Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA

Caldaia a condensazione e pompa di calore: quale scegliere?

La caldaia a condensazione e la pompa di calore sono ideali per risparmiare energia e ridurre i costi in bolletta. Prima di scegliere scopriamo le differenze.
30 Luglio 2017 ore 10:01 - NEWS Impianti di climatizzazione

Sistemi di riscaldamento ad alta efficienza: quale scegliere?


Per risparmiare sulle bollette l'unica soluzione è senza dubbio scegliere impianti di riscaldamento ad alta efficienza energetica.
Tra gli impianti più efficienti di riscaldamento, che garantiscono minori costi in bolletta e risparmio energetico, sono senza dubbio la pompa di calore e la caldaia a condensazione.

Per capire quale delle due soluzioni sia la più adeguata da installare nella propria abitazione valutiamo insieme le differenze, i vantaggi e in quali casi sia consigliabile l′una o l′altra soluzione.


Caldaia a condensazione: cos'é e come funziona


Lo scopo principale della caldaia a condensazione è quello di fornire calore all'acqua che scorre nei radiatori o altri elementi per il riscaldamento.

La caldaia a condensazione si basa sul principio del recupero del calore latente di condensazione del vapore acqueo dei fumi di scarico.
Questo calore, che nelle caldaie tradizionali si disperde con i fumi, viene utilizzato nel circuito di riscaldamento per pre-riscaldare l'acqua di ritorno dai radiatori e di conseguenza, la temperatura dei fumi di scarico è minore rispetto ad una caldaia tradizionale.

Quindi, più calore latente viene recuperato, più si avrà un sistema efficiente.

Caldaia a condensazione
Il massimo dell'efficienza si ottiene quando la temperatura d'impianto è minima, come ad esempio nelle case con riscaldamento a pavimento, in cui è sufficiente una temperatura dell'acqua di 30°- 40° contro i 50° del riscaldamento a termosifoni e i 70°- 80° dei vecchi impianti.

Sicuramente i risultati migliori si otterranno se sono stati effettuati interventi per la riqualificazione energetica a livello di edificio, come ad esempio la coibentazione del muro perimetrale esterno, perché permettono di trattenere il calore creato all'interno dell'abitazione senza perderlo all'esterno.
Rispetto alle altre caldaie, vi è inoltre una riduzione delle emissioni di ossidi di azoto NOx e monossido di carbonio CO2 anche fino al 70%.

Un altro accorgimento utile è impostare la caldaia nella modalità termoregolazione e non più on/off, in modo da mantenere costante la temperatura interna della casa e far funzionare la caldaia a temperatura scorrevole in funzione della temperatura esterna.


Pompa di calore: cos'é e come funziona


La pompa di calore è una macchina termica capace di trasferire energia termica da una sorgente a temperatura più bassa a una sorgente a temperatura più alta.

Il funzionamento si basa sul principio del ciclo di Carnot, in base al quale la pompa di calore riesce a trasferire il calore da una fonte esterna più fredda, ad esempio l'aria esterna all'abitazione, a una fonte interna più calda, come il fluido dell'impianto termico.

Pompa di calore
L'efficienza di una pompa di calore viene misurata in COP, Coefficient of Performance, che deve essere un numero sempre maggiore di 1 e che di solito è compreso tra il 3 e il 6.

Ci sono due tipi di pompe di calore ad aria:
- aria-aria che estrae calore dall'aria e lo riversa all'interno o all'esterno di un edificio, a seconda della stagione;
- aria-acqua, che è adoperata in ambienti con la distribuzione idrica del calore.

Le più utilizzate in Italia sono del tipo aria-acqua e si basano sul meccanismo di prelievo di energia dall'aria esterna all'edificio, utilizzata per scaldare l'acqua che si trova all'interno dei tubi dell'impianto di riscaldamento.

Uno dei limiti di questo sistema è legato alle basse temperature esterne che rendono più difficoltoso il passaggio del calore; per questo motivo la pompa di calore è consigliata generalmente in luoghi in cui la temperatura di inverno non è estremamente rigida.


Sistema ibrido pompa di calore e caldaia a condensazione


In commercio esistono anche soluzioni ibride che uniscono la tecnologia della pompa di calore con quella di una caldaia a condensazione di ultima generazione.
La modalità di funzionamento del sistema, abbinato ai radiatori esistenti, varia in tempo reale al fine di massimizzare il risparmio in bolletta.

Il sistema è costituito da una unità esterna, quella della pompa di calore, e da una unità interna che comprende in un unico elemento la caldaia a condensazione a gas, metano o gpl, e l'unità di scambio acqua/refrigerante.
L'unità interna, che si collega alla pompa di calore esterna tramite due tubazioni, alla stessa maniera di un climatizzatore monosplit, ha dimensioni molto simili a quelle di una classica caldaia murale a gas, ma al suo interno è integrato anche un sistema elettronico di gestione.

Il sistema può funzionare in tre diverse modalità: caldaia, pompa di calore o entrambe.

Il funzionamento contemporaneo dei due sistemi prevede che la pompa di calore preriscaldi l'acqua che viene poi immessa nella caldaia per effettuare il restante salto termico.
La vera innovazione è che il sistema, impostato il costo al kWh di energia elettrica e il costo al m3 del gas, sceglie in automatico in funzione della temperatura interna richiesta e delle temperature esterna e interna rilevate, la modalità di funzionamento più conveniente, minimizzando notevolmente il consumo di energia primaria e le emissioni di CO2.

La coesistenza di due circuiti separati, garantisce inoltre un comfort superiore alle caldaie tradizionali, perché quando la pompa di calore è attiva in riscaldamento, la caldaia può produrre in contemporanea l'acqua calda sanitaria.

In commercio esistono anche versioni che permettono non solo di riscaldare ma anche di raffrescare gli ambienti.


Pompa di calore e Condensazione: vantaggi e confronti


Elenchiamo di seguito i vantaggi e le caratteristiche di entrambe le soluzioni

Caldaia a condensazione

• Non comporta un grande investimento iniziale;
• richiede uno spazio più ridotto;
• ha un'efficienzasuperiore al 100% rispetto alle vecchie caldaie;
• è collegabile ai sistemi a energia solare per la produzione di acqua calda sanitaria;
• è tra gli interventi che godono dei benefici statali: del 65% nel caso di riqualificazione energetica, del 50% in caso di ristrutturazione edilizia;
• per installarla servono solo un impianto di scarico e un collegamento al gas.

Pompa di calore

• È un sistema efficiente ed ecologico che impiega energie rinnovabili;
• non comporta emissioni dannose;
• ha costi di esercizio bassi;
• l'impianto è utilizzabile tutto l'anno perché può riscaldare e raffrescare;
• incrementa la classe energetica dell'edificio;
• consente la completa indipendenza da combustibili fossili;
• è collegabile ai sistemi a energia solare per la produzione di acqua calda sanitaria;
• è tra gli interventi per cui sono previsti gli incentivi statali per l'energia nella misura del 50% nel caso di ristrutturazione edilizia, anche con Conto Termico;
• per installarla occorre uno spazio esterno dove alloggiare il macchinario e un'utenza elettrica.



Dal confronto delle caratteristiche di ciascuna delle due soluzioni è evidente che sono entrambe validissime in termini di risparmio e di efficienza energetica.

Non è quindi possibile in maniera univoca stabilire quale delle due soluzioni sia la migliore, se non si valuta contestualmente il tipo di investimento che si è disposti a fare, la zona climatica in cui sarà installata, l'eventualità di aggiungere anche dei sistemi a energia solare e il tipo di utenza a disposizione.

riproduzione riservata
Articolo: Differenza tra pompa di calore e caldaia a condensazione
Valutazione: 4.57 / 6 basato su 7 voti.

Differenza tra pompa di calore e caldaia a condensazione: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
Sostieni Lavorincasa
REGISTRATI COME UTENTE
320.732 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Differenza tra pompa di calore e caldaia a condensazione che potrebbero interessarti


Nuovo sistema ibrido con pompa di calore e condensazione

Impianti di climatizzazione - La nuova pompa di calore combinata a un generatore a condensazione che raffresca e riscalda gli ambienti, produce acqua calda e aumenta l'efficienza energetica.

Detrazione 65% per sistemi di riscaldamento integrati caldaia+pompa di calore

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Pubblicata sul sito dell'Enea una faq che chiarisce la detraibilità al 65% di sistemi di riscaldamento integrati costituiti da caldaia a condensazione e pompa di calore.

Il sistema ibrido caldaia a condensazione con pompa di calore ad aria

Impianti di riscaldamento - Con il nuovo sistema ibrido caldaia a condensazione con pompa di calore ad aria, riscaldare la casa e produrre l'acqua calda sanitaria costa meno e conviene!

Sistemi integrati di climatizzazione

Impianti - Sistemi intelligenti che coordinano il funzionamento di pannelli solari termici, pompe di calore e caldaie a condensazione, al fine di ottenere alti livelli di efficienza complessiva dell'impianto.

Risparmiare per il riscaldamento

Impianti di riscaldamento - La pompa per il riscaldamento, che consente il ricircolo dell'acqua tra la caldaia e i locali da riscaldare, è tra i principali responsabili dei consumi energetici.

Temperatura Fumo Caldaia

Impianti di riscaldamento - Il sistema di scarico dei fumi delle caldaie costituisce parte integrante dell'impianto gas e richiede una specifica progettazione per potenze superiori ai 35 kW.

Pompa calore, caldaia, solare termico

Impianti - Le pompe di calore aria/acqua possono essere utilizzate anche in combinazione con altri generatori o sistemi termici, producendo i cosiddetti sistemi integrati.

Cinque consigli per scegliere la caldaia a condensazione sfruttando gli incentivi

Impianti di riscaldamento - Ecco dei suggerimenti utili in fase di valutazione e scelta della caldaia a condensazione da installare in casa: efficienza energetica e risparmio sono i plus.

Obblighi e Convenienza dei Sistemi Ibridi

Impianti di riscaldamento - I sistemi ibridi, rispettando le leggi, consentono di utilizzare nuove tecnologie per massimizzare il comfort del clima in casa, ridurre le spese e salvaguardare l'ambiente.
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img franze2020
Buonasera, ho richiesto dei preventivi (non qui su Lavorincasa.it) per la sostituzione di una vecchia caldaia con una nuova caldaia a condensazione. L'appartamento è...
franze2020 20 Novembre 2020 ore 10:18 1
Img grazianomercante
Buongiorno, vorrei sostituire la mia caldaia con una pompa di calore, probabilmente ibrida, utilizzando le agevolazioni proposte dal decreto "Superbonus 110%". Vorrei sapere se il...
grazianomercante 25 Ottobre 2020 ore 15:34 1
Img torotaxi
Buongiorno, Ho visto da poco un immobile per un possibile acquisto. Si tratta di una villetta a schiera anni 70 (200m2 totali) con impianto di riscaldamento ad aria canalizzata. 7...
torotaxi 04 Settembre 2020 ore 17:05 1
Img nhio
Ne approfitto di nuovo di questo forum per cercare di trovare risposta ad un dubbio al quale non trovo risposta nonostante abbia cercato ovunque online. Sono in procinto di...
nhio 21 Agosto 2020 ore 17:36 1
Img francescapierro
Salve, sto ultimando la costruzione di una villetta a Roma, zona Infernetto. Ho previsto, a livello di tubi, il gas ma ora vorrei da voi un consiglio per capire se, per il...
francescapierro 03 Agosto 2020 ore 22:53 5