• progetto
  • cadcasa
  • ristrutturazione
  • caldaia
  • clima
  • forum
  • consulenza
  • preventivi
  • computo
  • mercatino
  • mypage
madex

Mattoni e coppi di produzione artigianale

Nel restauro di edifici di pregio, con parti mancanti in mattoni, vanno impiegati antichi mattoni di recupero oppure mattoni fatti a mano secondo la tradizione.
Pubblicato il

Laterizi fatti a mano: principali applicazioni


Restaurando un'antica muratura talvolta è necessario sostituire i mattoni originali erosi in seguito alla lunga esposizione alle intemperie, rotti a causa di una lesione o semplicemente mancanti.
Altre volte invece si deve ricostruire ex novo una parete parzialmente crollata, risarcire un'ampia lacuna o ricostruire la continuità interrotta da una grave lesione passante con la tecnica dello scuci-cuci.


In tutti i casi esistono due possibili soluzioni:

  • mattoni antichi recuperati dai ruderi di qualche edificio fatiscente;

  • mattoni fatti a mano secondo i metodi tradizionali.

I laterizi di produzione industriale vanno infatti esclusi per motivi:

  • estetici, a causa di grana e colore spesso molto diversi dai mattoni vecchi;

  • di compatibilità, perché meno porosi dei laterizi artigianali.

Argilla, la materia prima per la produzione di mattoni; by Cotto Stefani
Il problema si presenta anche per le mezzane in cotto dei solai in legno alla toscana, i coppi e le tegole piane (embrici) delle coperture e le piastrelle degli antichi pavimenti.

Spesso è però difficile reperire pezzi di recupero con forma, dimensioni e colore perfettamente identici a quelli necessari e perciò occorre ripiegare su laterizi nuovi di produzione artigianale.


Caratteristiche e prestazioni di coppi, mattoni e tavelle artigianali


Alcune aziende come la Fornace Fonti o Cotto Stefani si sono perciò specializzate nella valorizzazione dell'antica sapienza artigianale per venire incontro alle esigenze di chi deve intervenire negli edifici storici o semplicemente adora la bellezza e la lieve imperfezione del cotto fatto a mano.

Stampi per la produzione di laterizi artigianali; by Cotto Stefani
Il loro catalogo comprende una vasta gamma di prodotti:

  • mattoni con diverse finiture;

  • mezzane;

  • pianelle in cotto quadrate, esagonale, ottagonali o romboidali;

  • coppi e tegole diritte;

  • mattoni per pozzi a forma di segmento circolare;

  • elementi grigliati per mandolati e frangisole;

  • pezzi speciali per colonne di mattoni, lisce o scanalate;

  • conci per archi;

  • cotti ornamentali di vario tipo come davanzali, marcapiani, cornicioni, modanature, stipiti di porte, rosoni o cornici di finestre, eseguiti anche su disegno del cliente: un'eventualità molto comune nell'integrazione o il restauro di decorazioni esistenti.

Stampaggio di un mattone artigianale, by Cotto Stefani
Sono ovviamente possibili numerosi colori, grane e finiture superficiali determinate dal tipo di lavorazione, dalla qualità dell'argilla o dal grado di cottura.

In base alla cottura, in quante categorie si dividono i mattoni di cotto?



  • albasii: caratterizzati da un basso grado di cottura a causa del loro posizionamento nelle zone più alte della fornace, si riconoscono facilmente per il loro colore giallastro ed erano destinati alle murature meno sollecitate o alla creazione di effetti decorativi;

  • mattoni delle zone centrali, di un bel rosso vivo, con buona resistenza meccanica e un grado di cottura ottimale: erano i laterizi migliori correntemente utilizzati nelle opere di muratura;

  • ferretti o ferrioli: con un grado di cottura molto elevato, superficie liscia e parzialmente vetrificata, scarsissima porosità, buona resistenza meccanica e un tipico colore rossiccio-brunastro, venivano comunemente riservati alle zone più esposte all'umidità, generalmente il basamento degli edifici.

Regolettatura di un mattone artigianale, by Cotto Stefani
Tali caratteristiche vengono attualmente replicate nei laterizi di produzione artigianale.

Il catalogo della Fornace Fonti propone infatti ben nove finiture superficiali:

  • rustica;

  • burattata;

  • finitura gialla;

  • finitura da restauro;

  • finitura gialla curata;

  • rossa rustica;

  • rosso con bronzini;

  • mattoni stonalizzati.

Sformatura di un mattone crudo, by Cotto Stefani
Gli antichi mattoni delle murature da lasciare in vista ricevevano un'ulteriore finitura a cottura ultimata comprendente l'arrotatura (cioè la levigatura della superficie da lasciare in vista) o l'esecuzione di fitte graffiature con andamento inclinato oppure a spina di pesce.

Queste lavorazioni, estremamente complesse e laboriose, sono però cadute completamente in disuso.


Lavorazione dei laterizi artigianali


La tecnica di fabbricazione dei laterizi artigianali è immutata da millenni.


Per prima cosa si estrae l'argilla in giacimenti presso le rive di stagni, laghi e fiumi, o in vere e proprie cave su pendii erosi particolarmente ripidi chiamati calanchi.

Viene quindi accuratamente selezionata, macinata e setacciata per eliminare sassi, foglie, rametti e altre impurità, e successivamente impastata con acqua per ottenere una miscela plastica e malleabile.

Si può anche aggiungere una piccola quantità di sabbia con funzione di sgrassante o di pula tritata per aumentare artificialmente la porosità dei laterizi cotti.

Per lo stampaggio si usano dei telai in legno montati a incastro, privi di coperchio ed eventualmente di fondo e con la forma del laterizio finito: parallelepipedo con i lati alti per i mattoni e le mezzane; esagoni, ottagoni o quadrati molto sottili per le tavelle da pavimento; semicerchi o forme più complesse per le cornici ornamentali e così via.

Il procedimento di lavorazione infatti non cambia in base alla tipologia dell'elemento, con la sola eccezione di coppi e tegole per le coperture.

Produzione di un coppo: fase 1, by Cotto Stefani
Gli stampi hanno sempre dimensioni leggermente superiori rispetto al pezzo finito per assecondare il ritiro che si verifica durante la cottura. Prima dello stampaggio sono inoltre ricoperti da un sottile strato di sabbia per favorire l'estrazione del pezzo crudo.

La lavorazione di ciascun pezzo è molto rapida ma richiede bravura e precisione.

Per prima cosa il mattonaio taglia con le mani o un apposito strumento la corretta quantità di materiale da un grande pane predisposto a tale scopo, e successivamente la pressa nello stampo con sapienti tocchi delle mani: per un laterizio a regola d'arte occorre infatti che lo stampo sia riempito uniformemente, senza lasciare bolle d'aria o cavità.

Produzione di un coppo: fase 2, by Cotto Stefani
Si passa dunque alla regolettatura, con la quale si asporta il materiale in eccesso con un listello di legno o un sottile fil di ferro con due manici di legno.
Si può anche apporre il marchio del fabbricante con speciali timbri.

A questo punto non resta che aprire lo stampo, estrarre il mattone crudo e posarlo delicatamente a essiccare all'aria per 15-20 giorni in appositi spiazzi o terrazze riparate da tettoie.
Occorre, inoltre, rigirarli a intervalli regolari per garantire un'essiccazione uniforme, non urtarli o calpestarli accidentalmente per non rovinarli irrimediabilmente.

La lavorazione dei coppi è invece un po' diversa e avviene in due fasi.

Essiccazione dei laterizi artigianali, by Cotto Stefani
La prima è identica alla fabbricazione di una piastrella da pavimento: lo stampo è una sottile cornice di lamierino a forma di trapezio alto e stretto, corrispondente alla proiezione in piano del coppo finito. Si prende quindi un secondo attrezzo consistente in una lunga paletta troncoconica di legno con un manico a un'estremità su cui si appoggia delicatamente il coppo per attribuirgli la forma definitiva.

La cottura può avvenire in due modi:

  • in un forno Hoffmann, introdotto nella seconda metà del XIX secolo per la cottura industriale a ciclo continuo dei laterizi;

  • in un'antica fornace di tipo tradizionale, generalmente costituita da un semplice edificio in muratura a pianta quadrata e privo di copertura, diviso orizzontalmente a metà da una volta traforata e munito di due aperture differenti: una piccola bocca da fuoco a livello del suolo per alimentare la camera di combustione e un'apertura superiore per il carico e lo scarico dei laterizi nella camera di cottura vera e propria.

La fornace pronta per la cottura dei mattoni, by Cotto Stefani
Nel secondo caso il ciclo di cottura è discontinuo. La fornace è alimentata a legna e il consumo è quasi sempre esorbitante: fino a settanta quintali per una singola cottura.

Il carico della fornace è un'operazione complicata da affidare a personale esperto.
I pezzi crudi vanno infatti disposti con cura per evitare sprechi di spazio ma senza contatto tra le pile per consentire una migliore distribuzione del calore.

La cottura dura circa tre giorni e tre notti, durante i quali il fuoco va costantemente sorvegliato e alimentato per evitare che faccia fumo: un fuoco trascurato provoca infatti una partita di laterizi scadenti o del tutto inutilizzabili.

Cottura dei laterizi nella fornace tradizionale, by Cotto Stefani
Dopo un congruo intervallo di raffreddamento si svuota la camera di cottura separando i laterizi in base alla forma, alla tipologia e ovviamente al grado di cottura.
La camera di combustione è invece ripulita dalla cenere.

mattoni fatti a mano , coppi artigianali , mattoni , tegole
riproduzione riservata
Mattoni fatti a mano
Valutazione: 5.20 / 6 basato su 5 voti.
gnews

Mattoni fatti a mano: Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
346.241 UTENTI
SERVIZI GRATUITI PER GLI UTENTI
SEI INVECE UN'AZIENDA? REGISTRATI QUI
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img mario martini
Salve,vorrei chiedere agli esperti del forum informazioni in merito a delle spaccature presenti in dei pilastri nell'attico della casa (si tratta di una casa che si sviluppa su...
mario martini 11 Luglio 2023 ore 10:24 1
Img jonnystecchinobis@gmail.com
Buongiorno,ho circa 3mc di mattoni antichi che mi ingombrano il giardino da un paio di anni e al tempo stesso dovrei rifare l'intonaco esterno a un garage e a un casotto che danno...
[email protected] 07 Luglio 2023 ore 12:33 3
Img 1lello
Ciao a tutti e grazie mille in anticipo!Nella foto potete osservare la pavimentazione attuale: i mattoni di cotto, attualmente visibili solo in uno stanzino, rappresentano la base...
1lello 15 Aprile 2023 ore 16:55 3
Img raffaele falvo
Buongiorno a tutti, fra un mesetto dovrebbero montarmi la cucina e prima di parlare con il montatore, vorrei capire qual è la migliore soluzioneper montare i pensili ...la...
raffaele falvo 23 Novembre 2022 ore 22:35 3
Img linomarco
Buongiorno a tutti, come da oggetto, vorrei mettere la staffa per la tv in cameretta, quinidi TV max 32", su un puro divisorio di circa 10cm in tufo.ci possono essere problemi di...
linomarco 23 Luglio 2022 ore 09:24 11