Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Riscaldare casa abbattendo le immissioni nocive

NEWS Impianti di riscaldamento01 Febbraio 2020 ore 09:43
Come ridurre l'inquinamento ambientale prodotto dal riscaldamento domestico a biomasse di legno impiegando moderni dispositivi capaci di eliminare polveri e odori

Inquinamento ambientale, un problema da affrontare


Il tema dell’inquinamento ambientale ha assunto ormai il carattere di una vera e propria emergenza mondiale, unitamente alle mutate condizioni atmosferiche, che ne hanno accentuato l’intensità.

Inquinamento ambientale Il problema delle polveri sottili in eccesso, rilevato quotidianamente e per lunghi periodi, diventa una vera e propria minaccia per la salute pubblica in coincidenza con periodi di siccità e assenza di movimento d’aria.


Riscaldare senza inquinare: stufa a legna

Riscaldare senza inquinare: stufa a legna

Riscaldare senza inquinare: stufa a legna
Forno a legna per il riscaldamento esterno

Forno a legna per il riscaldamento esterno

Forno a legna per il riscaldamento esterno
Riscaldare casa: camino a etanolo non inquinante

Riscaldare casa: camino a etanolo non inquinante

Riscaldare casa: camino a etanolo non inquinante
Abbattitore fumi Ilma Store

Abbattitore fumi Ilma Store

Abbattitore fumi Ilma Store
Abbattitore fumi in sommità della canna fumaria

Abbattitore fumi in sommità della canna fumaria

Abbattitore fumi in sommità della canna fumaria

Il tentativo di porre rimedio a tale criticità attraverso limitazioni del traffico nei luoghi più affollati, non rappresenta certamente la soluzione al problema, il quale, ha bisogno di una serie di interventi strutturali ben precisi per ritornare nell’ambito di una discreta normalità.

Scarichi di fumi industriali, camini, stufe a pellet, caldaie a gasolio di vecchia generazione rappresentano la maggior parte delle cause d’inquinamento.


Inquinamento e normativa nazionale in materia


Con riferimento alle fonti inquinanti proprie delle attività domestiche, il Governo, con la Legge N.90 del 2013, al fine di migliorare la qualità dell’aria ha reso obbligatorio lo scarico dei fumi a tetto mediante canne fumarie sia per edifici monofamiliari che per grossi condomini.

Immissione fumi inquinantiGli unici scarichi a parete concessi sono rappresentati da quelli delle nuove caldaie a condensazione, da apparecchi convenzionali a basse emissioni di ossido di azoto, oltre che da apparecchiature a camera stagna conformi in ordine di rendimento alla normativa europea, riportata nella Direttiva Europea 200532/CE.

Per chi ha ancora a disposizione una caldaia convenzionale a camera aperta è obbligatorio convogliare i fumi fino al tetto singolarmente, o in apposite canne collettive ramificate, disposte a norma di legge.

Moderna caldaia a gas a condensazioneLe deroghe a tali limitazioni, si riferiscono ad apparecchiature installate prima del 31 agosto 2013 provviste di scarico a parete, con posizionamento della parte terminale di tale tubazione conforme a quanto previsto dalle norme UNI 7129.

Inoltre, laddove specifici vincoli di tutela impediscono di portare tubazioni al di sopra del tetto, ad esempio nei casi di ristrutturazione di immobili siti nei centri storici, per derogare a ciò occorrerà l’attestazione di un professionista abilitato, il quale dimostri l’impossibilità di realizzare condotti fumari al di sopra del tetto.


Inquinamento normato nella disciplina regionale


Oltre alla normativa generale valida per tutto il territorio Nazionale, le diverse regioni hanno emanato dei provvedimenti tesi a limitare tali immissioni nocive, differenti per aree e zone urbane, oltre che per le diverse attività svolte.

Le Regioni maggiormente interessate al fenomeno dell’inquinamento dell’aria, come quelle del bacino padano, dal 2017 hanno sottoscritto un accordo teso all’attuazione di adeguate misure congiunte, finalizzate al miglioramento della qualità dell’aria.

Tali misure, in vigore dal 1 ottobre 2018 e previste anche per il successivo biennio, riguardano in particolar modo tutte quelle fonti di calore derivanti principalmente dalla combustione della legna.

Combustione legno verniciato Per tale motivo, le restrizioni previste riguardano in particolar modo stufe a legna ed a Pellet, caminetti e forni a legna. Tali limitazioni sono scaturite in seguito ai rilievi effettuati in presenza di combustione con biomasse a legna, causa rilevante di inquinamento da Pm10, meglio noto come polveri sottili.

Infatti, dai rilievi effettuati dagli organi regionali preposti alla tutela ambientale, è risultato che le emissioni di un camino aperto tradizionale, sono le principali fonti di inquinamento domestico unitamente a quelle di una tradizionale stufa a legna.

Stufa a legnaA parità di esercizio e durata, apparecchiature energetizzate a metano inquinano in maniera trascurabile rispetto alle precedenti.

Generalmente, nei periodi in cui la presenza di PM10 supera per almeno tre giorni il limite consentito dalla legge, ogni Regione può ulteriormente esercitare azioni restrittive, se quelle già normate dovessero risultare insufficienti.

Regioni come il Piemonte e l’Emilia Romagna hanno emanato provvedimenti restrittivi per l’impiego di apparecchiature a biomassa legnosa, in particolare l’Emilia Romagna non consente più l’utilizzo dei camini aperti a legna e delle stufe a pellet, grazie alla legge regionale anti-inquinamento approvata lo scorso anno ed entrata in vigore il 1° ottobre 2019.


Questa direttiva, che avrà validità dal 1° ottobre al 31 marzo di ogni anno, si riferisce a quei Comuni che si trovano al di sotto dei 300 metri di altitudine.

Anche nei casi più restrittivi, comunque sono state previste diverse condizioni in cui è possibile impiegare tali camini, come nel caso di abitazioni sprovviste di altri sistemi di riscaldamento o nei casi di impianti già preesistenti appositamente certificati.


Leggi antinquinamento e norme transitorie


I sindaci dei Comuni interessati da tali provvedimenti restrittivi hanno manifestato il loro disappunto, adducendo a sostegno di tale atteggiamento la complessità dei provvedimenti da adottare e la difficoltà di poter controllare in maniera radicale tali emissioni.

Ma come è logico aspettarsi, sicuramente nei primi periodi di applicazione delle leggi verrà concessa più tolleranza, per dare modo alla popolazione di provvedere ad adottare le adeguate misure antinquinamento.


L'impiego degli abbattitori per ridurre l'inquinamento


Alcuni Comuni hanno comunque deliberato, nei casi più critici di inquinamento, provvedimenti che impongono l’impiego di abbattitori di fumo sulle canne fumarie di camini e stufe di vecchia generazione.

A tal proposito, occorre fare un po' di chiarezza circa l’impiego di queste apparecchiature; queste vanno scelte con molta attenzione, dopo aver valutato con personale competente il tipo di dispositivo da applicare, in ragione della potenza della fonte di combustione oltre che del tipo di attività a cui è preposta.

Schema abbattitore fumi
In commercio sono disponibili dei dispositivi da applicare in sommità della canna fumaria, costituiti da un contenitore a tenuta riempito d’acqua, con il compito di abbattere l’immissione di polveri, odori, ecc.

Tali dispositivi nella loro forma più semplificata non riescono ad abbattere più del 30-40% di immissioni nocive, oltre a comportare problemi di manutenzione per lo svuotamento della vaschetta contenete acqua e fuliggine disciolta.

Proprio la fuliggine costituisce il pericolo maggiore per la sicurezza del camino oltre che per l’ambiente. Infatti, essa è composta da microparticelle di carbonio che si depositano sulle pareti delle canne fumarie, costituendo nel tempo un vero e proprio strato incrostante, provocando malfunzionamento e rischio di incendio derivante da un tiraggio di fiamma improvviso capace di accendere le incrostazioni.

Abbattitore fumi posto in sommità
Per rimediare a tale situazione, occorre dunque impiegare degli abbattitori capaci di neutralizzare circa il 100% delle polveri prodotte dalla combustione, unitamente agli odori conseguenti. Pensare di risolvere il problema con poche centinaia di euro, risulta uno spreco di denaro: occorre spendere molto di più, nell’ordine di 2000-3000 euro per raggiungere lo scopo.

Ovviamente, tali costi tengono anche conto del relativo impianto idraulico da affiancare all’abbattitore per renderlo capace di purificare i fumi.

I costi variano anche in virtù del tipo di apparecchiatura a cui si applica e delle quantità di emissioni da trattare.

Generalment,e la struttura di un buon abbattitore di fuliggine ad acqua è costituita da un involcro in acciaio inox (che custodisce al suo interno una torre di lavaggio), da un motore elettrico e da una serie di raccordi disposti per il carico dell’acqua pulita e per lo scarico dell’acqua sporca.


Abbattitori di fumo e loro posizionamento


L'installazione di un abbattitore può essere effettuata all'interno, superiormente alla fonte di emissione dei fumi. Normalmente si preferisce una superficie piana disposta sul tetto; quando ciò non è possibile si può interporre l’abbattitore all’interno del percorso della canna fumaria.

Occorre tener presente che le tubazioni di raccordo con la canna fumaria devono necessariamente essere in acciaio inox. Inoltre, va disposto un idoneo collegamento di messa a terra , oltre a un magnetotermico in dotazione.

Abbattitore fumi per centri storici

Il consumo giornaliero di acqua per il lavaggio varia a seconda delle dimensioni dell’impianto e della durata dell’esercizio, ma comunque la sua incidenza in termini economici risulta di pochi centesimi di euro.

Dopo aver chiarito le caratteristiche dell’abbattitore, è bene porre attenzione ad alcuni elementi fondamentali prima di procedere all’acquisto di tale dispositivo.


Come scegliere l'abbattitore adeguato


Per prima cosa, consiglio di farsi affiancare da un tecnico del settore o da un venditore competente per acquisire i dati fondamentali necessari, come il diametro della canna fumaria, la portata d’aria dell’apparecchio a cui si dovrà applicare l’abbattitore. Ciò è fondamentale, in quanto, l’abbattitore da impiegare dovrà avere una portata uguale o maggiore di quella dell’apparecchio di cui si vogliono abbattere i fumi.


Abbattitori efficienti con la manutenzione periodica


Per quanto riguarda la manutenzione di un abbattitore, dipende ovviamente dal tipo di esercizio e dal numero di ore dello stesso. In linea di massima una pulizia mensile può essere sufficiente per avere sempre un apparecchio riscaldante efficiente, con un miglior tiraggio e una migliore resa termica e soprattutto senza immissioni nocive nell’ambiente.

riproduzione riservata
Articolo: Riscaldare casa senza inquinare
Valutazione: 5.00 / 6 basato su 5 voti.

Riscaldare casa senza inquinare: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Simone10
    Simone10
    Domenica 2 Febbraio 2020, alle ore 17:58
    Una buona pompa di calore ed evito tutti questi problemi: risparmio, ottengo incentivi, niente canne fumarie, nessun problema di sicurezza gas e incendi, non inquino e ci faccio anche la climatizzazione estiva.
    rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
Sostieni Lavorincasa
REGISTRATI COME UTENTE
317.082 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Quanto costa, dove lo trovo? Sei un Azienda ? Pubblica i tuoi Prezzi Quì !
  • Tenda cordone 10
    Tenda cordone 10...
    41.00
  • Tenda ciniglia extra
    Tenda ciniglia extra...
    28.00
  • Listone Gres Porcellanato Effetto Parquet Naturale
    Listone gres porcellanato effetto...
    12.99
  • Progettazione di interni
    Progettazione di interni...
    300.00
  • Rilevatore di gas-gpl-metano
    Rilevatore di gas-gpl-metano...
    29.39
  • Forno a microonde samsung
    Forno a microonde samsung...
    98.99
Notizie che trattano Riscaldare casa senza inquinare che potrebbero interessarti


Agroenergia e Biomassa

Impianti rinnovabili - L'utilizzo di biomassa è uno dei tanti modi per produrre energia rinnovabile, energia pulita. Ora l'utilizzo di questa fonte si sta diffondendo anche nelle case.

Camini, Combustione, Tiraggio

Impianti - Il buon funzionamento di un camino si verifica controllando la qualità dei fenomeni fisici di Combustione, aerazione ed evacuazione di fumi della combustione.

Caratteristiche Sistema Scarico Fumi

Normative - Il corretto funzionamento o tiraggio di un camino può essere minato da innumerevoli e disparate cause che possono compromettere il sistema di scarico dei fumi.

Caldaia a cippato

Impianti - La caldaia a cippato è un tipo di caldaia a biomassa che utilizza un combustibile ligneo, il cippato, costituito da legno vergine ridotto in piccolissime scaglie.

Rapporto stechiometrico

Impianti - Il rapporto stechiometrico indica il rapporto preciso tra una sostanza combustibile e la quantità d'aria necessaria ad ottenere il consumo totale del combustibile.

Bruciatori Termici: sistema in estinzione

Impianti di riscaldamento - Presenti in molti vecchi impianti, i bruciatori stanno sparendo anche dalle moderne caldaie di grande potenza che lavorano a basse temperature.

Combustibili Solidi, Liquidi, Gassosi

Impianti - L'evoluzione tecnologica, le esigenze di ridurre le emissioni di sostanze inquinanti e la spesa energetica, hanno indotto dei notevoli cambiamenti per i combustibili.

Condensazione GPL

Impianti di riscaldamento - Le caldaie a GPL sono disponibili anche con tecnologia a condensazione in zone non metanizzate,con riduzioni delle spesa energetica e dell'inquinamento ambientale.

Dimensionamento Sistemi Fumari

Progettazione - Le norme di dimensionamento dei sistemi fumari cambiano con le tecnologie e le esigenze di risparmio energetico.