/07/CONS e alle Linee guida predisposte dall'Autorità e approvate con la delibera 276/13/CONS.


Avvio dell'azione giudiziale


All'esito del procedimento, per far valere il maggior danno derivante dal rapporto originario, la parte potrà rivolgersi al giudice civile. La necessità di chiedere il maggior danno è ipotizzabile per il fatto che l'Autorità può liquidare solo degli indenizzi, cioè degli importi forfettizzati che esulano dall'accertamento del danno effettivamene subito.

Contro il provvedimento di definizione della controversia (anche se emesso da un Co.re.com) è invece possibile proporre ricorso al Tar (v. C.d.S. n. 6786/2011).

Come già detto, sarà comunque possibile rivolgersi al giudice, anche saltando il passaggio della definizione della controversia di cui agli artt. 14 e ss., del. 173/07/CONS.

riproduzione riservata
Articolo: Servizi di telecomunicazione: procedura per la definizione della controversia
Valutazione: 3.00 / 6 basato su 1 voti.
  • fs
  • fs
  • fs
  • fs

Servizi di telecomunicazione: procedura per la definizione della controversia: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
Notizie che trattano Servizi di telecomunicazione: procedura per la definizione della controversia che potrebbero interessarti
Condominio: oggi prima di far causa bisogna conciliare

Condominio: oggi prima di far causa bisogna conciliare

Il tentativo di conciliazione diviene obbligatorio anche per le cause condominiali. Chi e che cosa riguarda? Vediamo da vicino le novità.
Mediazione civile

Mediazione civile

Come il nuovo procedimento di mediazione interessera' il contenzioso sulla casa.
Mediazione civile: entrata in vigore

Mediazione civile: entrata in vigore

Il tentativo di mediazione alla luce dell'entrata in vigore della sua obbligatorieta'. Tempi, materie, costi e perplessità sulla nuova procedura.
La conciliazione condominiale

La conciliazione condominiale

Con l?approvazione del d.lgs n. 28 del 4 marzo 2010 contenente norme in materia di mediazione finalizzata alla conciliazione delle controversie civili e commerciali si è introdotto nel nostro ordinamento il...
Telecomunicazioni: controversie e conciliazione

Telecomunicazioni: controversie e conciliazione

In caso di controversie, utenti finali e operatori dei servizi di comunicazione elettronica devono attivare la procedura di conciliazione prima di rivolgersi al giudice.
accedi al social
Visibilità AziendeRegistrati
21.229 Aziende Registrate
img azienda img preventivi aziende img redazionale
img impresa img marketing img banner
barra aziende
SERVIZI UTENTIRegistrati
283.948 Utenti Registrati
img mypage img ristrutturazione img preventivi utente
img progettazione img consulenza img mercatino
img cadcasa img forum img computo
img riscaladamento img clima img imu
barra utenti
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
    • Princess cotton candy
      Princess cotton candy...
      40.77
    • Roger&gallet roger&gallet thé vert sapone profumato 100gr
      Roger&gallet roger&gallet...
      5.93
    • Argoclima chic silver argento 2000w ventilatore garanzia italia
      Argoclima chic silver argento...
      56.16
    • Kwb tools set 65pz. di utensili in valigetta kwb
      Kwb tools set 65pz. di utensili in...
      78.00
    • Advanced hydroponics starter kit - advanced hydroponics of holland
      Advanced hydroponics starter kit -...
      55.00
    • Kom amsterdam com amsterdam 7118 6 coltelli da bistecca con lama ondulata in blocco portacoltelli legno, summer mix
      Kom amsterdam com amsterdam 7118 6...
      27.53
    • Trappola per talpa a tubo
      Trappola per talpa a tubo...
      8.78
    • Pappylait cane 250 gr
      Pappylait cane 250 gr...
      13.42
    • Compo floranid prato con diserbante
      Compo floranid prato con diserbante...
      24.97
    • Legatrice
      Legatrice...
      34.77
    • Palla grasso piccola pz 6
      Palla grasso piccola pz 6...
      2.97
    • Pompa xl 300 electric pro
      Pompa xl 300 electric pro...
      330.38
    • Kanlux portalampada applique da parete esterno ip44 doppio attacco gu10 magra el-235
      Kanlux portalampada applique da...
      15.43
    • Stocker srl forbice potatura a doppio taglio stocker ergo light 21 - manico ergonomico
      Stocker srl forbice potatura a...
      36.00
    • Outlook design italia outlook design v972610044 doodo orologio da parete impermeabile, verde
      Outlook design italia outlook...
      21.85
    • Makita duc252z elettrosega per potatura 250 mm li-ion 18 v x2 serie z (solo corpo macchina)
      Makita duc252z elettrosega per...
      189.10
    • Foster forno da incasso 3 funzioni vetro scuro elettra compact 7170 052 - 7170052
      Foster forno da incasso 3 funzioni...
      355.00
    • Corman omron kit nebul comp air c803
      Corman omron kit nebul comp air...
      7.13
    • Pompa libertis 5 l multi
      Pompa libertis 5 l multi...
      110.90
    • Wonderweed 300 canna da diserbo
      Wonderweed 300 canna da diserbo...
      24.34
    • Detergente per polverizzatori 100 bio
      Detergente per polverizzatori 100...
      12.14
    • Grasso per polverizzatori
      Grasso per polverizzatori...
      11.22
    • Pond wizard
      Pond wizard...
      121.98
    • Pomodoro ibrido alto beefmaster vfn
      Pomodoro ibrido alto beefmaster vfn...
      3.19
    • Franke miscelatore inox satinato acciaio inox pescara l doccia - 115.0472.960
      Franke miscelatore inox satinato...
      221.00
    • Argo miscelatore cucina rubinetto monocomando colore avena - 2560-14
      Argo miscelatore cucina rubinetto...
      39.80
    • Apple iphone 8 64gb gold garanzia europa
      Apple iphone 8 64gb gold garanzia...
      659.00
    • Sbam design oobook - lampada libro da tavolo - noce scuro
      Sbam design oobook - lampada libro...
      79.00
    • Rigo serbatoio di ricambio per aerografo mri-as art. ser38ik
      Rigo serbatoio di ricambio per...
      18.86
    • Urmet citofono tradizionale base bianco urmet 1130-50
      Urmet citofono tradizionale base...
      39.11
    • Pompa zaino super lt20
      Pompa zaino super lt20...
      79.30
    • Pompa a zaino energy plus
      Pompa a zaino energy plus...
      256.20
    • Pompa a zaino uni lt12
      Pompa a zaino uni lt12...
      52.22
    • Pompa a zaino uni lt15
      Pompa a zaino uni lt15...
      53.07
    • Pompa a pressione garden lt4
      Pompa a pressione garden lt4...
      26.84
    • Pompa a pressione garden lt6
      Pompa a pressione garden lt6...
      27.82
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Officine Locati
  • Onlywood
  • Immobiliare.it
  • Mansarda.it
  • Weber
  • Policarbonato online
  • Ceramica Rondine
  • Faidatebook
  • Black & Decker
MERCATINO DELL'USATO
€ 180.00
foto 3 geo Parma
Scade il 31 Dicembre 2017
€ 500.00
foto 6 geo Milano
Scade il 31 Dicembre 2017
€ 68.00
foto 1 geo Udine
Scade il 10 Maggio 2018
€ 150.00
foto 6 geo Parma
Scade il 31 Dicembre 2017
€ 800.00
foto 3 geo Taranto
Scade il 31 Dicembre 2017
€ 900.00
foto 4 geo Parma
Scade il 31 Dicembre 2017
VENDI SUBITO IL TUO USATO DI CASA
Inserisci annuncio
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
104521
cookie

Utilizzo dei Cookie

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, navigando ne accetti l'utilizzo. Leggi l'informativa.
ok