Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
madex

Come verificare la corretta posa in opera di infissi a taglio termico

L'importanza della verifica della corretta posa in opera degli infissi ad alte prestazioni energetiche garantisce il giusto comfort all'interno delle abitazioni
01 Luglio 2021 ore 12:29 - NEWS Infissi Esterni

Infissi e riqualificazione energetica


I recenti provvedimenti di agevolazione fiscale introdotti dal Governo per le opere di riqualificazione energetica, comprendono anche la sostituzione degli infissi quale intervento trainato di quello principale, così come prevede l’articolo 119 comma1 del Decreto Legge 19 maggio 2020 N. 34, meglio noto come Decreto Rilancio.

I provvedimenti sopra citati consentono, a determinate condizioni, la possibilità di sostituire gli infissi i quali nel caso di riqualificazione energetica, devono possedere determinati requisiti di trasmittanza da comunicare entro 90 giorni dalla fine dei lavori all’ENEA.


Infissi a taglio termico verifica posa corretta: sigillatura con silicone

Infissi a taglio termico verifica posa corretta: sigillatura con silicone

Infissi a taglio termico verifica posa corretta: sigillatura con silicone
Operazioni di rimozione dei vecchi infissi

Operazioni di rimozione dei vecchi infissi

Operazioni di rimozione dei vecchi infissi
Sostituzione infissi

Sostituzione infissi

Sostituzione infissi
Operazioni di rimozione del vecchio controtelaio

Operazioni di rimozione del vecchio controtelaio

Operazioni di rimozione del vecchio controtelaio

Oltre al suddetto provvedimento, la sostituzione degli infissi è consentita in maniera agevolata, utilizzando altre misure, come quelle previste dall’art. 16-bis del DPR n. 917/1986 (c.d. TUIR) e dall'art. 14 del D.L. n. 63/2013.

I provvedimenti sopra citati consentono, a determinate condizioni, la possibilità di sostituire gli infissi i quali nel caso di riqualificazione energetica, devono possedere determinati requisiti di trasmittanza da comunicare entro 90 giorni dalla fine dei lavori all’ENEA.

Senza inoltrarmi nelle diverse casistiche per accedere ai vari provvedimenti agevolativi in materia, voglio attirare l’attenzione del lettore su un aspetto spesso trascurato circa la realizzazione di nuovi infissi da sostituire o realizzare ex novo, ossia la corretta posa in opera.


Infissi a taglio termico e la corretta posa in opera


Il motivo di tale scelta risiede nella considerazione che dalla corretta posa in opera di un infisso deriva in seguito il reale benessere abitativo richiesto.

Quindi, affannarsi per scegliere il miglior infisso presente sul mercato, in termini di prestazione energetica, può trasformarsi in un inutile impegno, nel momento in cui la posa di tali infissi non venga eseguita in modo corretto.

Comparsa di muffa a causa del mancato isolamento termico di un infisso mal posato
Eseguire una posa corretta garantisce che le prestazioni certificate da prove eseguite in laboratorio nella realizzazione dell’infisso, non vengano alterate in seguito al montaggio in opera dello stesso.

Purtroppo, nel corso della mia attività professionale, ho constatato che la maggior parte delle operazioni di posa in opera si limitano di frequente all'impiego di schiume poliuretaniche oltre ad esagerare con l'impiego di silicone.

Tale procedimento non consente all’infisso di svolgere al meglio la sua funzione che deve consiste nel garantire una tenuta efficace contro acqua, spifferi, oltre che un buon isolamento termico e acustico, senza permettere la comparsa di muffe e condense attorno a essi e in prossimità delle spallette laterali.


Infissi e difetti di posa in opera


Tra le anomalie che spesso si riscontrano anche dopo il montaggio di infissi certificati, si possono citare, comparsa di muffa o condensa, sensazione di freddo o movimenti d’aria appena percettibili.


Tali eventi rilevati dal committente, di frequente non vengono riconosciuti da chi ha eseguito i lavori di fornitura e posa in opera, adducendo la comparsa di tali fenomeni al cattivo modo in cui viene gestito l’ambiente domestico, mediante scarso arieggiamento, insufficiente riscaldamento, ecc.

Il perdurare di tale situazione, senza poter trovare un accordo tra le parti, inevitabilmente sfocia in una controversia legale, mediante la quale, il giudice è costretto a nominare un perito specializzato, al quale affidare il compito di verificare se i lavori siano stati eseguiti in maniera conforme alle normative del settore, vigenti all’epoca della posa in opera.


Sistemi di verifica della tenuta degli infissi


Al fine di non arrecare disagio alla committenza, attraverso indagini più o meno invasive, mirate ad individuare i punti deboli dell’intervento, oggi sempre più spesso si ricorre a indagini non distruttive, attraverso le quali è possibile rilevare i difetti di posa in opera degli infissi.

La termografia, rappresenta insieme a Blower door e test A-Wert, l’indagine più accurata per poter risolvere la controversia in questione.

Verifica tenuta infissi con l'impiego del Blower Door

Mediante la termografia, è possibile individuare le aree di dispersione del caldo e del freddo, interpretando le immagini termografiche dello stato di fatto, oltre a individuare spifferi e altre anomalie come condensa interstiziale, muffe ecc, derivanti dal cattivo isolamento dell’infisso mal posato.

L’analisi termografica è utile per verificare in inverno le dispersioni di calore dall’interno verso l’esterno, causate dalla presenza dei ponti termici e dai difetti di tenuta degli infissi.

Tale problematica si ripresenta anche durante il periodo estivo, quando i condizionatori interni lavorano maggiormente per raffrescare gli ambienti a causa dei difetti di tenuta degli infissi.


Ulteriori controlli strumentali della tenuta degli infissi


Oltre alle analisi termografiche, la corretta posa degli infissi la si può valutare impiegando Il Blower door, ossia uno strumento in grado di generare e misurare delle variazioni di pressione all’interno di una abitazione, in cui è posizionato un ventilatore incorniciato in una tenda, fissato alla porta di ingresso dell’abitazione.

Appena il flusso d’aria entra in circolo, è possibile misurare la permeabilità all’aria degli infissi esterni, oltre a poter rilevarne di tale fenomeno mediante l'ausilio della termocamera.

Fenomeno di condensa a causa di un cattivo isolamento della vetrocamera
Qualora occorra un ulteriore test per verificare la tenuta degli infissi esterni, è possibile impiegare dei prodotti Nebbiogeni, con i quali effettuare il Test del fumo.

Questa tecnica prevede l’insufflaggio di fumo all’interno dell’abitazione, in seguito al quale si creerà una pressione capace di spingere il fumo, facendolo uscire dai punti non correttamente isolati, permettendo così di individuare le zone dell’infisso che non sono a tenuta.

Quest’ultimo metodo, ha il pregio di convincere anche visivamente i più scettici, quando la controversia sembra arenarsi sulle metodiche d’intervento, pertanto il più delle volte si rivela efficace.


Verificare il reale isolamento della parte vetrata


Un altro aspetto da verificare con attenzione quando si installano infissi ad alte prestazioni energetiche, è rappresentato dalla effettiva capacità isolante delle parti vetrate.

Infatti, come per le pareti, il vetro è soggetto a uno scambio termico con l’esterno, mediante tre tipologie di propagazione: conduzione, convezione e irraggiamento.

Immagine termografica di verifica di un infisso mal posato
Questo scambio di calore, si misura attraverso la trasmittanza termica del vetro. Pertanto, più alto risulta il valore di tale trasmittanza, peggiori saranno le prestazioni del vetro montato sugli infissi e di conseguenza peggiori saranno le prestazioni termiche dell’intero infisso.

Le vetrate isolanti sono normalmente costituite da una stratificazione composta da due vetri separati da una camera d’aria, in cui è racchiuso un gas nobile come l’Argon più pesante dell’aria, il quale si stratifica creando un ponte termico con l’esterno, ciò consente di ridurre la trasmittanza della vetrata arrivando in maniera ottimale a raggiungere il valore di trasmittanza pari a 1,1 W/m2K.


Verificare conviene anche economicamente


Ma stante l’invisibilità del gas in questione, non è possibile verificare a occhio nudo se all’interno della vetrocamera, la presenza di tale gas sia completamente diffusa in maniera omogenea in tutti gli elementi che compongono le parti vetrate.

Per verificare tale presenza in maniera concreta occorre impiegare ancora una volta la termografia, la quale consente di verificare il reale grado di isolamento della parete vetrata, restituendo una immagine termografica significativa, circa il reale grado di isolamento dell’infisso.

Sostituzione vecchi infissi con nuovi infissi a taglio termico
Tale indagine, diventa ancora più importante, quando la parte vetrata è di dimensioni considerevoli, in rapporto alla superficie opaca totale dell’involcro edilizio, come ad esempio, in presenza di vetrate scorrevoli a tutta altezza, prospettanti verso l’esterno.

Dal punto di vista pratico, una verifica termografica risulta sempre conveniente, al fine di assicurarsi la qualità di quanto installato, indipendentemente dalle certificazioni prodotte dalla casa costruttrice degli infissi.

Occorre, infatti, tener presente che la spesa occorrente per effettuare tale verifica, spesso è ampiamente recuperata dall’impiego di infissi nella loro piena efficienza termica, nel corso dell’intero anno solare.

riproduzione riservata
Articolo: Infissi a taglio termico verifica della corretta posa in opera
Valutazione: 5.67 / 6 basato su 3 voti.

Infissi a taglio termico verifica della corretta posa in opera: Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
dona
Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News
REGISTRATI COME UTENTE
331.208 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Infissi a taglio termico verifica della corretta posa in opera che potrebbero interessarti


Caratteristiche dei materiali isolanti

Isolamento termico - L'isolamento termico ed acustico di un edificio è ormai un valore fondamentale nella definizione del comfort abitativo e del valore commerciale di un immobile.

Isolamento acustico con gli infissi afonici

Isolamento Acustico - Un buon isolamento parte dai serramenti giusti.

Corretta posa degli infissi

Progettazione - Come realizzare la continuita' dell'isolamento tra muratura ed infissi.

Come isolare termicamente un balcone

Isolamento termico - Gli aggetti dei balconi costituiscono un potenziale ponte termico per l'edificio: vediamo quali sistemi utilizzare per isolarli al meglio, risparmiando energia.

Lana Vetro e Materiali Isolanti

Progettazione - Ancora oggi, molto utilizzata nell'ambito degli impianti civili la lana vetro è caratterizzata da fibre regolari e si ottiene attraverso la filatura del vetro.

Casseri isolanti

Progettazione - Prodotti ecocompatibili ed energeticamente funzionali prodotti come i casseri isolanti a perdere: composti da due pannelli in materiale isolante distanziati.

Contropareti isolanti di facile posa

Ristrutturazione - Un sistema di contropareti che facilitano le operazioni di finitura.

Superbonus 110 per cappotto termico interno: sì ma ad alcune condizioni

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Via libera al Superbonus 110 per il cappotto termico interno, se l'edificio è sottoposto a vincoli o a divieti. Ecco i chiarimenti dell'Agenzia delle Entrate.

Come isolare e impermeabilizzare le coperture

Isolamento termico - Per velocizzare le operazioni di posa in opera è possibile utilizzare pannelli prefabbricati composti da isolanti termici accoppiati a membrana impermeabilizzante.
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img barategites
Ciao, sto solo cercando un po' di aiuto per isolare due pareti.Sono nel Regno Unito e vivo in una casa di 200 anni fatta di solidi muri di pietra di 30 cm.Quindi, come puoi...
barategites 17 Luglio 2021 ore 17:45 1
Img oxigen
Vorrei migliorare l'isolamento termico alla mia casa cosi costruita nell'anno 1973. Il tetto è in legno con tegole e tabelle non isolate, i muri sono fatti esterni con...
oxigen 17 Luglio 2021 ore 17:35 10
Img flavio rossetto
Buongiorno, sono nuovo quindi abbiate pietà se dico qualche castroneria.Stiamo costruendo casa nuova ed è il momento di scegliere gli infissi.Contesto: Stiamo...
flavio rossetto 09 Giugno 2021 ore 09:51 1
Img ilpino
Salve a tutti,avrei bisogno di un consiglio per quanto riguarda il cappotto interno.Dovrei sistemare una vecchia struttura degli anni 70, non dotata di intercapedine.Per fare...
ilpino 19 Gennaio 2021 ore 19:05 21
Img maxscaramella
Buongiorno. Sono proprietario di una baita di montagna di 40 metri quadri al piano (seconda casa) posta a quota 1400m slm. La casa è composta da un primo piano con vecchia...
maxscaramella 03 Gennaio 2021 ore 19:08 4