Impianti elettrici per diversamente abili

NEWS DI Impianti20 Dicembre 2013 ore 00:27
Con l'aiuto delle norme e di una particolare sensibilità progettuale è possibile realizzare spazi abitativi fruibili da tutti, anche dai diversamente abili.

Ambiente casa e diversamente abili


casa e diversamente abiliLa casa è il luogo per eccellenza, dove ci sentiamo protetti e al sicuro: questo perchè è conformata in base al nostro gusto ma soprattutto in base alle nostre esigenze.

Per i diversamente abili la vita quotidiana è un po' più impegnativa a causa delle defezioni fisiche che condizionano i movimenti e limitano l'autonomia.
Grazie a dei piccoli accorgimenti, però, è possibile rendere la vita più facile: scivoli, pedane elevatrici o altri dispositivi studiati in base al singolo problema possono aiutare a rendere autonomi, facilitando così movimenti e attività.

Più di ogni altro spazio, la casa deve essere quindi disegnata o meglio cucita alla perfezione su chi la dovrà abitare e dovrà essere una sintesi perfetta tra la sensibilità del progettista e le leggi in materia.

Per i diversamente abili esistono molte normative a cui far riferimento nell'atto della progettazione di uno spazio abitativo: indicazioni e prescrizioni ci indicano come dimensionare gli spazi, come distribuire l'arredo e, tra essi, come progettare un impianto elettrico in modo che sia fruibile da tutti.
L'obiettivo, infatti, come sopra descritto, è quello di renderli autonomi almeno nel proprio spazio domestico.


Impianti elettrici per diversamente abili


In Italia, all'atto della progettazione di edifici pubblici e privati, nonchè della loro ristrutturazione, è necessario far riferimento a due principali normative: la Legge n. 13 del 09/01/1989 Disposizioni per favorire il superamento e l'eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici privati e il D.M. n. 236 del 14/06/1989 Prescrizioni tecniche necessarie a garantire l'accessibilità, l'adattabilità e la visitabilità degli edifici privati e di edilizia residenziale pubblica, ai fini del superamento e dell'eliminazione delle barriere architettoniche.
In esse sono contenute, appunto, prescrizioni ed indicazioni atte a garantire la fruizione e l'uso degli spazi anche dai diversamente abili, superando così le barriere architettoniche.

Per barriere architettoniche si intendono a) gli ostacoli fisici che sono fonte di disagio per la mobilità di chiunque ed in particolare di coloro che, per qualsiasi causa, hanno una capacità motoria ridotta o impedita in forma permanente o temporanea;) gli ostacoli che limitano o impediscono a chiunque la comoda e sicura utilizzazione di parti, attrezzature o componenti; c) la mancanza di accorgimenti e segnalazioni che permettono l'orientamento e la riconoscibilità dei luoghi e delle fonti di pericolo per chiunque e in particolare per i non vedenti, per gli ipovedenti e per i sordi (Art. 2 D.M. n. 236/1989).

Seguendo i criteri di accessibilità, visitabilità e adattabilità si indicano quali sono le misure da adottare per rendere un ambiente fruibile a tutti.

impianti elettrici e diversamente abiliTra i criteri per l'accessibilità, al punto 4.1.5 si parla di terminali degli impianti: Gli apparecchi elettrici, i quadri generali, le valvole e i rubinetti di arresto delle varie utenze, i regolatori degli impianti di riscaldamento e condizionamento, nonché i campanelli, pulsanti di comando e i citofoni, devono essere, per tipo e posizione planimetrica ed altimetrica, tali da permettere un uso agevole anche da parte della persona su sedia a ruote; devono, inoltre, essere facilmente individuabili anche in condizioni di scarsa visibilità ed essere protetti dal danneggiamento per urto. In particolare al punto 8.1.5., cioè nelle specifiche, si sottolinea che gli apparecchi elettrici, i quadri generali, le valvole e i rubinetti di arresto delle varie utenze, i regolatori di impianti di riscaldamento e di condizionamento, i campanelli di allarme, il citofono, devono essere posti ad una altezza compresa tra i 40 e i 140 cm.

Quando si parla di altezze è opportuno specificare che per altezza si intende la distanza misurata in verticale dall'asse del dispositivo al piano di calpestio.

Ad aiutare ulteriormente nella progettazione c'è la Guida CEI 64-50 per l'edilizia ad uso residenziale e terziario.

ambiente bagno e diversamente abiliInterruttori, comandi, deviatori e prese a spina, nonchè apparecchi citofonici e telefonici devono essere quindi posizionati in modo da essere individuati e utilizzati facilmente anche in condizioni di scarsa visibilità.

Un'attenzione particolare va riservata alla progettazione dell'ambiente bagno: oltre alla conformazione dello spazio studiato in modo da poter permette l'ingresso, il movimento e l'uscita di una persona in carrozzella, in esso gli interruttori e i comandi devono essere posizionati non creando pericolo per l'utente.

Se tali norme vengono seguite alla lettera e, nell'atto della progettazione, si pone l'accento su determinate problematiche studiate in base all'utente che dovrà abitare lo spazio, si contribuirà in maniera attiva a rendere la vita di un diversamente abile più semplice e confortevole, almeno tra le mura domestiche.

È opportuno segnalare, infine, che per l'adeguamento degli spazi ad un diversamente abile, cioè per l'abbattimento delle barriere architettoniche, sono previsti, nella L. 13/89, dei contributi da richiedere al proprio Comune, oppure è possibile usufruire della detrazione dei lavori al 50%.

riproduzione riservata
Articolo: Impianti elettrici per diversamente abili
Valutazione: 4.67 / 6 basato su 3 voti.

Impianti elettrici per diversamente abili: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
Notizie che trattano Impianti elettrici per diversamente abili che potrebbero interessarti
Barriere architettoniche: approvato il decreto per il riparto del fondo tra le Regioni

Barriere architettoniche: approvato il decreto per il riparto del fondo tra le Regioni

Leggi e Normative Tecniche - Approvato il decreto interministeriale che stabilisce la ripartizione tra le Regioni delle risorse per contribuire all'abbattimento delle barriere architettoniche
Abbattimento delle barriere architettoniche e distanze tra le costruzioni

Abbattimento delle barriere architettoniche e distanze tra le costruzioni

Leggi e Normative Tecniche - In base alla decisione del Tar della Lombardia si può derogare alle norme sulle distanze per eseguire opere finalizzate all'abbattimento barriere architettoniche
L'ascensore per disabili in condominio prevale sul vincolo storico dell'immobile

L'ascensore per disabili in condominio prevale sul vincolo storico dell'immobile

Leggi e Normative Tecniche - La Corte di Cassazione riconosce il diritto al condomino disabile a installare un ascensore per accedere alla propria abitazione anche in caso di vincolo storico

Barriere architettoniche e ostacoli condominiali

Condominio - Le barriere architettoniche in condominio rappresentano il più pernicioso ostacolo per la fruizione dell'immobile ma possono essere eliminate velocemente

Contributi per eliminazione barriere architettoniche

Detrazioni e agevolazioni fiscali - E' prevista l'erogazione di contributi a fondo perduto a copertura di tutta o parte della spesa necessaria ad eliminare le barriere architettoniche in edifici privati.

Lavori in casa: quali sono le opere senza permessi

Leggi e Normative Tecniche - Approvato l'elenco delle opere che potranno essere eseguite senza dover richiedere delle autorizzazioni al Comune o inviare delle comunicazioni. Ecco quali sono

Adattabilità di un edificio all'abbattimento delle barriere architettoniche

Soluzioni progettuali - L'adattabilità degli edifici prevede la possibilità, attraverso modesti interventi, di rendere accessibili gli spazi interni anche ai diversamente abili.

Eliminazione barriere architettoniche

Normative - La sentenza n. 38360/2013 della Corte di Cassazione ha chiarito che non è necessario ricorrere al permesso di costruire per eliminare barriere architettoniche.

Barriere architettoniche in condominio e innovazioni

Condominio - Le barriere architettoniche in condominio possono essere eliminate con le speciali maggioranze previste dalla legge 13/89 anche se non vi abitano disabili.
REGISTRATI COME UTENTE
295.524 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
  • Piattaforma elevatrice Flexstep
    Piattaforma elevatrice flexstep...
    1.00
  • Impianti elettrici, idraulici, riscaldamento e gas Milano
    Impianti elettrici, idraulici,...
    50.00
  • Ristrutturazioni. imbiancature, impianto idraulico a Milano
    Ristrutturazioni. imbiancature,...
    1000.00
  • Porta alzante scorrevole in PVC alluminio KS430
    Porta alzante scorrevole in pvc...
    1.00
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Mansarda.it
  • Officine Locati
  • Inferriate.it
  • Black & Decker
  • Kone
  • Faidatebook
  • Weber
MERCATINO DELL'USATO
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
I NOSTRI VIDEO SU YOUTUBE
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.