Permessi comunali e detrazioni fiscali

NEWS DI Normative19 Novembre 2013 ore 10:34
Come verificare la necessità di un'abilitazione comunale quando si esegue un intervento edilizio e che relazioni sussistono tra abilitazioni e detrazioni fiscali.

disegni per pratica comunaleÈ obbligatorio presentare la richiesta di un permesso di costruire (o altra pratica, come DIA, SCIA o una semplice comunicazione di inizio lavori) quando si realizzano interventi che possono beneficiare delle detrazioni fiscali sulle ristrutturazioni edilizie o sul risparmio energetico?

In realtà la necessità o meno di una pratica comunale non nasce tanto dal fatto di voler accedere ad un beneficio fiscale, ma da obblighi di tipo urbanistico-edilizio. Pertanto ogni volta che si esegue un intervento bisogna sempre prima verificare se necessiti di burocrazia da un punto di vista urbanistico-edilizio ed eventualmente in che termini, indipendentemente dall'intenzione di accedere o meno alle detrazioni fiscali.


Come verificare se è necessaria una pratica comunale


La verifica della necessità di una pratica comunale può essere affidata al tecnico (architetto, ingegnere, geometra) che segue l'intervento, o, nel caso di interventi semplici, essere fatta dallo stesso proprietario dell'immobile, che si può rivolgere direttamente all'ufficio tecnico comunale per ottenere chiarimenti.

Molto spesso mi viene chiesto quale tipologia di pratica comunale è necessario presentare per uno specifico intervento. In realtà una risposta univoca in tutta Italia non esiste. Da un lato perché, oltre ad esserci una normativa nazionale, esistono anche norme regionali e locali, come pure abitudini e preferenze dei singoli uffici tecnici comunali. Quindi come prima indicazione trovo sempre molto utile contattare l'ufficio tecnico del Comune in questione, descrivere con precisione cosa si intende realizzare e concordare la pratica più idonea al caso specifico.

verifiche per necessità abilitazione comunaleDall'altra parte subentrano talvolta altre questioni. Ad esempio per determinati interventi è possibile scegliere fra più tipologie di pratiche comunali. Come scegliere? Personalmente ritengo che la scelta vada ben ponderata in base al tipo di intervento e alle esigenze delle persone coinvolte. Se un proprietario ha particolare fretta di procedere, potendo scegliere fra un Permesso di costruire o una DIA, sceglierà con molta probabilità la seconda opzione, perché i tempi burocratici si accorciano notevolmente pur a fronte di una certa assunzione di responsabilità sia per il proprietario sia per il tecnico che firma la pratica.

Quando invece si intende realizzare un intervento un po' delicato, di cui non si è poi così certi della regolarità urbanistico-edilizia, è invece preferibile tutelare al massimo sia il proprietario che il progettista, optando per pratiche edilizie, come il permesso di costruire, che hanno tempi più lunghi, ma che una volta approvate dal Comune lasciano maggior tranquillità per procedere.


Conservazione della pratica comunale per le detrazioni fiscali


Una volta verificata la necessità o meno di una pratica comunale, come ci si deve comportare ai fini delle detrazioni fiscali?

È innanzitutto importante segnalare che le detrazioni fiscali sono possibili solo per interventi che rispettano le norme urbanistiche ed edilizie. Per tale motivo l'Agenzia delle Entrate fa rientrare nell'elenco dei documenti da conservare ed esibire in caso di controlli sulle detrazioni fiscali anche le abilitazioni amministrative comunali.

Quindi se eseguo un intervento di ristrutturazione edilizia della mia abitazione e accedo alla detrazione fiscale sulle ristrutturazioni, dovrò conservare la pratica (permesso di costruire, Dia, Scia, ecc.) che il Comune ha richiesto per eseguire l'intervento e la dovrò esibire qualora l'Agenzia delle Entrate effettui controlli relativamente alle detrazioni fiscali che ho chiesto.


Dichiarazione sostitutiva di atto notorio


permesso comunale detrazioni fiscaliCosa fare invece quando la normativa non prevede alcun titolo abilitativo per un intervento di cui si desidera beneficiare delle detrazioni fiscali? In occasione di un eventuale controllo in questo caso l'Agenzia delle Entrate vi chiederà semplicemente di stilare e firmare una sorta di autocertificazione che motivi la mancanza di una pratica comunale. Si tratta esattamente della dichiarazione sostitutiva di atto notorio.

In questa dichiarazione il beneficiario della detrazione deve indicare la data in cui sono stati avviati i lavori e attestare che gli interventi realizzati rientrano fra quelli agevolati. L'Agenzia delle Entrate non fornisce un modello di dichiarazione da compilare, ognuno può predisporla da sé. L'importante è che nella dichiarazione siano presenti le informazioni sopra indicate, alle quali aggiungerei i dati del beneficiario della detrazione e dell'immobile oggetto di intervento. Di solito consiglio di fare anche riferimento alla pagina della guida dell'Agenzia dell'Entrate sulle detrazioni fiscali in cui si menzionano le opere di nostro interesse, motivandone così la detraibilità. Questi ultimi sono solo consigli, non obblighi.

Ricordo infine che, trattandosi di un'autocertificazione, la dichiarazione sostitutiva di atto notorio dovrà essere accompagnata da una copia fotostatica di un documento di identità del sottoscrittore.

riproduzione riservata
Articolo: Permessi comunali e detrazioni fiscali
Valutazione: 4.60 / 6 basato su 5 voti.

Permessi comunali e detrazioni fiscali: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Lorenzo Selleri
    Lorenzo Selleri
    Domenica 2 Aprile 2017, alle ore 11:42
    La dichiarazione sostitutiva di atto notorio va fatta solamente in caso di controllo dell'agenzia delle entrate?
     Non devo farla prima di iniziare i lavori che rientrano nel bonus ristrutturazioni?
    Inoltre, da chi deve essere firmata?
    rispondi al commento
  • Alessandro1976
    Alessandro1976
    Venerdì 30 Gennaio 2015, alle ore 23:18
    Buonasera, sono detentore di villino che presenta abitazione al primo piano e deposito C2 al secondo piano. Sto eseguendo una manutenzione straordinaria al secondo piano che prevede a fine lavori un cambio di destinazione d uso da C2 ad abitazione , tengo a precisare che x effettuare tale manutenzione straordinaria ho pagato gli oneri di.sanatoria. La domanda e' se ai fini della detrazione irpef e' tutto ok, grazie
    rispondi al commento
    • Sara.m.
      Sara.m. Alessandro1976
      Lunedì 2 Febbraio 2015, alle ore 11:29
      Sì, la detrazione sulle ristrutturazioni è ammessa anche per cambi di desinazione d'uso da qualsiasi categoria catastale ad abitazione.
      rispondi al commento
  • Antonioantonioafn
    Antonioantonioafn
    Mercoledì 1 Ottobre 2014, alle ore 21:50
    Salve a tutti, vorrei delle delucidazioni riguardanti le detrazioni del 50 per cento per ristrutturazione: dovrei far installare un condizionatore inverter e dovrei installare io personalmente avendo le conoscenze appropriate un impianto di allarme e uno di video sorveglianza. Per questi lavori devo presentare qualche richiesta al comune ( SCIA ) o posso usufruire delle agevolazioni solo presentando in fase di 730 le fatture con bonifici allegati
    rispondi al commento
    • Sara.m.
      Sara.m. Antonioantonioafn
      Lunedì 6 Ottobre 2014, alle ore 23:18
      Per gli interventi citati non sono necessarie pratiche comunali.
      rispondi al commento
      • Antonioantonioafn
        Antonioantonioafn Sara.m.
        Venerdì 10 Ottobre 2014, alle ore 10:40
        Salve vorrei sapere se acquisto tutto il materiale x fare un impianto di allarme e lo monto io posso richiedere la detrazione del 50% x ristrutturazione? Le fatture le pagherei con bonifico bancario. Oppure ho bisogno x forza della certificazione di un installatore? Io lavoro in una ditta di installazione di allarmi ma non sono iscritto all'albo. Vi ringrazio anticipatamente.
        rispondi al commento
  • Gianni
    Gianni
    Giovedì 28 Novembre 2013, alle ore 15:55
    Caro Arch. dovendo spostare box doccia e lavabo rifacendo questi impianti nuovi e lasciando gli altri come sono: A rientro nelle detrazioni, B cosa devo presentare al comune scia o comma 1 art 6?
    Ringrazio e mi complimento per i suoi forum.
    rispondi al commento
    • Arch.martinelli
      Arch.martinelli Gianni
      Venerdì 29 Novembre 2013, alle ore 12:15
      Se viene rifatto anche parte dell'impianto, sì, rientra nelle detrazioni.
      In Comune presenterei una semplice comunicazione di inizio lavori.
      rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
Notizie che trattano Permessi comunali e detrazioni fiscali che potrebbero interessarti
Tagli alle detrazioni fiscali

Tagli alle detrazioni fiscali

Normative - Approvata alla Camera la legge di conversione della Manovra Finanziaria che introduce una serie di tagli a tutte le agevolazioni fiscali, comprese quelle per la casa.
Dichiarazione di successione telematica: nuovi soggetti abilitati

Dichiarazione di successione telematica: nuovi soggetti abilitati

Fisco casa - Si allarga il novero degli intermediari abilitati alla trasmissione telematica delle dichiarazioni di successione, ecco i nuovi incaricati: geometri e ingegneri
Detrazioni fiscali per sistemi di sicurezza

Detrazioni fiscali per sistemi di sicurezza

Detrazioni e agevolazioni fiscali - È possibile proteggere casa da atti illeciti, grazie all'installazione di sistemi di sicurezza: vediamo quali interventi, nello specifico, risultano detraibili al 50%.

Fattura per detrazioni fiscali

Detrazioni e agevolazioni fiscali - A chi vanno intestate le fatture relative a lavori che possono beneficiare delle detrazioni fiscali sulla casa, quando vanno emesse e cosa devono riportare?

Chi può fruire della detrazione sul risparmio energetico (65%)

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Possono accedere alla detrazione i titolari di redditi soggetti ad IRPEF/IRES che posseggono o detengono l'immobile, familiari conviventi e promissari acquirenti.

Sismabonus anche per società e per immobili in locazione

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Sismabonus: previsto anche a favore delle società che danno in affitto immobili sui quali sono stati effettuati interventi antisismici. Ecco cosa dice il Fisco.

Ecobonus 2018: è attivo il portale online di Enea per la trasmissione dati

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Il portale online dell'Enea è attivo. Possibile effettuare la trasmissione dei dati per fruire dei benefici fiscali per interventi di riqualificazione energetica

Legge di Stabilità e tagli detrazioni

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Presentata la Legge di Stabilità per il 2013, che prevede tagli alle detrazioni, da cui sono escluse quelle per le ristrutturazioni, ma non quelle per i mutui.

Piano straordinario per l'edilizia

Normative - Le principali novita' previste per il settore edilizio dal piano straordinario annunciato dal Presidente del Consiglio.
REGISTRATI COME UTENTE
294.511 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
  • Pratiche detrazioni fiscali
    Pratiche detrazioni fiscali...
    500.00
  • Coppo Corinzio Reggio Emilia
    Coppo corinzio reggio emilia...
    18.00
  • Ristrutturazioni di pregio
    Ristrutturazioni di pregio...
    500.00
  • Canna fumaria
    Canna fumaria...
    150.00
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Officine Locati
  • Pensiline.net
  • Mansarda.it
  • Black & Decker
  • Weber
  • Faidatebook
  • Kone
MERCATINO DELL'USATO
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
I NOSTRI VIDEO SU YOUTUBE
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.