Come rinnovare mobili vecchi in legno

Per rinnovare vecchi mobili in legno è necessaria una valutazione dei danni e procurarsi pittura, gommalacca, cera, pennelli, carta vetrata e panno di stoffa.
Pubblicato il

Cosa serve per rinnovare mobili in legno vecchi


Per restaurare vecchi mobili in legno è necessario fare una valutazione dei danni, successivamente rimediare tutto il materiale necessario, quindi, pittura a mordente per legno, gommalacca a pennello, cera per mobili, pennelli, carta vetrata, panno di stoffa pulito.
Infine, procedere con le giuste indicazioni.

Applicazione della cera antigraffio Applicazione della cera antigraffio

Per riparare i graffi, si può utilizzare la gommalacca, applicandola in più strati e livellando con carta abrasiva fine. Le ammaccature su legno solido possono essere eliminate con un panno umido e la punta calda di un ferro da stiro, sollevando l'incavo grazie all'umidità.

Infine, per mascherare gli interventi e rinnovare la lucentezza, è consigliabile usare del lucido a base di cera, applicandolo con cura e lucidando la superficie per ottenere un risultato uniforme e brillante.


Come intervenire per rinnovare vecchi mobili


Per riparare mobili vecchi indossare guanti di gomma e proteggere le superfici con giornali o fogli di plastica.
Per combattere i tarli, sono necessari insetticida antitarlo e vernice impregnante.

Superficie di un mobile tarlato- Foto by Pixabay
Per le varie riparazioni, procurarsi olio di lino e trementina, carta smeriglia fine, e prodotti antigraffio per legno o cera d'api.

cera mobili legno pipihua
Per trattare le ammaccature, bisogna avere un ferro da stiro e uno straccio umido. Questi strumenti permettono di affrontare efficacemente i diversi tipi di danni, garantendo una manutenzione adeguata e prolungando la vita dei mobili.


Valutare i danni del legno prima di intervenire


Prima di affrontare un intervento di restauro su un mobile usato, bisogna esaminarlo con attenzione. Per prima cosa, identificare la presenza di tarli, segnalata da piccoli fori sulla superficie e controllare la stabilità del mobile, scuotendo leggermente le gambe.

Verificare che i cassetti scorrano senza intoppi e che i cardini delle ante funzionino correttamente. Osservare con cura eventuali danni gravi, come macchie scure, che indicano l'infiltrazione di acqua e richiedono un intervento di sverniciatura e nuova lucidatura.

Per mobili di pregio meglio affidarsi ad un professionista. Foto by PixabayPer mobili di pregio meglio affidarsi a un professionista. Foto by Pixabay

È importante specificare che questo articolo non riguarda i mobili di antiquariato o quelli di particolare valore. In questi casi, è consigliabile rivolgersi a un esperto per evitare di compromettere l'integrità e il valore del pezzo.


Affrontare i problemi con la giusta competenza può trasformare un mobile usato in un elemento funzionale e esteticamente piacevole per la casa, valorizzando al meglio ogni suo dettaglio. Per danni particolari, come la mancanza di lucentezza conviene procedere con una lucidatura del mobile.


Individuare un'infestazione in atto di tarli


Individuare ed eliminare i tarli dal legno è un problema da affrontare immediatamente poiché possono infestare gli altri mobili di casa.

Un tarlo del legno. Foto by PixabayUn tarlo del legno. Foto by Pixabay

Non portare mai un mobile in casa prima di averlo trattato. Se si rilevano piccoli fori con della polverina, è segno sicuro di un'infestazione in atto.

Per eliminare questi animaletti, utilizzare prodotti specifici antitarlo, applicandoli nei fori e coprendo poi il mobile con plastica per almeno una settimana.
anti tarlo
In alternativa, è possibile rivolgersi a un professionista per trattamenti più efficaci come la fumigazione o la camera anossica, garantendo così una soluzione definitiva.


Come eliminare i tarli dal legno


Come detto, la disinfestazione dei tarli deve essere affrontata iniettando nei forellini l'apposito fluido insetticida e seguendo le istruzioni allegate.

Successivamente, passare il fluido su tutte le superfici non lucidate. Per evitare che i tarli si ripresentino, trattare il mobile a intervalli regolari con una sostanza antitarlo.

Applicazione prodotto anti tarloApplicazione prodotto antitarlo

Oltre a queste operazioni, è consigliabile avvolgere il mobile trattato con una pellicola trasparente per almeno una settimana, creando un ambiente sigillato che potenzia l'efficacia del prodotto.

Infine è assolutamente consigliato conservare i mobili in ambienti asciutti e ben ventilati per prevenire ulteriori problemi.


Come eliminare i danni superficiali dai mobili in legno


Esistono tutta una serie di danni superficiali del legno ed ognuno di di questi avrà una soluzione specifica. Questo possono andare dai segni di bicchieri ai graffi più o meno superficiali fino a semplici ammaccature. Ecco qui di seguito, caso per caso, tutte le soluzioni da adottare.

Eliminare i segni di bicchiere


Spesso le superfici presentano macchie bianche causate da bicchieri umidi o tazze calde. Bisogna trattarle con trementina e olio di lino mescolati al 50%.

Lasciare che la miscela penetri nel legno per qualche minuto. Questo aiuterà a sollevare la macchia dalla superficie del legno.

Strofinare la macchia con un panno pulitoStrofinare la macchia con un panno pulito

Utilizzare poi, un panno pulito e asciutto per strofinare la macchia, continuando a seguire la direzione della venatura del legno. Se necessario, ripetere l'applicazione della miscela e il processo di strofinamento fino a quando la macchia non sarà sparita.

In commercio esistono comunque anche prodotti specifici per questo tipo di danno.

Eliminare i graffi dal legno


Se sono di modesta entità, i graffi sul legno possono essere raschiati con una carta abrasiva finissima (grana 320). Strofinare leggermente nella direzione della venatura del legno per evitare ulteriori danni. Dopo questo trattamento bisognerà però lucidare nuovamente il mobile.

kit di riparazione della Sz-Karidge. Utilizzo del kit di riparazione della Sz-Karidge

Esistono anche moltissimi prodotti per l'eliminazione veloce dei graffi dal legno, come il kit di riparazione della Sz-Karidge in vendita su Amazon.

Piccoli fori sul legno


Danni e fori di piccole dimensioni, come quelli dei tarli, possono essere trattati con un prodotto a base di cera disponibile in varie colorazioni, oppure con cera d'api morbida o con un pastello a cera.

kit riparazione graffi legno
Strofinare la cera antigraffio e lasciarla indurire, ripetendo l'operazione se il danno è profondo. Rimuovere eventuali residui con uno straccio e lucidare sempre con un prodotto a base di cera.

Applicazione dei pastelli a cera con una lama di un coltelloApplicazione dei pastelli a cera con una lama di un coltello

I pastelli a cera sono utili perché possono essere sciolti e reimpastati per ottenere l'esatto colore del legno. Sciogliere i pastelli in un cucchiaio riscaldato oppure a bagnomaria.

Quando si saranno raffreddati, amalgamarli con le dita fino a ottenere un impasto omogeneo da applicare sulla scalfittura con la lama di un coltello.

Rifinire con carta abrasiva fine per un risultato perfetto.

Riparazione dei graffi con gommalacca


Prima di iniziare, pulire bene il graffio con uno straccio per rimuovere eventuali schegge. Riempire il graffio con più strati di gommalacca, dopo averla versata in un piattino e lasciata indurire.

Applicazione della gommalacca con un pennellino Applicazione della gommalacca con un pennellino

Livellare i bordi del graffio carteggiando leggermente l'area con carta abrasiva fine.
Far colare una piccola quantità di lucido nel graffio usando un pennellino e lasciare indurire prima di applicare un secondo strato.

Ripetere l'operazione fino a quando il graffio non sarà completamente mascherato.
Per finire, strofinare con carta abrasiva fine immersa in olio di lino e passare un panno morbido su tutta la superficie.

Riparazione delle ammaccature


Sulle superfici in legno solido e non impiallacciato, le ammaccature possono essere eliminate stendendo uno straccio umido sull'area interessata e premendo con la punta calda del ferro da stiro.

Riparazione ammaccature con metodo del ferro da stiroRiparazione ammaccature con metodo del ferro da stiro

Questo procedimento solleva l'incavo grazie all'umidità prodotta nel processo. Attenzione a non bruciare il legno e a non usare mai il ferro troppo caldo o lasciarlo a lungo sulla superficie.

Mascherare gli interventi e rinnovare la lucentezza del legno


Per camuffare le riparazioni ai danni superficiali, usare del lucido a base di cera, un ottimo prodotto è quello della Pipihua. I bordi delle aree riparate saranno così molto meno visibili.

Cera per mobili della PipihuaCera per mobili della Pipihua

Per finire, ripassare l'intera superficie con una seconda mano di prodotto.
Applicarne una piccola quantità e strofinare bene, quindi lucidare con uno straccio morbido.

Se la pulitura ha causato la rimozione della lucidatura superficiale e il legno appare arido e sbiadito, usare un prodotto specifico per rivitalizzare il legno prima di stendere l'ultimo strato di cera.

riproduzione riservata
Rinnovare i mobili antichi in fai da te
Valutazione: 5.00 / 6 basato su 1 voti.
gnews
  • whatsapp
  • facebook
  • twitter

Inserisci un commento



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
Alert Commenti
  • Marcella
    Marcella
    Mercoledì 19 Giugno 2024, alle ore 11:22
    Per mobili antichi pregiati penso sia conveniente affidarsi a dei professionisti.
    In ogni caso è indispensabile avere una buona manualità e pazienza per rinnovare le parti danneggiate.
    Potete indicarmi un prodotto per ridare la lucidatura alla superfice del legno?
    rispondi al commento
    • Danieleferruccio
      Danieleferruccio Marcella
      Mercoledì 19 Giugno 2024, alle ore 14:35
      Si si, l'ho scritto nell'articolo ma repetita iuvant. Se il mobile è prezioso assolutamente bisogna farlo sistemare da un professionista.
      Per quel che riguarda la sia domanda invece: per il legno grezzo, è consigliabile utilizzare un olio per legno, come l'olio di lino o l'olio di cera.
      Per il legno verniciato, è possibile utilizzare una cera o un lucido per mobili.  (Fila Solution) 

      rispondi al commento
      • Marcella
        Marcella Danieleferruccio
        Mercoledì 19 Giugno 2024, alle ore 15:04
        Grazie per la risposta veloce.
        Ultima domanda: ho il dubbio sull'uso del ferro da stiro per spianare le ammaccature. Il ferro deve essere tiepido?
        rispondi al commento
        • Danieleferruccio
          Danieleferruccio Marcella
          Mercoledì 19 Giugno 2024, alle ore 16:02
          Il ferro deve essere caldo e deve effettuare movimenti circolari senza però lasciarlo troppo sopra.
          Provi con più applicazioni  
          rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
347.095 UTENTI
SERVIZI GRATUITI PER GLI UTENTI
SEI INVECE UN'AZIENDA? REGISTRATI QUI