Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
madex

La targa professionale lede il decoro dell'edificio?

La targa posta sulla facciata dell'edificio per indicare la presenza di uno studio professionale è sempre lesiva del decoto dello stabile?
13 Marzo 2012 ore 15:31 - NEWS Condominio
TargaChissà quante volte se n'è sentito parlare ed anche in questo blog abbiamo risposto ad un quesito simile: la targhetta dello studio professionale presente nell'edificio può ledere il decoro architettonico? La risposta è tanto semplice quanto vaga: tutto dipende dalla tipologia della targa. Vale la pena comprendere il perchà di quest'affermazione. Una premessa pare fondamentale: per motivare la presa di posizione che abbiamo appena espresso faremo ricorso alle indicazioni della giurisprudenza ma il risultato è il frutto della mia personale opinione. Insomma nient'altro che una valutazione, si spera utile a formarsi un'idea; di certo non parole da prendere come oro colato. Detto ciò andiamo avanti. Il decoro, è cosa nota, viene definito come l'insieme delle linee armoniche che caratterizzano l'estetica dell'edificio (cfr. Cass. n. 851/07). Non è necessario che lo stabile abbia particolare pregio storico artistico; l'estetica, infatti, è rintracciabile tanto nelle dimore storiche quanto nei palazzi di recente costruzione. Ledere il decoro architettonico di un edificio significa porre in essere delle opere che alterano l'estetica della costruzione. L'alterazione deve sostanziarsi in un peggioramento delle linee armoniche e deve comportare un danno economicamente valutabile per le parti comuni e/o per quelle di proprietà esclusiva del singolo condomino (Cass. n. 1286/10). Chiaramente la prova dell'avvenuta lesione dell'estetica dell'edificio, anche nel caso di apposizione di targa individuante un'attività professionale/commerciale, dev'essere fornita da chi la invoca. La giurisprudenza (di merito), nell'estate del 2011, ha avuto modo di specificare che il concetto di estetica non ha valore assoluto ma dev'essere sempre calato nella realtà circostante; come dire, l'abitudine a certi comportamenti li può rendere tollerabili (Giudice di Pace di Grosseto 19 agosto 2011 n. 1038). È così per le unità esterne dei condizionatori, perchà non dovrebbe esserlo anche per le targhe professionali? Certo è che la targa apposta sulla facciata di un qualunque edificio è cosa ben diversa da quella messa in bella mostra su un palazzo rinascimentale. Ecco, allora, che la valutazione caso per caso, lungi dal penalizzare solamente i proprietari di edifici storici, ha come unico scopo quello di salvaguardare l'estetica di qualunque stabile. Il discorso può subire delle variazioni significative se è presente un regolamento di condominio. Targa2Il regolamento, a parlare è la dottrina cui fa seguito la giurisprudenza, quali ne siano l'origine ed il procedimento di formazione (accettazione da parte dei singoli acquirenti delle unità immobiliari condominiali del regolamento predisposto dall'originario unico proprietario dell'intero edificio oppure deliberazione dell'assemblea dei condomini votata con la maggioranza di cui all'art. 1136, secondo comma, c.c.), si configura, in relazione alla sua specifica funzione di costituire una sorta di statuto convenzionale del condominio, che ne disciplina la vita e l'attività come ente di gestione (ferma l'inderogabilità di alcune norma concernenti specifici aspetti della disciplina legislativa), come atto volto ad incidere su di un à€œrapporto plurisoggettivoà€ concettualmente unico con un complesso di regole giuridicamente vincolanti per tutti i condomini (Scorzelli, Il regolamento di condominio, Fag, 2007). In questo contesto è bene, comunque, distinguere tra regolamento contrattuale e quello assembleare. Il primo, proprio perchà accettato da tutti i condomini, può imporre limiti d'uso delle parti comuni a prescindere dall'effettiva lesione del decoro; in sostanza il regolamento convenzionale può semplicemente vietare. Il secondo, invece, nel disciplinare il decoro (art. 1138 c.c.) deve comunque tenere presente che ogni condomino ha diritto a far uso delle cose comuni senza che ciò comporti modifiche alle stesse o menomi il pari diritto degli altri (art. 1102 c.c.). Con ciò si vuol dire che una norma del regolamento assembleare potrebbe si vietare, o sottoporre ad autorizzazione, l'installazione di targhe e simili; nel farlo, però, dovrebbe stare attenta a non ledere i diritti dei singoli. Un clausola regolamentare del genere sarebbe imperscrittibilmente nulla poichà lesiva del diritto del singolo sulle parti di proprietà comune.
riproduzione riservata
Articolo: La targa professionale lede il decoro dell'edificio?
Valutazione: 3.00 / 6 basato su 1 voti.

La targa professionale lede il decoro dell'edificio?: Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
dona
Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News
REGISTRATI COME UTENTE
327.819 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano La targa professionale lede il decoro dell'edificio? che potrebbero interessarti


Regolamento condominiale contrattuale e posizione dell'inquilino

Regolamento condominiale - Il regolamento condominiale non dev'essere rispettato dall'inquilino se il proprietario non l'ha accettato o se non c'è uno specifico accordo

Attività di affittacamere e regolamento condominiale contrattuale

Casa vacanze - Attività di affittacamere e regolamento condominiale contrattuale: è legittimo esercitarla se il regolamento non vieta specificamente quella destinazione?

La trascrizione del regolamento condominiale

Regolamento condominiale - La trascrizione è un atto di pubblicità giuridica che può riguardare anche il regolamento condominiale.Che cosa accade se non si effettua?

Proprietà esclusiva e limitazioni d'uso

Condominio - Prendiamo spunto da una recente sentenza della Suprema Corte di Cassazione (la n

Quando non si può aprire un ristorante in condominio?

Regolamento condominiale - Il regolamento condominiale può arrivare a vietare l'apertura di ristoranti in condominio: quando è valido quel regolamento? Quale la sua efficacia verso i conduttori?

Vincoli di destinazione d'uso

Condominio - Il regolamento condominiale di origine contrattuale può imporre ai comproprietari dei vincoli alla destinazione d'uso delle unità immobiliari di proprietà esclusiva.

Regolamento di condominio e vendita dell'appartamento

Regolamento condominiale - Che cosa succede quando un appartamento in condominio viene venduto? Esistono delle norme che impongono all'acquirente di rispettare il regolamento condominiale?

Asilo nido in condominio? Dipende dal regolamento

Regolamento condominiale - L'apertura di un asilo nido in un condominio può essere vietata da un regolamento contrattuale ed in tal caso l'amministrazione comunale non può non tenerne conto.

Lavori di ristrutturazione e consultazione del regolamento condominiale

Manutenzione condominiale - Se il condomino deve eseguire lavori di ristrutturazione della propria unità immobiliare, è bene che consulti il regolamento per conoscere eventuali divieti.
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img leonardodon
Ho una casetta in legno di 7 mq non ancorata e fissa ma appoggiata sul terreno senza platea in cemento denunciata al mio comune con una semplice domanda in quanto rientra nelle...
leonardodon 22 Gennaio 2021 ore 22:46 2
Img sergiobarosso
Buonasera. Un edificio in cemento armato degli anni 80, realizzato con permesso di costruire ma senza la denuncia delle opere strutturali (e di conseguenza senza collaudo statico)...
sergiobarosso 05 Dicembre 2020 ore 12:16 1
Img plbgmc@gmail.com
Caso reale. Fabbricato unifamiliare originariamente costituito da PT (tre vani contigui)) con apertura su strada comunale e ad essa adiacente un portone di ferro che immette su...
plbgmc@gmail.com 03 Settembre 2020 ore 18:55 2
Img arcplac
Ho richiesto il cambio di destinazione d'uso di un locale accessorio indiretto, locale di sgombero annesso all'abitazione posta al primo piano, ubicato nel cortile condominiale,...
arcplac 22 Luglio 2020 ore 12:03 4
Img letymass
Buonasera, ho una casa in campagna accatastata A/4 alla quale è attaccata un’altra casa di 4 piani mai ristrutturata sempre di mia proprietà ed accatastata C/2...
letymass 05 Giugno 2020 ore 18:26 3