Realizzazione di uno scannafosso in condominio

NEWS DI Parti comuni04 Dicembre 2015 ore 15:00
La realizzazione di uno scannafosso in condominio che può essere utile per isolare gli ambienti, è soggetta a una serie di condizioni da valutarsi caso per caso

Scannafosso


ScannafossoLo scannafosso altro non è che una sorta vuoto creato artificialmente attorno agli edifici, al fine di coibentarlo al meglio, specie dall’umidità, e quindi di consentire una migliore conservazione nel corso del tempo.

Nel linguaggio italiano corrente, quindi, allo scannafosso negli edifici di recente costruzione si tende a sostituire il termine intercapedine. Sul vocabolario della lingua italiana l’utilizzo di questo termine e per lo più limitato agli edifici rurali o ad edifici costruiti in epoche passate.

Nel linguaggio comune, specie in alcune zone dell’Italia, tuttavia, il termine scannafosso è ancora utilizzato come sinonimo d’intercapedine.

In questo contesto, pertanto, non è raro che vengano chiesti consigli e indicazioni in merito all’utilità di uno scannafosso e all’iter necessario per la sua realizzazione; in questo contesto ci occuperemo delle problematiche condominiali correlate a questa struttura.


Scannafosso sul suolo condominiale


È utile ricordare che il suolo del condominio non è per forza coincidente con il piano di campagna.

Se il condominio si sviluppa anche al di sotto di esso, il suolo – parte comune ex art. 1117 c.c., salvo diversa indicazione del titolo – sarà costituito dalla parte di terreno sul quale poggiano le fondazioni.

Il sottosuolo, non menzionato dall’art. 1117 c.c. ma parimenti e unanimemente considerato condominiale, salvo diversa indicazione, è la parte al di sotto delle fondazioni.

La giurisprudenza è oramai pacificamente orientata in tal senso (sulla nozione di suolo e sottosuolo e sulla loro natura condominiale si veda, tra le tante, Cass. 2 marzo 2010 n. 4965).

È in questa zona dell’edificio che bisogna andare a operare se si vuole realizzare uno scannafosso; in sostanza bisogna andare a creare uno spazio vuoto tra i muri perimetrali dell’edificio e il terreno circostante, in modo tale da meglio isolare lo stabile.

Si tratta di un’operazione che per essere eseguita necessità di particolari condizioni di spazio (potrebbe non essercene a sufficienza per realizzare una simile opera) e di sicurezza (ossia è fondamentale valutare l’impatto del vuoto che si andrebbe a creare).

Questi aspetti devono essere valutati in fase di progettazione e di conseguenza, ove non adeguatamente considerati, rischiano di esporre la decisioni sulla realizzazione dello scannafosso a censure.


Scannafosso nelle delibere condominiali


Il punto fondamentale che bisogna tenere presente è che qualunque decisione riguardante la realizzazione di uno scannafosso dev’essere adottata dall’assemblea condominiale.

Realizzazione scannafossoCon quale maggioranza? Questa la naturale domanda che segue alla precedente affermazione.

Ad avviso di chi scrive non può dubitarsi del fatto che lo scannafosso debba essere considerato alla stregua di un’innovazione.

Realizzando questa struttura non si va semplicemente a modificare qualcosa di già esistente per un migliore godimento delle cose comuni, ma si va a creare un qualcosa che non esisteva, modificando lo stato dei luoghi in modo tale che il prima ed il dopo presentino delle differenze tali da poteri considerare, per l’appunto, innovative (cfr. in tal senso Cass. 26 maggio 2006 n. 12654).

La realizzazione di uno scannafosso è quindi un’opera innovativa e come tale dev’essere deliberata.

Quanto ai quorum deliberativi previsti per questo genere di interventi, è necessario ricordare che da una lettura coordinata dell’art. 1120 c.c. (quello disciplinate le innovazioni) e dell’art. 1136 c.c. (riguardante i quorum deliberativi) si deduce che:

a) per le innovazioni ordinarie è sempre (cioè tanto in prima quanto in seconda convocazione) necessario il voto favorevole della maggioranza degli intervenuti all’assemblea che rappresentino i due terzi;

b) per le innovazioni riguardanti eliminazione di barriere architettoniche, miglioramento di salubrità e sicurezza dell’edificio, impianti tecnologici, ecc. (per un’elencazione dettagliata si veda art. 1120, secondo comma, c.c.) è, invece, sempre necessario il voto favorevole della maggioranza dei condòmini presenti in assemblea che rappresentino almeno 500 millesimi.

Ad avviso di chi scrive la realizzazione dello scannafosso dev’essere considerata un’innovazione finalizzata a garantire maggiore salubrità degli edifici e come tale approvabile con le maggioranze indicate al suddetto punto b).

La spesa per la realizzazione dello scannafosso, come quella inerente altre innovazioni, dev’essere suddivisa tra tutti i condòmini sulla base dei millesimi di proprietà, salvo diverso accordo intercorrente tra tutti i partecipanti al condominio (art. 1123 c.c.)


Contestazioni da parte dei condòmini


In questo contesto è utile soffermarci su un ulteriore aspetto riguardante la vicenda di cui ci stiamo occupando: la contestazione da parte dei condòmini della decisione assembleare con la quale si stabilisce la realizzazione di uno scannafosso.

La delibera, come in altri casi, può essere contestata per vizi formali (es. omessa convocazione, mancato rispetto procedura di verbalizzazione, mancato raggiungimento quorum, ecc.) che devono essere considerati vizi comportanti l’annullabilità del verbale, oppure per violazione dell’art. 1120 c.c. concernente le innovazioni vietate, ossia le innovazioni che possono creare pericolo alla sicurezza de alla stabilità dell’edificio oppure lederne il decoro.

In questo caso la deliberazione dev’essere considerata nulla, eccezion fatta per il decoro che ad avviso di chi scrive è sempre modificabile con l’accordo di tutti (contro questa interpretazione gioca l’assoluta inderogabilità dell’art. 1120 c.c. prevista dall’art. 1138 c.c.).

In ogni caso la contestazione della deliberazione di installazione di uno scannafosso dev’essere preceduta dall’esperimento di un tentativo di mediazione.

riproduzione riservata
Articolo: Scannafosso in condominio
Valutazione: 6.00 / 6 basato su 1 voti.
  • fs
  • fs
  • fs
  • fs

Scannafosso in condominio: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Activ1
    Activ1
    Venerdì 9 Febbraio 2018, alle ore 14:27
    Abito al pianio terra di  una palazzina 4 proprietari,  ho problemi di risalita di umidità perchè in una parete sono a contatto con il giardino  e vorrei fare uno scannafosso intanto per togliere questa umidità di risalita e anche per salvaguardare la struttura perimetrale,
    Vorrei sapere se gli altri proprietari devono partecipare alle spese  e  in che  percentuale.

    rispondi al commento
    • Lucag1979
      Lucag1979 Activ1
      Mercoledì 21 Febbraio 2018, alle ore 12:49
      Sì, dovrebbero ed in base ai millesimi di proprietà. Ma la decisione va presa di comune accordo, altrimenti diventa un'opera tua e quindi a tue spese.
      rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
Notizie che trattano Scannafosso in condominio che potrebbero interessarti
Condominio 4.0: un convegno sulle nuove opportunità relative al mondo condominiale

Condominio 4.0: un convegno sulle nuove opportunità relative al mondo condominiale

Condominio 4.0: un convegno organizzato da Harley&Dikkinson a Roma per fare una analisi su tutte le opportunità lavorative relative alla gestione condominiale.
Divisione del condominio

Divisione del condominio

La legge consente, in determinate condizioni, di dividere il condominio esistente in più parti che per caratteristiche strutturali possono poi costituirsi in autonomi condomini.
Cavedio: intercapedine condominiale

Cavedio: intercapedine condominiale

In tema di condominio negli edifici e di individuazione dei beni comuni, non possono sorgere dubbi sul fatto che l'intercapedine debba essere considerata parte comune.
Differenza tra innovazioni e modifiche delle cose comuni

Differenza tra innovazioni e modifiche delle cose comuni

Le innovazioni e le modifiche delle cose comuni, sia pur molto simili, sono comunque interventi differenti soggetti a diversi regimi di autorizzazione...
Innovazioni e modifiche delle cose comuni in condominio

Innovazioni e modifiche delle cose comuni in condominio

Innovazioni e modifiche delle cose comuni sono differenti e tale diversità incide e non poco sui quorum deliberativi di quegli interventi. Come distinguerle?...
usr REGISTRATI COME UTENTE
288.971 Utenti Registrati
usr
REGISTRAZIONE AZIENDE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
  • Ristrutturazione bagno zona Roma
    Ristrutturazione bagno zona roma...
    3790.00
  • Manutenzione condomini Monza e Brianza, Milano
    Manutenzione condomini monza e...
    19.00
  • Facciate condominio
    Facciate condominio...
    50.00
  • Inferriate blindate di sicurezza
    Inferriate blindate di sicurezza...
    329.00
  • Teuco vasca no idro 283 150x87-100 con
    Teuco vasca no idro 283 150x87-100...
    565.00
  • Ferplast criceti 9 gabbia per criceti 46
    Ferplast criceti 9 gabbia per...
    25.01
  • Gesal concime liquido gerani e piante fiorite
    Gesal concime liquido gerani e...
    4.89
  • Box modulare eco
    Box modulare eco...
    1050.00
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Officine Locati
  • Mansarda.it
  • Tende.online
  • Faidatebook
  • Weber
  • Black & Decker
  • Kone
MERCATINO DELL'USATO
€ 160 000.00
foto 4 geo Viterbo
Scade il 31 Dicembre 2018
€ 40.00
foto 1 geo Napoli
Scade il 30 Giugno 2018
€ 229.00
foto 1 geo Lecce
Scade il 31 Maggio 2018
€ 59 000.00
foto 4 geo Torino
Scade il 16 Settembre 2018
€ 28.00
foto 6 geo Frosinone
Scade il 31 Dicembre 2018
€ 49 000.00
foto 6 geo Torino
Scade il 16 Settembre 2018
VENDI SUBITO IL TUO USATO DI CASA
Inserisci annuncio
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, navigando ne accetti l'utilizzo. Leggi l'informativa.