Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
madex

Manutenzione e controllo impianti smaltimento acque piovane

Come effettuare la manutenzione degli impianti di scarico delle acque piovane, impiegando moderne tecniche di ispezione con l'ausilio di droni e robot dedicati
- NEWS Impianti idraulici
Barra Progettazione Online

Acque meteoriche e i problemi di deflusso


Un antico proverbio di natura popolare recita: L’acqua non ha le corna, fermarla non è semplice, non la si può infatti prendere per le corna.
Alla luce di quanto accade nella nostra vita quotidiana, credo si possa senz’altro confermare il saggio proverbio.

Allagamento causato da insufficiente deflusso delle acque
L’acqua ha la capacità di insinuarsi nei posti meno accessibili, per poi comparire in ambiti che nulla sembrano aver in comune con il punto di ingresso.


Tracimazione acque meteoriche dalla grondaia

Tracimazione acque meteoriche dalla grondaia

Tracimazione acque meteoriche dalla grondaia
Caditoia circolare in buono stato di manutenzione

Caditoia circolare in buono stato di manutenzione

Caditoia circolare in buono stato di manutenzione
Grondaia in pessimo stato di manutenzione

Grondaia in pessimo stato di manutenzione

Grondaia in pessimo stato di manutenzione
Grondaia eseguita a regola d'arte

Grondaia eseguita a regola d'arte

Grondaia eseguita a regola d'arte
Particolare danno su tetto rilevato da ispezione con drone

Particolare danno su tetto rilevato da ispezione con drone

Particolare danno su tetto rilevato da ispezione con drone

Per tal motivo occorre prevedere in fase di progettazione di un edificio, tutti i dispositivi di smaltimento di adeguate proporzioni, per poter convogliare le acque meteoriche, in modo tale da evitare fenomeni di infiltrazioni o allagamenti.

La soluzione meno auspicabile è rappresentata dallo scarico diretto nella rete fognaria. Infatti, gli scarichi delle acque piovane dovrebbero essere sempre separati da quelli fognari.


L'importanza del corretto dimensionamento dei dispositivi di scarico


Affinché lo smaltimento delle acque meteoriche avvenga senza problemi, occorre che il dimensionamento degli elementi preposti a tale compito sia proporzionato nel modo più adeguato a raccogliere le acque in questione.

Il calcolo del diametro dei canali di gronda e dei pluviali, di qualunque sezione, deve tener conto della superficie servita, piana o inclinata.

Come primo dimensionamento possono essere impiegate tabelle parametriche, le quali, in base ai parametri imputati, forniscono direttamente il diametro dei canali di gronda e delle pluviali.

Bocchettone di scarico pluviale su terrazzo piano non protetto da filtro antifoglie
Ai valori della tabella si possono applicare maggiorazioni per tener conto di fenomeni di piovosità più consistenti rispetto a quelli medi, oltre alle criticità che possono sopraggiungere a causa di una cattiva manutenzione o di una accidentale occlusione dovuta a materiale di diversa natura.

Per i terrazzi piani, occorre considerare un adeguato numero di bocchettoni di scarico, ben disposti, opportunamente protetti da filtri capaci di evitare la loro occlusione. Generalmente vanno posizionati elementi da 100 mm di diametro ogni 70-100 mq di terrazzo.

Un fattore importante da considerare nel realizzare le grondaie è la loro pendenza
che non deve mai andare al di sotto di 0.5 %, a scendere verso il pluviale.

Grondaia intasata per cattiva manutenzione
Il corretto calcolo delle dimensioni di una grondaia, rappresenta uno fattore importante nell’ambito della sua progettazione, per evitare che l’acqua non abbia mai modo di infiltrarsi in elementi diversi dai canali di scolo, a causa di fenomeni di tracimazione degli stessi per insufficiente sezione o pendenza.

Oltre ai due parametri sopra descritti, occorre prevedere un giusto numero di supporti a sostegno della grondaia, unitamente ad alcuni giunti di dilatazione, capaci di reggere alle escursioni termiche citate.



Più i canali sono lunghi e articolati, maggiore importanza assume l'azione dei giunti, la progettazione del giunto è tanto più importante quanto maggiore è la lunghezza del canale di gronda e la sua articolazione.

Ad esempio, quando siamo di fronte a canali lunghi oltre i 10 metri, è necessario inserire giunti di dilatazione sul canale ogni 7 metri circa, in particolare se consideriamo grondaie presenti su entrambi i lati di copertura dell’edificio.


Una buona manutenzione per evitare danni


Quando i canali di gronda o i pluviali si ostruiscono è bene correre subito ai ripari per evitare danni più seri, pur non riuscendo a vedere all’interno dei nostri canali, è buona norma ogni due anni effettuare la loro pulizia.

Tale operazione, può essere ripetuta più di frequente, se tali canalizzazioni sono più vicine a fonti di produzione di materiale ostruttivo, come foglie, terra, ecc.
Normalmente è necessaria una pulizia con cadenza annuale a fine autunno.

Tracimazione acqua dalla grondaia
In caso di ostruzione dalle foglie, da nidi o detriti vari, l’acqua piovana fuoriesce dalle grondaie e finisce per bagnare i muri perimetrali, danneggiando così intonaco e pittura delle pareti interne ed esterne.

Per queste ragioni è importante mantenere sempre in buono stato il sistema di smaltimento delle acque meteoriche ispezionando, almeno annualmente, le grondaie e rimuovendo eventuali detriti, organici e inorganici, che possono essersi accumulati.


Sistemi di ispezione moderni per il controllo dei tetti


Oggi, grazie alla grande diffusione dei droni dotati di telecamere, acquistabili a basso costo, chiunque può effettuare un giro di ispezione sul proprio tetto, senza dover salire su di esso con tutti gli oneri che ciò comporta.

Da tali ispezioni, si possono rilevare i punti critici e fare una valutazione sulla necessità di far intervenire una ditta specializzata per effettuare la pulizia dei canali.

Un drone in fase di ispezione di un tetto
Ad opera ultimata, con lo stesso drone, sarà possibile verificare la correttezza dei lavori di manutenzione e pulizia effettuati.

Le grondaie esposte a nord sono quelle più a rischio poiché, godendo di meno esposizione al sole, i materiali che si accumulano all’interno rimangono umidi per molto tempo provocando anche la formazione di muschi molto tenaci.

Tale accumulo crea degli acidi dalla decomposizione delle foglie e uccelli morti, con conseguente aumento dei rischi di danneggiamento delle grondaie, pregiudicandone la tenuta stagna.


Le pluviali pulite sono garanzia di corretto deflusso delle acque


Quando si opera la pulizia delle grondaie è assolutamente buona norma aprire i pozzetti sul terreno su cui confluiscono i pluviali prima di procedere alla loro pulizia.

Quest'operazione deve iniziare partendo dall'alto, eliminando ogni forma di ostruzione, servendosi di un palo o di un apposito scovolo.

Pluviali ben tenute ed efficienti
A completamento, occorrerà pulire con idoneo getto di acqua il pluviale, avendo cura di verificare il completo deflusso della stessa nel sottostante pozzetto di raccolta, precedentemente aperto.

Questo consentirà di fare defluire anche i residui di sabbia e polvere lasciando la grondaia perfettamente pulita. Generalmente tale operazione non ha bisogno di impiegare idropulitrici con getti d’acqua a pressione.

Per prevenire l’intasamento dei pluviali da foglie o da altri detriti si può posare nella bocchetta di scarico una gabbia parafoglie in filo di ferro o in plastica.


Pulizia dei pozzetti di raccolta per evitare infiltrazioni


La manutenzione e pulizia dei pozzetti di raccolta delle acque pluviali è un intervento di fondamentale importanza, per mantenere o ripristinare la piena funzionalità di questo elemento. Oltre ad accogliere l’acqua piovana che, passando per il pluviale, affluisce dalle grondaie, il pozzetto ne evita l'infiltrazione verso le opere di fondazione dell'edificio.

Pulizia pozzetto di raccolta acque pluviali
Purtroppo, però, molto spesso accade che non sia soltanto l’acqua a giungere nel pozzetto, ma con essa anche fango e altro materiale ostruttivo, tra cui aghi di pino e fogliame vario.

Con il passare del tempo questi elementi, mescoandosi con l’acqua, danno vita ad un composto denso e melmoso che, ostruendo il pozzetto, oltre a provocare non pochi disagi, può determinare diversi danni anche di tipo strutturale.


Caditoie pulite per evitare allagamenti


Mantenere le caditoie in buono stato di manutenzione, rappresenta un fattore fondamentale per evitare allagamenti in seguito a piogge improvvise e consistenti.

Caditoia intasata per assenza di manutenzione
La loro pulizia deve essere sempre preventiva e possibilmente eseguita da personale qualificato, impiegando automezzi dotati di getti idrodinamici ad alta pressione, idropulenti e aspiranti, e una cisterna di accumulo.

L'0perazione di pulizia avviene inizialmente con la rimozione del chiusino, per poi eseguire l’aspirazione del materiale presente all’interno del pozzetto e successiva pulizia e lavaggio.

Una moderna caditoia a doppio ingresso ben manutenuta
Una volta risigillato il tombino fognario, occorre procedere a una verifica dei componenti come bocchette di lupo, sifoni e i tratti di collegamento alla fognatura.

La prova di funzionalità dello scarico avviene riempiendo con altra acqua il pozzetto pulito, fino a raggiungere l’altezza del sifone. In tal modo si potranno evitare improvvisi allagamenti, rendendo le strade più sicure, specialmente in vista delle precipitazioni autunnali.

riproduzione riservata
Manutenzione impianti per smaltimento acque piovane
Valutazione: 5.00 / 6 basato su 1 voti.

Manutenzione impianti per smaltimento acque piovane: Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
REGISTRATI COME UTENTE
341.150 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Manutenzione impianti per smaltimento acque piovane che potrebbero interessarti

Zanella

Restauro edile - La zanella è un elemento caratterizzante la sezione di una strada con una precisa funzione. Scopriamo quale.

Smaltimento acque reflue di prima Pioggia

Impianti idraulici - L'importanza di smaltire le acque piovane che spesso sono causa di allagamenti.

Spazi esterni e smaltimento delle acque

Impianti - Anche il sistema di smaltimento delle acque meteoriche di un piazzale esterno, alla stregua del fabbricato, deve essere progettato ed eseguito in modo corretto.

Scolo delle acque, stillicidio, e panni stesi in condominio

Liti tra condomini - In tema di scolo delle acque da una proprietà verso l'altra esistono precise regole che variano a seconda che si tratti di unità immobiliari o di fondi non edificati.

Smaltimento acque nere

Impianti - Il regolare funzionamento degli impianti fognari negli edifici dipende da caratteristiche tecniche ben definite.

Creare la pendenza del tetto per il deflusso delle acque meteoriche

Tetti e coperture - Ecco cosa fare per creare una corretta pendenza del tetto, affinché si abbia un adeguato deflusso delle acque meteoriche, evitando problemi di infiltrazioni.

Smaltimento condensa caldaie

Impianti di riscaldamento - Apparentemente innocua, la condensa prodotta dalle caldaie è soggetta a complesse norme di smaltimento in Italia ed in Europa mirate alla sicurezza.

Disoleatori-Degrassatori per trattamento acque reflue

Ristrutturare Casa - I degrassatori-disoleatori, effettuano un trattamento di decantazione, sedimentazione e flottazione a gravità per separare sostanze inquinanti dalla acqua.

Il trattamento delle acque reflue domestiche

Impianti idraulici - Per evitare l'inquinamento ambientale e la diffusione di malattie, è fondamentale trattare adeguatamente le acque nere provenienti dagli scarichi di bagni e cucine.
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img alberto67
Buongiorno, è possibile usufruire della detrazione fiscale per risparmio energetico per una vasca di raccolta e accumulo acque piovane? Grazie Alberto...
alberto67 13 Giugno 2018 ore 11:05 1
Img alexs69
Nel mio condominio, per problemi di infiltrazione di acque piovane nel periodo invernale, dovremmo effettuare una nuova impermeabilizzazione del pavimento del terrazzo e,...
alexs69 22 Febbraio 2017 ore 13:42 1