Permesso di costruire e consenso degli altri condomini

NEWS DI Normative21 Gennaio 2014 ore 17:42
Quando un condomino chiede un permesso di costruire ed all'amministrazione è noto il dissenso degli altri comproprietari, serve il loro consenso per concederlo.

Interventi ediliziIn tema di condominio negli edifici e di opere edificatorie da parte di uno dei comproprietari riguardanti le parti comuni, l'amministrazione comunale, che è legittimata a rilasciare il titolo abilitativo per interventi edilizi (nel caso di specie un permesso di costruire), è tenuta a domandare al richiedente il deposito dell'assenso degli altri condomini.

Non sempre, aggiungiamo noi, ma il caso con il quale il T.A.R. Campania sezione distaccata di Salerno ha risolto una vertenza sul tema, lascia adito a pochi dubbi: l'atto di assenso degli altri interessati è necessario a maggior ragione se gli stessi hanno espresso le proprie perplessità nell'ambito del procedimento amministrativo finalizzato al rilascio del permesso.

Vale la pena vedere più da vicino perché s'è arrivati a concludere in tal modo.


Parti comuni ed interventi del condomino


Nel caso risolto dal Tribunale amministrativo regionale campano, la vicenda riguardava un condominio minimo.

In breve: il proprietario del primo piano aveva chiesto ed ottenuto un permesso di costruire per ristrutturazione della propria unità immobiliare che avrebbe interessato anche le parti comuni dell'edificio, in particolare con delle opere comportanti l'innalzamento del tetto.

Sul fatto che al condominio minimo, ossia a quello cui partecipano due sole persone, si applichi la disciplina di cui agli artt. 1117 e ss. c.c. non vi sono dubbi (cfr. su tutte Cass. SS.UU. n. 2046/06 e art. 1117-bis c.c.).

Il vicino del richiedente non voleva saperne di questi lavori e quindi impugnava la concessione edilizia: a suo modo di vedere l'atto amministrativo era da considerarsi illegittimo in quanto l'ente locale avrebbe dovuto, prima di emettere il provvedimento, acquisire il suo consenso quale comproprietario della copertura dell'edificio.


Atti amministrativi, diritti dei terzi ed eccezioni


Solitamente si dice che gli atti amministrativi, e tra essi quelli riguardanti l'attività edilizia, sono rilasciati salvo diritti dei terzi.

Detta banalmente: l'amministrazione verifica solamente se chi ha chiesto poteva farlo, se ciò che ha chiesto è lecito e rilascia l'ok, lasciando però ad eventuali terzi interessati il diritto di difendersi nelle sedi competenti.

Ad esempio attraverso azioni civili o anche amministrative.

In tal caso, però, l'altro interessato non era un terzo qualunque ma il comproprietario, che per giunta aveva già fatto sentire la propria voce nell'ambito del procedimento concessorio.

RistrutturazioneIn questo contesto, afferma il T.A.R. Campania, sebbene la rilevanza giuridica del permesso di costruire si esaurisca, per comune intendimento, nell'ambito del rapporto pubblicistico tra Comune e privato richiedente, senza estendersi ai rapporti tra privati, vi sono dei casi in cui la l'amministrazione non può esimersi dal conoscere anche dei rapporti privatistici: l'ipotesi più importante è, appunto, quella che trae origine dalla verifica del titolo a costruire in capo al soggetto che chiede il rilascio del permesso edilizio. Infatti l'art. 11 DPR 380/01 (e prima ancora l'art. 4 L. 28 gennaio 1977 n. 10) prevede che il permesso di costruire è rilasciato al proprietario dell'immobile o a chi abbia titolo per richiederlo (T.A.R. Campania Sez. dist. di Salerno 28 gennaio 2013 n. 210).

Ciò però, prosegue il Tribunale, senza che l'istruttoria amministrativa svolta dagli enti locali abbia il fine di risolvere contrasti tra privati in merito alla titolarità dell'area, ma con il solo fine di accertare il requisito della legittimazione soggettiva del richiedente.

Insomma non è il T.A.R. a dover dire se un pezzo di terra è di proprietà di Tizio o di Caio, dovendo quel giudice limitarsi a verificare se Tizio e/o Caio abbiano i requisiti di legge per il rilascio dei permessi richiesti.

In questo contesto, si sottolinea in giurisprudenza (da ultimo, ex permultis, TAR Campania, Napoli, sez. II, 31 luglio 2012, n. 3666) che l'affermazione del potere di verifica del titolo di proprietà non significa affatto che l'amministrazione abbia l'obbligo incondizionato di effettuare complessi e laboriosi accertamenti diretti a ricostruire tutte le vicende riguardanti l'immobile considerato (ché, anzi, il principio generale del divieto di aggravamento del procedimento consente di semplificare ed accelerare tutte le attività di verifica, valorizzando gli elementi documentali forniti dalla parte interessata) (T.A.R. Campania Sez. dist. di Salerno 28 gennaio 2013 n. 210).

Come sempre, però, esistono delle eccezioni; per dirla fuori dal linguaggio giuridico, l'amministrazione competente al rilascio del permesso non può girarsi dall'altra parte ignorando una realtà di fatto che le s'è orami palesata.

In buona sostanza, qualora l'amministrazione sia portata a conoscenza dell'esistenza di diritti vantati da terzi soggetti sull'immobile, non potrà esimersi dal verificare la situazione. Così, in caso di opere che vadano ad incidere sul diritto di altri comproprietari, è legittimo (ed anzi doveroso) esigere il consenso degli stessi e negare il rilascio del permesso qualora vi sia un conclamato dissidio.

Su tali basi, si ritiene perciò che, se normalmente l'amministrazione non è tenuta a svolgere indagini particolari in presenza della richiesta edificatoria prodotta da un condomino, al contrario, qualora uno o più degli altri condomini si attivino per denunciare il proprio dissenso rispetto al rilascio del titolo edificatorio, il Comune deve verificare se l'istante abbia l'effettiva disponibilità del bene oggetto dell'intervento edificatorio; in altri termini il Comune verifica il rispetto dei limiti privatistici, purché siano immediatamente conoscibili, effettivamente e legittimamente conosciuti nonché incontestati, di guisa che il controllo si traduca in una semplice presa d'atto (T.A.R. Campania Sez. dist. di Salerno 28 gennaio 2013 n. 210).

Come dire: se nulla emerge nulla dev'essere domandato ma se si sa, perché i fatti emergono dalle carte del procedimento che si sta intervenendo su beni anche in parte altrui, non può non domandarsi il consenso di queste persone.

riproduzione riservata
Articolo: Permesso di costruire e consenso degli altri condomini
Valutazione: 4.00 / 6 basato su 1 voti.

Permesso di costruire e consenso degli altri condomini: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
Notizie che trattano Permesso di costruire e consenso degli altri condomini che potrebbero interessarti
Quando decade il permesso di costruire?

Quando decade il permesso di costruire?

Leggi e Normative Tecniche - Permesso di costruire e inizio dei lavori: quali sono i termini per evitare la decadenza del titolo abilitativo. Ecco i chiarimenti del Tar della Valle d'Aosta.
Gazebo e porticati: quando ci vuole il permesso di costruire?

Gazebo e porticati: quando ci vuole il permesso di costruire?

Leggi e Normative Tecniche - Quando è necessaria l'autorizzazione da parte del Comune per costruire gazebo e porticati. Ecco i chiarimenti sul punto del Tar della Toscana e della Calabria.
Permesso di costruire e proroghe dei termini di scadenza

Permesso di costruire e proroghe dei termini di scadenza

Leggi e Normative Tecniche - Per gli interventi edilizi, sottoposti a Permesso di Costruire, la Legge regolamenta i tempi di inizio e fine lavori, e eventuali proroghe sui termini di scadenza.

Termine per l'inizio lavori con Permesso di Costruire

Leggi e Normative Tecniche - Quando si ottiene un permesso di costruire i lavori devono cominciare entro un anno dal rilascio del titolo abilitativo, a meno che non si chieda proroga motivata.

Abuso edilizio: secondo la Cassazione è responsabile anche il progettista

Leggi e Normative Tecniche - In caso di abuso edilizio per l'opera realizzata senza permesso di costruire è responsabile anche il progettista dei lavori. È quanto affermato dalla Cassazione

730 precompilato: comunicazione delle spese di ristrutturazione del condominio

Fisco casa - L'Agenzia delle Entrate pubblica le istruzioni per inviare al Fisco i dati relativi alle spese effettuate per lavori di ristrutturazione nell'ambito condominiale

Muro di recinzione e permesso di costruire: i chiarimenti della Cassazione

Leggi e Normative Tecniche - In caso di realizzazione di un muro di cinta la Cassazione precisa quando sia necessario richiedere il permesso di costruire e le autorizzazioni paesaggistiche.

Bonus ristrutturazioni per il condominio minimo: i chiarimenti dell'Agenzia delle Entrate

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Possibile per i condomini di un condominio minimo portare in detrazione le spese per lavori di ristrutturazione su parti comuni. Cosa dice l'Agenzia delle Entrate

Quali documenti bisogna consultare prima di acquistare all'asta un immobile in costruzione?

Comprare casa - Quando la casa all'asta è in corso di costruzione si rende necessaria qualche verifica in più, in particolare in merito alla validità del permesso di costruire.
REGISTRATI COME UTENTE
295.492 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
  • Box doccia sfera
    Box doccia sfera...
    332.00
  • Manutenzione condomini Monza e Brianza, Milano
    Manutenzione condomini monza e...
    19.00
  • Manutenzione Stabili, Condomini, Uffici Milano
    Manutenzione stabili, condomini,...
    100.00
  • Rifacimenti esterni
    Rifacimenti esterni...
    500.00
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Officine Locati
  • Inferriate.it
  • Mansarda.it
  • Weber
  • Kone
  • Faidatebook
  • Black & Decker
MERCATINO DELL'USATO
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
I NOSTRI VIDEO SU YOUTUBE
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.