Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
madex

Dipinti murali eseguiti con la tecnica della tempera

La tempera è una tecnica di pittura più semplice rispetto all'affresco e alla pittura a calce, con la quale è possibile eseguire anche decorazioni parietali.
28 Settembre 2015 ore 00:06 - NEWS Pittura e decorazioni
tempera , pittura , tinteggiatura

La tempera nei dipinti murali


I dipinti murali normalmente venivano eseguiti ad affresco, a fresco-secco (cioè con la pittura a calce) oppure a tempera: un esempio particolarmente famoso di questa tecnica è l'Ultima Cena dipinta da Leonardo da Vinci nel refettorio del convento di Santa Maria delle Grazie a Milano.

Parete in stile rococò dipinta a tempera.

Inoltre, data la sua relativa facilità di esecuzione e soprattutto la possibilità di apportare modifiche e correzioni anche a lavoro finito, la tempera fu ampiamente utilizzata per rifinire alcuni particolari estremamente minuti degli affreschi (come le decorazioni dei tessuti, i ricami degli arazzi o le aureole), le parziali ridipinture e censure di dipinti anche famosi (come ad esempio i panneggi posticci realizzati da Daniele Ricciarelli significativamente detto Il Braghettone per celare le nudità dei personaggi della Cappella Sistina), e infine, specialmente nell'Ottocento, per la decorazione di intere pareti e false volte.

Questa tipologia di decorazioni parietali era spesso eseguita a tempera.

In questo caso, la tecnica era anzi molto adatta allo scopo, perché per la costruzione di false volte generalmente si preferiva un intonaco di gesso o malta bastarda (gesso + calce), sul quale i colori a tempera hanno un'ottima resa.


Esecuzione dei dipinti murali a tempera


La tecnica della tempera è molto antica e, a differenza dell'affresco e della pittura a calce, prevede l'uso di colori costituiti da pigmenti in polvere diluiti generalmente in acqua e fissati con sostanze organiche di varia natura e provenienza.

Tuttavia, in base alla composizione dei colori possiamo distinguere due tipi di tempera, la tempera magra e la tempera grassa, il cui diluente è costituito rispettivamente dall'acqua o da componenti oleosi come lo spirito di trementina.

Le sostanze organiche per fissare i colori sono invece di vario tipo: molto usata in passato era ad esempio la caseina, una proteina contenuta nel latte, che tuttavia presenta il grave svantaggio di annerire le pitture con l'andare del tempo.

La tempera a colla si preparava invece mescolando i pigmenti con acqua e colla: quella migliore era ritenuta la colla di coniglio, ottenuta dai cascami della pelle dell'animale fatti rinvenire in acqua fredda per diverse ore e successivamente riscaldati a bagnomaria. La tempera a colla produce colori particolarmente luminosi, ma purtroppo assai delicati, che asciugandosi lasciano spesso macchie e aloni.

Una stanza con una volta decorata probabilmente a tempera.

Per i dipinti murali si ricorreva anche alla tempera all'uovo, secondo la ricetta tramandata dal pittore quattrocentesco Cennino Cennini nel suo Libro dell'Arte: anche se era sufficiente mescolare i pigmenti con acqua e tuorlo d'uovo, la perfetta riuscita della tempera dipendeva ovviamente dalla bravura dell'operatore nel dosare e amalgamare correttamente questi componenti.


A partire dal Basso Medioevo si diffuse inoltre la tempera a cera: in un certo senso anticipatrice della pittura a olio, prevede di mescolare i colori a tempera con resine e cera. Abbastanza simile all'encausto, è molto resistente all'umidità e perciò risulta particolarmente adatta per le decorazioni parietali.

I pigmenti erano gli stessi comunemente impiegati anche nella pittura a calce o nell'affresco: per il rosso e il giallo si utilizzava il cinabro oppure l'ocra, per il verde e un azzurro a bassa intensità le cosiddette terre verdi, per il bruno la celebre terra di Siena (nelle due varietà naturale e bruciata), per il nero la polvere di carbone o il nerofumo. Per ottenere verdi e azzurri molto vivaci e brillanti si ricorreva invece rispettivamente alla malachite e ai lapislazzuli, che per il loro altissimo costo erano riservati alle pitture più pregiate, spesso a soggetto sacro.
Per il bianco si ricorreva invece alla biacca (carbonato basico di piombo), che si ricavava facendo reagire con adeguati procedimenti il piombo con l'acido acetico contenuto nello sterco di cavallo.
Esistevano inoltre alcuni colori di origine organica: ad esempio facendo reagire la pianta dell'orcella con l'ammoniaca contenuta nell'urina si ottiene un rosso molto brillante noto appunto in Toscana come rosso orcella o rocella.

Inoltre, per evitare che pittori di pochi scrupoli utilizzassero colori scadenti e perciò poco durevoli, in molti contratti tra pittore e committente si specificava quali pigmenti utilizzare, o era addirittura lo stesso committente ad acquistare e fornire i materiali necessari.

Per rendere il dipinto ultimato più resistente e perciò durevole si ricorreva invece a una vernice protettiva a base di sandracca, una resina estratta da un albero simile al cipresso originario del Nord Africa.


Come riconoscere un dipinto murale a tempera


Per applicare le corrette metodologie di pulitura, consolidamento e integrazione è assolutamente fondamentale riconoscere la tecnica di esecuzione di un qualsiasi dipinto murale, cosa che nel caso della tempera risulta abbastanza agevole.

I danni da umidità nei dipinti a tempera sono diversi da quelli visibili nell'affresco e nel fresco secco.Infatti, un dipinto a tempera è facilmente riconoscibile per varie caratteristiche, tra cui:
- l'assenza del disegno preparatorio inciso;
- una superficie più liscia e priva al tatto della tipica scabrosità dell'intonaco (che invece risulta quasi sempre presente in un affresco);
- l'eventuale presenza, se osservato sotto la luce radente, di una patina lucida, dovuta all'uso di una vernice protettiva per preservare il colore (o meglio le sue componenti organiche) dai danni provocati dagli insetti;
- la mancanza di pennellate evidenti;
- danni da umidità consistenti in macchie scure, grossi aloni e piccole lacune di forma irregolare nella pellicola pittorica superficiale, molto diverse dal dilavamento visibile negli affreschi o nelle pitture a calce.

Inoltre, talvolta è possibile cancellare o comunque danneggiare gravemente un dipinto a tempera non adeguatamente fissato semplicemente passandoci sopra una spugna bagnata: nel caso si tenti l'esperimento per riconoscere la tecnica di esecuzione, è consigliabile agire su una zona nascosta, di poco pregio (ad esempio uno sfondo) e possibilmente già danneggiata dall'acqua.


Come si esegue un dipinto murale a tempera


Chi invece desiderasse cimentarsi nell'impresa di eseguire un dipinto murale a tempera, può seguire queste indicazioni, tenendo presente che per un buon risultato occorre padroneggiare la tecnica.

Decorazioni murali, probabilmente eseguite a tempera, con gravi danni da umidità.

Per prima cosa, è consigliabile comprare i colori già pronti per l'uso presso un negozio di ferramenta o fai-da-te: i pigmenti tradizionali sono infatti molto difficili da reperire, e la preparazione dei colori secondo le ricette tramandate dai trattatisti presenta molte difficoltà pratiche per i non addetti ai lavori (in pratica solo i restauratori e i decoratori professionisti).

A questo punto occorre diluire i colori secondo le indicazioni dei fabbricanti: anche se di origine sintetica, i colori acrilici presentano infatti il vantaggio di avere un aspetto simile alle tempere e di essere di uso molto agevole.

Il supporto per il dipinto deve essere perfettamente asciutto e pulito con un'energica spazzolata o una spugna wishab (una spugna sintetica molto utilizzata nella pulizia di pareti e dipinti murali).

A questo punto è possibile riportare il disegno prescelto, già tracciato in scala 1:1 su un grande foglio di carta significativamente chiamato cartone con la tecnica dello spolvero, consistente nel ripassare i contorni del disegno (in precedenza fittamente forati con un ago o un punteruolo) con un tampone intriso di pigmento o polvere di carbone. É inoltre opportuno evidenziare ulteriormente i tratti del disegno ripassandoli a pennello o carboncino.

Si può quindi passare all'esecuzione del dipinto vera e propria.

riproduzione riservata
Articolo: Dipinti murali a tempera
Valutazione: 4.63 / 6 basato su 8 voti.

Dipinti murali a tempera: Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
dona
Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News
REGISTRATI COME UTENTE
331.042 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Dipinti murali a tempera che potrebbero interessarti


Le diverse tecniche di pittura per pareti interne

Decorazioni - Nel mondo del fai da te, diverse sono le tecniche per poter dipingere una parete, eccone solo alcune, così da stimolare la vostra fantasia nei lavori in casa.

Tinteggiatura e detrazioni fiscali

Detrazioni e agevolazioni fiscali - La tinteggiatura di pareti interne od esterne di un'abitazione esistente può beneficiare delle detrazioni fiscali sulle ristrutturazioni e sul risparmio energetico?

Pitturare casa

Decorazioni - Tinteggiare le pareti rappresenta un'occasione di rinnovo dei locali della vostra casa: vediamo ora come procedere dopo aver scelto ed acquistato il colore giusto.

Pitture ecologiche per la camera dei bambini

Pittura e decorazioni - Scegliere materiali ecologici per ristrutturare le nostre case è all'ordine del giorno, ecco alcune indicazioni in merito alla cameretta per i bambini.

Affitto: non sono dovuti i lavori di tinteggiatura a fine locazione

Affittare casa - Quando si lascia la casa in affitto l'inquilino non è obbligato a tinteggiare le pareti. Lo dice la Corte di cassazione con la recente sentenza n. 29329 del 2019

Tinteggiare e Verniciare in Casa

Fai da te - Semplici regole ed attenzioni per tinteggiare pareti e soffitti di casa e verniciare oggetti, occorre saper scegliere prodotti ed applicare semplice tecniche

Come scegliere la tinteggiatura delle facciate esterne

Facciate e pareti - Sul mercato sono ormai disponibili numerose tipologie di tinteggiature da esterni che differiscono per materiali, caratteristiche tecniche e texture superficiale

Stucco antiritiro per il fai da te

Facciate e pareti - Per chi ama il fai da te sono oggi disponibili sul mercato prodotti che rendono la posa più facile e la una resa finale ottimale, vediamo con questo articolo uno stucco particolare.

Temperaverdure in cucina per visual food

Casalinghi - Nuovi strumenti in cucina: temperini e coltellini dalle lame particolari, che trasformano anche il semplice gesto di tagliare le verdure in un'arte di visual food.
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img mirko stefy
Buongiorno, vi presento il problrma:È stato pitturato vano scale con vernice, molto probabilmente scaduta dato il forte odore nauseante, sembra quasi di marcio per capirsi,...
mirko stefy 21 Giugno 2021 ore 16:34 3
Img nicolatenente2
Premetto che sono freddoloso per acciacchi vari.Da un po' di tempo ho una strana sensazoine di freddo a casa anche con Temperatura di 24 gradi.Paradossalmente ne ho di più...
nicolatenente2 18 Giugno 2021 ore 13:12 2
Img scettico
Salve a tutti,Contesto: abitazione di 25 anni con due strati di pittura su intonaco ritinteggiata 6 mesi fà per metà da un artigiano e per metà dal...
scettico 17 Giugno 2021 ore 10:29 7
Img nicolatenente2
Salve,per problemi di allergie e concomitanti applicazioni di pittura con VOC e sigillatura finestre ho fatto applicare una vmc puntuale in camera.Dichiarava un recupero termico...
nicolatenente2 27 Maggio 2021 ore 09:09 1
Img eleniacatozzi
Buongiorno a tutti,vorrei pitturare da me il muretto che gira intorno casa, al momeno in vari punti, la pittura si è staccata in alcuni punti, al di sotto, sul cemento,...
eleniacatozzi 14 Maggio 2021 ore 07:51 1