Locazione e danno alla salute

NEWS DI Affittare casa12 Novembre 2014 ore 00:41
In tema di contratto di locazione, il proprietario dell'appartamento è sempre responsabile dei danni alla salute del conduttore che, incolpevolmente, li abbia subiti.
locazione , danni da locazione , danni al conduttore
Avv. Valentina Papanice

Quando la locazione ti costa la vita, chi lo paga il prezzo?


Con la sentenza n. 19744 del 19 settembre 2014, la Corte di Cassazione è tornata ad occuparsi della questione del danno (questa volta mortale) al conduttore e delle responsabilità del proprietario.

Contratto di locazioneDue genitori convenivano in giudizio il proprietario dell'immobile loro locato come abitazione per chiedere il risarcimento dei danni dovuti al decesso del loro figliolo avvenuto nel minuscolo bagno dell'immobile a causa delle esalazioni di monossido di carbonio mentre questi faceva la doccia.

Gli attori asserivano che la causa dell'evento era da attribuirsi al fatto che lo scaldabagno non era stato installato a regola d'arte per insufficienza sia della capienza del bagno, che del sistema di conduttura dei fumi: spiegavano infatti che il condotto di esalazione – che pure era stato in seguito interrotto in maniera del tutto anomala per lavori di soggetti terzi ai piani superiori - era risultato irregolare sin dall'origine perchè non collegato ad un apposito cavedio tecnico ma alla canna di deflusso dei fumi delle cucine e senza lo sfiato di riserva.

Di conseguenza sostenevano che la causa necessaria e sufficiente di quanto accaduto era da rinvenirsi nel comportamento negligente del locatore .

Al contrario, il convenuto affermava che la causa preminente di quanto successo, come affermato nella perizia espletata nel processo penale, era stata l'interruzione del condotto di esalazione in corrispondenza del quarto piano da parte di terzi e che tale interruzione e il conseguente impedimento alla fuoriuscita dei prodotti della combustione era una condizione di per sè sufficiente al crearsi delle condizioni di causa del decesso, mentre l'irregolare posizionamento dello scaldabagno non poteva necessariamente aver creato una condizione di pericolosità tale da determinare l'evento.

Il Tribunale rigettava la domanda affermando che, nonostante fosse emerso dalle perizie d'ufficio effettuate nell'ambito del processo penale che il boiler non era stato installato in maniera conforme alla normativa di sicurezza allora in vigore ed il bagno era privo di una presa d'aria, tuttavia, stante l'avvenuta anomala e imprevedibile chiusura della canna fumaria ad opera di soggetti terzi, non era risultato provato che il suo operato fosse causalmente collegato al decesso del figlio degli attori.

Successivamente, la Corte di appello in parziale accoglimento dell'appello, dichiarava invece la responsabilità del locatore nella misura di un terzo.

Avverso la sentenza della Corte di merito entrambe le parti hanno proposto ricorso (principale ed incidentale) per Cassazione.


Il conduttore risponde dei vizi preesistenti, ma manifestatisi dopo, se conoscibili


Locazione e risarcimentoI motivi dell'appello del conduttore (quelli che la Corte ha ritenuto ammissibili) sono incentrati nel contestare sostanzialmente la ripartizione della responsabilità tra conduttore e locatore (almeno non in quelle percentuali), oltre che nell'insistere sulla riconducibilità del sinistro interamente all'irregolare posizionamento della canna da parte del locatore: se questa fosse stata apposta fuori dall'immobile, affermavano, nulla sarebbe accaduto.

In appello il locatore era stato ritenuto solo parzialmente responsabile, nella misura di un terzo, appunto. La sentenza del terzo grado riforma parzialmente la sentenza di appello ritenendo totalmente reponsabile il locatore così motivando: invero questa Corte ha affermato che la responsabilità del locatore per i danni derivanti dall'esistenza dei vizi sussiste anche in relazione a vizi preesistenti la consegna ma manifestatisi successivamente ad essa nel caso in cui il locatore poteva conoscere, usando l'ordinaria diligenza, i vizi secondo la disciplina di cui all'art. 1578 c.c. (Cass. 9 luglio 2008, n. 18854 e Cass. 10 agosto 1991, n. 8729).

La circostanza che in sede penale la consulenza tecnica individui altrove la causa, non libera in sede civile il locatore, obbligato ai sensi dell'art. 1578 c.c.

Va da sè che la questione concreta da cui è originato il caso (posizionamento e collegamento dello scaldabagno) deve volta per volta essere valutata secondo le norme tecniche del momento e del luogo.


Il bene della salute è al disopra di ogni rinuncia


La sentenza in commento afferma un altro importante motivo di accoglimento della domanda: e cioè che il locatore è tenuto a risarcire il danno alla salute subito dal conduttore in conseguenza delle condizioni abitative dell'immobile locato quand'anche tali condizioni fossero note al conduttore al momento della conclusione del contratto, in quanto la tutela del diritto alla salute prevale su qualsiasi patto interprivato di esclusione o limitazione della responsabilità (Cass. 3 febbraio 1999, n. 915).

A sostegno di ciò la sentenza richiama un'altra pronuncia della stessa Corte, per la quale è indiscutibile che la tutela della salute... deve operare anche nei rapporti interprivati di locazione , come peraltro è anche prescritto dall'art. 1580 c.c., che conferisce al conduttore l'azione di risoluzione, anche se i vizi gli erano noti, nonostante qualsiasi rinuncia (Cass. n. 915/1999).

Dunque, il diritto alla salute, diritto fondamentale e costituzionale (artt. 2 e 32, Cost.) deve essere tutelato pienamente anche nei rapporti di locazione tra privati e non rileva la conoscenza da parte del conduttore dell'eventuale vizio; d'altronde, è quanto stabilisce il codice all'art. 1580 c.c.

riproduzione riservata
Articolo: Locazione e danno alla salute
Valutazione: 5.00 / 6 basato su 1 voti.
  • fs
  • fs
  • fs
  • fs

Locazione e danno alla salute: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
Notizie che trattano Locazione e danno alla salute che potrebbero interessarti
Danni all'appartamento e poteri del conduttore

Danni all'appartamento e poteri del conduttore

In tema di locazione il conduttore può sempre agire contro il proprietario per le molestie di diritto, mentre deve agire contro i terzi per le molestie di fatto.
Sfratto per finita locazione

Sfratto per finita locazione

Al termine del contratto di locazione il proprietario ha due possibilit: intimare al conduttore di lasciare l'appartamento o sfrattarlo se non l'ha fatto in tempo.
Restituzione del deposito cauzionale al termine della locazione

Restituzione del deposito cauzionale al termine della locazione

Il deposito cauzionale dev'essere restituito al momento della riconsegna dell'immobile e se lo si vuole trattenere per i danni, è necessario intentare una causa.
Il locatore deve garantire il conduttore anche per danni da beni condominiali

Il locatore deve garantire il conduttore anche per danni da beni condominiali

Nei contratti di locazione di un'unità immobiliare ubicata in condominio, il proprietario deve garantire il conduttore anche per quanto riguarda le parti comuni.
L'inquilino, il condominio ed i danni

L'inquilino, il condominio ed i danni

L'inquilino di un un'unità immobiliare in condominio può essere risarcito dal proprietario anche se i danni provengono da parti comuni.
usr REGISTRATI COME UTENTE
290.441 Utenti Registrati
usr
REGISTRAZIONE AZIENDE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
  • Perizie tecniche su perdite e infiltrazioni acqua
    Perizie tecniche su perdite e...
    350.00
  • Opere di cartongesso Napoli
    Opere di cartongesso napoli...
    20.00
  • Impianti idrici Napoli
    Impianti idrici napoli...
    200.00
  • Impianto elettrico Napoli
    Impianto elettrico napoli...
    35.00
  • Box auto modularecl
    Box auto modularecl...
    1398.00
  • Ideal standard sedile slim vaso connect a
    Ideal standard sedile slim vaso...
    113.50
  • Sime caldaia murale a condensazione brava one
    Sime caldaia murale a...
    770.00
  • Elbi vaso espansione riscaldamento lt 50 a
    Elbi vaso espansione riscaldamento...
    71.00
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Inferriate.it
  • Mansarda.it
  • Officine Locati
  • Black & Decker
  • Kone
  • Weber
  • Faidatebook
MERCATINO DELL'USATO
€ 400.00
foto 5 geo Bari
Scade il 01 Giugno 2019
€ 500.00
foto 2 geo Roma
Scade il 31 Luglio 2018
€ 39 000.00
foto 6 geo Torino
Scade il 09 Settembre 2018
€ 40.00
foto 1 geo Napoli
Scade il 30 Giugno 2018
€ 49 000.00
foto 6 geo Torino
Scade il 16 Settembre 2018
€ 160 000.00
foto 4 geo Viterbo
Scade il 31 Dicembre 2018
VENDI SUBITO IL TUO USATO DI CASA
Inserisci annuncio
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
I NOSTRI VIDEO SU YOUTUBE
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.