• progetto
  • cadcasa
  • ristrutturazione
  • caldaia
  • clima
  • forum
  • consulenza
  • preventivi
  • computo
  • mercatino
  • mypage
madex

Infissi a tenuta stagna: come verificare la reale efficienza?

Come effettuare la verifica della tenuta degli infissi esterni agli agenti atmosferici, con metodiche non invasive, capaci di stabilire l'efficienza energetica.
Pubblicato il

Infissi esterni ed efficientamento energetico


Tra gli interventi edilizi atti a migliorare la prestazione energetica di un edificio, la sostituzione degli infissi esterni esistenti, con nuovi infissi più performanti dal punto di vista dell'isolamento termico, costituisce un sicuro miglioramento del comfort abitativo.

I provvedimenti statali di agevolazione in tal senso, ancora in vigore, stanno permettendo a migliaia di famiglie, di poter sostituire i vecchi infissi, con dei nuovi a taglio termico, costituiti da materiali differenti, caratterizzati da indici di trasmittanza molto bassi.

Gli infissi in questione, indipendentemente dal materiale di cui sono costituiti, devono avere la caratteristica di garantire all'interno di una abitazione, un clima sempre confortevole in ogni periodo dell'anno.

Una facciata con moderni infissi a taglio termico
Per migliorare la prestazione di tali infissi, gli stessi sono dotati di vetri basso emissivi e vetrocamere con all'interno gas isolanti come l'Argon.
La corretta posa in opera degli infissi sopra descritti, rappresenta un fattore importante al fine di ottenere quell'isolamento termico che s'intende raggiungere, in relazione alle condizioni climatiche del sito in cui l'intervento viene realizzato.


Infissi esterni e valutazione del reale grado di efficienza


I requisiti di infissi così concepiti, vengono descritti nelle schede tecniche della casa costruttrice e utilizzati dai progettisti per valutare il loro contributo dal punto di vista energetico, nell'isolamento dell'involucro edilizio.

Le caratteristiche di isolamento sopra descritte, spesso possono essere messe in discussione da una serie di eventi, sintomatici di malfunzionamento dell'infisso, con conseguenze di vario tipo.

Immagine termografica di infisso con problemi di tenuta ed isolamento
Tra gli episodi più frequenti, si riscontrano fenomeni di condensa interstiziale, formazione di muffe, presenza di spifferi, posizionamento anomalo della vetrocamera, ecc.

Tali episodi, innescano inevitabilmente accesi contenziosi tra committente, impresa costruttrice, serramentisti, tecnici progettisti ecc., da cui si ha l'impressione di non poterne uscire, a causa della difficoltà a individuare con precisione la causa di tale criticità.


Indagini non invasive per individuare i difetti di tenuta dei serramenti


Esistono a tal proposito diverse metodiche, mediante le quali, grazie all'utilizzo di tecniche diagnostiche non invasive è possibile individuare con precisione la causa di tali problematiche.

Blower door per la verifica della tenuta degli infissi esterni
Tra le tecniche in questione, rivestono particolare importanza la termografia, unitamente all'impiego del blower door, così come previsto dalla norma UNI EN 13187, l'impiego di anemometri a filo caldo, rivelatori di micro perdite a ultrasuoni, la prova del fumo, la verifica delle vetrature e delle vetrocamere con singola camera oppure doppia.

Mediante la termografia è possibile rilevare i difetti di isolamento degli infissi, conseguenti a difetti di posa o di materiali non adeguatamente isolanti, i difetti conseguenti come formazione di condense interstiziali o muffe, vengono messi in evidenza nell'immagine a infrarosso, non visibili all'occhio umano.


Infissi sotto esame con un semplice strumento


Prima di impiegare la termografia si può fare una preventiva analisi della tenuta dell'infisso, attraverso una semplice procedura, consistente nel posizionare in una giornata ventilata un piccolo generatore di fumo, dal costo di pochi euro, all'esterno dell'infisso in cui si ha il dubbio di tenuta.

Prova della tenuta al fumo di un infisso esterno
Se il fumo entra all'interno, la prova risulta evidente anche al più scettico dei serramentisti.

Nei casi più gravi, può essere richiesto, unitamente alla termografia, l'impiego del Blower door, mediante il quale l'ambiente da verificare viene messo in depressione da un ventilatore particolare, che viene applicato alla porta d'ingresso del locale.

Secondo la norma UNI EN 13187 per individuare un'infiltrazione d'aria con la termocamera, sono necessari almeno 5 Pascal di differenza pressoria.

Il sistema blower door è in grado di generare differenze di pressione anche molto maggiori, le quali, aumentano la velocità di infiltrazione dell'aria, aumentando pertanto il coefficiente di trasferimento termico convettivo che consente la rilevazione termografica degli spifferi.
Schema verifica ultrasuoni
L'indagine mediante rilevatore di micro perdite a ultrasuoni, è in grado di individuare, in modo veloce e preciso, perdite e infiltrazioni d'aria sugli infissi. L'apparecchiatura si compone di un ricevitore e un emettitore ad ultrasuoni.

Posizionando l'emettitore all'interno del locale, in modo tale da distribuire uniformemente il segnale su tutta l'area da verificare, e il ricevitore all'esterno del serramento, si riesce a visualizzare graficamente il livello di segnale a ultrasuoni che passa attraverso le zone dell'infisso non stagne.

Ciò consente la precisa individuazione dei passaggi di ultrasuono e quindi l'individuazione dei punti di perdita d'aria attraverso i componenti dell'infisso.


L'importanza della verifica delle vetrature


La verifica delle vetrature, può essere effettuata mediante il GlassBuddy apparecchiatura che fornisce tutte le informazioni per il controllo dimensionale di vetri singoli, doppi e tripli.

In particolare, a seconda del tipo di apparecchio impiegato è possibile effettuare misure sui tripli vetri camera, misurare lo spessore dei singoli vetri, delle camere d'aria e della misura totale del vetro isolante dell'infisso, con vetri singoli e doppi.

È inoltre possibile individuare la presenza di pellicole basso-emissive su vetri doppi posizionando lo strumento solo sul lato interno del vetro.

Glass-Chek per la verifica delle vetrature
La verifica del corretto posizionamento delle pellicole basso emissive, è fondamentale in quanto un errato posizionamento delle superfici basso emissive si traduce in un diverso comportamento termico della vetrata.

Le problematiche fin qui esposte, si riferiscono alla verifica delle reali condizioni di isolamento di un infisso, in fase di esercizio, andando ad approfondire i diversi aspetti che ne caratterizzano la realizzazione e il suo montaggio in opera.


Necessario il corretto posizionamento dell'infisso


Non bisogna dimenticare come anche un infisso realizzato in maniera perfetta, può presentare criticità dovute a un errato posizionamento rispetto al vano in cui è inserito.

Tale situazione ricorre più di frequente, in occasione di ristrutturazioni, in cui è compresa la sostituzione dei vecchi infissi con modelli più performanti dal punto di vista energetico.

Errato posizionamento infisso esterno
Un esempio di tale situazione è rappresentato dal posizionamento di finestre poste a filo muro, all'interno del davanzale non isolato termicamente.
In questo caso il salto termico è tra l'estradosso della soglia esterna e la parte sottostante.

Tale posizionamento, facilita la formazione di muffe e successivamente di condensa, vanificando la spesa per l'acquisto di un infisso più performante.


Conviene verificare la tenuta degli infissi con le nuove metodiche?


Come il lettore può facilmente notare, la verifica delle reali condizioni di isolamento di un infisso esterno, mediante le moderne tecniche diagnostiche sopradescritte, rappresenta una procedura non invasiva.

Essa comporta, in caso di contenzioso, un minimo disagio per chi vive nell'abitazione da verificare, con garanzia di un risultato oggettivo.

Alla luce di quanto esposto, sempre più spesso i committenti, in occasione della realizzazione di infissi particolarmente costosi e di alte prestazioni energetiche, richiedono alla ditta esecutrice delle opere la verifica della tenuta stagna degli infissi, prima di effettuare il completo pagamento relativo alla fornitura e posa in opera degli stessi.

Alcuni serramentisti, a garanzia del loro corretto operato, offrono nell'ambito della loro prestazione anche una verifica di tenuta degli infissi, mediante una perizia certificata a cura di personale abilitato.

riproduzione riservata
Serramenti a tenuta stagna
Valutazione: 5.00 / 6 basato su 1 voti.
gnews

Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
346.635 UTENTI
SERVIZI GRATUITI PER GLI UTENTI
SEI INVECE UN'AZIENDA? REGISTRATI QUI