Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA

Ordinanza per lavori edili urgenti

NEWS Manutenzione condominiale17 Novembre 2014 ore 18:22
In tema di manutenzione e conservazione degli immobili, le amministrazioni comunali hanno il potere di emettere ordinanze per far fronte a situazioni urgenti di pericolo.

Responsabilità per la manutenzione degli edifici


Il proprietario di un edificio, o i suoi proprietari nel caso di condominio , è tenuto a mantenerlo in stato tale da evitare che lo stesso possa risultare pericoloso.

Edificio pericolanteQuesta regola, desumibile dai principi di carattere generale, è anche scritta in modo chiaro, oltre che solitamente nei regolamenti edilizi locali, anche nel codice penale.

Ai sensi dell'art. 677 c.p.:

Il proprietario di un edificio o di una costruzione che minacci rovina ovvero chi è per lui obbligato alla conservazione o alla vigilanza dell'edificio o della costruzione, il quale omette di provvedere ai lavori necessari per rimuovere il pericolo, è punito con la sanzione amministrativa pecuniaria da euro 154 a euro 929.

La stessa sanzione si applica a chi, avendone l'obbligo, omette di rimuovere il pericolo cagionato dall'avvenuta rovina di un edificio o di una costruzione.

Se dai fatti preveduti dalle disposizioni precedenti deriva pericolo per le persone, la pena è dell'arresto fino a sei mesi o dell'ammenda non inferiore a euro 309.

L'articolo in esame prevede una responsabilità penale rispetto alla quale può essere chiamato a rispondere anche l'amministratore di condominio.

È evidente che sebbene la norma faccia riferimento a delle situazioni di degrado e pericolo non può non evidenziarsi che da questa particolare fattispecie discenda l'obbligo di manutenzione finalizzato ad evitare la deriva patologica penalmente rilevante.


Poteri amministrativi e opere manutentive


In questo contesto, non è solamente il codice penale a prevedere delle sanzioni per l'incuria nella manutenzione degli edifici.

Prima di arrivare nelle aule di Tribunale, ci sono (come si suole dire) altri enti preposti alla vigilanza sulla buona tenuta degli edifici, legittimati ad impartire ordini perentori al tal fine.

È il caso delle ordinanze sindacali contingibili ed urgenti, previste dall'art. 54, quarto comma, d.lgs n. 267/00 (detto anche testo unico degli enti locali), il quale recita:

Manutenzione edificiIl sindaco, quale ufficiale del Governo, adotta, con atto motivato e nel rispetto dei principi generali dell'ordinamento, provvedimenti contingibili e urgenti al fine di prevenire e di eliminare gravi pericoli che minacciano l'incolumità pubblica e la sicurezza urbana. I provvedimenti di cui al presente comma sono tempestivamente comunicati al prefetto anche ai fini della predisposizione degli strumenti ritenuti necessari alla loro attuazione.

Non osservare l'ordinanza sindacale comporta la denuncia per il reato di cui all'art. 650 c.p. (Inosservanza dei provvedimenti dell'autorità); insomma in un modo o nell'altro disinteressarsi del proprio immobile può comunque portare delle conseguenze di carattere penale.

Chiunque può segnalare al Comune competente situazioni di degrado in cui versano degli immobili al fine di vedere adottati i provvedimenti più opportuni in relazione allo specifico caso.

Tra di essi ne citiamo alcuni a puro titolo di esempio:

- ordinanza di eliminazione del pericolo;

- ordinanza con la quale l'amministrazione dichiara l'inagibilità dei locali;

- ordine di apposizione di cartelli di segnalazione del pericolo e contestuale intimazione a chiudere determinati accessi;

- ordine di puntellamento di parte dell'edificio.

Sebbene tutti possano segnalare situazioni di pericolo, l'amministrazione comunale, solitamente, emette ordinanze del genere solamente a seguito di sopralluoghi o comunque di relazioni tecniche che evidenzino chiaramente la sussistenza dei requisiti per poter ordinare l'intervento manutentivo.


Contestazione delle ordinanze sindacali


Come qualunque provvedimento dell'Autorità amministrativa, anche le ordinanze sindacali adottate ai sensi dell'art. 54 d.lgs n. 54/2000 possono essere contestare attraverso la loro impugnazione davanti al Tribunale amministrativo regionale (T.A.R.) competente.

Le ordinanze, infatti, devono riguardare situazioni realmente pericolose (da qui le necessità di un'istruttoria tecnica che individui con certezza problemi e rimedi) e soprattutto debbono essere indirizzate contro chi è realmente legittimato ad eseguire le opere necessarie ed infine le opere ingiunte devono essere realmente risolutive del problema.

Il giudizio amministrativo, vale la pena ricordarlo, serve quale controllo di legalità dell'azione della pubblica amministrazione; in sostanza il T.A.R. (in primo grado) verifica se l'amministrazione ha applicato correttamente la legge.


In un caso risolto dal Consiglio di Stato con la sentenza n. 5213 del 22 ottobre 2014, si litigava in merito ad un'ordinanza emessa da un Comune e notificata ad un condominio, il quale l'aveva impugnata davanti al T.A.R. perché a suo dire esso non era il soggetto legittimato a ricevere l'ordine dell'amministrazione e comunque perché l'ordinanza non conteneva ordini in grado di risolvere realmente la situazione di pericolo.

Le ragioni della compagine erano state accolte in prima istanza per tutte le ragioni appena esposte e la sentenza, impugnata dall'amministrazione comunale, è stata confermata dai Giudici del Consiglio di Stato.

riproduzione riservata
Articolo: Ordinanza per lavori edili urgenti
Valutazione: 5.00 / 6 basato su 3 voti.

Ordinanza per lavori edili urgenti: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
Sostieni Lavorincasa
REGISTRATI COME UTENTE
316.407 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Ordinanza per lavori edili urgenti che potrebbero interessarti


Interventi edili: quali sono le responsabilità del committente?

Leggi e Normative Tecniche - In caso di lavori edili, anche di piccola entità, il committente ha delle responsabilità sia per la regolarità urbanistica che per la sicurezza nei cantieri.

Emilia Romagna - Linee Guida per ricostruzione post sismica

Leggi e Normative Tecniche - Con Decreto n.2013 del 22 ottobre 2014 Regione Emilia Romagna ha approvato l'aggiornamento delle linee guida inerenti i contributi per la ricostruzione post-sisma.

Bonus casa: possibile la proroga con la Legge di Bilancio 2020

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Il bonus casa ci sarà: è quanto affermato dal Ministro dello Sviluppo Economico Stefano Palombelli. Ecco le novità in merito agli incentivi per i lavori in casa

Smaltimento macerie edili

Pulizia e manutenzione - Le macerie provenienti da lavori di demolizione e costruzione sono considerate rifiuti speciali e il loro smaltimento deve essere effettuato secondo le norme vigenti.

Demolire e ricostruire con maggiori volumi ma stesse distanze è consentito

Leggi e Normative Tecniche - Il DL Semplificazioni 2020 modifica il Testo Unico dell' Edilizia (Dpr 380 del 2001) in riferimento ad interventi di demolizione e ricostruzione. Vediamo le novità

Lavori in Economia

Leggi e Normative Tecniche - Prima di svolgere lavori in economia è opportuno che il committente si informi se i lavori rientrano in quelle ammesse dalle normative nazionali e locali.

Noleggio attrezzature edili

Impianti - Come disporre di attrezzature adeguate senza doverle acquistare: la convenienza del noleggio nell'impiego di apparecchiature speciali.

Aspirazione a risucchio calcinacci e macerie in edilizia

Restauro edile - Come limitare i danni impiegando la tecnica del'aspirazione a risucchio in edilizia.

Sicurezza sul lavoro

Normative - Approvato dal Consiglio dei Ministri il decreto che modifica il Testo unico sulla sicurezza sul lavoro.