Non basta semplice richiamo alla legge per disdetta locazione alla prima scadenza

NEWS DI Affittare casa25 Novembre 2016 ore 09:17
Il contratto di locazione ad uso abitativo, nella formula 4+4 e/o 3+2, può essere disdettato alla prima scadenza solamente per i motivi indicati nella legge 431/98.

Contratto di locazioneIl proprietario di un immobile destinato a civile abitazione può inviare al conduttore disdetta del contratto di locazione alla prima scadenza (che si tratti di un accordo 4+4 o 3+2) purché la sua richiesta sia formulata in ossequio a quanto specificato dalla legge.

La norma di riferimento è quella contenuta nell'art. 3 della legge n. 431 del 1998.

Per fare ciò non basta dire intendo disdire il contratto in conformità a quanto stabilito dall'art. 3 l. n. 431/98 ma bisogna indicare uno dei motivi effettivamente ricorrenti tra quelli indicati in quella disposizione di legge.

Questa, in sintesi, la decisione resa dal Tribunale di Roma con la sentenza n. 19817 depositata in cancelleria il 4 ottobre 2013.


Cause di disdetta del contratto di locazione


Per sapere quali sono le cause che consentono al proprietario di un immobile di interrompere il contratto di locazione alla prima scadenza (salvi i casi di morosità), s'è detto che bisogna guardare all'art. 3 della legge n. 431 del 1998.



Recita la norma:

Alla prima scadenza dei contratti stipulati ai sensi del comma 1 dell'articolo 2 e alla prima scadenza dei contratti stipulati ai sensi del comma 3 del medesimo articolo, il locatore può avvalersi della facoltà di diniego del rinnovo del contratto, dandone comunicazione al conduttore con preavviso di almeno sei mesi, per i seguenti motivi:

a) quando il locatore intenda destinare l'immobile ad uso abitativo, commerciale, artigianale o professionale proprio, del coniuge, dei genitori, dei figli o dei parenti entro il secondo grado;

b) quando il locatore, persona giuridica, società o ente pubblico o comunque con finalità pubbliche, sociali, mutualistiche, cooperative, assistenziali, culturali o di culto intenda destinare l'immobile all'esercizio delle attività dirette a perseguire le predette finalità ed offra al conduttore altro immobile idoneo e di cui il locatore abbia la piena disponibilità;

c) quando il conduttore abbia la piena disponibilità di un alloggio libero ed idoneo nello stesso comune;

Disdetta locazioned) quando l'immobile sia compreso in un edificio gravemente danneggiato che debba essere ricostruito o del quale debba essere assicurata la stabilità e la permanenza del conduttore sia di ostacolo al compimento di indispensabili lavori;

e) quando l'immobile si trovi in uno stabile del quale è prevista l'integrale ristrutturazione, ovvero si intenda operare la demolizione o la radicale trasformazione per realizzare nuove costruzioni, ovvero, trattandosi di immobile sito all'ultimo piano, il proprietario intenda eseguire sopraelevazioni a norma di legge e per eseguirle sia indispensabile per ragioni tecniche lo sgombero dell'immobile stesso;

f) quando, senza che si sia verificata alcuna legittima successione nel contratto, il conduttore non occupi continuativamente l'immobile senza giustificato motivo;

g) quando il locatore intenda vendere l'immobile a terzi e non abbia la proprietà di altri immobili ad uso abitativo oltre a quello eventualmente adibito a propria abitazione. In tal caso al conduttore è riconosciuto il diritto di prelazione, da esercitare con le modalità di cui agli articoli 38 e 39 della legge 27 luglio 1978, n. 392.

Indicare una causa che poi si dimostra fittizia può comportare la richiesta, da parte del conduttore, di riviviscenza del contratto o al risarcimento del danno (cfr. art. 3, terzo e quinto comma, l. n. 431/98).


Chiara indicazione del motivo della disdetta


È questo il cuore della sentenza n. 19817 resa dal Tribunale di Roma: non basta dire che si ha intenzione di disdire il contratto alla prima scadenza, ma bisogna indicare il perché e la ragione dev'essere ricompresa tra quelle indicate dall'articolo di legge più volte menzionato.

Si legge nella pronuncia in esame che non è possibile che la prima missiva di disdetta spedita dal locatore, (…), per raccomandata del 15.12.2010 (all. 2 fascicolo parte ricorrente) abbia potuto produrre la cessazione del contratto alla prima scadenza (31 agosto 2013), ai sensi dell'art. 3 della L. n. 431/1998.

Ciò perché, prosegue il Tribunale di Roma, in quella lettera il locatore si limitava a comunicare al conduttore in considerazione che intendo adibire l'immobile locato agli usi di cui all'art. 3, comma 1, L. 9.12.98 n. 431, mi avvalgo della facoltà di diniego di rinnovo del contratto stipulato di comune accordo ai sensi del comma 3, art. 2 della citata legge (così testualmente si legge nell'all. 2 all'intimazione); orbene, per il formalismo cui soggiace il diniego motivato di rinnovo del contratto di locazione alla prima scadenza, e secondo cui il diniego di rinnovo, per essere idoneo allo scopo, deve esprimere testualmente, inequivocamente e specificamente alcuno dei motivi (tra quelli descritti dall'art. 3 della L. n. 431/1998) che legittimano il locatore a recedere dal contratto alla scadenza del primo quadriennio, non si ritiene che il richiamo per relationem agli articoli di legge, possa soddisfare il requisito di forma prescritto dal menzionato art. 3. - (V. tra le tante, Cass. n. 936 del 2013 in tema di locazione di immobili adibiti ad uso abitativo, nella comunicazione del locatore del diniego di rinnovo del contratto, ai sensi dell'art. 3 della legge 9 dicembre 1998, n. 431, deve essere specificato, a pena di nullità, il motivo, tra quelli tassativamente indicati dalla stessa norma, sul quale la disdetta è fondata, in modo da consentire, in caso di controversia, la verifica ex ante della serietà e della realizzabilità dell'intenzione dedotta in giudizio e, comunque, il controllo, dopo l'avvenuto rilascio, circa l'effettiva destinazione dell'immobile all'uso indicato nell'ipotesi in cui il conduttore estromesso reclami l'applicazione delle sanzioni ivi previste a carico del locatore) (Trib. Roma 4 ottobre 2010 n. 19817).

Insomma non si può dire: disdico il contratto perché la legge me lo consente, ma si deve indicare quale circostanza di legge ricorra nel caso di specie; tale specificazione serve per poter verificare se essa è effettivamente ricorrente ai fini della tutela dei diritti del conduttore.

riproduzione riservata
Articolo: Non basta il richiamo alla legge per disdetta locazione alla prima scadenza
Valutazione: 4.69 / 6 basato su 16 voti.

Non basta il richiamo alla legge per disdetta locazione alla prima scadenza: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Lukwekulwe
    Lukwekulwe
    Lunedì 26 Febbraio 2018, alle ore 01:21
    Nel caso il locatore citi correttamente art. 3 punto 1 lettera a) ed aggiunga in esplicito la motivazione 'attività commerciale agrituristica', sarebbe sanzionabile col risarcimento qualora alla scadenza dei 12 mesi utilizzi invece l'immobile per uso abitativo proprio ? 
    rispondi al commento
  • Giorgiomille
    Giorgiomille
    Venerdì 3 Aprile 2015, alle ore 21:24
    Sei mesi prima dalla prima scadenza del contratto di locazione 4+4 ho ricevuto questa lettera volevo sapere se e regolare: Con la presente le comunico la mia intenzione a non rinnovare il contratto di locazione, ai sensi dl' art. 3 comma 1 della legge 9 dicembre 1998 n. 431. pertanto il contratto in essere , avente per oggetto l'immobile da voi locato , cesserà alla data del 30/09/2015 grazie
    rispondi al commento
  • Sabrina
    Sabrina
    Martedì 7 Gennaio 2014, alle ore 10:36
    Salve Avvocato, sono conduttrice di un appartamento affittato al 11/2013, e vorrei cambiare per avvicinarmi al mio lavoro: "Le parti pattuiscono che la locazione avrà durata di anni 4 (quattro) a partire dal 01.11.2013 e termine il 31.10.2017. Entrambe le parti pattuiscono che il presente contratto potrà essere recesso in qualsiasi momento con un preavviso minimo di 6 (sei) mesi da comunicare a mezzo lettera raccomandata"
    Devo dare motivazioni?
    rispondi al commento
    • Legale
      Legale Sabrina
      Mercoledì 15 Gennaio 2014, alle ore 18:33
      No, nessuna motivazione ma solamente il rispetto dei termini pattuiti.
      rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
Notizie che trattano Non basta il richiamo alla legge per disdetta locazione alla prima scadenza che potrebbero interessarti
Risoluzione del contratto di locazione: obbligatoria la registrazione

Risoluzione del contratto di locazione: obbligatoria la registrazione

Leggi e Normative Tecniche - La risoluzione del contratto di locazione deve essere registrata. Lo afferma la CTP di Milano che condanna un contribuente per aver tardivamente versato l'imposta
Seconda scadenza del contratto di locazione 4+4

Seconda scadenza del contratto di locazione 4+4

Affittare casa - Al termine del contratto di locazione 4+4, le parti hanno la possibilità di attivarsi per giungere a diverse conclusioni o di rimanere silenti per non cambiare nulla.
Contratti di locazione a canone concordato: agevolazioni fiscali solo se c'è attestazione

Contratti di locazione a canone concordato: agevolazioni fiscali solo se c'è attestazione

Affittare casa - In caso di contratto di locazione a canone concordato non assistito, per le agevolazioni fiscali è necessaria l'attestazione delle organizzazioni di categoria.

Gravi motivi del conduttore per il recesso dal contratto di locazione

Affittare casa - Il recesso del conduttore per gravi motivi per essere esercitabile senza poter essere contestato deve fondarsi su motivi reali e deve essere comunicato nei modi di legge.

Affitto: il locatore può cedere il contratto senza consenso dell'inquilino

Affittare casa - Per la cessione del contratto di locazione da parte del padrone di casa non è richiesto il consenso del conduttore. Lo dice la Cassazione con una recente sentenza

Agevolazioni fiscali per i proprietari che affittano

Affittare casa - Il reddito della locazione, viene tassato in maniera differente a seconda del tipo di contratto e anche per i proprietari vi sono delle agevolazioni fiscali.

Successione nel contratto di locazione

Affittare casa - Il contratto di locazione, come quasi tutti i contratti, vincola solamente le parti che lo sottoscrivono, ma la legge prevede delle eccezioni a questo principio.

Locazione, registrazione del contratto e canone di affitto

Affittare casa - La legge prevede un meccanismo di registrazione dei contratti di locazione che consente di entrate nel circuito legale con grande vantaggio sul canone da corrispondere.

Locazione: contratto nullo in caso di mancata registrazione

Affittare casa - In caso di mancata registrazione di un contratto di locazione di immobile a uso abitativo, si prevede la nullità dello stesso contratto come ha precisato la Cassazione.
REGISTRATI COME UTENTE
293.226 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
  • Ribalta italiana intarsiata con motivi floreali del
    Ribalta italiana intarsiata con...
    690.00
  • Specchiera veneziana laccata e dorata della fine
    Specchiera veneziana laccata e...
    2800.00
  • Comodino veneziano in legno laccato dorato e
    Comodino veneziano in legno...
    1450.00
  • Rivestimenti di pietra montana, Marino di Roma
    Rivestimenti di pietra montana,...
    60.00
Cersaie
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Mansarda.it
  • Pensiline.net
  • Officine Locati
  • Faidatebook
  • Weber
  • Kone
  • Black & Decker
MERCATINO DELL'USATO
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
I NOSTRI VIDEO SU YOUTUBE
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.