Portierato e ripartizione delle spese

NEWS DI Condominio20 Settembre 2010 ore 14:36
Il codice civile non si occupa di disciplinare il servizio di portierato.L?unica norma che contiene un accenno a tale servizio è l?art. 1117 c.c.
ripartizione spese , servizi comuni , cessione
Il codice civile non si occupa di disciplinare il servizio di portierato.Spese portiereL'unica norma che contiene un accenno a tale servizio è l'art. 1117 c.c. allorquando specifica che sono da considerarsi di proprietà comune i locali per la portineria e quelli destinati all'alloggio del portiere.Per il resto il legislatore codicistico non ha affrontato questioni importanti come l'instaurazione e la soppressione del rapporto di lavoro del portiere e non ultima la vicenda relativa alla ripartizione delle spese.In sostanza: chi paga che cosa?In primo luogo è necessario far riferimento al regolamento contrattuale di condominio: tale atto potrebbe disciplinare la materia della suddivisione dei costi con effetto per la singola compagine per la quale è stato redatto.In assenza di tale documento, la norma di riferimento, quanto meno a livello generale e salvo le precisazioni che si faranno da qui a poco, è il primo comma dell'art. 1123 c.c. a mente del quale le spese necessarie per la conservazione e per il godimento delle parti comuni dell'edificio, per la prestazione dei servizi nell'interesse comune e per le innovazioni deliberate dalla maggioranza sono sostenute dai condomini in misura proporzionale al valore della proprietà di ciascuno.In pratica, quindi, ogni condomino dovrà partecipare alle spese inerenti il servizio di portierato (trattasi di prestazione di servizi resti nell'interesse comune) in proporzione al valore millesimale della sua unità immobiliare, ossia sulla base dei millesimi di proprietà.Dello stesso avviso, seppur con qualche distinguo,la Cassazione.Spese portiereSecondo i giudici di legittimità, infatti, le spese di portierato in un edificio condominiale, trattandosi di servizio per sua natura tale da assicurare la custodia – vigilanza dell'intero fabbricato, vanno ripartite tra i condomini alla stregua del criterio dettato dall'art. 1123, primo comma, Codice civile, la cui applicabilità può essere legittimamente negata solo se risulti una contraria convenzione (come espressamente previsto dall'indicata norma) oppure se si accerti che il servizio, per particolari situazioni di cose e luoghi, non può considerarsi reso nell'interesse di tutti i condomini. (Cass. 30 ottobre 1981 n. 5751, in Codici dell'edilizia, locazioni condominio, Ipsoa).Lo stato dei luoghi può comportare una diversa decisione sui criteri utilizzati per la ripartizione delle spese.S'immagini che il portiere assunto svolga servizio di vigilanza, custodia e di pulizia, quest'ultima limitatamente alle scale condominiali di accesso ai vari piani.Un condomino, Tizio, è proprietario solamente di un box che ha accesso autonomo alla pubblica via ed in ragione di ciò non usufruisce, nà potenzialmente potrebbe farlo, delle scale comuni.In tali circostanze, è evidente che tutti i condomini dovranno partecipare in relazione alle spese di vigilanza e custodia ai sensi dell'art. 1123, primo comma, c.c.Per quanto concerne le spese per la pulizia, invece, esse dovranno esse suddivise in base all'uso che ciascun comproprietario può fare (anche solo potenzialmente) di quel servizio (art. 1123, secondo comma, c.c.).Nel nostro caso, dunque, Tizio sarà sicuramente escluso da questo costo.Gli altri condomini interessati parteciperanno alla spesa in ragione dei millesimi di proprietà.
riproduzione riservata
Articolo: Portierato e ripartizione delle spese
Valutazione: 2.75 / 6 basato su 4 voti.

Portierato e ripartizione delle spese: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Debora
    Debora
    Sabato 9 Aprile 2011, alle ore 09:27
    Esiste un escamotage per far si che le spese per il portiere vengano pagate soltanto per una quota, nel caso in cui il condomino abbia 2 appartamenti in proprietà nello stesso stabile, per cui, in realtà, utilizza il servizio portierato soltanto una volta.Tecnicamente tale condomino paga tutte le spese per 2 quote, ma , in realtà, ne usufruisce soltanto una volte, essendo unico proprietario e residente.Grazie
    rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
Notizie che trattano Portierato e ripartizione delle spese che potrebbero interessarti
Ecobonus 2018 e cessione del credito: i chiarimenti dell'Agenzia delle Entrate

Ecobonus 2018 e cessione del credito: i chiarimenti dell'Agenzia delle Entrate

Detrazioni e agevolazioni fiscali - L'Agenzia delle Entrate, con circolare del 18 maggio fornisce ai contribuenti dei chiarimenti in merito alla cessione del credito per la fruizione dell'Ecobonus
Modifica dei criteri di ripartizione delle spese

Modifica dei criteri di ripartizione delle spese

Condominio - Nel condominio Alfa per lunghi anni, in ragion delle disposizioni contenute nel regolamento contrattuale, le spese per il riscaldamento sono state ripartite
Condominio minimo e spese di manutenzione

Condominio minimo e spese di manutenzione

Ripartizione spese - In tema di spese di manutenzione nell'ambito del condominio minimo, la riforma del condominio ha confermato quanto già si faceva: si applicano le norme condominiali.

Ripartizione delle spese legali nel caso di transazione

Condominio - Un condominio decide di promuovere una causa o di resistere ad un?avversa richiesta.Si pensi, per restare agli esempi più banali, alla necessità di

La modifica delle tabelle millesimali contrattuali

Tabelle millesimali - La modificazione delle tabelle millesimali contrattuali deve avvenire con il consenso di tutti i condomini.Diversamente la deliberazione di modifca è nulla.

Strada condominiale e ripartizione delle spese

Condominio - Quando s?affronta il tema della ripartizione delle spese condominiali bisogna sempre tenere presenti due elementi fondamentali:a) in primo luogo, l?accordo

Ripartizione delle spese condominiali per facta concludentia

Ripartizione spese - In tema di ripartizione delle spese condominiali, la giurisprudenza considera lecita l'utilizzazione di un criterio di riparto approvato per facta concludentia.

Contestazione della ripartizione delle spese condominiali

Condominio - La ripartizione delle spese condominiali dev'essere contestata attravero l'impugnazione della delibera. L'importante è saper scegliere quale contestare.

La sospensione dei servizi condominiali

Manutenzione condominiale - Il condominio moroso oltre all'azione giudiziaria può essere soggetto anche a quel provvedimento finalizzato a non consentirgli di usufruire di alcuni servizi comuni.
REGISTRATI COME UTENTE
295.696 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
  • Landscaper pro univestar 15 5 16 25
    Landscaper pro univestar 15 5 16 25...
    38.27
  • Actiwin 20 5 10 concime per prato
    Actiwin 20 5 10 concime per prato...
    55.54
  • Osmocote ortensie rododendri azalee 750 gr
    Osmocote ortensie rododendri...
    10.50
  • Pratiche detrazioni fiscali
    Pratiche detrazioni fiscali...
    500.00
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Officine Locati
  • Mansarda.it
  • Faidacasa.com
  • Black & Decker
  • Weber
  • Faidatebook
  • Kone
MERCATINO DELL'USATO
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.