Scegliere il camino

Il camino: come funziona, dove collocarlo, come utilizzarlo, quali accessori. Ecco qualche consiglio per scegliere il modello più adatto alle vostre esigenze.
Pubblicato il

Un camino rappresenta da sempre la sensazione di calore tra le mura domestiche: cosa c'è di più bello che arrivare a casa propria la sera, alla fine di un'intensa giornata, e lasciarsi avvolgere dalla sensazione di intimità e benessere che solo un camino acceso è in grado di regalare? Ecco qualche consiglio per scegliere il modello più adatto alle vostre esigenze.


Calore in casaCome funziona un camino



L'aspetto ultramoderno e funzionale dei camini moderni cela sofisticati sistemi tecnologici che ne potenziano le funzionalità: il fulcro dell'impianto è il focolare, in cui avviene la combustione. Di solito realizzato in muratura o prefabbricato, è necessario che esso sia rivestito in materiali che siano in grado di sostenere temperature anche superiori ai 1.200C°: ecco perché i rivestimenti sono solitamente in materiali refrattari o ghisa.

All'interno del camino si trova la cappa che provvede a convogliare i fumi prodotti dalla combustione verso la canna fumaria attraverso il cosiddetto tiraggio: essi saranno definitivamente espulsi dal comignolo. Sotto al focolare è presente un cassetto in cui si deposita la cenere: inoltre, sotto al pavimento del focolare si trovano delle griglie la cui funzione è quella di facilitare l'areazione tenendo sollevato il materiale combustibile.


Dove collocare il camino



Intanto chiariamo subito dove non può essere previsto: in bagno, nella stanza da letto ed in Caldofà di Vorticequalunque area della casa dove sono già presenti apparecchi a fiamma libera quali, ad esempio, piani di cottura a gas. Detto questo, occorre che l'ambiente che lo ospita abbia la possibilità di essere sufficientemente arieggiato e che si possa predisporre una presa d'aria esterna, avendo cura di controllarla con una certa frequenza per evitare che si ostruisca. Un altro vincolo è posto dalla canna fumaria: l'ambiente che ospiterà il camino deve dare la possibilità di sistemarla a parete o all'interno del muro. Se la scelta ricade su modelli bifacciali, per intenderci quelli che vanno collocati al centro della stanza, occorre che l'inclinazione dei collegamenti non superi i 45°.


Utilizzo del camino



Un'altra valutazione da fare è quella relativa all'utilizzo del camino: bisogna capire se si vuole limitare l'azione ad un solo ambiente, quindi scegliere un modello aperto, o valutare la possibilità di acquisto di un modello a sportello chiuso, che garantisce un maggior rendimento consentendo il riscaldamento di più stanze. Esistono poi modelli capaci di alimentare impianti di riscaldamento con radiatori o a pannelli radianti e produrre acqua calda sanitaria: si tratta dei termocamini ad acqua. Essi sono in grado di sostituire completamente la caldaia garantendone le stesse funzioni: l'acqua può essere riscaldata all'occorrenza oppure presa dall'apposito serbatoio d'accumulo che la contiene ad una temperatura assai elevata. Ad ogni modo, sarà l'impiantista a consigliarvi l'impianto più adatto al fabbisogno termico della vostra abitazione: vi rimando inoltre ad articoli del sito sull'argomento.


Agevolazioni fiscaliAgevolazioni fiscali per l'acquisto di un camino



A partire dal 26 giugno 2012, data di entrata in vigore del D.L. 22 giugno n. 83 noto come Decreto Sviluppo, la percentuale del 36% per le ristrutturazioni aumenta al 50% e l'importo massimo detraibile per ogni unità abitativa sale da 48.000 a 96.000 euro ma solo fino al 30 giugno 2013. Ciò significa che sarà possibile detrarre dalle tasse l'importo pagato per acquistare apparecchi o impianti per il 50% in dieci anni per un importo massimo di 96.000 euro. Sul sito sono presenti numerosi articoli sull'argomento.


Camini novità



Forma T50 di MczEcco un ottimo esempio di focolare trifacciale che consente al fuoco di diventare un vero e proprio elemento d'arredo in continua evoluzione: si tratta del termocamino a legna Forma T50 proposto da Mcz. Si tratta di un termocamino con vetro trifacciale particolarmente adatto per creare o separare due ambienti nello spazio abitativo: l'apertura dell'anta è a saliscendi così da facilitare sia il caricamento del combustibile, in questo caso legna, sia la pulizia del focolare.

Ancora camini che arredano: questa volta è il turno di Pharos Interior, prodotto dall'azienda olandese Harrie Leenders. Il fatto che esso sia fissato solamente al soffitto, senza poggiare quindi sul pavimento, lo rende una vera e propria scultura in cui è possibile addirittura ruotare il focolare fino a 360° a seconda delle esigenze.


Accessori per il camino



Ecco un paio di suggerimenti per l'acquisto di accessori: il primo è Caldofà, termoventilatore daCenerello di Vortice caminetto che permette l'ottimizzazione e la diffusione del calore prodotto dal focolare. Esso va posizionato al centro del caminetto: una volta acceso il fuoco, Caldofà aspira l'aria fredda dalla stanza, la riscalda sfruttando il calore della legna che brucia rimettendola poi in circolazione. Per la manutenzione del caminetto e per aspirare la cenere in eccesso, ecco Cenerello, aspirapolvere specifico per la pulizia di focolari e barbecue: tali operazioni sono facilitate dalla presenza di un tubo flessibile, in grado di raggiungere anche gli angoli più difficili. Entrambi i prodotti sono proposti da Vortice.

riproduzione riservata
Scegliere il camino
Valutazione: 5.12 / 6 basato su 17 voti.
gnews
  • whatsapp
  • facebook
  • twitter

Inserisci un commento



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
Alert Commenti
347.103 UTENTI
SERVIZI GRATUITI PER GLI UTENTI
SEI INVECE UN'AZIENDA? REGISTRATI QUI