Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
madex

Locazione: infiltrazioni e recesso del contratto

Le infiltrazioni non possono essere sempre considerate alla stregua di gravi motivi utili a eserictare il diritto di recesso dal contratto di locazione.
- NEWS Affittare casa

Locazione: definizione


La locazione è il contratto col quale una parte si obbliga a far godere all'altra una cosa mobile o immobile per un dato tempo, verso un determinato corrispettivo
.

Questa la nozione del contratto fornita dall'art. 1571 c.c.

Locazione: nuovi locatari
In sostanza una parte fornisce un bene mobile o immobile e l'altra per goderne s'impegna a versare alla prima una somma di denaro.


Natura della locazione


Inutile girarci troppo attorno: quando si parla di locazione la mente vola subito all'affitto di un appartamento, di un deposito oppure di un locale commerciale.

Qual è la natura del contratto di locazione?

Ci spieghiamo meglio.

Con la stipula del contratto di compravendita o di usufrutto o di servitù, la parte che diverrà titolare del diritto assume una posizione particolarmente importante in relazione al bene.

In gergo si dice che il suo è un diritto reale, che, rispetto ad altri previsti dall'ordinamento giuridico, ha una posizione di maggior tutela.

La locazione non rientra nel novero dei diritti reali.


Secondo gli studiosi di diritto la locazione è un contratto consensuale ad effetti obbligatori, da cui nasce un diritto personale di godimento a vantaggio del conduttore; inoltre è un contratto a prestazioni corrispettive perché a carico del conduttore, è posto, tra l'altro, l'obbligo di pagare un prezzo, detto canone o pigione (Caringella - De Marzo, Manuale di diritto civile Parte III Il contratto, Giuffré, 2007).

Insomma il conduttore ha ben precisi diritti e doveri.


Le norme di riferimento


Sono tre le leggi cui guardare per comprendere quali siano i diritti del locatore e quelli del conduttore.

Il riferimento è:

a) al codice civile;

b) alla legge n. 392/78 (c.d. legge sull'equo canone, oggi in parte abrogata);

c) alla legge n. 431/98 (che ha innovato la materia proprio intervenendo a modifica della legge n. 392).

Tra i diritti del conduttore v'è quello di ottenere un'unità immobiliare conforme a quanto pattuito e di poterne godere per tutto il tempo previsto dal contratto.


Recesso per giusti motivi ed eccezioni: infiltrazioni d'acqua


L'inquilino, lo dice chiaramente la Legge n. 431/98, può recedere dal contratto di locazione per gravi motivi con un semplice avviso a mezzo raccomandata a.r.

Un'infiltrazione può essere considerata grave motivo di recesso?

Recesso locazione per infiltrazioni d'acqua
Sì, ma non sempre.

Ci spieghiamo meglio; se il fatto era presente al momento della stipula del contratto oppure s'è manifestato subito dopo ma il conduttore l'ha tollerato per lungo periodo, pur segnalandolo ma senza lamentarsene, egli stesso non può poi invocare tale motivazione a sostegno di una comunicazione di recesso per gravi motivi.

CONSIGLIATO amazon-seller
Sensore di Allarme perdite d'acqua
【Telecomando, monitor e allarme】 Connetti il gateway al WiFi e invierà immediatamente e-mail, notifiche APP...
prezzo € 19
COMPRA


In tal senso si legge in una recente pronuncia della Cassazione che in linea di principio, la condotta del locatario non è idonea a legittimarne il recesso ex art. 27 della legge 27 luglio 1978 n. 392 qualora, stante la contestazione dei locatori, il primo abbia tenuto una condotta, anche documentalmente provata, dalla quale si evinca che a fronte delle infiltrazioni già presenti poco dopo la conclusione del contratto, come nella specie, vi sia stato l'utilizzo ed il godimento dell'immobile per una lungo periodo di tempo - nel caso in esame circa sette anni dalla stipula del contratto (v. Cass. n. 15058/08).

In altri termini, se non si sono sostanziati fatti involontari, imprevedibili e/o sopravvenuti alla costituzione del rapporto tali da rendere oltremodo gravoso per il conduttore sotto il profilo economico la prosecuzione del rapporto locatizio, la condotta prolungata del conduttore si configura come ostacolo alla reclamabilità dei gravi motivi e viene a connotare di illegittimità il suo recesso (Cass. n. 9443/10) (Cass. 26 luglio 2012, n. 13191).

Recesso locazione per infiltrazioni d'acqua
La sentenza è stata resa nell'ambito di una controversia avente ad oggetto la locazione di un immobile per uso diverso da quello abitativo ma non vi sono dubbi che il principio espresso possa valere anche per il recesso nel caso di affitto di un appartamento.

È vero, la gravità del motivo può essere sicuramente influenzata dalla tipologia contrattuale sottostante; l'influenza, però, non può giungere fino all'esclusione della validità del principio in relazione ai vari tipi di locazione; ciò a maggior ragione se il motivo, l'infiltrazione, è potenzialmente in grado di pregiudicare i diversi usi concordati dalle parti.

riproduzione riservata
Articolo: Locazione, infiltrazioni e recesso
Valutazione: 5.29 / 6 basato su 7 voti.

Locazione, infiltrazioni e recesso: Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
dona
Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News
REGISTRATI COME UTENTE
332.096 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Locazione, infiltrazioni e recesso che potrebbero interessarti


Gravi motivi del conduttore per il recesso dal contratto di locazione

Affittare casa - Il recesso del conduttore per gravi motivi per essere esercitabile senza poter essere contestato deve fondarsi su motivi reali e deve essere comunicato nei modi di legge.

Risoluzione del contratto di locazione: obbligatoria la registrazione

Leggi e Normative Tecniche - La risoluzione del contratto di locazione deve essere registrata. Lo afferma la CTP di Milano che condanna un contribuente per aver tardivamente versato l'imposta

Mancata indicazione dei gravi motivi di recesso dalla locazione e sanatoria

Affittare casa - Il conduttore di un appartamento può sempre recedere dal contratto di locazione se vi sono gravi motivi, ma nella lettera di recesso è tenuto ad indicare i motivi.

Risoluzione del contratto di locazione: quando è possibile?

Affittare casa - Si parla di risoluzione del contratto di locazione quando il rapporto contrattuale tra le parti subisce un'interruzione prima della scadenza stabilita. In quali casi

Contratti di locazione a canone concordato: agevolazioni fiscali solo se c'è attestazione

Affittare casa - In caso di contratto di locazione a canone concordato non assistito, per le agevolazioni fiscali è necessaria l'attestazione delle organizzazioni di categoria.

Si può smettere di pagare il canone di locazione in caso di infiltrazioni?

Affittare casa - È legittima l'interruzione del pagamento del canone di locazione solo se i vizi impediscono completamente (e non semplicemente limitano) il godimento dell'immobile.

Affitto: il locatore può cedere il contratto senza consenso dell'inquilino

Affittare casa - Per la cessione del contratto di locazione da parte del padrone di casa non è richiesto il consenso del conduttore. Lo dice la Cassazione con una recente sentenza

Cosa succede quando avviene la disdetta del contratto di locazione?

Proprietà - Il contratto di locazione ha una durata determinata. Tuttavia, può essere disdettato dal proprietario o dal conduttore alle condizioni disciplinate dalla legge.

Agevolazioni fiscali per i proprietari che affittano

Affittare casa - Il reddito della locazione, viene tassato in maniera differente a seconda del tipo di contratto e anche per i proprietari vi sono delle agevolazioni fiscali.
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img minguccio68
Cari lettori, come da titolo della mia discussione, scrivo per avere lumi sull'argomento.In pratica, avendo cambiato casa, ho deciso di lorale la mia vecchia abitazione e non ho...
minguccio68 19 Settembre 2021 ore 13:33 3
Img lucav22
Salve a tutti, volevo sapere se io (conduttore) potessi chiedere la restituzione dei canoni versati per un immobile ad uso abitativo tramite contratto di locazione non registrato...
lucav22 29 Dicembre 2020 ore 19:08 19
Img fabriziolepiscopo
Avrei una richiesta di informazioni in merito alle detrazioni fiscali su ristrutturazione immobile. Trovandomi in una casistica particolare, non ho trovato una risposta esaudiente...
fabriziolepiscopo 17 Settembre 2020 ore 19:34 1
Img francoli
Salve avrei bisogno di sapere se dopo la prima scadenza di un contratto di locazione (4+4) con rinnovo automatico per i 4 anni a seguire, ad un anno circa dalla scadenza dello...
francoli 23 Luglio 2020 ore 16:37 6
Img barbarafranzoni
Buongiorno. Sono in affitto dal 2009 con contratto 4+4 regolarmente rinnovato. A gennaio il proprietario mi ha mandato una raccomandata dicendo che entro il 31 luglio dovrò...
barbarafranzoni 23 Luglio 2020 ore 16:33 7