Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
madex

Locazione abitativa, morosità e sfratto

La convalida sfratto per morosità può essere bloccata dal pagamento dei canoni dopo la domanda giudiziale ma bisogna restare in regola per evitare la risoluzione.
22 Ottobre 2013 ore 13:00 - NEWS Normative
locazione , sfratto , morosità , inadempimento


Nell'ambito delle locazioni abitative, lo sfratto per morosità con contestuale risoluzione del contratto per inadempimento non rappresentano conseguenza immediata e diretta dell'iniziale morosità, se nelle more del giudizio è intervenuto il pagamento anche di non tutto l'importo dovuto.


Questo, in massima sintesi, il contenuto della sentenza n. 6902 resa dal Tribunale di Milano il 16 maggio 2013.


La vertenza riguardava uno sfratto per morosità e una richiesta di risoluzione del contratto per un immobile destinato ad attività commerciale.


Le norme di riferimento per questo genere di locazioni, che si differenziano e non poco dalle locazioni destinate a uso diverso da quello abitativo, sono quelle contenute negli articoli 1 e seguenti dalle legge n. 392/78 (la così detta legge sull'equo canone).


Morosità e sfratto del conduttore


Un solo inadempimento non porta alla risoluzione, ma dal mancato pagamento di due mensilità, come stabilito dell'art. 5 della legge n. 392/78, però, discende l'automatica risoluzione.


Se, poi, tra richiesta di sfratto e udienza interviene il pagamento, allora, sicuramente non può esserci risoluzione.


In tal senso il Tribunale di Milano, nella sentenza succitata, ha ricordato che per quanto la morosità del conduttore fosse rilevante e tale da fondare la pronuncia di risoluzione del contratto di locazione, ai sensi dell'art. 5 L. 392/78 (Cass. 8628/2006: In tema di locazione di immobili, con riferimento all'inadempimento del conduttore al pagamento del canone, l'articolo 5 della legge 27 luglio 1978 n.392 il quale stabilisce che il mancato pagamento del canone della locazione, decorsi venti giorni dalla scadenza prevista, costituisce motivo di risoluzione, ai sensi dell'articolo 1455 cod. civ., fissa un criterio di predeterminazione legale della gravità dell'inadempimento, che come tale non consente al giudice del merito di svolgere altri accertamenti su questo presupposto dell'inadempimento; tale criterio trova applicazione solo alle locazioni ad uso abitativo e non a quello ad uso diverso da quello abitativo.

Sfratto per morositàCiò anche quando si tratti di morosità relativa agli oneri accessori), la sanatoria della morosità in data successiva alla notificazione dell'intimazione di sfratto, ha comportato il venire meno della morosità e di conseguenza del presupposto per la convalida dello sfratto, trattandosi di locazione ad uso abitativo alla quale si applica il disposto di cui all'art. 55 L 392/78, che consente, in deroga al generale disposto di cui all'art. 1453 ultimo comma c.c. - che preclude l'adempimento dopo la proposizione della domanda di risoluzione - la sanatoria della morosità in prima udienza o entro il termine di grazia concesso dal giudice.


Per quanto nella fattispecie che ci occupa non vi sia stata da parte del conduttore una sanatoria della morosità nei termini previsti dalla richiamata disposizione normativa - non avendo il conduttore corrisposto gli interessi e le spese processuali - tuttavia la morosità residua non era tale da giustificare la pronuncia di risoluzione del contratto, a norma dell'art. 5 della L 392/78.


Dunque, la morosità del conduttore preesisteva alla proposizione della domanda giudiziale - condizione necessaria per la pronuncia di risoluzione del contratto di locazione - e, per quanto ridotta ai soli interessi sui canoni di locazione, a seguito del pagamento intervenuto in data 5.4.2011, si è aggravata in corso di causa, posto che già all'udienza fissata per la convalida dello sfratto era maturato il canone relativo al V trimestre 2011, che il conduttore non ha pagato, sospendendo il pagamento di ogni corrispettivo locatizio da quel momento in poi (Trib. Milano 16 maggio 2013 n. 6902).


Valutazione della morosità


Insomma se il conduttore paga prima dell'udienza di convalida dello sfratto e poi riprende a non pagare, lo sfratto non può essere concesso all'udienza di cui sopra ma ciò non vuol dire che il contratto non possa essere risolto al termine della causa.


Tutto dipende dall'importanza dell'inadempimento; tale valutazione è rimessa al giudice di merito.


Come si legge nella sentenza, infatti, la valutazione della morosità del conduttore, ai fini della determinazione della gravità dell'inadempimento contrattuale e della conseguente pronuncia di risoluzione del contratto, deve essere unitaria, vale a dire riferita all'intero rapporto contrattuale, avuto riguardo alle successive omissioni di pagamento dei canoni scaduti nel corso del giudizio.

Invero, nelle obbligazioni ad esecuzione periodica, come la locazione, un inadempimento iniziale di scarso rilievo può rivestire caratteri della serietà e della gravità di cui all'art. 1455 c.c. , se si protrae nel tempo e se persiste ostinatamente malgrado il
Morositàricorso alle vie giudiziali (cfr Cass. 8076/2002: L'inadempimento successivo alla domanda può consistere nella persistenza durante il processo dell'inadempimento originario posto a fondamento della richiesta di risoluzione del contratto, ovvero nell'omesso adempimento di obbligazioni ulteriori. Sulla protrazione dell'inadempimento originario nei contratti di durata, è stato costantemente affermato - con enunciazione che va anche in quest'occasione confermata che l'indagine sull'importanza dell'inadempimento, ai sensi e per gli effetti dell'art. 1455 cod. civ. (alla cui stregua va apprezzato l'inadempimento del conduttore nelle locazioni non abitative), deve essere unitaria, in relazione al complessivo comportamento del debitore, desumibile dalla durata della mora e dall'eventuale suo protrarsi in corso di causa,... con la conseguenza che anche un inadempimento iniziale di scarso rilievo può successivamente evidenziarsi come grave, per la sua durata e persistenza, malgrado il ricorso del creditore alle vie giudiziarie (Cass., 8 marzo 1988, n. 2346); e che ai fini della determinazione della gravità dell'inadempimento, quale presupposto essenziale per la risoluzione del contratto a norma dell'art. 1455 c.c., deve effettuarsi un'indagine unitaria coinvolgente tutto il comportamento del debitore, desumibile dalla durata della mora e dal suo eventuale protrarsi, nonché una valutazione oggettiva della ritardata o mancata prestazione con riferimento all'interesse dell'altra parte all'esatto adempimento (Cass., n. 2879 del 1989).


Nello stesso senso si erano espresse anche Cass., nn. 1708/72, 2987/77, 639/78, 1991/81, 4715/82, 7194/83, 2869/84, 2327/86, 20187) (Trib. Milano 16 maggio 2013 n. 6902).


Nel caso di specie il Tribunale ha valutato come grave l'inadempimento, che è permaso anche in corso di causa, e perciò ha dichiarato risolto il contratto di locazione.

riproduzione riservata
Articolo: Locazione abitativa, morosità e sfratto
Valutazione: 5.50 / 6 basato su 6 voti.

Locazione abitativa, morosità e sfratto: Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Massimo
    Massimo
    Sabato 2 Novembre 2013, alle ore 19:24
    Avv. sono proprietario di un appatamentino in affitto con contratto 4+4 di 26 mq.
    Posso recedere il contratto prima dei 4 anni per motivo di vendita dell'appartamentino a mio figlio?
    rispondi al commento
    • Legale
      Legale Massimo
      Lunedì 4 Novembre 2013, alle ore 15:14
      No, questo tipo di cessione non è contemplata tra i casi di disdetta anticipata.
      rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
dona
Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News
REGISTRATI COME UTENTE
323.183 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Locazione abitativa, morosità e sfratto che potrebbero interessarti


Blocco sfratti fino al 30 giugno 2021 con il Decreto Milleproroghe

Affittare casa - Il Decreto Milleproroghe 2020 sposta il termine per il blocco dei procedimenti di sfratto in scadenza per il 31 dicembre 2021. A chi è destinato il provvedimento.

Fondo di morosità incolpevole e riparto tra le Regioni

Affittare casa - Approvato lo schema di decreto per il riparto tra le Regioni del fondo morosità incolpevole, il contributo a sostengo degli inquilini che non riescono a pagare.

Locazione: cosa fare se il canone non viene riscosso

Affittare casa - Quando il proprietario di un immobile concesso in locazione non riscuote il canone dovuto dall'inquilino può non pagare l'IRPEF. Ecco l'ultima decisione del Fisco

Affitti e canoni non pagati: cosa cambia con il Decreto Crescita

Affittare casa - Niente imposte sui canoni di locazione non percepiti. Ecco le novità introdotte con il Decreto Crescita pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 29 giugno scorso.

Sfratto per finita locazione

Affittare casa - Al termine del contratto di locazione il proprietario ha due possibilit: intimare al conduttore di lasciare l'appartamento o sfrattarlo se non l'ha fatto in tempo.

Inquilino moroso: ecco come difendersi

Mutui e assicurazioni casa - Per tutelare i proprietari di immobili in locazione da inquilini morosi, si trovano sul mercato molte polizze assicurative. Vediamo da vicino di cosa si tratta.

Affitti: sfratto per finita locazione e sfratto per morosità

Affittare casa - Sfratto per finita locazione e sfratto per morosità: due procedimenti a tutela del locatore che consentono il rilascio dell'immobile nei casi fissati dalla legge

Si può ottenere lo sfratto di una persona con disabilità?

Affittare casa - In quali casi è possibile sfrattare un inquilino affetto da disabilità? Ci sono delle particolari tutele a suo favore? Vediamo cosa dice la legge sull'argomento.

Cosa deve fare il proprietario per i canoni di locazione non pagati

Proprietà - Sul canone di locazione di un immobile ad uso abitativo, il proprietario ottiene un reddito soggetto a tassazione. Ma che cosa succede se l'inquilino non paga?
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img lucav22
Salve a tutti, volevo sapere se io (conduttore) potessi chiedere la restituzione dei canoni versati per un immobile ad uso abitativo tramite contratto di locazione non registrato...
lucav22 29 Dicembre 2020 ore 19:08 19
Img fabriziolepiscopo
Avrei una richiesta di informazioni in merito alle detrazioni fiscali su ristrutturazione immobile. Trovandomi in una casistica particolare, non ho trovato una risposta esaudiente...
fabriziolepiscopo 17 Settembre 2020 ore 19:34 1
Img francoli
Salve avrei bisogno di sapere se dopo la prima scadenza di un contratto di locazione (4+4) con rinnovo automatico per i 4 anni a seguire, ad un anno circa dalla scadenza dello...
francoli 23 Luglio 2020 ore 16:37 6
Img barbarafranzoni
Buongiorno. Sono in affitto dal 2009 con contratto 4+4 regolarmente rinnovato. A gennaio il proprietario mi ha mandato una raccomandata dicendo che entro il 31 luglio dovrò...
barbarafranzoni 23 Luglio 2020 ore 16:33 7
Img apache7
Buongiorno vorrei chiedere un vs parere. Starei per acquistare una seconda casa vicino al mare come investimento da poter locare d'estate, la mia disponibilità non è...
apache7 18 Maggio 2020 ore 16:05 2