Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
madex

Sostituzione serramenti: guida alla scelta tra Bonus Casa ed Ecobonus

La sostituzione dei serramenti può accedere sia al Bonus Casa che all'Ecobonus, entrambi con percentuale di detrazione pari al 50%. Quale scegliere tra i due?
29 Marzo 2021 ore 16:12 - NEWS Detrazioni e agevolazioni fiscali

Quali detrazioni per la sostituzione dei serramenti?


Chi sostituisce i serramenti di casa può beneficiare già da alcuni anni di specifiche detrazioni fiscali:

  • la detrazione sulle ristrutturazioni edilizie, detta anche Bonus Casa, con percentuale di detrazione pari al 50%;

  • la detrazione sul risparmio energetico, detta anche Ecobonus, con percentuale di detrazione pari al 50%.

Detrazioni serramenti: ristrutturazione o risparmio energetico
Più di recente, il Decreto Legge 19 maggio 2020 n. 34, il cosiddetto Decreto Rilancio, convertito in Legge 17 luglio 2020 n. 77, ha introdotto il SuperEcobonus 110%.

Si tratta dell'Ecobonus già citato, ma con percentuale di detrazione maggiorata al 110%.

La sostituzione dei serramenti accede al SuperEcobonus 110% solo qualora l'intervento avvenga contestualmente ad altre opere di isolamento dell'involucro edilizio o di sostituzione dell'impianto di climatizzazione invernale, rispettando, al contempo, altri requisiti tecnici.

È chiaro che, qualora la sostituzione dei serramenti avvenga in un contesto di opere che possono accedere al SuperEcobonus 110%, questa opzione è la più favorevole.

Diventa, invece, più interessante analizzare il caso in cui la sostituzione di serramenti avvenga senza altre opere.

Non potendo accedere al SuperEcobonus, il contribuente si troverà a dover scegliere tra Bonus Casa ed Ecobonus.

Non esiste a priori una scelta migliore dell'altra.

Possono, invece, sussistere contesti che rendono obbligatoria una detrazione rispetto all'altra; oppure contesti tali da creare più opportunità scegliendo una detrazione anziché l'altra.

Trovo utile, a questo punto, fornire gli strumenti per una scelta consapevole.

Analizzeremo dapprima i requisiti e gli adempimenti previsti per ogni singola detrazione, per poi indicare in quali casi è preferibile l'una o l'altra detrazione.


Detrazione sulle ristrutturazioni: requisiti per la sostituzione dei serramenti

La detrazione sulle ristrutturazioni edilizie riguarda unicamente immobili esistenti a destinazione residenziale e loro pertinenze.

Sono quindi esclusi gli immobili di nuova costruzione e quelli afferenti a tutte le altre categorie catastali, come uffici, negozi, laboratori ed altro.

Serramenti: detrazione ristrutturazioni 50
È bene ricordare che si può accedere alla detrazione per ristrutturazioni anche qualora non si abbia in atto una ristrutturazione edilizia vera a propria. Tuttavia è importante rispettare alcune regole.

Innanzitutto è previsto il rispetto della normativa edilizia ed energetica vigente.

In caso di sostituzione di serramenti che delimitano il volume riscaldato dell'immobile (parliamo quindi di serramenti tra locali riscaldati e ambiente esterno o tra locali riscaldati e altri locali non riscaldati), bisognerà rispettare per i nuovi serramenti i valori di trasmittanza richiesti sia a livello nazionale sia regionale.

In termini semplici, la trasmittanza è l'indicatore di quanto calore disperde un elemento edilizio, nel nostro caso il serramento.

Nel caso, invece, di serramenti sostituiti in locali non riscaldati di singole unità abitative (es. le finestre della cantina) la normativa in materia edilizia ed energetica non richiede di rispettare particolari requisiti termici, ma ai fini della detrazione sarà necessario che le nuove finestre abbiano caratteristiche innovative rispetto alle precedenti.

In particolare, la Guida Agenzia Entrate sulla detrazione per le ristrutturazioni indica come requisiti per queste ultime nuove finestre sagoma (intesa come sagoma del profilo telaio), materiale e colori diversi rispetto alle finestre preesistenti.

Discorso diverso vale per i serramenti in locali non riscaldati comuni condominiali, per i quali la detrazione è consentita anche senza apportare novità.

La detrazione sulle ristrutturazioni edilizie prevede una percentuale fissa di detrazione pari al 50%, da calcolare su una spesa massima di 96.000 euro per ogni singola unità abitativa e da ripartire in 10 rate annuali.


Detrazione sulle ristrutturazioni: adempimenti per la sostituzione dei serramenti


Prima di procedere con la sostituzione dei serramenti bisogna sempre verificare se nel nostro caso è necessario effettuare una comunicazione preventiva in Comune.

La Conferenza Stato-Regioni ha approvato il 22 febbraio 2018 il glossario dell'edilizia libera, ossia un elenco dei lavori per i quali non è richiesta né autorizzazione né comunicazione preventiva in Comune, all'interno del quale compare la voce riparazione, sostituzione e rinnovamento di infissi interni ed esterni.


Si tratta sicuramente di un facilitazione per il cittadino; tuttavia, questa indicazione non può valere in ogni situazione.

Infatti, per i serramenti delimitanti volumi riscaldati, ossia quelli tra locali riscaldati e ambiente esterno o tra locali riscaldati e altri locali non riscaldati, bisogna rispettare non solo le norme in materia edilizia, ma anche quelle in materia energetica.

Il Decreto interministeriale 26 giugno 2015Applicazione delle metodologie di calcolo delle prestazioni energetiche e definizione delle prescrizioni e dei requisiti minimi degli edifici prevede, in caso di sostituzione di serramenti delimitanti il volume riscaldato della casa o di altri interventi che implichino modifiche del comportamento energetico dell'immobile, l'obbligo di consegnare in Comune una relazione attestante il rispetto di specifici requisiti energetici a firma di tecnico abilitato (architetto, ingegnere, geometra).

In caso di sostituzione dei serramenti va dimostrato che i nuovi serramenti siano sufficientemente isolati, o detto meglio, non superino i valori limite di trasmittanza imposti dalla normativa.

In alcune Regioni ci sono poi norme specifiche che approfondiscono quelle energetiche nazionali e che prevedono sempre la medesima relazione da consegnare in Comune, talvolta semplificata rispetto al Decreto interministeriale del 26 giugno 2015.
Sostituzione serramenti: comunicazione in Comune
In considerazione di tutte le norme vigenti (edilizie e energetiche), deduciamo quanto segue:

  • qualora si tratti di serramenti per i quali la normativa edilizia nazionale e regionale non richieda la verifica dei requisiti termici, ossia per serramenti che non delimitino il volume riscaldato dell'immobile (es. finestre della cantina o del vano scala, basculante del garage), l'intervento si può eseguire in edilizia libera, ossia senza effettuare comunicazione preventiva in Comune.

  • qualora si tratti di serramenti delimitanti il volume riscaldato dell'immobile, è bene verificare presso l'ufficio tecnico del Comune se l'intervento si può eseguire in edilizia libera, oppure previa comunicazione in Comune corredata di relazione sul rispetto dei requisiti energetici richiesti a firma di un tecnico abilitato.

Una volta terminati i lavori, se l'intervento ha riguardato i serramenti delimitanti il volume riscaldato, ossia ha apportato un risparmio energetico per l'immobile, è necessario inviare entro 90 giorni apposita comunicazione telematica ad ENEA.

Infine, bisogna indicare sulla dichiarazione dei redditi le spese sostenute e i dati catastali dell'edificio su cui è stato eseguito l'intervento.

Questi sono i documenti da conservare ed esibire in caso di controlli dell'Agenzia Entrate:

  • eventuale comunicazione consegnata in Comune, oppure, quando non richiesta, dichiarazione sostitutiva di atto notorio in cui si dichiara che l'intervento non è soggetto ad autorizzazione comunale ma rientra comunque tra gli interventi agevolati;

  • fatture;

  • ricevute di pagamento mediante apposito bonifico;

  • copia comunicazione ASL quando l'intervento è affidato a più ditte;

  • copia comunicazione trasmessa ad ENEA, comprensiva di ricevuta (Codice CPID);

  • in caso di lavori in condominio, delibera assembleare di approvazione dei lavori e tabella di ripartizione delle spese;

  • in caso di lavori eseguiti da persone diverse dal proprietario o dai suoi familiari conviventi, come affittuari e comodatari, consenso scritto all'esecuzione delle opere rilasciato da proprietario.

Detrazione sul risparmio energetico: requisiti per la sostituzione dei serramenti


La detrazione sul risparmio energetico, chiamata anche Ecobonus, è ammessa per immobili esistenti di qualsiasi categoria catastale (abitazioni, uffici, negozi, laboratori, ecc.) dotati di impianto di riscaldamento.

Ci sono, dunque, due iniziali differenze con la detrazione sulle ristrutturazioni edilizie, la quale, invece, riguarda solo le abitazioni e non richiede la presenza di un impianto di riscaldamento.

Ecobonus negozi uffici laboratori
Inoltre, l'Ecobonus è ammesso solo per serramenti che delimitano il volume riscaldato, quindi serramenti tra locali riscaldati e ambiente esterno o tra locali riscaldati e altri locali non riscaldati.

Possono rientrare tra i serramenti detraibili anche i portoncini di ingresso, purché, ovviamente, delimitino il volume riscaldato.

Di conseguenza sono esclusi dalla detrazione sul risparmio energetico tutti i serramenti posti tra locali non riscaldati e ambiente esterno oppure tra due locali non riscaldati, ad esempio le finestre della cantina, del vano scala o la basculante del garage.

Altro elemento che distingue le due detrazioni sono i requisiti tecnici richiesti.

Abbiamo visto che la detrazione sulle ristrutturazioni edilizie richiede per i serramenti l'osservanza della normativa vigente in materia edilizia ed energetica.

Ciò vuol dire che i nuovi serramenti delimitanti il volume riscaldato devono rispettare i requisiti di trasmittanza del Decreto interministeriale 26 giugno 2015 prima citato ed eventuali altre restrizioni ai valori delle norme regionali.

La detrazione sul risparmio energetico, oltre al rispetto della normativa nazionale e regionale, richiede al contempo il rispetto dei requisiti riportati nel D.M. 06.08.2020.

Qui entriamo nel tecnico. Si fa riferimento, in particolare, a:

  • i limiti di trasmittanza riportati nella Tabella A dell'Allegato E al D.M. 06.08.2020;

  • la congruità della spesa sostenuta.

Sono previste due modalità alternative per verificare i limiti di trasmittanza e la congruità della spesa sostenuta per i serramenti:

  1. un tecnico abilitato redige un'asseverazione, in cui attesta il rispetto dei limiti di trasmittanza richiesti e la congruità di spesa, allegando il computo metrico dell'intervento, redatto secondo i prezzi riportati nei prezziari predisposti dalle regioni e dalle Province autonome territorialmente competenti, oppure secondo i prezzi delle guide edite dalla casa editrice DEI - Tipografia del Genio Civile;

  2. il fornitore o installatore dei serramenti sottoscrive una dichiarazione che attesti il rispetto dei limiti di trasmittanza richiesti. In questo caso, la congruità di spesa non viene verificata mediante computo metrico, ma sulla base dei massimali di costo di cui all'Allegato I al D.M. 06.08.2020. L'Allegato I pone, per la fornitura di serramenti, il prezzo massimo di 550 euro/mq qualora siano installati nelle zone climatiche A, B e C, ed il prezzo massimo di 650 euro /mq qualora installati nelle zone climatiche D, E ed F.

Oltre alla congruità di spesa secondo i prezziari o secondo l'Allegato I, ricordiamo che al contempo va osservato un limite di detrazione (non di spesa) complessivo di tutto l'intervento di 60.000 euro, quindi fino ad una spesa massima di 120.000 euro.

La ripartizione della detrazione avviene nelle solite 10 rate annuali.


Detrazione sul risparmio energetico: adempimenti per la sostituzione dei serramenti


Vale, innanzitutto, il medesimo discorso fatto nei paragrafi precedenti relativamente alla comunicazione preventiva da presentare in Comune.

Ci sono, poi, i seguenti adempimenti:

  • conservare le fatture, le ricevute degli appositi bonifici per detrazioni fiscali e le certificazioni dei serramenti rilasciate dal produttore;

  • inviare, entro 90 giorni dalla fine dei lavori, la scheda informativa dell'intervento a ENEA, attraverso l'apposito sito web;

  • conservare la ricevuta di invio effettuato ad ENEA (codice CPID), che costituisce garanzia della trasmissione della documentazione;

  • indicare in sede di dichiarazione dei redditi le spese sostenute e i dati catastali dell'edificio su cui è stato eseguito l'intervento;

  • in caso di lavori in condominio, conservare delibera assembleare di approvazione dei lavori e tabella di ripartizione delle spese;

  • in caso di lavori eseguiti da persone diverse dal proprietario o dai suoi familiari conviventi, come affittuari e comodatari, conservare il consenso scritto all'esecuzione delle opere rilasciato dal proprietario.


Detrazioni fiscali serramenti: situazioni con unica chance


Se un intervento rispetta i requisiti di una sola detrazione (ristrutturazioni o risparmio energetico), chiaramente non abbiamo scelta e saremo obbligatoriamente orientati a quell'unica detrazione possibile.

Ecco i casi più ricorrenti:

1) Sostituzione dei serramenti di un vano non riscaldato, come una cantina, un vano scala, un garage di pertinenza ad un'abitazione.

Poiché la detrazione sul risparmio energetico è ammessa solo per elementi che delimitano il volume riscaldato dell'immobile, l'unica opzione in questo caso è la detrazione sulle ristrutturazioni edilizie.

Il caso più diffuso che rientra in questa categoria è la sostituzione della basculante dell'autorimessa.

Detrazioni basculante
2) Sostituzione dei serramenti presso un immobile non residenziale, come un negozio, un ufficio, un laboratorio, un ristorante.

La detrazione sulle ristrutturazioni edilizie è consentita solo per interventi eseguiti su immobili residenziali, pertanto, l'unica opzione in questo caso è la detrazione sul risparmio energetico, che invece ammette tutte le categorie catastali.


Interventi che possono beneficiare sia del bonus ristrutturazioni che dell'ecobonus: come scegliere?


La detrazione sulle ristrutturazioni edilizie e la detrazione sul risparmio energetico non sono cumulabili, ossia, per la medesima spesa non si possono chiedere entrambe.

Di conseguenza, se un intervento rispetta i requisiti previsti sia dalla detrazione sulle ristrutturazioni edilizie sia dalla detrazione sul risparmio energetico, sarà necessario scegliere fra le due.

Ritengo importante considerare sempre la detrazione di un singolo intervento nel contesto dei lavori e delle spese complessive che si vogliono sostenere per l'immobile.

Nella mia esperienza di consulente capita spesso di orientare i clienti verso scelte non sempre uguali proprio perché bisogna considerare il quadro completo in cui si agisce e le esigenze delle singole persone.

Serramenti: ristrutturazione o risparmio energetico?
Pur nella singolarità di ogni caso, vorrei offrire alcuni spunti di riflessione nel caso in cui la sostituzione dei serramenti di casa rispetti i requisiti di entrambe le detrazioni:

1) Se la sostituzione dei serramenti è l'unico intervento edilizio da realizzare e nello stesso periodo si intendono comprare mobili o grandi elettrodomestici, consiglierei per i serramenti la detrazione per ristrutturazioni edilizie.

Detrazione serramenti e bonus mobili
La sostituzione dei serramenti, qualora questi delimitino il volume riscaldato e di conseguenza l'intervento migliori il comportamento energetico dell'immobile, è inquadrata dall'Agenzia Entrate come manutenzione straordinaria, requisito che permette di accedere dapprima alla detrazione sulle ristrutturazioni per i serramenti e in conseguenza ad essa al bonus mobili.

Quindi, scegliendo la detrazione sulle ristrutturazioni edilizie per i serramenti, si potrà beneficiare in aggiunta del bonus mobili per l'acquisto di mobili ed elettrodomestici.

Il bonus mobili, invece, non è ammesso se per la sostituzione dei serramenti si beneficia della detrazione sul risparmio energetico.

2) Se contemporaneamente alla sostituzione dei serramenti di casa si eseguono anche altri lavori detraibili, è bene ricordare che bonus ristrutturazioni ed ecobonus, pur non essendo cumulabili per le medesime spese, possono comunque coesistere nell'ambito del medesimo cantiere e che per ognuno di essi ci sono dei tetti massimi da osservare.

Nella ristrutturazione di una casa che comprende vari lavori si potrebbe, ad esempio, beneficiare per una parte di essi della detrazione sul risparmio energetico (ovviamente ove ricorrano i requisiti) e per la parte restante della detrazione sulle ristrutturazioni.
Ristrutturazioni, serramenti, lavori ediliI lavori edili si potrebbero detrarre con il bonus ristrutturazioni e la sostituzione dei serramenti si potrebbe invece detrarre con ecobonus.

I vantaggi di una ripartizione di questo genere sono facilmente comprensibili, considerato che per ogni detrazione sono stabiliti i seguenti tetti massimi:

  • per la detrazione sulle ristrutturazioni c'è un tetto massimo di spesa di 96.000 euro;

  • per la detrazione sul risparmio energetico c'è un tetto massimo di detrazione (attenzione, per l'ecobonus sono stabiliti tetti massimi di detrazione e non di spesa) per la categoria involucro edilizio di 60.000 euro, oltre i già citati limiti sulla conguità di spesa.


Qualora i lavori edili ammontino a 90.000 euro e la sostituzione dei serramenti a 10.000 euro, la ripartizione delle spese nelle due detrazioni permetterebbe di ottimizzare al massimo i bonus.

3) Se l'importo sostenuto per i serramenti supera ampiamente i limiti per la congruità di spesa dell'Ecobonus, ma non supera complessivamente i 96.000 euro di spesa messima per la detrazione per ristrutturazioni, dal punto di vista economico sarà più vantaggiosa la seconda detrazione, poichè non richiede di verificare la congruità di spesa del D.M. 06.08.2020.

Ipotizziamo di sostituire un serramento con superficie complessiva pari a 1 mq. Consideriamo 800 euro per la fornitura e 100 euro per smontaggio/smaltimento del vecchio serramento e montaggio del nuovo serramento + IVA.

Il calcolo della detrazione secondo Ecobonus dovrebbe considerare, secondo l'Allegato I al D.M. 06.08.2020, ipotizzando di trovarci in zona climatica E, 650 euro sugli 800 euro di fornitura, più 100 euro di manodopera e l'IVA. Quindi, si potrebbe beneficiare di una detrazione pari al 50% della somma di 650 + 100 + IVA.

Il calcolo della detrazione secondo la detrazione per ristrutturazioni consentirebbe, invece, di considerare tutto l'importo della fornitura. Di conseguenza, si potrebbe beneficiare di una detrazione pari al 50% della somma di 800 + 100 + IVA.

Nel caso esaminato risulterebbe più vantaggiosa la detrazione per ristrutturazione.

Quelli citati sono solo alcuni spunti di riflessione. Per ulteriori approfondimenti è consigliabile una consulenza specifica personalizzata

riproduzione riservata
Articolo: Detrazione serramenti: tra ristrutturazione e risparmio energetico
Valutazione: 5.36 / 6 basato su 39 voti.

Detrazione serramenti: tra ristrutturazione e risparmio energetico: Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Valter57
    Valter57
    Mercoledì 7 Luglio 2021, alle ore 14:57
    Grazie per il tuo dettagliato articolo.
    Ho però ancora un dubbio.
    Io ho sostituito porte e finestre con causale "Ristrutturazione edilizia", nell'ambito di una ristrutturazione che ha comportato modifiche alle murature interne, rifacimento pavimenti, impianto elettrico, ecc.
    In questo caso, per i serramenti sono tenuto a presentare la pratica ENEA?
    rispondi al commento
  • Tony74
    Tony74
    Venerdì 4 Giugno 2021, alle ore 12:49
    Intato grazie per l'articolo molto dettagliato e chiaro.
    Avrei una domanda: Se sostituisco solo i serramenti avvalendomi del Bonus Casa oppure dell' Ecobonus 50%, posso usufruire della stessa detrazione anche sulle porte interne?
    Che adempimenti devo seguire?
    rispondi al commento
  • Mrmarti
    Mrmarti
    Giovedì 11 Marzo 2021, alle ore 14:15
    Sara una coincidenza, ma mi trovo esattamente nelle condizioni riportate nell'articolo!
    Previsione di spesa per ristrutturazione edilizia (regolarmente comunicata con Scia) superiore al massimo di spesa previsto e un preventivo di spesa per i serramenti di circa €.10.000!
    Il problema è che mi pare di aver letto da qualche parte che per usufruire della detrazione per risparmio energetico i nuovi infissi devono essere dello stesso numero e delle stesse dimensioni di quelli esistenti, cosa che nella mia fattispecie non accade!
    Un infisso sarà di dimensioni identiche, due infissi diversi e uno completamente nuovo per l'apertura di una nuova portafinestra!
    Mi sbaglio o no?
    rispondi al commento
  • Matteo
    Matteo
    Mercoledì 9 Settembre 2020, alle ore 19:47
    Se nello stesso intervento di ristrutturazione devo cambiare serramenti che non delimitino il volume riscaldato dell'immobile (ad esempio basculante) e serramenti invece che delimitano il volume riscaldato dell'immobile, posso accedere per i primi al bonus ristrutturazione e per i secondi all'ecobonus?
    rispondi al commento
  • Bgbg
    Bgbg
    Giovedì 14 Maggio 2020, alle ore 22:39
    Grazie per questo articolo molto interessante.
    Ho un dubbio però.
    Nel 2019 ho sostituito delle finestre vecchie con nuove di materiale migliorativo dal punto di vista energetico in ambienti riscaldati; quindi la spesa potrebbe essere detratta sia come risparmio energetico che come recupero edilizio.
    Al momento di fare il bonifico l'ho fatto come risparmio energetico.
    Successivamente, ma sempre nel 2019, nello stesso ambiente ho acquistato una lavatrice.
    Quindi adesso che devo presentare il 730 mi rendo conto che, per usufruire del bonus mobili per la lavatrice, dovrei dichiarare la sostituzione finestre come recupero edilizio.
    Posso farlo, inserendo la spesa nella sezione III invece che in quella IV, anche se il bonifico riporta la dicitura risparmio energetico?
    rispondi al commento
  • Elisa
    Elisa
    Venerdì 6 Marzo 2020, alle ore 22:49
    Ho acquistato una casina in cui la casa è accatastata A3.
    La stiamo ristrutturando completamente e vorrei sapere se i serramenti del piano sotto (che prima erano cantina e locale sgombero) potessero rientrare nella riqualificazione energetica al 50% in quanto verranno sostituiti in tutta la casa appunto per un risparmio energetico.
    rispondi al commento
  • Frank5
    Frank5
    Mercoledì 6 Novembre 2019, alle ore 15:38
    Veramente chiarissima, efficiente anche per gli addetti ai lavori, complimenti !
    rispondi al commento
  • Joele1965
    Joele1965
    Sabato 17 Agosto 2019, alle ore 21:14
    Il ripristino / rinnovamento serramento vecchio di legno è usufruibile la detrazione che rientra nelle ristrutturazioni edilizie?
    rispondi al commento
  • Army11
    Army11
    Giovedì 21 Marzo 2019, alle ore 18:31
    Ottimo articolo: chiedo però una conferma vista la complessità della legge.
    Ho aperto una CILA per manutenzione straordinaria dove supererò i 100.000 euro di spesa ed una CILA per il risparmio energetico per cambio degli infissi per una spesa di circa 20.000 euro.con comunicazione all'Enea ed all'ASL.
    Se ho capito bene, alla fine dei lavori potrò detrarre il 50% di 96.000 per manutenzione straordinaria e 50% di 20.000 per risparmio energetico relativo al cambio infissi?
    Le due detrazioni si sommano?
      È questo di cui non sono sicura.
    Potete chiarirmi il dubbio, per favore?.
    Army
    rispondi al commento
  • espandi
Torna Su Espandi Tutto
dona
Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News
REGISTRATI COME UTENTE
331.276 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Detrazione serramenti: tra ristrutturazione e risparmio energetico che potrebbero interessarti


Detrazioni 55% sugli infissi: nuovi limiti trasmittanza

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Emanato un nuovo decreto che aumenta i limiti di trasmittanza a cui devono rispondere i serramenti per accedere alle detrazioni fiscali.

La norma UNI per regolamentare il percoso formativo dei posatori di serramenti

Leggi e Normative Tecniche - Arriva la norma UNI per regolamentare i requisiti necessari per chi opera nell'ambito della posa dei serramenti, sia in edifici nuovi che in quelli esistenti.

Bonus ristrutturazione per sostituzione infissi: chiarimenti dall'Agenzia delle Entrate

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Novità dall'Agenzia delle Entrate: al contribuente viene riconosciuto il bonus ristrutturazione per la sostituzione di infissi rientrante nell'edilizia libera

Verande e detrazioni fiscali

Detrazioni e agevolazioni fiscali - La realizzazione di una nuova veranda o interventi su verande esistenti come la sostituzione dei suoi serramenti possono godere di alcune agevolazioni fiscali.

Detrazione 50% o 65%: quale scegliere quando un lavoro può beneficiare di entrambe?

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Optare per la detrazione più idonea verificando i requisiti tecnici, calcolando i vantaggi economici nel lungo termine e rispettando i limiti massimi di spesa.

Detrazione 65% per infissi

Detrazioni e agevolazioni fiscali - La sostituzione di serramenti o il semplice miglioramento energetico dei serramenti esistenti può beneficiare della detrazione sul risparmio energetico (65%).

Serramenti isolanti

Infissi Esterni - In commercio esistono serramenti caratterizzati da elevate prestazioni sia di isolamento termico che di isolamento acustico, disponibili in diversi materiali.

Limiti di spesa per detrazioni 50-65% e bonus mobili

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Per la detrazione sulle ristrutturazioni edilizie, quella sul risparmio energetico e il bonus mobili sono stabiliti diversi limiti massimi di spesa (o detrazione).

Fattura per detrazioni fiscali

Detrazioni e agevolazioni fiscali - A chi vanno intestate le fatture relative a lavori che possono beneficiare delle detrazioni fiscali sulla casa, quando vanno emesse e cosa devono riportare?
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img perima87
Ciao a tutti,sto ristrutturando un apt. di 130 mq e ho preventivato di sforare il tetto dei 96.000 euro per le ristrutturazioni.Ora il problema è che parlando con un...
perima87 23 Luglio 2021 ore 13:19 1
Img natalia bevilacqua
Buongiorno,devo cambiare gli infissi e pare non sia proprio un bel momento vista la carenza di PVC.Ho vagliato vari preventivi, ora sto prendendo in seria considerazione...
natalia bevilacqua 21 Luglio 2021 ore 10:52 1
Img jesonmile
Salve,abbiamo un soffitto a doppia altezza con 6 finestre 4'x2'.Siamo alla ricerca di idee per le tende per le prime 3 finestre che sono alte 15 piedi dal pavimento.Volevamo...
jesonmile 19 Luglio 2021 ore 09:43 2
Img mozzilla
Salve a tutti,mi sto cimentando nella sostituzione dei miei vecchi infissi in alluminio.Ho pensato a degli infissi in pvc.Essendo in condominio saranno bicolore (bianco dentro e...
mozzilla 17 Luglio 2021 ore 09:21 9
Img giodst
Buongiorno a tutti, è il mio primo post in questo forum, spero di essere nella sezione giusta.Chiedo aiuto per un problema ad una persiana in alluminio.Nello specifico, una...
giodst 08 Luglio 2021 ore 20:57 1