Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
madex

Riforma del condominio e condomino apparente

La riforma del condominio ha modificato le regole, dettate dalla Cassazione, in materia di applicazione del principio di apparenza nei rapporti condominiali?
- NEWS Condominio

CondominioL'unico soggetto cui è possibile chiedere, per via giudiziale, le spese condominiali è il proprietario (cui dev'essere equiparato l'usufruttuario) dell'unità immobiliare.


Ciò perché in materia di condominio negli edifici non è applicabile il così detto principio dell'apparenza.


Questa è stata la conclusione cui è giunta la giurisprudenza, nella sua massima espressione, nel 2002; il riferimento è alla sentenza n. 5035 delle Sezioni Unite della Suprema Corte di Cassazione.


Prima di quella pronuncia la situazione era incerta: c'erano pronunce che propendevano per l'applicazione del principio dell'apparenza anche al condominio e altre, come s'è deciso in quella citata, che lo escludevano.


Fino al 18 giugno 2013 la pronuncia degli ermellini era stata ossequiosamente rispettata in tutti i successivi pronunciamenti.


Dopo quella data, ossia dopo l'entrata in vigore della riforma, sorge qualche dubbio sull'applicazione indistinta di questo principio.


Apparenza in condominio


S'è detto che secondo le Sezioni Unite della Cassazione, il principio dell'apparenza non trova applicazione nell'ambito dei rapporti condominiali, meglio nell'ambito delle propaggini giudiziarie di tali rapporti.


Tizia è proprietaria dell'appartamento, ma è Caio, il marito, a comportarsi come se lo fosse (Es. partecipazione assemblee senza delega, ecc.): se l'amministratore deve chiedere un decreto ingiuntivo per morosità, dissero gli ermellini, può farlo solo contro chi è davvero proprietario.


Il motivo?


In primis nel caso del rapporto tra condominio (che pacificamente è ente di gestione) e il singolo condomino (proprietario esclusivo di determinate porzioni di piano o di unità immobiliari dello stabile condominiale) in ordine al pagamento, da parte di quest'ultimo, della sua quota di spese, sostenute per la conservazione e per il godimento delle parti comuni dell'edificio, per la prestazione di servizi nell'interesse comune e per le innovazioni deliberate dalla maggioranza, una esigenza di tutelare al riguardo l'affidamento incolpevole del condominio (che terzo non è) e, quindi, di dare a tal fine corpo e sostanza ad una situazione apparente per non pregiudicare il condominio medesimo, non si pone affatto.


Condominio negli edificiCome già osservato, innanzitutto il condominio non è terzo ma una parte del rapporto, sicché rispetto ad esso non è possibile convertire la inesistente titolarità del diritto di proprietà nella effettiva titolarità e la inesistente legittimazione in una effettiva legittimazione nascente dalla situazione di apparenza (Cass. SS.UU. n. 5035/2002).

C'è poi una ragione di carattere obiettivo che consente sempre di sapere chi sia il vero proprietario.


Nell'ipotesi in cui l'amministratore agisca per il recupero delle spese di competenza, l'osservanza del dovere di consultazione dei registri immobiliari presso la conservatoria assume rilievo ed è preminente (rispetto al contrapposto dovere di correttezza e informativa) per l'individuazione del vero condomino obbligato, non solo perché corrisponde a regola di normale prudenza accertare l'effettivo legittimato passivo allorché si intende dare inizio ad un'azione giudiziaria, ma anche perché appare conforme al sistema della tutela del credito (Cass. SS.UU. n. 5035/2002).


Insomma l'apparenza in condominio non conta perché si è sempre in grado di conoscere chi è davvero il proprietario.


Nella stessa sentenza, comunque, si faceva presente che queste considerazioni valgono per l'azione giudiziale ma non nei rapporti stragiudiziali, rispetto ai quali, per evidenti esigenze di celerità dei medesimi, non si commetteva alcun errore sanzionabile inviando il sollecito al così detto condomino apparenza.


Riforma ed apparenza


Come cambia l'applicazione del principio dell'apparenza alla luce della nuova legge n. 220/2012 (la così detta riforma del condominio)?


Due gli elementi da prendere in considerazione:


a) anagrafe condominiale;


b) responsabilità solidale del venditore dell'appartamento fintanto che non sia comunicato all'amministratore copia dell'atto di compravendita (art. 63, quinto comma, disp. att. c.c.).


L'anagrafe condominiale è in grado d'incidere sui rapporti condominio – condomino solamente nella fase stragiudiziale.


Il principio espresso dalle Sezioni Unite, infatti, riguarda specificamente le azioni per decreto ingiuntivo o comunque quelle giudiziali di recupero del credito.


Insomma, Sempronio, amministratore del condominio, potrà chiedere, per via stragiudiziale (leggasi lettera di messa in mora) a Mevio di pagare le spese condominiali perché egli s'è dichiarato proprietario nel modulo anagrafico, pur non essendolo, ma se deve agire per via giudiziale deve eseguire i dovuti accertamenti presso i pubblici registri.



Diverso, almeno in prima lettura, quanto stabilito nel quinto comma dell'art. 63 disp. att. c.c.; sembrerebbe che qui si verta in un'ipotesi di responsabilità solidale, senza distinzione tra fase giudiziale e stragiudiziale.


A dire il vero anche in casi del genere l'amministratore, prima di agire per via giudiziale, può sempre effettuare una visura presso la conservatoria dei pubblici registri immobiliari.


Certo è che mentre il condomino apparente non è mai stato condomino, il venditore sì: il legislatore ha inteso inserire una distinzione tra le due figure? A leggere il quinto comma dell'art. 63 disp. att. c.c. sembrerebbe di sì, ma maggiore chiarezza nella formulazione della norma sarebbe stata decisamente utile.

riproduzione riservata
Articolo: Riforma del condominio e condomino apparente
Valutazione: 3.00 / 6 basato su 1 voti.

Riforma del condominio e condomino apparente: Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
dona
Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News
REGISTRATI COME UTENTE
339.469 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Riforma del condominio e condomino apparente che potrebbero interessarti


Condominio 4.0: un convegno sulle nuove opportunità relative al mondo condominiale

Leggi e Normative Tecniche - Condominio 4.0: un convegno organizzato da Harley&Dikkinson a Roma per fare una analisi su tutte le opportunità lavorative relative alla gestione condominiale.

Riforma del condominio e i supercondominii

Assemblea di condominio - Oggi, contrariamente a tale impostazione, l'applicazione delle norme dettate in materia di condominio negli edifici è esteso anche ai supercondomini ed ai condomini orizzontali.

Condominio orizzontale

Amministratore di condominio - Il condominio orizzontale è una particolare tipologia di condominio a sviluppo prevalentemente orizzontale formato ad esempio da una stecca di villette a schiera.

Riforma del condominio, molti amministratori rischiano il posto

Condominio - La così detta riforma del condominio, dal 18 giugno 2013 i condomini con meno di dieci partecipanti potranno decidere di revocare l'amministratore, così molti amministratori rischiano di restare disoccupati.

Supercondominio

Amministratore di condominio - Il Supercondominio è un'entità che sussiste quando ci sono edifici collegati con parti in comune. Vediamo insieme quali sono le sue caratteristiche, doveri e potenzialità.

Usufrutto e condomino apparente

Ripartizione spese - Il condomino, nell'accezione tecnico giuridica del termine, è il proprietario dell'unità immobiliare ubicata in un edificio in condomino.A dire il

Opere su parti di proprietà esclusiva nella riforma del condominio

Parti comuni - La riforma del condominio è intervenuta sul codice civile modificando l'art. 1122 o meglio,aggiornandolo alle pronunce giurisprudenziali che lo riguardavano

Condomino apparente

Ripartizione spese - L'azione di recupero del credito relativa agli oneri condominiali può essere indirizzata solamente contro il proprietario e in casi ben precisi l'usufruttuario.

Assemblea fiume e le novità introdotte dalla riforma

Condominio - Assemblea fiume, ovvero la possiiblità di parteciapare ad estenuanti ed infinite riunioni condominiali. La riforma semplificherà le possibilità di rinvio.
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img gialu_x
Buongiorno, vi chiedo aiuto in quanto mi trovo nella seguente situazioneIl condominio di mia zia ha deliberato ed iniziato lavori di ristrutturazione facciate e riqualificazione...
gialu_x 07 Agosto 2022 ore 19:18 2
Img ddaann78
Ciao ragazzi.Sono in procinto di iniziare dei lavori, usufruendo del sisma bonus 110, su un condominio con 4 appartamenti.Leggendo nel web le varie news, mi sono un po incasinato.
ddaann78 07 Agosto 2022 ore 12:44 2
Img laura pierini
Buonasera volevo un'informazione. La dichiarazione dei redditi di un condominio è obbligatoria al di sopra di un certo tetto di spese sostenute in un anno da parte del...
laura pierini 06 Agosto 2022 ore 09:26 2
Img tedwallenberg
Salve,in un piccolo "condominio" (di 6 appartamenti), zona F, le spese dell'impianto di riscaldamento vengono suddivise in 70% consumo combustibile reale per unità...
tedwallenberg 25 Luglio 2022 ore 23:12 11
Img manuela ardemagni
Buongiorno,il condominio di mia mamma sta trattando con un general contractor per il 110% con sconto in fattura.La società non mi piace nemmeno un pò... nata dal...
manuela ardemagni 07 Luglio 2022 ore 12:52 5