Come avere indietro la caparra dopo la fine del contratto d'affitto

NEWS DI Affittare casa05 Gennaio 2018 ore 16:23
Cos'è la caparra, se produce interessi e quando devono essere restituiti, come chiedere indietro la caparra e come domandarne l'attribuzione. Dubbi e soluzioni.

Che cos’è la caparra nei contratti di affitto?


Il deposito cauzionale nei contratti di locazione – altrimenti noto come caparra nei contratti d’ affitto – è una somma che il conduttore versa al locatore , al momento della conclusione del contratto.

Esso è regolato dall’art. 11 della legge n. 392 del 1978 (meglio conosciuta come legge sull’equo canone, oggi in parte ancora vigente) che trova applicazione tanto nelle ipotesi di locazioni ad uso abitativo, tanto nel caso di locazioni ad uso differente da quello abitativo, vale a dire locazioni per usi professionali e commerciali o a essi assimilabili, sempre disciplinati dalla testé citata legge.

Deposito cauzionale
L’art. 11 in esame, specifica anche la misura massima che la caparra può avere: essa, dice la norma, non può essere superiore a tre mensilità del canone.

Si badi: del canone e basta, non del canone comprensivo delle spese condominiali.
Ciò vuol dire che se per un appartamento si € 800,00 onnicomprensivi, da quella somma, ai fini del calcolo del deposito cauzionale, andrà decurtata la parte versata a titolo di oneri condominiali. Così, se ad esempio il canone è pari a € 750,00 la caparra non potrà essere maggiore di € 2.250,00.

La misura del deposito cauzionale deve essere prevista per contratto. Come per ogni transazione economica, la corresponsione del deposito cauzionale può avvenire a mezzo denaro contante fintanto che non superi la soglia di € 3.000,00, mentre per importi successivi sarà obbligatorio fare ricorso a mezzi tracciabili di pagamento (assegni, bonifico, ecc.).


Il deposito cauzionale produce interessi?


Alla domanda bisogna rispondere positivamente: il deposito cauzionale è produttivo di interessi e come afferma l’art. 11 della legge n. 392/78 tali interessi devono essere corrisposti al conduttore alla fine di ogni anno.

Interessi sul deposito cauzionale
L’interesse prodotto da deposito cauzionale è pari a quello legale. Come è stato ripetutamente specificato dai giudici (si veda ad esempio Trib. Bari 26 aprile 2016 n. 2295), la norma appena citata ha natura imperativa, poiché segue uno scopo di ordine generale, ossia quello di tutelare il contraente più debole al fine di impedire che il deposito cauzionale, mediante i frutti (civili, ossia interessi legali) percepibili dal locatore, possa divenire una sorta di incremento del corrispettivo della locazione .
In considerazione di ciò si è sancita in più occasioni la nullità di quelle clausole contrattuali che stabiliscono una disciplina della restituzione difforme da quella contenuta in detta norma o addirittura specifichi che la caparra è improduttiva d’interessi.

Sull’argomento è utile segnalare anche la seguente pronuncia della Corte di Cassazione: sentenza n. 75 dell’8 gennaio 2010.

È buona norma, ma non obbligatorio, che il deposito cauzionale sia depositato su un libretto di risparmio.

Insomma, per tradurla in un fatto pratico, Tizio ha ricevuto da Caio il deposito cauzionale a inizio 2017 pari ad € 2.250,00. All’inizio del 2018 – ossia al termine del primo anno di locazione – dovrà restituire al conduttore € 2,26 di interessi legali (il calcolo è stato fatto con un applicativo reperito sul web).

La restituzione può avvenire anche mediante concordata compensazione al momento del pagamento del canone di locazione.

Quanto alla prescrizione dell’azione di corresponsione degli interessi legali, la giurisprudenza è orientata nel senso di ricomprendere tale azione tra quelle soggette a prescrizione ordinaria decennale (Cass. 5 giugno 1992 n. 6941), con inizio della decorrenza dalla fine del contratto.


A che cosa serve il deposito cauzionale?


Per rispondere alla domanda è utile guardare alla elaborazione giurisprudenziale che lo riguarda.

I giudici di merito e la Corte di Cassazione, ormai da anni sono soliti affermare che la funzione deposito cauzionale – così come previsto per i contratti di locazione dall'art. 11 della legge n. 392 del 27 luglio 1978 – è quella di garantire chi concede l’immobile in locazione rispetto all'adempimento di tutti gli obblighi, derivanti dalla legge e dal contratto e posti in capo al conduttore.

Ciò che vuol dire la giurisprudenza, quindi, è che la funzione della caparra non è soltanto quella di garantire il pagamento del canone, avendo la stessa la funzione di tenere indenne il locatore, ad esempio, dai danni a lui derivati derivati dall'omesso ripristino degli spazi locati.

Al riguardo, si segnalano una serie di pronunce, di merito e di legittimità, che rappresentano come si suole dire il consolidato orientamento. Cassazione sentenze: 21 aprile 2010 n. 9442; 15 ottobre 2002 n. 14655; 9 novembre 1989 n. 4725 e Tribunale Salerno 11 febbraio 2015 n. 620).


Sorte della caparra al termine della locazione


Restituzione caparra affitto
Appurata nozione e funzione della caparra e vicende connesse agli interessi legali da questa prodotti, vediamo adesso quali sono le vicende inerenti alla sorte della caparra al termine della locazione.

Data la ragione per la quale v’è la corresponsione del deposito cauzionale, al termine della locazione vi sono tre alternative:

- restituzione totale delle somme a suo tempo corrisposte;

- restituzione parziale del deposito cauzionale;

- trattenimento totale della caparra.

Come si può chiedere la restituzione della caparra, ovvero come la sua attribuzione in favore del locatore?

Si tratta, in entrambi i casi, di fattispecie che – senza un accordo tra le parti – necessitano di un intervento giudiziale.

Il locatore che voglia trattenere a sé la caparra, infatti, non potrà farlo motu propriu, negandone la restituzione al conduttore, ma dovrà domandarle giudizialmente l’attribuzione provando le ragioni di tale richiesta (es. danni, conguagli spese, ecc.).

Il conduttore che, invece, voglia ottenere indietro quanto ritiene spettantegli, dovrà provvedere mediante un’azione giudiziale, quasi sempre un ricorso per decreto ingiuntivo di pagamento di somme di denaro.

Come ulteriormente specificato dalla giurisprudenza l'obbligazione del locatore di restituire il deposito cauzionale sorge al termine della locazione, non appena sia avvenuto il rilascio dell'immobile locato (Trib. Salerno 11 febbraio 2015 n. 620).

riproduzione riservata
Articolo: Restituzione caparra a fine contratto d'affitto
Valutazione: 5.00 / 6 basato su 1 voti.
  • fs
  • fs
  • fs
  • fs

Restituzione caparra a fine contratto d'affitto: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
Notizie che trattano Restituzione caparra a fine contratto d'affitto che potrebbero interessarti
Restituzione del deposito cauzionale al termine della locazione

Restituzione del deposito cauzionale al termine della locazione

Il deposito cauzionale dev'essere restituito al momento della riconsegna dell'immobile e se lo si vuole trattenere per i danni, è necessario intentare una causa.
Utenze acqua, nuovo deposito cauzionale in bolletta

Utenze acqua, nuovo deposito cauzionale in bolletta

Le bollette per il consumo dell'acqua di molti utenti riportano una voce relativa al versamento di una somma a titolo di deposito cauzionale. E' lecita? A cosa serve?...
Locazione, restituzione dell'immobile ed eventuali danni

Locazione, restituzione dell'immobile ed eventuali danni

Come gestire la riconsegna dell'immobile dato in locazione al fine di prevenire successive controversie in ordine al risarcimento di danni causati all'immobile?...
Preliminare di vendita e irregolarità urbanistiche e sanitarie

Preliminare di vendita e irregolarità urbanistiche e sanitarie

Se l'immobile oggetto del preliminare di compravendita è difforme rispetto a quanto pattuito, il compratore può chiedere la restituzione del doppio della caparra.
Contratto di locazione e restituzione dell'immobile

Contratto di locazione e restituzione dell'immobile

La restituzione dell'immobile ottenuto in locazione deve avvenire nei termini stabiliti dalle parti o dalla legge per evitare contenziosi dovuti ai ritardi.
usr REGISTRATI COME UTENTE
291.357 Utenti Registrati
usr
REGISTRAZIONE AZIENDE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
  • Tunnel solare VELUX
    Tunnel solare velux...
    408.70
  • Tapparella elettrica e solare VELUX INTEGRA
    Tapparella elettrica e solare...
    435.54
  • Tenda oscurante a rullo VELUX
    Tenda oscurante a rullo velux...
    85.00
  • Tenda alla veneziana VELUX
    Tenda alla veneziana velux...
    95.16
  • Samsung climatizzatore condizionatore inverter dual split 12+12
    Samsung climatizzatore...
    1882.00
  • Tenda 153 plisseapos
    Tenda 153 plisseapos...
    170.00
  • Comò francese in legno intarsiato in stile
    Comò francese in legno...
    1330.00
  • Posa gres-porcellanato effetto legno
    Posa gres-porcellanato effetto...
    30.00
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Officine Locati
  • Mansarda.it
  • Inferriate.it
  • Kone
  • Faidatebook
  • Black & Decker
  • Weber
MERCATINO DELL'USATO
€ 59 000.00
foto 4 geo Torino
Scade il 16 Settembre 2018
€ 68.00
foto 1 geo Milano
Scade il 31 Ottobre 2018
€ 5.00
foto 1 geo Milano
Scade il 31 Luglio 2018
€ 1 400.00
foto 0 geo Como
Scade il 31 Ottobre 2018
€ 250.00
foto 1 geo Torino
Scade il 16 Agosto 2018
€ 49 000.00
foto 6 geo Torino
Scade il 16 Settembre 2018
VENDI SUBITO IL TUO USATO DI CASA
Inserisci annuncio
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
I NOSTRI VIDEO SU YOUTUBE
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.