Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Ultimi aggiornamenti sui lavori edilizi possibili e sospesi

NEWS Leggi e Normative Tecniche22 Aprile 2020 ore 15:44
Lavori possibili e lavori da sospendere o sospesi per Covid-19, ultimo decreto di aggiornamento dell'11.04.2020 in vigore dal 14 aprile 2020 e fino al 3 maggio

Ultimi aggiornamenti sui lavori edilizi permessi o sospesi


In Italia sono ormai oltre 40 gg che combattiamo quotidianamente per capire quello che si può fare e quello che non si può fare sotto il cappello comune del #iorestoacasa.

Ci sono situazioni impreviste che alcuni di noi si sono trovati ad affrontare senza sapere come reagire perchè sospesi in un limbo, tra normative statali e direttive regionali: è il caso dei cantieri aperti alla data del 22 marzo 2020.


Ponteggi e lavori edili

Ponteggi e lavori edili

Ponteggi e lavori edili
Decreti governo al tempo del covid-19

Decreti governo al tempo del covid-19

Decreti governo al tempo del covid-19
Lavori interni e distanziamento sociale per Coronavirus

Lavori interni e distanziamento sociale per Coronavirus

Lavori interni e distanziamento sociale per Coronavirus
Attenzione ai cambiamenti legislativi

Attenzione ai cambiamenti legislativi

Attenzione ai cambiamenti legislativi
Lavori di edilizia privata

Lavori di edilizia privata

Lavori di edilizia privata
Decreti e covid19

Decreti e covid19

Decreti e covid19

Parliamo quindi, di chi aveva iniziato i lavori di ristrutturazione dell’appartamento prima del lock down e che si è ritrovato a veder sospendere i lavori dall'impresa, così come i condomini che avevano già montato i ponteggi per il rifacimento delle facciate o comunque per lavori condominiali sulle parti comuni; entrambi si possono essere ritrovati inanzitutto con i lavori sospesi, per i secondi anche con i ponteggi montati.

ponteggi-facciate
Inizialmente il blocco era stato fissato fino al 3 aprile quindi 15 gg di blocco sono stati ritenuti sopportabili sia dalla parte del committente che dell’impresa.

Oggi che il lock down è stato prorogato al 3 maggio le situazioni iniziano a cambiare, le imprese diventano insofferenti se non hanno percepito lo stato di avanzamento lavori, a lavori avanzati, e i committenti risultano indisposti per acconti dati e lavori sospesi.

Nascono problemi tra affittuari e proprietari, ci si informa e ci si interroga per capire meglio come accordarsi senza subire danni da entrambe le parti nei casi più facili e con persone in buoni rapporti.

decreti-covid19
Esistono poi i casi più complicati dove si iniziano a richiedere perizie tecniche di parte a tecnici esperti, o esame documentale, per verificare la correttezza dei cantieri sospesi, chiedendo se l'impresa aveva diritto o meno a sospendere i lavori.

Prima di iniziare una guerra in un periodo già complicato di per se, e contattare studi tecnici attualmente disponibili ad effettuare assistenza online.

Con il Dpcm 22 marzo 2020 tutte le attività non essenziali sono state chiuse e la specifica delle attività essenziali e non essenziali era specificata nell’allegato A tramite i codici Ateco.

Per quanto riguarda i cantieri edili sono state ritenute attività essenziali e quindi potevano rimanere aperti tutti quei cantieri edili che rientravano nel codice Ateco 42, ossia i cantieri per opere stradali, opere pubbliche tipo ferrovie o comunque opere di pubblica utilità ritenute indispensabili e prioritarie; venivano escluse le piscine i piccoli porticcioli o i circoli sportivi di qualsiasi tipo.

Nel citato decreto risultavano quindi sospese e non proseguibili tutte quelle attività che rientravano nella categoria codice Ateco 41, Costruzione di edifici, e tutte le sue sottocategorie; fermi quindi i lavori che riguardano la costruzione di nuovi edifici residenziali e non residenziali, comunque le nuove costruzioni.


Ristrutturazioni edilizie, chi può lavorare e chi no?


In realtà il decreto-legge 25 marzo 2020, n. 19, modifica i codici Ateco del D.p.c.m. del 22.03.2020 e non blocca i cantieri privati li ove questi interessano la manutenzione in efficienza degli impianti in esso presenti e nello specifico possono continuare i lavori inerenti:


  • impianto elettrico

  • impianto termico

  • impianto idraulico

  • impianto del riscaldamento

  • opere necessarie alla loro manutenzione in efficienza.



Esaminando il caso di una ristrutturazione di un appartamento dove il progetto regolarmente depositato prima del blocco, 22 marzo 2020, prevedeva il rifacimento dell’impianto elettrico e del riscaldamento, o magari di quello idraulico perchè magari prevedeva di spostare bagno e cucina.

ristrutturazioni-interni
In questo caso specifico i lavori risultano permessi ma solo dopo aver fatto regolare richiesta di autorizzazione al Prefetto, che deciderà in base alla documentazione prodotta dall’impresa, anche inerente la regolarità della stessa in merito ai lavori da farsi ed ai D.P.I. a disposizione, la possibilità o meno di continuare i lavori in linea alle nuove prescrizioni della sicurezza.

Dispositivi di protezione individuale
Esaminiamo poi invece un altro caso, quello del rifacimento delle facciate esterne che non contempla il rifacimento di impianti elettrici idraulici o del riscaldamento.
Questi lavori rientrano nello stop senza eccezioni.

In ogni caso vige la logica del buon senso, nel momento in cui si manifestano urgenze di manutenzioni ad evitare maggiori e più gravi danni, se questo verrà dimostrato e dichiarato da un tecnico professionista che ne attesta l’urgenza, questi potranno comunque essere sottoposti al vaglio del Prefetto per la loro prosecuzione.

Nel caso ancora di lavori condominiali concordati in assemblea ma ancora non affidati all’impresa, rimane logico attendere per l’affidamento la fine del lockdown, (oggi 3 maggio) perchè la ditta una volta incassato l’anticipo potrà sempre comunicare lo stop del cantiere invocando la causale Covid-19 come esimente.

In periodi di emergenza bisogna essere sicuramente più attenti a possibili trucchi dei più esperti.


Norme inerenti la sicurezza sui cantieri


Restano ferme quindi ovviamente tutte le normative inerenti il regolare deposito di progetto per l’ottenimento del dovuto titolo edilizio che abilita il proprietario ad effettuare i dovuti lavori nel rispetto del dlgs.n. 222 del 25.11.2016 in aggiornamento al T.U. D.P.R. 380/2001.

A questo va aggiunta la possibilità di effettuare i lavori nel rispetto delle ulteriori prescrizioni di sicurezza sul distanziamento e sui dispositivi di protezione individuale D.P.I. previsti dai decreti in vigore per l’emergenza Coronavirus. (ultimo decreto in vigore ad oggi quello dell’ 11.04.2020 entrato in vigore dal 14.04.2020 e fino al 3.05.2020)

Distanziamento e dpi
La sicurezza tradizionale, così come prevista dal testo unico D.lgs. 81/2008, viene oggi quindi integrata dalle prescrizioni di sicurezza covid-19, regole sul distanziamento e precise prescrizioni sui D.P.I. dispositivi di protezione individuale, igiene e sicurezza sui luoghi di lavoro.

A seconda delle diverse tipologie di cantiere quindi andrà integrato il dovuto P.O.S. (Piano operativo di sicurezza) con le prescrizioni di sicurezza ulteriori, così come dettagliate dagli Allegati relativi all’igiene e sicurezza sui luoghi di lavoro.


Opere eseguite per conto di committente privato


Bisogna chiarire che nessun cantiere era stato sospeso per decreto fino al 22.03.2020.
È solo con il DPCM 22 marzo 2020 che si sono sospese tutte le attività ad esclusione di quelle elencate nell’allegato 1, tra cui le seguenti:

43.2 Installazione di impianti elettrici,idraulici e altri lavori di costruzioni e installazioni
81.2 Attività di pulizia e disinfestazione
95.22.01 Riparazione di elettrodomestici e di articoli per la casa
95.11.00 Riparazione e manutenzione di computer e periferiche
95.12.01 Riparazione e manutenzione di telefoni fissi, cordless e cellulari
95.12.09 Riparazione e manutenzione di altre apparecchiature per le comunicazioni

con decorrenza dal 23 marzo 2020 e, prima sino al 3 aprile 2020, oggi sino al 3 maggio 2020.
È’ stata poi prevista una norma di salvaguardia che consentiva il proseguimento fino al 25 marzo delle attività necessarie per attuare la sospensione e mettere in sicurezza i cantieri (28 marzo per le sospensioni arrivate con DM del MISE 25 marzo 2020).
Attenzione alle modifiche legislativeIl DM 25.03.2020 ha introdotto alcune modifiche ai codici Ateco dell'Allegato 1 del DPCM 22.03.2020.
Bisogna quindi fare delle distinzioni:


Cantieri in attività alla data del 22.03.2020


Verificare che sia stata fatta comunicazione di sospensione in conseguenza del DPCM 22.03.2020 se non dal committente in via prioritaria, dall’appaltatore e verso la committenza e la direzione lavori o da tutte e tre le figure in accordo.

In caso di disaccordo tra le parti, andrà redatto verbale che specifica le motivazioni dell’uno e dell’altro con verbale e notula spese per la messa in sicurezza prima dello stop, specificando i motivi che ne impediscono la prosecuzione.

Andrà effettuata o richiesta alla direzione lavori una verifica circa lo stato di avanzamento dei lavori e del cantiere anche in merito a materiali macchinari ed attrezzature presenti o contratti di noleggio in essere da sospendere con la stima dei relativi costi aggiuntivi per la sospensione e messa in sicurezza imprevista.


Cantieri che hanno sospeso l’attività prima del 22.03.2020


In questo caso dovreste avere ricevuto per il tramite del direttore lavori se esistente o direttamente dall’impresa, apposita comunicazione di sospensione con la specifica delle motivazioni che impedivano la prosecuzione delle opere; in alternativa l’impresa avrebbe dovuto chiedere aggiornamento del POS al coordinatore della sicurezza o al committente stesso in qualità di responsabile dei lavori, comunicando contestualmente la sospensione dei lavori sino a quando le condizioni di sicurezza sui luoghi di lavoro non si possano garantire o non sia consegnato l’aggiornamento del P.O.S. del cantiere.


Cantieri che hanno sospeso l’attività a seguito del decreto del 22.03.2020


Si prevedono le stesse procedure precedentemente elencate con contestuali comunicazioni al comune ed agli uffici preposti a seconda dell’intervento previsto, per sospendere e poi riprendere i termini di cantiere.


Lavori in corso da eseguirsi nel rispetto del protocollo di sicurezza previsto


I lavori andranno comunque realizzati solo nel rispetto del protocollo previsto il 25 marzo 2020 da tutte le associazioni del settore delle costruzioni (Ance, Anaepa Confartigianato, Claai, Cna costruzioni, Confapi Aniem, Fiae Casartigiani e Alleanza delle cooperative Produzione e Lavoro -Agci Produzione e Lavoro, Confcooperative Lavoro e Servizi, Legacoop Produzione e Servizi) e dai sindacati di categoria.

Oggi così come aggiornato dal D.P.C.M. 11.04.2020 entrato in vigore dal 14.04.2020 e fino al 3.05.2020.

Normativa statale avanza con decreti
Attualmente la nostra vita è regolata da queste ulteriori disposizioni attuative del D.L. 25 marzo 2020, n. 19, recante misure urgenti per fronteggiare l'emergenza epidemiologica da COVID-19, applicabili sull'intero territorio nazionale e successivi aggiornamenti.

Tra le attività ritenute a basso rischio sembra ci siano anche i cantieri edili codici Ateco 41, 42, 43.
Se l'orientamento dell'attuale task force dovesse rimanere così i cantieri edili potrebbero essere i primi a riaprire già dal 27 aprile 2020, ma ad oggi la tabella delle attività è ancora in bozza.

Le direttive regionali potranno poi attuare misure più restrittive quindi con prudenza regione per regione bisognerà informarsi.

Ad oggi il riferimento è la GU Serie Generale n.97 del 11-04-2020 disponibile on-line: https://www.gazzettaufficiale.it/eli/id/2020/04/11/20A02179/sg

riproduzione riservata
Articolo: Lavori edilizi possibili in periodo covid-19
Valutazione: 5.30 / 6 basato su 10 voti.

Lavori edilizi possibili in periodo covid-19: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
Sostieni Lavorincasa
REGISTRATI COME UTENTE
317.162 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Quanto costa, dove lo trovo? Sei un Azienda ? Pubblica i tuoi Prezzi Quì !
  • Opere edili bologna
    Opere edili bologna...
    30.00
  • Feltro da pittura
    Feltro da pittura...
    6.00
  • Rifacimenti esterni
    Rifacimenti esterni...
    500.00
  • Ristrutturazioni. imbiancature, impianto idraulico a Milano
    Ristrutturazioni. imbiancature,...
    1000.00
  • Supporto per lavori di precisione con lente di ingrandimento
    Supporto per lavori di precisione...
    23.99
  • Set cacciaviti da elettricista isolati
    Set cacciaviti da elettricista...
    14.93
Notizie che trattano Lavori edilizi possibili in periodo covid-19 che potrebbero interessarti


Il Covid-19 non ferma i lavori in casa

Materiali edili - In piena emergenza da Coronovirus chi è alle prese con i lavori di ristrutturazione sulla casa corre il rischio di doversi fermare laddove non sia possibile continuare

Bonus per lavori condominiali

Condominio - Una risoluzione dell'Agenzia delle Entrate chiarisce che è possibile usufruire del bonus 36% per i lavori eseguiti su tutte le parti comuni del condominio.

Covid-19: c'è la sospensione dei mutui

Mutui e assicurazioni casa - L'Italia si tinge di rosso. Si è estesa la zona rossa su tutto il territorio nazionale e mutui sospesi per tutti purché si è in regole con i pagamenti delle rate

Bonus unico per i lavori condominiali fino all'85%

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Bonus unico in caso di lavori in ambito condominio per riqualificazione energetica e riduzione del rischio sismico. L'incentivo fiscale viene portato fino all'85%

Interventi edili: quali sono le responsabilità del committente?

Leggi e Normative Tecniche - In caso di lavori edili, anche di piccola entità, il committente ha delle responsabilità sia per la regolarità urbanistica che per la sicurezza nei cantieri.

Responsabilita' Committente Lavori

Normative - Il committente dei lavori trae benefici anche da lavori svolti in condizioni di rischio, ha dunque l'obbligo di assicurare la sicurezza del proprio cantiere.

Vigilanza sui cantieri edili per prevenire fenomeni di furto

Normative - La sorveglianza di un cantiere edile, necessaria per prevenire incidenti o altri effetti indesiderati, coinvolge e responsabilizza tutti i soggetti coinvolti.

Diagramma di Gantt per opere private

Progettazione - La gestione di un cantiere edile, si sviluppa a seguito di numerosi fattori e variabili che possono essere analizzati mediante un adeguato sistema di controllo.

Lavori edili in appartamento e responsabilità del committente e dell'appaltatore

Liti tra condomini - Quando si eseguono lavori edili in un appartamento, può accadere che gli stessi provochino dei danni. Chi ne risponde? Il committente, l'appaltatore o entrambi?
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img luis62
Buonpomeriggio,ho un problema di infiltrazione acque piovane nel mio garege attraverso il muro confinante con il giardino, siccome il costo per i lavori dall'esterno sono molto...
luis62 05 Febbraio 2015 ore 14:35 2
Img luma18
Buon giorno, chiedo consulenza a questo proposito. Abitavo (perché ora la mia casa è in vendita) in un appartamento composto da 4 unità abitative...
luma18 17 Marzo 2020 ore 13:33 8
Img sladfive
Salve a tutti.Possiedo una ditta che sta eseguendo lavori nel mio condominio, si tratta di mettere nuove gronde e pulizia del tetto, più installazione linee vita e...
sladfive 24 Gennaio 2016 ore 11:13 2
Img mellina84
Buongiorno a tutti,scrivo per avere un parere in merito ad una questione molto fastidiosa.Dopo anni di assemblee, 3 condomini su 10 hanno messo di mezzo un avvocato e hanno...
mellina84 24 Novembre 2015 ore 11:56 3
Img tont
Buongiono,In un condominio di 3 palazzine A, B, C con 6 appartamenti c.u.- il condomino della palazzina "A" deve eseguire lavori nella sua proprietà giardinetto...
tont 10 Maggio 2020 ore 18:26 5