Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
madex

Mobili in stile Biedermeier

Il Biedermeier è uno stile ornamentale e di arredamento sviluppatosi nella prima metà dell'Ottocento, facilmente riconoscibile per le sue linee sobrie e armoniose.
- NEWS Divani e poltrone

Bierdermeier: l'impronta di un'epoca


Alcuni tipici mobili e complementi di arredo in stile Biedermeier.Il Biedermeier è uno stile artistico e ornamentale molto diffuso nei paesi di lingua tedesca (Austria e Germania) tra il 1815 e il 1848: particolarmente apprezzato dalla borghesia, viene generalmente considerato una conseguenza indiretta della sconfitta di Napoleone e del Congresso di Vienna.

Infatti, grazie alla cosiddetta Restaurazione (che con il Congresso di Vienna tentò di riportare l'Europa all'assetto territoriale e dinastico antecedente alla Rivoluzione Francese), si verificò un deciso cambiamento nel clima culturale: alle reminescenze classicheggianti dello Stile Impero di età napoleonica subentrò infatti un gusto meno pesante e pomposo e maggiormente orientato alla praticità, all'armonia e sopratutto alla sobrietà.

Tuttavia il nuovo stile non fu subito conosciuto con il suo nome attuale, perché il termine Biedermeier si diffuse soltanto a partire dal 1850 con intenti satirici e dispregiativi: infatti, in origine era il nome di un personaggio letterario che descriveva il tipico borghese dell'Ottocento, di tendenze piuttosto conservatrici e dedito sopratutto alla cura della propria vita famigliare e professionale.


Interni Biedermeier


Divano in stile Biedermeier (riproduzione moderna proposta dall'Azienda Bertelè Mobili).Questa nuova tendenza alla valorizzazione dei piccoli piaceri quotidiani e delle gioie della vita domestica emerge sopratutto negli interni borghesi, forse l'emanazione più tipica del Biedermeier.

Questi ambienti già a un primo sguardo appaiono infatti molto diversi da quelli di epoche precedenti: le stanze sono tendenzialmente più piccole e meno alte e con ampie finestre dotate di tende leggere, magari con un disegno a fiori.

Le pareti sono rivestite di stoffa o carta da parati (molto più economica delle tappezzerie di tessuto) quasi sempre in tinta unita: sono molto apprezzati i colori pastello come l'azzurro, il verde chiaro, il verde acqua, il giallo, il beige e il rosa antico.


Il pavimento è quasi sempre in parquet, mentre in un angolo talvolta si trova la tipica stufa rivestita di maiolica.

L'arredamento è generalmente costituito da divani a schienale alto, tavoli e tavolini rotondi, poltroncine foderate, sedie e sedie a dondolo, eleganti secretaire con il piano di scrittura a ribalta e infine credenze e piccole vetrinette per l'esposizione di vasi, servizi da tavola e soprammobili di vario tipo.

Ricompaiono infine i tappeti, e piccoli quadretti con paesaggi o scenette di genere completano l'allestimento.


Mobili Biedermeier


Tavolo da pranzo con sedie in stile Biedermeier (riproduzione moderna proposta dall'Azienda Angelo Cappellini & C.)In generale, i mobili Biedermeier sono facilmente riconoscibili per le linee curvilinee e l'assenza di dorature e grosse borchie o decorazioni in bronzo, spesso sostituite da delicati motivi ornamentali (sopratutto di ispirazione vegetale) eseguiti a intarsio.

Le essenze preferite sia per la costruzione del mobile vero e proprio che per l'esecuzione di eventuali impiallacciature sono relativamente poco costose: troviamo infatti il faggio rosso, il noce, l'abete, il pero, la betulla, l'acero, il frassino e in generale i legni chiari. Il mogano e l'ebano sono invece riservati quasi esclusivamente all'esecuzione di tarsie, spesso con motivi floreali.

Tra i mobili più rappresentativi possiamo annoverare:

Tavolo da gioco pieghevole in stile Biedermeier; dal catalogo dell'Azienda Principessa Sissi Antichità.- Tavoli e tavolini quasi sempre rotondi od ovali, sostenuti da un unico piede centrale, come quelli prodotti dall'Azienda Angelo Cappellini & C.: il piano può essere in tinta unita oppure decorato da tarsie variamente complesse;

- Tavoli da gioco e da bigliardo, di forma quadrata o rettangolare e generalmente dotati di un piano rivestito in panno verde (spesso protetto da uno sportello di legno che rende fruibile il mobile anche per altre funzioni, come pranzare o prendere il the) e alcuni sportelli o cassetti per conservare gli accessori da gioco, tra cui ad esempio biglie, stecche, gessetti, carte o fiches: ne troviamo alcuni modelli nel catalogo dell'Azienda Principessa Sissi Antichità, specializzata nel commercio di mobili e oggetti di antiquariato dell'Europa Centrale.

- Divani con braccioli a schienale alto, spesso dalla forma arcuata vagamente simile a un'arpa: l'Azienda Bertelè Mobili ne propone fedeli riproduzioni.

- Piccoli armadi con ornamenti di forma arcuata e gli sportelli spesso intarsiati o dipinti con eleganti motivi floreali; per l'esposizione di soprammobili, argenteria e stoviglie, le ante di legno sono ovviamente sostituite da sportelli vetrati;

Sedie a dondolo ideate da Michael Thonet.- Secretaire, piccoli mobili dalla forma piuttosto compatta destinati sopratutto alla custodia e l'organizzazione della corrispondenza e delle carte private: la parte inferiore è infatti dotata di alcuni cassetti, mentre la parte superiore (chiudibile completamente con piano a ribalta che funge da scrittoio ed è munito di serratura) contiene un piccolo casellario e alcune nicchie o sportellini;

- Poltroncine con braccioli dalle forme molto avvolgenti e sinuose, che spesso finiscono con volute e spirali; seggiole impagliate e sedie a dondolo.

Particolarmente famose, e molto diffuse ancor oggi, sono in particolare quelle ideate dall'ebanista Michael Thonet, che intorno al 1830 mise a punto una tecnica molto ingegnosa per curvare il legno massello grazie al vapore, in pratica gettando le basi del moderno industrial design: gli arredi da lui prodotti - una vasta gamma di seggiole, panche, poltroncine e sedie a dondolo - riducono infatti notevolmente i tempi e i costi di produzione fondendo insieme vari pezzi (come i piedi e lo schienale) prima divisi.

riproduzione riservata
Articolo: Mobili Biedermeier
Valutazione: 4.20 / 6 basato su 5 voti.

Mobili Biedermeier: Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
dona
Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News
REGISTRATI COME UTENTE
332.299 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Mobili Biedermeier che potrebbero interessarti


Mobile vecchio o di antiquariato

Arredamento - Il settore del mobile antico abbraccia una vasta varieta' di articoli, ma non tutti possono essere considerati di pregio.

Bouquet Biedermeier

Decorazioni - Il Biedermeier è una tecnica decorativa, nata in Austria il secolo scorso, attraverso cui realizzare manufatti belli e raffinati. Ecco come si realizza un bouquet.

A ottobre torna la mostra mercato Antiquariato Nazionale

Complementi d'arredo - Al via la trentesima edizione della mostra mercato Antiquariato Nazionale: pezzi unici e suggestioni d'arte nella splendida Villa Castelbarco di Vaprio d'Adda.

Mobili di antiquariato

Arredamento - Le regole da conoscere per acquistarli nei mercatini.

Edizione 2019 del Mercatino Antiquario di Ascoli Piceno

Arredamento - Trovare un pezzo antico, innamorarsene, acquistarlo e portarlo a casa. Tutto ciò è possibile spesso solo nei mercatini di antiquariato, che da sempre...

Qual è la differenza tra mobili antichi, in stile antico e i falsi?

Arredamento - Per evitare truffe o sorprese spiacevoli, è molto importante capire la differenza fondamentale fra mobili di antiquariato, antichi, vecchi, in stile e i falsi.

Mobili vintage: tra antiquariato e modernariato, ecco dove acquistarli

Complementi d'arredo - Siete stanchi delle proposte standard e siete attratti da complementi e mobili vintage di antiquariato o modernariato? Ecco qualche indirizzo per arredare casa.

Stili e tecniche dei mobili classici

Divani e poltrone - L'evoluzione dei mobili classici rivela molto dell'epoca che li caratterizza: impariamo a riconoscerli e ad apprezzarne le peculiarità che li rendono pregiati.

Sedie antiche e moderne

Tavoli e sedie - Per scegliere le sedie da tavolo, antiche o moderne che siano, valgono spesso le stesse considerazioni su dimensioni, materiali e struttura.