Sanatoria amministrativa e decoro architettonico

NEWS DI Manutenzione condominiale02 Dicembre 2014 ore 14:45
Secondo la Cassazione la presenza di una sanatoria riguardante l'installazione di condizionatori, non salva dalla contestazione di alterazione del decoro architettonico.

Innovazioni in condominio e decoro


CondizionatoriSecondo quanto disposto dall'art. 1120, c.c. al quarto comma, devono essere considerate vietate quelle innovazioni che alternativamente o cumulativamente recano pregiudizio alla stabilità o alla sicurezza del fabbricato, che ne alterino il decoro architettonico oppure quelle che non causando tali conseguenze, finiscano per rendere alcune parti comuni dell'edificio inservibili all'uso o al godimento anche di un singolo condomino.

Uno dei limiti alle innovazioni e alle costruzioni di opere è il decoro architettonico, concetto piuttosto vago, sul quale la giurisprudenza è vasta. La sentenza in commento si aggiunge alle altre trattando due questioni: una attiene proprio al concetto di decoro, mentre l'altra attiene al rapporto tra provvedimento amministrativo e rapporti privatistici.

Dopo avere perso nei precedenti due gradi di giudizio, un condomino conveniva nuovamente il proprio condominio in grado di legittimità per chiedere la pronuncia sul quesito di diritto che recita pressappoco così: nell'ambito di un giudizio di merito non possono essere considerate vietate, in relazione all'alterazione del decoro architettonico menzionato dall'art. 1120 c.c., le innovazioni apportate da uno dei comproprietari, senza che sia verificata l'oggettiva importanza, il peso e gravità delle modifiche realizzate, sempre tenendo presente l'effettiva idoneità delle stesse modificazioni a causare un danno economicamente valutabile: ciò a maggiore ragione laddove le innovazioni siano stata sanate in via amministrativa?

Il quesito contiene in realtà due interrogativi: il primo afferisce al concetto di decoro architettonico, il secondo afferisce invece al rapporto tra provvedimento amministrativo e decoro architettonico.

Condizionatori in condominioLa Suprema Corte, nel pronunciarsi, ha seguito l'ordine dell'esposizione dei motivi del ricorrente; partendo dal riferimento al concetto di decoro architettonico, e premettendo che l'edificio aveva una struttura e delle linee architettoniche tipiche delle strutture residenziali ed era inserito in un contesto protetto a livello paesaggistico, ha finito per condividere quanto affermato nel giudizio di merito, ossia che dalla documentazione fotografica presente negli atti di causa era evidente la lesione al decoro architettonico dell'edificio causata sia dalle dimensioni delle due apparecchiature, sia dalla loro collocazione prossima alla gronda del tetto, di cui rompevano la continuità.

Nella sentenza della corte d'appello di Roma, oggetto dell'impugnazione in Cassazione, si legge nella pronuncia n. 20985 in esame, è stata fatta corretta applicazione dell'art. 1120 c.c.; infatti, partendo dal presupposto che costituisce innovazione lesiva del decoro architettonico dell'edificio in condominio , e come tale dev'essere considerata vietata, non solo quell'intervento innovativo che ne alteri le linee architettoniche, ma anche quello che si riflette negativamente sull'aspetto armonico di esso, senza che su queste valutazioni possa incidere il pregio estetico dello stabile rispetto al quale è lamentata la violazione del decoro. Tali valutazioni devono essere fatte nell'ambito dei giudizi di merito e la Cassazione non può dir nulla se la decisione è adeguatamente motivata (cfr. Cass., sent. n. 10350 del 2011 e Cass. n. 20985/2014).


Provvedimento amministrativo e decoro architettonico


Riguardo ai rapporti tra provvedimento amministrativo e decoro architettonico, già la Corte di merito dichiarò che la avvenuta concessione della sanatoria in via amministrativa fosse irrilevante. In grado di legittimità la Corte conferma l'assunto specificando che i rapporti tra l'esecutore delle opere e la pubblica autorità investita della tutela urbanistica non possono interferire negativamente sulle posizioni soggettive attribuite agli altri condomini dall'art. 1120 c.c., comma 2, per la preservazione del decoro architettonico dell'edificio.

In considerazione di ciò ed in ragione di quanto stabilito dal succitato art. 1120 c.c., per accertare la legittimità dell'innovazione realizzata dal proprietario di un'unità immobiliare, eseguita dal proprietario di un piano o di una porzione di piano, in corrispondenza della sua proprietà esclusiva, è irrilevante che l'autorità preposta alla indicata tutela abbia autorizzato l'opera (cfr. Cass., S.U., sent. n. 2552 del 1975).

Davanti all'eventualità che pur ottenuta la sanatoria amministrativa la nostra innovazione possa essere contestata dal condominio e poi condannata da una sentenza, con la conseguenza di dovere rimuovere l'opera nonostante le tante energie spese, da un punto di vista pratico, è senza dubbio consigliabile mirare ad una soluzione della vicenda in via stragiudiziale; l'eventuale accordo consentirà di soddifare il proprio bisogno in armonia con la volontà degli altri condomini mantenendo sereni i rapporti di vicinato. Si tratterà di una decisione condivisa e non imposta da un terzo.

Peraltro, oggi il tentativo di mediazione in materia condominiale è obbligatorio.

L'accordo potrebbe essere peraltro raggiunto, ancora più opportunamente, in assemblea condominiale – con il consenso di tutti i partecipanti al condominio – la sede fisiologica della volontà condominiale; tanto più in una circostanza come quella in commento, ove la costruzione di un bene di proprietà individuale sulle parti comuni senza preventiva discussione può indisporre gli altri condomini (in sentenza si afferma che i condizionatori davano l'impressione visiva di essere aggrappati alla gronda del tetto, e ciò faceva sì che ne rompessero la continuità. Tali elementi che, assieme alla considerazione che evidenziava l'arbitrarietà dell'uso di un bene comune, qual è la sommità della facciata, in luogo della parte che delimita la singola unità immobiliare in corrispondenza dei balconi privati, determinava la violazione del precetto di cui all'art. 1102 c.c.).

riproduzione riservata
Articolo: Sanatoria amministrativa e decoro architettonico
Valutazione: 5.00 / 6 basato su 1 voti.

Sanatoria amministrativa e decoro architettonico: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
Notizie che trattano Sanatoria amministrativa e decoro architettonico che potrebbero interessarti
Canna fumaria, condizionatori e facciata dell'edificio condominiale

Canna fumaria, condizionatori e facciata dell'edificio condominiale

Condominio - La tutela della facciata dell'efificio condominiale, le norme introdotte dalla riforma del condominio e la possibilità d'uso parte dei singoli condomini.
Decoro architettonico del condominio

Decoro architettonico del condominio

Manutenzione condominiale - Il decoro architettonico di un edificio in condominio è l'insieme delle linee e degli ornamenti che caratterizzano l'estetica dell'edificio, anche se molto semplici.
Sostituzione degli infissi e decoro dell'edificio

Sostituzione degli infissi e decoro dell'edificio

Parti comuni - Gli infissi delle unità immobiliari di proprietà esclusiva in un edificio in condominio, la loro sostituzione e le questioni relative al decoro dello stabile.

Ristrutturazione appartamento e decoro architettonico dell'edificio

Manutenzione condominiale - In occasione della ristrutturazione di un appartamento spesso vengono apportare delle modifiche alle strutture murarie o agli infissi della stessa deturpando il decoro del condominio.

Alterazione del decoro architettonico e poteri dell'amministratore

Amministratore di condominio - Sie definisce il decoro architettonico come bene comune, a tutti i condomini, costituito dall'insieme degli elementi, linee architettoniche, ecc. l'estetica di un edificio.

Condizionatore e seminterrato

Liti tra condomini - Il condizionatore nel seminterrato non viola il decoro, perché non si vede, e non viola il diritto altrui all'uso della cosa comune, essendo i due usi compatibili.

Ritenute incostituzionali le sanatorie edilizie previste dal Piano Casa in Campania

Leggi e Normative Tecniche - Il Piano Casa della Regione Campania contiene troppe sanatorie ponendosi in contrasto con il Testo Unico dell'edilizia. Lo ha affermato la Corte Costituzionale

Pensilina condominiale, distanze e decoro

Condominio - La pensilina condominiale deve rispettare l'aspetto estetico dell'edificio in cui viene installata per non sollevare obiezioni relative al decoro architettonico.

Condizionatori in condominio, decoro, distanze e rumori

Parti comuni - L'installazione di un condizionatore in condominio può portare varie contestazioni, quali alterazione del decoro architettonico, rumori e problemi per le distanze.
REGISTRATI COME UTENTE
295.446 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
  • Riparazioni condizionatori Roma
    Riparazioni condizionatori roma...
    80.00
  • Centro Autorizzato Daikin Roma
    Centro autorizzato daikin roma...
    80.00
  • Lanterna a muro in ferro battuto con braccio
    Lanterna a muro in ferro battuto...
    590.00
  • Inferriate blindate di sicurezza
    Inferriate blindate di sicurezza...
    329.00
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Mansarda.it
  • Officine Locati
  • Inferriate.it
  • Black & Decker
  • Weber
  • Kone
  • Faidatebook
MERCATINO DELL'USATO
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.