Controversie telefoniche e conciliazione obbligatoria: nuova delibera AGCOM

NEWS DI Leggi e Normative Tecniche27 Marzo 2019 ore 14:07
In materia di conciliazione obbligatoria nelle controversie telefoniche nel 2018 la delibera AGCOM 203/18/CONS ha sostituito la precedente delibera 173/07/CONS.

Controversie telefoniche e conciliazione obbligatoria


Le controversie telefoniche, cioè le liti di vario tipo tra operatori telefonici e utenti sono numerose - molti di noi ne hanno avuto un’esperienza diretta – ed erano una delle cause che affollavano le aule di tribunale.

Controversia telefonica

Diciamo erano, perché in questo campo la conciliazione obbligatoria ha funzionato benissimo ed ha pertanto contribuito alla riduzione del contenzioso giudiziale.

La conciliazione obbligatoria è stata introdotta dalla L. n. 249 del 1997 e poi attuata dalla delibera AGCOM n. 173/07/CONS, quest’ultima oggi sostituita dalla delibera AGCOM n. 203/18/CONS.

L'AGCOM è l'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni.


Conciliazione telefonica, la legge


In particolare, l'art.1, co.11 e 12, Legge n. 249 del 1997 ha introdotto nel nostro ordinamento la conciliazione obbligatoria nelle controversie relative ai servizi di comunicazione elettronica, stabilendo che:

11. Per le predette controversie, individuate con provvedimenti dell'Autorità, non può proporsi ricorso in sede giurisdizionale fino a che non sia stato esperito un tentativo obbligatorio di conciliazione da ultimare entro tenta giorni dalla proposizione dell'istanza all'Autorità. A tal fine, i termini per agire in sede giurisdizionale sono sospesi fino alla scadenza del termine per la conclusione del procedimento di conciliazione.

12. I provvedimenti dell'Autorità definiscono le procedure relative ai criteri minimi adottati dalle istituzioni dell'Unione europea per la regolamentazione delle procedure non giurisdizionali a tutela dei consumatori e degli utenti. I criteri individuati dall'Autorità nella definizione delle predette procedure costituiscono princìpi per la definizione delle controversie che le parti concordino di deferire ad arbitri. (art.1, co. 11 e 12, L. n. 249 del 1997).


A sua volta, il Codice delle Comunicazioni (D.Lgs. n. 259/2003) prevede che l'AGCOM, ai sensi dell'art. 1, co. 11, 12 e 13, L. n. 249/1997:

adotta procedure extragiudiziali trasparenti, non discriminatorie, semplici e poco costose per l'esame delle controversie tra i consumatori e le imprese che forniscono reti o servizi di comunicazione elettronica, relative alle disposizioni di cui al presente Capo ed inerenti alle condizioni contrattuali o all'esecuzione dei contratti riguardanti la fornitura di tali reti o servizi. Tali procedure consentono una equa e tempestiva risoluzione delle controversie prevedendo, nei casi giustificati, un sistema di rimborso o di indennizzo, fermo restando la tutela giurisdizionale dei contraenti prevista dalla vigente normativa (art. 84, D.Lgs. n. 259/2003).


Rientrano nell’ambito di applicazione delle norme non solo le questioni attinenti ai rapporti di telefonia e internet, ma anche quelli relativi alle tv a pagamento, rientrando anche questi nel concetto di servizi di comunicazione elettronica (di cui all’art.1, Cod. Com. elettr.).

Telefonia, problemi tra operatore e utente

Le previsioni sono state poi rese operative dalla delibera AGCOM (Autorità per le garanzie nelle comunicazioni) n. 173/07/CONS, sostituita dalla delibera 203/18/CONS per le istanze di conciliazione depositate successivamente al 22 luglio 2018 contenente il Regolamento sulle procedure di risoluzione delle controversie tra utenti e operatori di comunicazioni elettroniche (Del. AGCOM n. 203/18/CONS).


Conciliazione telefonica, la delibera 203/18/CONS


Riportiamo qui in sintesi il contenuto della delibera rinviando alla lettura integrale della stessa e alle ulteriori informazioni reperibili sul sito dell’AGCOM.

Sono escluse dall’applicazione delle norme le controversie riguardanti esclusivamente il recupero di crediti relativi alle prestazioni effettuate dall’operatore, eccettuate quelle inerenti a crediti o prestazioni che sono contestate dall’utente.

Inoltre, sono escluse le controversie promosse ai sensi degli articoli 37, 139, 140 e 140-bis del Codice del Consumo le controversie promosse dalle associazioni rappresentative dei consumatori, dei professionisti, o nelle azioni di classe, nonché le controversie attinenti esclusivamente a profili tributari.

Conciliazione telefonica

Il tentativo di conciliazione non è obbligatorio in caso di esperimento di azione cautelare, come statuito dalla Corte Costituzionale (sent. n. 403/2007).

Per le altre controversie, l’azione in sede giurisdizionale non può dunque essere proposta senza avere prima esperito il tentativo di conciliazione.

Il tentativo di conciliazione può essere svolto per  alcune vie distinte:

a) dinanzi al CORECOM competente per territorio, tramite la piattaforma ConciliaWeb, escluso il caso in cui la procedura sia attivata su istanza dell’operatore;

b) mediante gli organismi di negoziazione paritetica che prevedono la partecipazione delle Associazioni di consumatori, che risultano iscritti nell’elenco di cui alla delibera n. 661/15/CONS;

c) presso gli organismi ADR che risultano iscritti nell’elenco di cui alla delibera n. 661/15/CONS;

d) presso alle Camere di conciliazione istituite presso le Camere di commercio, aderenti al protocollo d’intesa stipulato tra l’Autorità e UNIONCAMERE.

L' Allegato A alla delibera n. 339/18/CONS contiene invece il Regolamento attuativo sulle procedure di risoluzione delle controversie tra utenti e operatoridi comunicazioni elettroniche tramite la piattaforma Concilaiweb (All. A Delibera 339/18/CONS).

La delibera 203 prevede poi che, a determinate condizioni, l’operatore può sospendere temporaneamente il servizio previo congruo preavviso (salvi i casi di frode, di ripetuti ritardi di pagamento o di ripetuti mancati pagamenti) e per quanto tecnicamente fattibile, può disporre la sospensione del solo servizio interessato dal mancato pagamento.

A sua volta, l'utente, contestualmente alla proposizione dell’istanza di conciliazione o nel corso della procedura può chiedere l’adozione di provvedimenti temporanei diretti a garantire la continuità della fruizione del servizio compilando il formulario GU5.

Quanto al procedimento, questo si attiva con la proposizione dell’istanza da parte dell'utente; successivamente il CORECOM adito fissa l’incontro e nomina il conciliatore e ne dà comunicazione alle parti; l’operatore comunica se aderisce oppure no all’incontro; se non aderisce, l’ente darà atto dell’esito negativo del tentativo di conciliazione avvisando la parte.

Se invece l’incontro si tiene e viene raggiunto un accordo si redige verbale che viene sottoscritto dalle parti.

La delibera prevede poi una versione semplificata della procedura, che può riguardare solo determinate materie, consistente essenzialmente nella trasmissione non simultanea di documenti e la possibilità che il conciliatore invii in qualunque momento una proposta di accordo alle parti e la redazione del verbale entro trenta giorni, salvo che il conciliatore non ritenga utili ulteriori interlocuzioni con la parti.

La procedura non semplificata prevede invece un incontro nel corso di un' udienza di conciliazione, preferibilmente, ma non obbligatoriamente tramite web conference o altra via di comunicazione a distanza; se l'utente non dispone degli strumenti, il CORECOM mette a sua disposizione la propria sede o altro punto di accesso preventivamente comunicato.

All’esito dell’incontro si redigerà verbale di esito positivo oppure negativo, a seconda che si raggiunga oppure no un accordo (il quale può essere anche solo parziale); se una o entrambe le parti non compaiono, si redige verbale di mancata comparizione e il procedimento è archiviato.

Una delle novità rispetto alla delibera precedente è la previsione del procedimento per il caso in cui l’istanza sia proposta dalla compagnia.

In tal caso, a differenza del precedente, è previsto in capo all’altra parte, un vero e proprio onere di comunicare se intende aderire oppure no e, in mancanza di comunicazione, la redazione di un verbale di esito negativo.

Quanto all’incontro, nel procedimento attivato dall’operatore, dal testo della norma sembra essersi preferito l’incontro personale a quello a distanza.

Quanto disposto attiene espressamente ai procedimenti innanzi al CORECOM e va letto unitamente agli atti che regolano il funzionamento dei singoli enti cui viene inviata l’istanza nel caso concreto.

riproduzione riservata
Articolo: Controversie telefoniche: delibera sulla conciliazione obbligatoria
Valutazione: 5.50 / 6 basato su 2 voti.

Controversie telefoniche: delibera sulla conciliazione obbligatoria: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
Notizie che trattano Controversie telefoniche: delibera sulla conciliazione obbligatoria che potrebbero interessarti
Ritardi nell'attivazione del servizio di telefonia e internet

Ritardi nell'attivazione del servizio di telefonia e internet

Leggi e Normative Tecniche - Servizi di telefonia e internet: quali sono le tutele per l'utente nel caso di mancata o ritardata attivazione del servizio che egli ha richiesto? Vediamolo qui
La procedura per la definizione della controversia nei servizi di telecomunicazione

La procedura per la definizione della controversia nei servizi di telecomunicazione

Burocrazia e utenze - Controversie nei servizi di telecomunicazione: se il tentativo di conciliazione non riesce, si può chiedere la definizione della lite all'Agcom e/o rivolgersi al giudice.
Cosa fare in caso di sospensione della linea telefonica, dati o pay tv

Cosa fare in caso di sospensione della linea telefonica, dati o pay tv

Burocrazia e utenze - In caso di sospensione della linea telefonica, dati o della pay tv si può chiedere un provvedimento temporaneo al Co.re.com o un provvedimento cautelare o al giudice.

Bollette a 28 giorni: il Tar del Lazio blocca rimborsi ai consumatori

Burocrazia e utenze - Bollette a 28 giorni: con ordinanza del Tar del Lazio viene sospeso il rimborso riconosciuto agli utenti per la pratica illegittima delle compagnie telefoniche.

Condominio: oggi prima di far causa bisogna conciliare

Amministratore di condominio - Il tentativo di conciliazione diviene obbligatorio anche per le cause condominiali. Chi e che cosa riguarda? Vediamo da vicino le novità.

Una causa condominiale è sempre utile se la delibera è illegittima?

Condominio - Non ci sono stime certe ma il sentire comune pone la causa condominiale ai primi posti tra le controversie nei nostri uffici giudiziari.

Mediazione civile: entrata in vigore

Normative - Il tentativo di mediazione alla luce dell'entrata in vigore della sua obbligatorieta'. Tempi, materie, costi e perplessità sulla nuova procedura.

La conciliazione condominiale

Condominio - Con l?approvazione del d.lgs n. 28 del 4 marzo 2010 contenente norme in materia di mediazione finalizzata alla conciliazione delle controversie civili e commerciali si è introdotto nel nostro ordinamento il tentativo obbligatorio di conciliazione anche in materia condominiale

Modem libero per internet a casa: quali sono le novità?

Burocrazia e utenze - Modem libero: dopo la delibera dell'AgCom è possibile accedere a internet tramite un modem di proprietà. Niente noleggio obbligatorio dell'apparecchio terminale
REGISTRATI COME UTENTE
302.252 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
I NOSTRI VIDEO SU YOUTUBE
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Velux
  • Hormann
  • bticino
  • Rockwool
  • Internorm
MERCATINO DELL'USATO
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
I NOSTRI VIDEO SU YOUTUBE
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.