Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Pagamento del canone di locazione

NEWS Affittare casa17 Marzo 2015 ore 00:30
In tema di pagamento del canone di locazione, le parti del contratto devono rispettare delle regole, previste dalla legge e/o dal contratto, riguardo i tempi e i modi.

Canone di locazione


Canone di locazioneLa locazione è un contratto personale di godimento a prestazioni corrispettive nel quale una parte – il locatore – si obbliga a concedere il godimento di un bene e l'altra parte – il conduttore – si obbliga a pagare un corrispettivo, il così detto canone di locazione (cfr. art. 1571 c.c.).

Il contratto di locazione può essere stipulato per soddisfare esigenze abitative o per fini differenti (es. locazione studi professionali o locali commerciali).

La determinazione del canone di locazione è rimessa alla libera contrattazione delle parti, ma rispetto a determinate tipologie di accordo tale libertà di contrattazione è limitata da vincoli di carattere legislativo e regolamentare. Non si tratta di misure di canone predeterminato, quanto piuttosto di limiti di canone invalicabili rispetto allo specifico accordo.

Un esempio chiarirà questo aspetto. S'ipotizzi che le parti addivengano all'intesa di stipulare un contratto così detto 3+2 (durata triennale con rinnovo biennale automatico, salvo particolari motivi che legittimano la disdetta del locatore).

Il contratto appena citato viene comunemente (e legislativamente) definito come contratto a canone concordato. In sostanza il canone di locazione non può essere superiore a quanto stabilito da accordi territoriali fra le organizzazioni della proprietà edilizia e degli inquilini maggiormente rappresentative, nel rispetto di quanto specificato dalla legge n. 431/98 (art. 2 terzo comma) e dal successivo decreto ministeriale del 30 dicembre 2002 (art. 1).

Lo stesso dicasi per la locazione ad uso transitorio, nonché per le locazioni di immobili per ragioni di studio universitario.

Diversa la situazione per i contratti così detti 4+4 e per quelli per uso diverso da quello abitativo; in tali circostanze il canone di locazione è liberamente determinato dalle parti. Lo stesso dicasi per i contratti ad uso turistico.

I contratti di locazione, salvo il caso di quelli con durata inferiore a trenta giorni, devono essere registrati presso l'agenzia delle entrate.


Tempi e modalità di pagamento del canone di locazione


Pagamento canone di locazioneQuando ed in che modo il conduttore deve pagare il canone di locazione?

Partiamo dal dato temporale; si tratta di un aspetto dell'accordo che le parti disciplinano nel contratto.

Solitamente il pagamento è previsto con cadenza mensile anticipata: in sostanza per il godimento dell'unità immobiliare nel mese X pago all'inizio del mese. Nulla vieta che le parti possano prevedere un pagamento posticipato o, ad esempio, bimestrale, trimestrale, ecc.

Quanto alle modalità di pagamento, esse dipendono dalla misura del canone pattuito. Fino ad € 999,99 è consentito il pagamento in contanti, mentre per importi superiori è obbligatorio il pagamento per mezzo di bonifico o assegno bancario o postale.

L'assegno, non essendo equiparabile al denaro contante, può essere sempre rifiutato quale modalità di pagamento, salvo il caso in cui il contratto preveda diversamente.

Rispetto alla fatidica soglia di € 1.000,00 prevista dalla legge rispetto all'obbligo di bonifico anche il Ministero delle finanze è intervento per chiarire che sotto questa cifra resta legittimo il pagamento in contante.


Ritardo nel pagamento del canone di locazione


Che cosa succede se il conduttore paga in ritardo il canone di locazione?

L'art. 5 della legge n. 392/78 specifica che il mancato pagamento del canone entro venti giorni dalla scadenza prevista – com'anche degli oneri accessori quando l'ammontare arrivi a due mensilità di canone – comporta la risoluzione del contratto, salvo l'applicazione del così detto termine di grazia.

Che cosa vuol dire termine di grazia?

L'art. 55 della legge n 392/78 consente al conduttore, al massimo per tre volte nel corso di un quadriennio di pagare i canoni scaduti (oltre interessi e spese legali) all'udienza prevista per la convalida dello sfratto per morosità.

Il pagamento nei modi e nel termine così previsto comporta una sorta di sanatoria: insomma il contratto è salvo e tutto riprende come prima.

In casi di particolare difficoltà economica (comprovata) del conduttore, il termine di pagamento può essere spostato fino a centoventi giorni dalla data dell'udienza di comparizione.

Nei casi di morosità incolpevole (es. perdita del lavoro) a determinate condizioni è possibile accedere ad un fondo che ha lo scopo di sopperire a questa situazione di difficoltà e quindi salvaguardare il contratto.

Resta ferma la possibilità per le parti di chiedere la rinegoziazione del canone di locazione: essa potrà avvenire solamente nel caso in cui v'è accordo tra entrambe le parti.

riproduzione riservata
Articolo: Canone di locazione
Valutazione: 5.33 / 6 basato su 3 voti.

Canone di locazione: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
REGISTRATI COME UTENTE
309.230 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
Quanto costa, dove lo trovo? Sei un Azienda ? Pubblica i tuoi Prezzi Quì !
  • Ristrutturazione negozi e pub Milano e provincia
    Ristrutturazione negozi e pub...
    299.00
  • Ristrutturazione capannoni Milano e dintorni
    Ristrutturazione capannoni milano...
    200.00
  • Ristrutturazioni uffici Milano e dintorni
    Ristrutturazioni uffici milano e...
    299.00
  • Ristrutturazione low cost Milano e provincia
    Ristrutturazione low cost milano e...
    200.00
Notizie che trattano Canone di locazione che potrebbero interessarti


Contratti di locazione a canone concordato: agevolazioni fiscali solo se c'è attestazione

Affittare casa - In caso di contratto di locazione a canone concordato non assistito, per le agevolazioni fiscali è necessaria l'attestazione delle organizzazioni di categoria.

Agevolazioni fiscali per i proprietari che affittano

Affittare casa - Il reddito della locazione, viene tassato in maniera differente a seconda del tipo di contratto e anche per i proprietari vi sono delle agevolazioni fiscali.

Locazione: nulli i canoni pattuiti in nero

Fisco casa - Nulla la scrittura privata successiva al contratto che stabilisce un canone di locazione più alto per evadere le tasse(Cassazione, sent.n°18213 del 17/09/2015).

Affitto: non sono dovuti i lavori di tinteggiatura a fine locazione

Affittare casa - Quando si lascia la casa in affitto l'inquilino non è obbligato a tinteggiare le pareti. Lo dice la Corte di cassazione con la recente sentenza n. 29329 del 2019

Registrazione del contratto di locazione, tempi e costi

Affittare casa - La registrazione del contratto di locazione rappresenta un obbligo per le parti che dev'essere adempiuto in breve termine e che comporta l'esborso di denaro.

Arriva la cedolare secca per locazioni commerciali con canone variabile

Affittare casa - Cedolare secca per locazioni commerciale. Il contratto prevedere un canone variabile. È quanto chiarito dall'Agenzia delle Entrate con risposta ad interpello.

Riduzione del canone di locazione

Affittare casa - Nel caso di locazioni immobiliari destinate all'uso abitativo, non sempre, anzi quasi mai, il canone di locazione può essere abbassato senza nuovo accordo tra le parti.

Affitto: il locatore può cedere il contratto senza consenso dell'inquilino

Affittare casa - Per la cessione del contratto di locazione da parte del padrone di casa non è richiesto il consenso del conduttore. Lo dice la Cassazione con una recente sentenza

Locazione, registrazione del contratto e canone di affitto

Affittare casa - La legge prevede un meccanismo di registrazione dei contratti di locazione che consente di entrate nel circuito legale con grande vantaggio sul canone da corrispondere.
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img elisamts88
Buongiorno, ho un dubbio riguardo la pertinenza di spese per la riparazione di due problemi strutturali verificatisi nell'appartamento (anni '70) in cui sono in affitto. Un...
elisamts88 12 Settembre 2019 ore 14:09 3
Img francoli
Salve avrei bisogno di sapere se dopo la prima scadenza di un contratto di locazione (4+4) con rinnovo automatico per i 4 anni a seguire, ad un anno circa dalla scadenza dello...
francoli 05 Gennaio 2007 ore 08:07 3
Img alexciri
Possiedo un appartamento che ho affittato con un contratto di locazione di 4+4, rinnovabile automaticamente a meno che io avvisi gli inquilini 6 mesi prima con raccomandata A/R...
alexciri 26 Marzo 2014 ore 16:05 1
Img arcangelo.calo
Salveil mio contratto di locazione scade il 1° luglio 09, a quale indice Istat dovrei aggiornarlo giugno o luglio (che non è ancora stato pubblicati) e qual'è il...
arcangelo.calo 28 Giugno 2009 ore 16:37 1
Img maryquant
Buonasera.Vorrei chiedere come si fa a stipulare un contratto di affitto per l'appartamento di proprietá del condominio.Grazie...
maryquant 27 Agosto 2015 ore 23:09 7