Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

La costruzione di una piscina e il rispetto delle distanze legali

NEWS Leggi e Normative Tecniche08 Febbraio 2019 ore 15:34
Le piscine devono rispettare le distanze minime tra edifici e dai confini del lotto? La risposta è complessa e dipende dalle caratteristiche di ciascuna piscina

Alcuni cenni sul rispetto delle distanze legali


Quando si amplia o si costruisce un edificio, una pertinenza o qualsiasi altra struttura sul proprio terreno occorre rispettare alcune distanze legali da:

  • altri edifici, adiacenti o frontisti;

  • i confini del lotto;

  • infrastrutture come strade o ferrovie;

  • servitù destinate generalmente passaggio di impianti a rete come elettrodotti o tubazioni del gas.

Il relax in piscina alla corretta distanza dai confini del lotto
Tali distanze sono generalmente stabilite dai regolamenti edilizi e dagli strumenti di pianificazione urbanistica (Piano Regolatore Generale, Piano di Fabbricazione, piani particolareggiati, eccetera) di ogni comune e possono variare in base alle caratteristiche di ciascuna zona in cui è diviso il territorio.

Esistono tuttavia alcune distanze minime, assunte come inderogabili, prescritte dal Codice Civile:

  • tre metri tra edifici adiacenti, se non costruiti in aderenza (articolo 873);

  • due metri dai confini del lotto per pozzi, cisterne, pozzi neri, latrine e concimaie (articolo 889);

  • per i fossi e canali, una distanza dai confini del lotto pari alla loro profondità (articolo 891);

  • tre metri dai confini del lotto per gli alberi ad alto fusto, un metro e mezzo per quelli più bassi e mezzo metro per arbusti e cespugli (articolo 892).

Piscina distanze legali
Ma come fare per le strutture che non rientrano in queste categorie, tra cui ad esempio le piccole piscine o una vasca interrata?

In questi casi occorre ragionare per analogia e soprattutto affidarsi alla giurisprudenza delle sentenze del TAR o della Corte di Cassazione.


Le piscine interrate devono rispettare le distanze legali?


Per prima cosa occorre stabilire se una piscina sotto terra è assimilabile a un vero e proprio edificio oppure a una cisterna, perché in caso di risposta affermativa per la sua costruzione si dovrà rispettare la distanza minima stabilita.

Dal punto di vista puramente intuitivo la risposta sembrerebbe affermativa, perché una piscina interrata è effettivamente funzionalmente simile a una cisterna di raccolta per l'acqua piovana e perciò dovrebbe osservare i due metri dai confini del lotto prescritti dall'articolo 889 del Codice Civile.

La piscina interrata non richiede distanza di 3 mt dagli edifici adiacenti
Tuttavia, la giurisprudenza sembra smentire quest'ipotesi: è al riguardo risulta infatti particolarmente rilevante la sentenza del TAR della Campania 3520/2015, con cui si stabilisce che il rispetto delle distanze legali non si applica alle piscine interrate perché non idonee alla creazione di dannose intercapedini in grado di pregiudicare la salubrità dell’ambiente collocato tra gli edifici circostanti.

Questa sentenza esclude dunque l'equiparazione tra piscine da giardino interrate ed edifici, con conseguente necessità di rispettare le distanze previste dall'articolo 873 del Codice Civile.

Non chiarisce invece se, dal punto di vista giuridico e legale, la costruzione di una piscina interrata richiede una distanza minima di almeno due metri dai confini del lotto: in altre parole, se alle piscine interrate si applicano le prescrizioni previste per pozzi e cisterne.

Le piscine interrate derogano le distanze minime previste dalla legge       ivile
Una ricerca mirata per chiarire tale dubbio ha purtroppo dato esito negativo, perché sembra che l'argomento non sia mai stato oggetto di sentenze specifiche.

Ritengo però consigliabile, a titolo di prudenza, rispettare ugualmente quanto prescritto dall'articolo 889 del Codice Civile soprattutto per motivi tecnici.

Le piscine da interrare richiedono infatti l'esecuzione di uno scavo preliminare e il successivo getto di fondo e pareti in cemento armato: poiché si tratta di opere che potrebbero avere ripercussioni sugli edifici adiacenti con la creazione di lesioni e cedimenti (e conseguenti richieste di risarcimento dei danni), il rispetto di una congrua distanza scongiura ogni rischio.


Piscine fuori terra e distanze tra fabbricati


E le piscine seminterrate o fuori terra, cioè emergenti da piano di campagna, devono rispettare le distanze tra fabbricati?

Anche in questo caso la risposta è articolata.

Per prima cosa bisogna infatti stabilire se la piscina è temporanea oppure definitiva.

Per stabilire la necessità o meno di rispettare le distanze minime dai confini del lotto e dagli altri edifici la giurisprudenza considera proprio questo criterio.

Una piscina interrata è ovviamente un'opera permanente, perché richiede un'alterazione irreversibile dell'originario stato dei luoghi, mentre una piscina fuori terra può essere fissa o smontabile.

Invece, secondo un'interpretazione consolidata, ma purtroppo non univocamente condivisa, le piscine smontabili, facilmente rimovibili a fine stagione e la cui installazione non richiede la costruzione di opere edilizie vengono equiparate a semplici elementi di arredo che non richiedono il rispetto delle distanze legali o il rilascio di titoli edilizi.

Le piscine interrate possono distare meno di tre metri dai confini del lotto
Rientrano in queste categorie le piscinette gonfiabili per bambini e le piscine in kit di montaggio che si acquistano nei negozi di hobbystica, fai da te e articoli per il giardinaggio, con le seguenti caratteristiche:

  • pareti generalmente costituite da membrane in plastica sorrette da una struttura portante in tubi metallici assemblabili a incastro;

  • dimensioni e profondità contenute;

  • impianti accessori molto essenziali (solo pompa e filtro) con assenza di qualsiasi sistema di ricambio costante dell'acqua;

  • installazione con appoggio al suolo su un semplice telo protettivo o uno strato di sabbia di allettamento;

  • facilità e rapidità di montaggio e smontaggio.

Piscine e distanze dai confini del lotto, un problema controverso
Questa interpretazione sembra trovare un preciso riscontro anche a livello normativo.
L'articolo 137 della Legge Regionale della Toscana 137/2014 afferma infatti che:

sono privi di rilevanza urbanistico edilizia le opere, gli interventi e i manufatti non incidenti in modo significativo o permanente sulle risorse del territorio, per i loro oggettivi caratteri di precarietà costruttiva e facile amovibilità o in ragione della temporaneità di installazione.


Naturalmente, tutto ciò è valido solo se l'installazione di una piscina smontabile non si accompagna all'esecuzione di vere e proprie opere edilizie, perché in questo caso si ricadrebbe nella costruzione di opere permanenti soggette sia al rispetto delle distanze previste, sia al rilascio di un permesso edilizio.

Una piscina interrata deroga le distanze minime stabilite tra edifici
Le piscine fisse, generalmente in muratura, sono invece equiparate a vere e proprie costruzioni e richiedono dunque il rispetto delle distanze minime previste dal Codice Civile (tre metri) o dagli strumenti comunali, se più restrittivi.

La giurisprudenza considera infatti costruzioni non solo i veri e propri edifici, ma qualsiasi manufatto non completamente interrato con caratteri di solidità, stabilità ed immobilizzazione rispetto al suolo, anche se realizzara mediante appoggio, incorporazione o collegamento fisso a un corpo di fabbrica preesistente. Tale assunto è ribadito dalla sentenza n. 13389/2011 della Corte di Cassazione.

E le piscine sulle coperture, il patio o un cavedio interno di edifici già esistenti, ad esempio un condominio?

La piscina sul tetto di un edificio preesistente non è soggetta al rispetto delle distanze
A mio parere in questo caso il rispetto delle distanze non è previsto, perché la piscina, facendo parte integrante di un edificio, non si configura come opera a se stante.


Iter per la costruzione di una piscina


Chi volesse costruire una piscina interrata o fuori terra dovrebbe perciò incaricare un proprio tecnico di fiducia, perché il percorso da seguire prevede numerose fasi:

1) Studio di fattibilità preliminare consistente nell'esame del Regolamento Edilizio e degli strumenti di pianificazione urbanistica: tali strumenti possono infatti prescrivere il rispetto di distanze maggiori o condizioni più restrittive come ad esempio dimensioni massime, materiali o accorgimenti costruttivi particolari. Questa condizione è anzi esplicitamente prevista dall'articolo 873 del Codice Civile, che recita:

le costruzioni su fondi finitimi, se non sono unite o aderenti, devono essere tenute a distanza non minore di tre metri. Nei regolamenti locali può essere stabilita una distanza maggiore.



Una piscina non richiede il rispetto delle distanze previste per gli edifici
2) La verifica dei vincoli: in zone con vincolo paesaggistico la costruzione di una piscina può infatti essere esclusa.

3) La stesura di un progetto conforme alle prescrizioni di cui al punto 1.

4) La richiesta del titolo edilizio abilitativo: la costruzione di una piscina, interrata o fuori terra, in base alle norme di ciascun comune richiede normalmente la presentazione di una Segnalazione Certificata di Inizio Attività (SCIA) o il rilascio di un Permesso di Costruire.
Se si ricade in zona di vincolo paesaggistico occorre inoltre la Richiesta di Autorizzazione Paesaggistica presso la Soprintendenza locale.

riproduzione riservata
Articolo: Piscine e distanze legali da rispettare
Valutazione: 5.67 / 6 basato su 6 voti.

Piscine e distanze legali da rispettare: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
REGISTRATI COME UTENTE
309.128 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
Quanto costa, dove lo trovo? Sei un Azienda ? Pubblica i tuoi Prezzi Quì !
  • Copripiscina in pvc
    Copripiscina in pvc...
    1995.00
  • Tenda plissettata elettrica
    Tenda plissettata elettrica...
    237.00
  • Tenda nuvola isola
    Tenda nuvola isola...
    852.00
  • Tenda nuvola parete
    Tenda nuvola parete...
    613.00
  • Termometro pistola digitale ad infrarossi
    Termometro pistola digitale ad...
    35.99
  • Telemetro distanziometro laser
    Telemetro distanziometro laser...
    24.99
Notizie che trattano Piscine e distanze legali da rispettare che potrebbero interessarti


Giardino, regolamento di condominio e piscina

Parti comuni - Il divieto di modificare il giardino va interpretato tenendo presente la specifica costruzione, il contesto in cui essa si inserisce e il dato testuale nel suo complesso.

Coperture telescopiche per piscina: protezione e design

Sistemazione esterna - Poter proteggere la propria piscina in giardino, rendendola vivibile anche tutto l'anno è possibile se si procede all'installazione di una copertura telescopica

Piscina a sfioro: soluzione progettuale per valorizzare lo spazio esterno

Spazio esterno - Piscina a sfioro: idea per una piscina di forma sfalsata a filo pavimento con zona solarium, creando la suggestione di uno specchio d'acqua nello spazio esterno

Biopiscine e laghetti artificiali

Sistemazione esterna - Come trasformare un angolo del nostro giardino in un oasi naturale con le biopiscine.

Piastrelle e posa in opera per rivestimenti di piscine

Spazio esterno - Realizzare le pareti di una piscina è un'operazione precisa e molto scrupolosa in tutte le sue fasi: dalla scelta della piastrella alle verifiche dopo la posa.

Villa con piscina e amaca

Spazio esterno - Progetto su disegno, di villa con piscina e amaca da giardino. Volumi geometrici verticali e orizzontali che si incrociano. In perfetta fusione con l'ambiente naturale.

Piscine e distanze legali

Proprietà - Le norme sulle distanze tra costruzioni non valgono per le piscine interrate. Lo ha (ri)affermato il Tar Napoli con la sentenza n.3520 del 2015 del 2 luglio 2015.

Spazio bordo piscina, il giusto arredo

Arredo giardino - Se nel vostro giardino avete una piscina, dovrete pensare anche all'arredamento per bordo piscina, in modo da aumentare il comfort per un outdoor davvero unico!

Il legno come materiale per realizzare la pavimentazione bordo piscina

Spazio esterno - Pavimento bordo piscina in legno: la soluzione progettuale prevede un mix di doghe a diverse tonalità, piani di posa e pedane sfalsate, per un dinamico outdoor.
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img twigg0
Buongiorno a tutti,avrei bisogno di un vostro parere da esperti.Ho la possibilità di installare una piscina fuori terra su di un terrazzo di mia proprietà.Da...
twigg0 10 Ottobre 2018 ore 15:40 7
Img decot
Vorrei installare una piscina in giardino, ma non so se è necessario chiedere una licenza per la costruzione. In questo caso è una piscina fuori terra del marchio...
decot 31 Maggio 2018 ore 10:17 3
Img didy
Buongiorno,sono proprietario di una seconda casa situata in un complesso condominiale formato da tre edifici che si affacciano sulla piscina condominiale.La piscina ha quattro...
didy 29 Luglio 2015 ore 17:17 1
Img chelomay15
Salve,Faccio parte di un condominio di 14 unitá con una piscina comune.L’anno scorso l’amministratore ci ha comunicato la necessitá di mettere a norma la...
chelomay15 22 Maggio 2014 ore 22:05 1
Img carlobuon
Ciao a tutti, sto pensando di acquistare una piscina fuori terra per la mia tenuta estiva. Non so da dove iniziare, è una fissazione di mia moglie. Qualcuno saprebbe darmi...
carlobuon 16 Aprile 2018 ore 11:29 6