Perché chi acquista paga le spese arretrate?

NEWS DI Ripartizione spese13 Marzo 2014 ore 11:46
In tema di condominio uno dei problemi più frequenti, e motivo di litigio al momento della compravendita d'una unità immobiliare, riguarda le spese condominiali.

Compravendita e spese condominiali


In materia di condominio una delle domande più ricorrenti, nonché dei motivi di maggiore frizione al momento della compravendita d'una unità immobiliare, è quella inerente la sorte delle spese condominiali non pagate dal venditore.

SpeseIn questi casi la prima risposta che viene in mente è la seguente: l'acquirente è obbligato in solido con il venditore per le spese condominiali relative all'anno precedente ed a quello nel corso del quale è avvenuta la compravendita.

Vale la pena a scanso di equivoci porre ulteriormente l'accento in modo chiaro e preciso sui motivi di tale affermazione. Le obbligazioni condominiali sono dette propter rem, vale a dire legate a doppio filo alla proprietà della porzione di piano ubicata in condominio.

Per essere ancor più chiari: quando Tizio è condomino, sarà lui ad essere il titolare dell'obbligazioni di pagamento. Se cederà l'appartamento a Caio, l'obbligazione si sposterà automaticamente su quest'ultimo. Il riferimento è alle obbligazioni che devono ancora sorgere perché quelle già sorte rimarranno di competenza di chi era proprietario al momento della loro insorgenza.

Le disposizioni di attuazione del codice civile, quindi, prevedono una deroga a questo principio di carattere generale.

Il riferimento è al secondo comma dell'art. 63 disp. att. c.c., in base al quale, si diceva in principio, chi subentra nei diritti di un condominio è obbligato, solidalmente con questo, al pagamento dei contributi relativi all'anno in corso e a quello precedente.

Spese condominialiLa previsione di un vincolo di solidarietà è posta nell'interesse della compagine condominiale che in tal modo avrà maggiore facilità a recuperare le somme dovute in relazione all'appartamento oggetto di compravendita.

Ricordiamo, infatti, che ai sensi del primo comma del medesimo articolo per la riscossione dei contributi in base allo stato di ripartizione approvato dall'assemblea, l' amministratore può ottenere decreto di ingiunzione immediatamente esecutivo, nonostante opposizione.

Ciò vuol dire che, nella più pessimistica delle ipotesi, l'acquirente può vedersi notificato un decreto ingiuntivo di pagamento per spese relative ad interventi di cui non ha nemmeno minimamente goduto. Resta fermo, naturalmente, il diritto di regresso verso il cedente per le quote che questi avrebbe dovuto corrispondere alla compagine.


Solidarietà e rimedi


Spesso si sente dire che la regolamentazione in seno all'atto d'acquisto delle spese condominiali, con addebito esclusivo al venditore, mette l'acquirente al riparo da possibili azioni giudiziarie.

L'affermazione, così come formulata, è errata.

Ciò perché è vero che il compratore può essere tenuto esente da tutte le spese condominiali pregresse (anche quelle deliberate e non eseguite) ma questa previsione a mero valore interno, rende legittima un'azione di regresso verso chi vende ma non può mai bloccare l'azione giudiziale del condominio.

In questo contesto, pertanto, per chi compra un appartamento è sempre bene oltre a pretendere determinate garanzie anche verificare che sia tutto in regola per evitare lunghe, seppur vincenti, controversie giudiziarie.

In tal senso, la riforma del condominio ha istituzionalizzato una prassi molto ricorrente: stiamo parlando delle dichiarazioni dell'amministratore sullo stato dei pagamenti.

Ai sensi dell'art. 1130 c.c., infatti, l'amministratore deve fornire al condomino che ne faccia richiesta attestazione relativa allo stato dei pagamenti.

In buona sostanza avere una dichiarazione dell'amministratore nella quale si afferma che, al netto di eventuali conguagli, il condomino sia in regola (o meno con i pagamenti) mette le parti al riparto da sorprese.

Ad ogni buon conto è bene ricordare che il venditore resta solidalmente obbligato con il compratore al pagamento di tutte le spese condominiali fintanto che non venga comunicata all'amministratore copia autentica dell'atto di compravendita (art. 63, quinto comma, disp. att. c.c.).

riproduzione riservata
Articolo: Perché chi acquista paga le spese arretrate?
Valutazione: 3.74 / 6 basato su 34 voti.

Perché chi acquista paga le spese arretrate?: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Sena Mariano
    Sena Mariano
    Mercoledì 25 Maggio 2011, alle ore 21:19
    Egregio avvocatosono subentrato nella prprietà di un appartamento nell'anno 2009 oggi vengo intimato a pagare le spese di una lite condominiale sfavorevolmente esitata iniziata nell'anno 2002E' possibile che siano a me addebitabili le spese di un giudizio per il quale non avrei potuto dare mandato non essendo parte a quell'epoca del condominio?
    rispondi al commento
  • Consigli Marco
    Consigli Marco
    Lunedì 6 Dicembre 2010, alle ore 17:56
    Buongiorno Avvovato,Ho venduto il mio appartamento sul quale,prima della vendita , erano stato deliberati dei lavori straordinari.Prima della stipula del contratto di vendita ho saldato tutto l'importo a consuntivo.Dopo circa un anno l'acquirente mi rimanda la lettera dell'amministratore con indicato l'importo a saldo dei lavori sopracitati. trattandosi di lavori relativi all'installazione di pannelli solari, vorrei sapere se sono tenuto a pagare il saldo avendo già pagato a suo tempo l'importo consuntivo, anche in considerazione che tale impianto è stato sfruttato fin dall'inizio dal nuovo acquirenre.La ringrazio anticipatamente
    rispondi al commento
  • Adriano
    Adriano
    Venerdì 3 Dicembre 2010, alle ore 12:53
    Buongiorno Avvovato,ho comprato casa all'asta nel mese di Gennaio 2010 (occupata senza titolo fino a giugno 2010) ed ho pagato tutte le quote condominiali dell'anno in corso.Alla riunione condominiale (fatta dopo 2 anni), si è discusso del bilancio e per gli anni 2008 e 2009 si è calcolato un importo da pagare. Sono tenuto a pagare nonostante abbia acquistato all'asta? O tali cifre andavano chieste al Tribunale?Inoltre sono venuto a conoscenza che ci sono circa 10 anni di tfr del portiere mai versati. Come devo comportarmi per questi importi?Grazie anticipatamente
    rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
Notizie che trattano Perché chi acquista paga le spese arretrate? che potrebbero interessarti
Torna la solidarietà condominiale? Sembra di si!

Torna la solidarietà condominiale? Sembra di si!

Ripartizione spese - Torna la solidarietà tra condomini per le spese comuni? A leggere la sentenza n. 1133 resa dal Tribunale di Bari lo scorso 30 marzo parrebbe proprio di si.
Compravendita di un appartamento: chi paga le spese condominiali arretrate?

Compravendita di un appartamento: chi paga le spese condominiali arretrate?

Ripartizione spese - In caso di compravendita di un appartamento in condominio è possibile che sorgano contestazioni in merito alle spese. Cosa bisogna sapere per evitare una causa?
Nuovo condomino e pagamento delle spese condominiali del venditore

Nuovo condomino e pagamento delle spese condominiali del venditore

Ripartizione spese - Il nuovo condomino non ha altra possbilità se non quella di pagare le spese condominiali del venditore, per poi rivalersi sullo stesso delle somme sborsate

Quali spese deve pagare il compratore dell'appartamento?

Condominio - Comprare un appartamento in condominio e dopo qualche giorno dall'acquisto vedersi richieste le spese condominiali arretrate. Vediamo quali sono le spese da pagare.

Cessione dell'appartamento e spese condominiali

Ripartizione spese - In tema di solidarietà tra compratore e venditore nel pagamento delle spese condominiali ai sensi dell'art. 63 disp. att. c.c., quale può essere il ruolo del regolamento?

Acquisto casa: a chi spettano le spese condominiali

Ripartizione spese - In caso di vendita di un appartamento in condominio, a chi spetta il pagamento di eventuali spese arretrate? Differenza tra spese ordinarie e spese straordinarie

Spese condominiali per la casa coniugale

Condominio - Marito e moglie sono proprietari (in comunione dei beni) di un?unità immobiliare ubicata in condominio

Spese condominiali contestate

Ripartizione spese - Le spese condominiali devono essere pagate perché si è proprietario di un'unità immobiliare ubicata in condominio. Chi e in che modo può contestarle se le ritiene errate?

Proprietà indivisa: spese condominiali ogni comproprietario ne risponde

Ripartizione spese - La proprietà indivisa di un appartamento in condominio consente di agire contro ogni comproprietario per le spese condominiali.
REGISTRATI COME UTENTE
295.444 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
  • Pratiche detrazioni fiscali
    Pratiche detrazioni fiscali...
    500.00
  • Colombo cavalletto portaoggetti universale per box doccia
    Colombo cavalletto portaoggetti...
    238.00
  • Montegrappa lavatoio lavella 60x60 bianco
    Montegrappa lavatoio lavella 60x60...
    342.00
  • Colombo cesto portabiancheria ecopelle bianco
    Colombo cesto portabiancheria...
    132.00
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Officine Locati
  • Mansarda.it
  • Inferriate.it
  • Faidatebook
  • Weber
  • Black & Decker
  • Kone
MERCATINO DELL'USATO
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.