Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
madex

Come lucidare i mobili di legno antichi

Lucidatura a gommalacca o con cera d'api per ridare lucentezza ai vecchi mobili di legno? Ecco due tecniche che in tanti secoli hanno subito ben poche mutazioni
- NEWS Bricolage legno
mobili antichi , legno , gommalacca , lucidare mobili

Come lucidare un mobile antico di legno


Inutile dire che per ridare vita a mobili antichi ci vorrà molta attenzione per non rovinarli e per donargli nuova lucentezza. Esistono vari metodi ma i due principali sono la lucidatura a gommalacca, più complessa e quella con cera d'api.


Colori della carta vetrata in base alla grammatura

Colori della carta vetrata in base alla grammatura

Colori della carta vetrata in base alla grammatura
Sempre meglio utilizzare guanti protettivi

Sempre meglio utilizzare guanti protettivi

Sempre meglio utilizzare guanti protettivi
Gommalacca in scaglie

Gommalacca in scaglie

Gommalacca in scaglie

Nel primo caso, come vedremo, si tratta di un vero e proprio intervento di restauro mentre nel secondo più che altro di un semplice intervento di manutenzione.


Cos'è la gommalacca?


La gommalacca è la secrezione di un insetto appartenente alla famiglia delle cocciniglie ed è classificata come resina organica. A tutti gli effetti per via della sua composizione chimica particolare viene considerata una plastica naturale.

Questa sostanza è usata per il trattamento e per il restauro dei mobili di legno e nella produzione di speciali vernici ma non solo, è anche impiegata nell'industria alimentare e nella produzione di lacca per capelli.

Gommalacca grezza by Inception
Per quel che riguarda la lucidatura di mobili di legno, essa dona delle morbide tonalità dorate una volta applicata e ne esistono di tutte le qualità, che esalteranno le venature del mobile antico trattato.
La gommalacca si può acquistare già diluita in negozi di ferramenta, di restauro o anche su Amazon oppure può essere preparata partendo da quella in scaglie.

CONSIGLIATO amazon-seller
Gommalacca pronta
Vernice a spirito tradizionale di altissimo pregio, a base di gommalacca sbiancata e decerata sciolta in solvente...
prezzo € 11.19
COMPRA

Esistono varie soluzioni di gommalacca in base alla concentrazione desiderata. Quella al 20 % serve per esempio, a turare eventuali pori nel legno. Dalla prima ottenuta, detta soluzione madre si potranno ricavare poi tutte le altre soluzioni diluendole sempre di più.


Come preparare la gommalacca


Ecco quel che ci serve per quest'operazione:

  • un bilancino (anche da cucina);

  • mortaio;

  • gommalacca in scaglie;

  • alcool bianco al 99%;

  • recipiente per diluire;

  • due barattoli (uno per conservare la gommalacca uno per conservare i tamponi);

  • panno misto lino/cotone e della lana;

  • calza di nylon.


Pesare 100 gr di gommalacca e mezzo litro di alcool. In questo modo si otterrà una diluizione al 20%.

Pestare leggermente la gommalacca nel mortaio e trasferire a questo punto le scaglie all'interno del recipiente con l'alcool e mescolare. Il processo di diluizione è abbastanza lungo, circa 24 ore.

Durante questo tempo la soluzione andrà mescolata più volte. Una volta che i due elementi saranno bel amalgamati chiudere il recipiente e metterlo in un luogo caldo, accanto ad un termosifone o esposto ai raggi del sole andrà benissimo.

Vernice per tampone pronta all'uso Borma Wachs
La gommalacca non scade anzi, più è vecchia più offre ottime performance.
Le preparazioni di gommalacca industriale hanno il grande vantaggio di essere pronte all'uso ma sono meno adattabili perché non diluibili con precisione.

Con il processo appena descritto invece si potrà diluire a piacimento a seconda dell'uso. Per eliminare eventuali grumi o materiale poco disciolto è consigliabile un filtraggio utilizzando una semplice calza di nylon.


Realizzazione tampone per lucidatura mobili antichi


Il telo deve essere bianco, di buona qualità in lino o misto lino/cotone.
Evitare il cotone puro perché a lungo andare tende a perdere dei peli rischiando di rovinare il lavoro sul mobile. Inserire quindi della lana nel telo di lino e chiuderlo con uno spago.Ecco pronto il tampone per lucidare.

CONSIGLIATO amazon-seller
9 Pad Lana Acciaio Grado 0000
✅【Lana Metallica】Questi tamponi in lana di filo fine sono un eccellente grado 0000, in filo d'acciaio, per...
prezzo € 11.09
COMPRA

Quando si andrà ad utilizzarlo ricordarsi di indossare i guanti per evitare di macchiarsi le mani.
Per poter riutilizzare il tampone, inserire in un barattolo un coperchio di un altro barattolo più piccolo in modo che il tampone non tocchi il fondo.

Mettere un paio di centimetri di alcool e inserire il tampone usato chiudendo poi ermeticamente il tutto. L'alcool in questo modo non potrà evaporare mantenendo umido il tampone.
Questa operazione va fatta in previsione di usi ripetuti.


Eseguire la lucidatura a gommalacca per arredamento antico


La prima cosa da fare importantissima è quella di preparare il fondo prima della lucidatura vera e propria. Il vecchio mobile dovrà prima essere sverniciato con uno prodotto apposito senza cloruro di metilene e mai utilizzare una carta vetrata troppo aggressiva, a grana 400 sarà perfetta. Togliere a questo punto con della lana d'acciaio grossa i residui.

Fasi della verniciatura:

  • oliatura;

  • riempimento;

  • sgrossatura;

  • lucidatura;

  • brillantatura.

L'oliatura


Questa operazione non sempre necessaria, ha lo scopo di far risaltare le venature del legno. Si ottiene utilizzando olio di vasellina imbevuto in un piccolo tampone, passandolo seguendo le suddette venature.


Il riempimento


Detto anche pomiciatura, serve a riempire eventuali pori sulla superficie.
Si dovrà utilizzare una pomice finissima a quattro zeri. Spolverare appena la superficie del mobile di legno con la polvere e stenderla delicatamente con un tampone asciutto.

Bagnare in seguito il tampone con poco alcool aggiungendo gradualmente sempre più gommalacca e aumentando pian piano la pressione. L'amalgama formata si depositerà nei pori chiudendoli. Una volta asciutta passare la lana d'acciaio finissima per levigare la superficie.


La sgrossatura


Quando avremo finito di riempire le porosità invece si effettuerà la sgrossatura, con gommalacca diluita al 10 % passandola prima seguendo la direzione delle venature.

Finita la stesura della vernice si passa alla sua lavorazione, non più con movimenti paralleli ma formando cerchi e "disegnando" otto e curve sulla superficie. Nella foto qui sotto di notano gli aloni circolari creati da questi movimenti.

Aloni che si formano durante la sgrossatura della superficie
Dopo circa due mani di sgrossatura di inizia la lavorazione con altre due mani di gommalacca diluita al 7 % circa e successivamente con una soluzione al 5 per cento. In questo caso la maggior presenza di alcool ammorbidirà gli strati di gommalacca dati in precedenza.

Anche in questa fase effettuare cerchi e curve e mai in movimenti paralleli.


La lucidatura


Infine la lucidatura. Quando si raggiunge il grado li lucentezza desiderato passare un tampone asciutto su tutta la superficie trattata imbevuto al centro con qualche goccia di alcool. Continuare fino a quando il tampone non sarà asciutto.



In ogni caso è bene sottolineare che ogni artigiano utilizzerà un metodo leggermente differente anche a seconda delle regioni geografiche. Qual è il migliore? Non si sa bene ma è certo che, interpellando i professionisti del settore risponderanno: "ovviamente il mio".

Come si evince dal video qui sopra in questo caso verranno utilizzati metodi un pochino più professionali di quelli che si potranno fare in casa ma in linea di massima il procedimento rimane sempre il medesimo.


Cos'è la cera d'api


Questo materiale è una cera naturale prodotto come si noterà dal nome, dalle api. In ambiti di restauro è utilizzata sciolta in essenza di trementina, per la lucidatura dei mobili antichi e non.

È ottima per il mantenimento dei mobili in patina e rustici. Oltre a questa funzione ha la caratteristica di nutrire il legno senza macchiarlo.


Come preparare la cera d'api


Solitamente la cera d'api è disponibile in commercio sotto forma di panetto grezzo.
Ecco i passaggi per diluirla senza errori o pericoli.

Come scritto, per utilizzarla bisognerà usare essenza di trementina e qui la prima raccomandazione.

CONSIGLIATO amazon-seller
Essenza di trementina
Puro distillato di gemme di pino di cui mantiene il caratteristico aroma...
prezzo € 21.72
COMPRA

Questa infatti è un composto estremamente infiammabile, quindi prendere le dovute accortezze del caso. Per ottenere un prodotto idoneo all'utilizzo bisognerà miscelare 250 grammi di cera d'api con 25 grammi di cera Carnauba sciolte a caldo. Infine aggiungere un litro di essenza di trementina.

La cera di Carnaub,a composta da piccole scaglie, è utilizzata per la sua lucentezza e resistenza e aiuterà ad amalgamare al meglio gli ingredienti.

Cera d'api allo stato grezzo
Una volta mescolati tutti gli ingredienti procedere scaldandoli a bagnomaria, proteggendosi contro eventuali schizzi. A questo punto versare il composto in barattoli e prima di utilizzarlo, attendere che si raffreddi.

Cera d'api: altri consigli


Le dosi sopra riportate sono puramente indicative perché a seconda del tipo di legno bisognerà utilizzare prodotti più o meno concentrati.

CONSIGLIATO amazon-seller
Cera d'api per mobili
Per mobili in legno massiccio; indispensabile nel restauro del mobile antico...
prezzo € 10.9
COMPRA


Ad esempio per legni morbidi e più porosi come betulla, acero e pioppo bisognerà utilizzare cera meno diluita. Fare inoltre attenzione perché ogni cera ha un tipo differente di colorazione, quindi assicurarsi che questa si adatti al tipo di legno che si dovrà trattare.

Anche in questo caso sarà comunque possibile acquistare la cera d'api in pasta, pronta all'uso.


Come si lucidano mobili d'epoca con la cera d'api


Quest'operazione è molto più semplice della lucidatura con gommalacca ma da ugualmente ottimi risultati anche se nel primo caso si tratta più di un lavoro di restauro che di semplice manutenzione.


Per la lucidatura a cera basterà un panno, possibilmente a trama molto fine non di lana, un paio di guanti, la cera e tanto olio di gomito.

Mettere una noce di prodotto sul panno ed iniziare a passarla con movimenti omogenei sulla superficie del mobile da lucidare, stendendo bene tutta la pasta. Dopo circa un minuto usare un panno pulito per tirare la cera con movimenti energici e circolari, questo renderà la superficie perfettamente liscia, lucida e bella a vedersi.

Continuare fino a quando non si sentirà che lo straccio non opporrà più praticamente resistenza. L'ideale per un risultato perfetto è dare una seconda mano a 24 ore dalla prima.

riproduzione riservata
Articolo: Rilucidare un mobile antico
Valutazione: 4.75 / 6 basato su 4 voti.

Rilucidare un mobile antico: Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
dona
Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News
REGISTRATI COME UTENTE
332.037 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Rilucidare un mobile antico che potrebbero interessarti


Come si realizza la finitura in gommalacca sui mobili in legno

Bricolage legno - La gommalacca è una resina naturale che permette di ridare ai mobili in legno la loro lucentezza, creando uno strato protettivo contro l'aggressione del tempo.

Interventi di riparazione di vecchi mobili

Bricolage legno - I mobili datati possono portare su di sé i segni del tempo trascorso ma è possibile ridare loro nuova vita attraverso interventi di riparazione semplici e mirati.

Ripristinare le finiture dei mobili

Bricolage legno - La fase finale dell'intervento su un mobile in legno è quella del ripristino delle finiture superficiali, importanti per l'estetica e per proteggere a lungo le superfici.

La finta lacca cinese

Fai da te - Come laccare gli oggetti di casa

Consigli per la manutenzione dei mobili antichi

Complementi d'arredo - I mobili antichi hanno grande fascino e un valore economico non indifferente, ma per conservarli correttamente richiedono un uso attento e manutenzione adeguata

La Gommalacca nel restauro del legno

Bricolage legno - La gommalacca, materiale antico per la lucidatura a specchio di superfici in legno, è il prodotto prezioso di un piccolo insetto del subcontinente indiano.

Eliminare macchie da mobili in legno

Bricolage legno - La regola principale per eliminare le macchie presenti sui mobili è: intervenire tempestivamente adottando soluzioni specifiche per ogni tipologia di sostanza.

Rinnovare vecchi mobili

Fai da te - Alcuni interventi fai-da-te per rimettere in sesto vecchi mobili.

Tipi di legno

Arredamento - Da sempre uno dei materiali presenti nella vita dell'uomo per soddisfare esigenze di vario genere, il legno ha innumerevoli e variegate caratteristiche.
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img dafne r
Buonasera a tutti,é da quasi 6 mesi che sto tribolando con i nuovi serramenti in legno alluminio, in particolare uno.La cornice di legno sembrava imbarcata, superiormente e...
dafne r 03 Settembre 2021 ore 13:50 3
Img danielemargutti
Salve a tutti,nel ristrutturare casa ho scelto un grès effetto legno per il pavimento.Mi è stato chiesto se volessi usare una singola dimensione o più...
danielemargutti 12 Luglio 2021 ore 21:58 4
Img lofanonno
Salve,sono un nuovo iscritto e subito rompo.Ho comprato una piccola, vecchia, abitazione.È su due livelli; a piano terra ho un trave di castagno che sostiene il solaio del...
lofanonno 28 Maggio 2021 ore 09:36 4
Img rosyge
Buongiorno a tutti,vorrei restaurare le mie vecchie finestre in legno a vetro singolo.Oltre a riportare a nuovo il legno, vorrei cambiare i vetri.In ogni finestra, i vetri sono...
rosyge 19 Maggio 2021 ore 10:03 3
Img roccoguar
Salve a tutti,da circa 7 mesi ho comprato una mansarda con travi in legno di abete.Il problema che sto riscontrando è molto strano.Quando fuori ci sono folate di vento...
roccoguar 12 Maggio 2021 ore 14:47 1