Tasi: modello di dichiarazione unico

NEWS DI Fisco casa06 Aprile 2015 ore 09:15
Il modello di dichiarazione ai fini Tasi deve essere unico a livello nazionale, così come per l'IMU, secondo la risoluzione 3/DF 2015 del Dipartimento delle Finanze.

Dichiarazione Tasi


dichiarazione TasiLa dichiarazione Tasi, la tassa sui servizi indivisibili comunali, deve essere presentata entro il 30 giugno dell'anno successivo a quello in cui ha avuto inizio il possesso degli immobili o sono intervenute variazioni di dati già dichiarati, sulla base di un modello unico a livello nazionale, da approvare con apposito decreto del Ministero dell'economia e delle finanze.

I singoli comuni non possono emanare quindi modelli diversi da quello stabilito dal governo centrale, ma hanno solo l'obbligo di metterlo a disposizione dei contribuenti. A stabilirlo il Dipartimento delle finanze con la risoluzione n. 3/DF del 25 marzo 2015, criticata dalla Fondazione IFEL secondo cui invece i comuni possono adottare modelli diversificati per adempiere alla dichiarazione Tasi.

Cerchiamo di capire meglio i termini della questione, in attesa di un ulteriore intervento chiarificatore del Ministero dell'economia.


Dichiarazione Tasi: quando deve essere presentata


La Legge di Stabilità 2014 (Legge 27 dicembre 2013, n. 147) all'articolo 1 comma 639 introduce la IUC (Imposta Unica Comunale) che si compone dell'imposta municipale propria (IMU), di natura patrimoniale, dovuta dal possessore di immobili, escluse le abitazioni principali, e di una componente riferita ai servizi, che si articola in due fattispecie impositive:

-la TASI, tributo comunale sui servizi indivisibili a carico sia del possessore che dell'utilizzatore dell'immobile

-la TARI, la tassa sui rifiuti destinata a finanziare i costi del servizio di raccolta e smaltimento, a carico dell'utilizzatore dell'immobile.

Alcune disposizioni relative a questi tributi sono comuni, come quelle inerenti gli obblighi dichiarativi.

Così come per l' IMU , anche per la Tasi è necessario presentare una dichiarazione al Comune nel caso di:

- possesso di immobili non conosciuti al Comune

- variazioni e modifiche dei dati già dichiarati che comportano un diverso ammontare del tributo.

La scadenza per presentare la dichiarazione Tasi (così anche la dichiarazione IMU) è il 30 giugno dell'anno seguente a quello in cui è iniziato il possesso o sono intervenute le variazioni. Inoltre la validità della dichiarazione si produce negli anni successivi a quello della presentazione, a patto che non si verificano nuove variazioni dei dati dichiarati. In tal caso, la scadenza per presentare la dichiarazione è sempre il 30 giugno dell'anno successivo.


Modello dichiarazione Tasi


modello dichiarazione TasiLa dichiarazione deve essere presentata sulla base di un apposito modello. Per l'IMU, tale modello di dichiarazione è stato approvato con il Decreto ministeriale del 30/10/2012 prot. 23899, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 258 del 5/11/2012.

Per la dichiarazione Tasi invece molti Comuni si sono adoperati per l'adozione di modelli diversi.

Sulla base di ciò il Dipartimento delle Finanze è intervenuto con la risoluzione n. 3/DF del 25 marzo 2015, affermando che l'uso di una modulistica differente per ciascun comune in relazione all'obbligo dichiarativo concernente la TASI , potrebbe generare confusione, soprattutto per chi è proprietario di immobili dislocati in aree comunali diverse, stante anche l'impossibilità a predisporre un software unico per tutto il territorio italiano.

Sulla base di queste considerazioni, il Dipartimento delle Finanze ha precisato che il modello di dichiarazione ai fini Tasi è solo quello adottato dal Ministero dell'economia e i singoli comuni hanno esclusivamente l'onere di metterlo a disposizione dei contribuenti proprietari di immobili.

Così se per l'IMU si usa un modello di dichiarazione unico a livello nazionale, stessa cosa vale anche per la Tasi.

Così si legge nella risoluzione: appare evidente che anche il modello di dichiarazione TASI, emanato secondo le anzidette modalità, deve essere unico e valido su tutto il territorio nazionale né si riscontrano all'interno della disciplina generale del tributo norme dalle quali sia possibile desumere la facoltà per i comuni di predisporre autonomamente modelli di dichiarazione concernenti la TASI, i quali, tra l'altro, confliggerebbero con i principi di semplificazione amministrativa degli adempimenti dei contribuenti, già realizzati con l'IMU.


Dichiarazione Tasi: la nota dell'IFEL


TasiQuanto disposto dal Dipartimento delle Finanze però è stato oggetto di critiche da parte della Fondazione IFEL (Istituto per la Finanza e l'Economia Locale), che in una nota di approfondimento del 27 marzo 2015, ha sostenuto che le argomentazioni addotte nella risoluzione n. 3/DF non appaiono conformi al quadro normativo di riferimento.

Secondo l'IFEL i Comuni devono disporre per via regolamentare in materia di dichiarazione Tasi, in modo analogo a quanto previsto per la Tari. Nel caso in cui si ritenga invece necessario un modello dichiarativo unico nazionale, si dovrà urgentemente apportare una modifica normativa che demandi espressamente ad un decreto ministeriale l'adozione di tale modello, così da permettere ai contribuenti di adempiere in tempo utile alla scadenza del prossimo 30 giugno.

Il contenzioso è aperto e come tale si attende un nuovo intervento normativo che chiarisca una volta per tutte quale modello deve essere utilizzato per la dichiarazione Tasi: se uno unico a livello nazionale ovvero tanti modelli a livello comunale, così come attualmente è previsto per la Tari.

riproduzione riservata
Articolo: Dichiarazione Tasi
Valutazione: 5.33 / 6 basato su 3 voti.

Dichiarazione Tasi: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
Notizie che trattano Dichiarazione Tasi che potrebbero interessarti
Ravvedimento IMU e Tasi: nuova scadenza il 16 marzo 2015

Ravvedimento IMU e Tasi: nuova scadenza il 16 marzo 2015

Fisco casa - La Legge di Stabilità, introducendo il ravvedimento medio, prevede la facoltà di pagare il saldo IMU e Tasi 2014 entro il 16 marzo 2015 con la sanzione ridotta al 3,33%.
Quali sono le scadenze per Imu e Tasi 2018?

Quali sono le scadenze per Imu e Tasi 2018?

Fisco casa - Si avvicinano gli appuntamenti con il Fisco per quanto concerne l'Imu e la Tasi 2018. Vediamo quando devono essere pagate le imposte sulla casa: acconto e saldo
Tasi 2017: scadenza e modalità di pagamento della seconda rata

Tasi 2017: scadenza e modalità di pagamento della seconda rata

Fisco casa - Si avvicina l'appuntamento annuale con le imposte sulla casa: fissata al 18 dicembre la scadenza della seconda rata della Tasi, la tassa su servizi indivisibili

Acconto IMU-TASI 2015: doppia scadenza 16 giugno

Fisco casa - In scadenza il 16 giugno 2015 il termine per versare il doppio acconto sia dell'IMU che della Tasi: chi sono i soggetti obbligati, come si calcolano e come si pagano.

TASI: come si calcola

Fisco casa - Breve guida al calcolo della Tasi, la tassa sui servizi indivisibili comunali che devono pagare sia i proprietari di casa che gli inquilini che vivono in affitto.

TASI: come si compila il modello F24

Fisco casa - Le istruzioni per la corretta compilazione, insieme ai codici tributo, del modello F24 per il pagamento della Tasi, il tributo comunale sui servizi indivisibili.

Dal 2019 la dichiarazione di successione sarà soltanto online

Proprietà - Con un recente provvedimento l'Agenzia delle Entrate ha pubblicato il nuovo modello per la trasmissione della dichiarazione di successione in modalità telematica

La dichiarazione di emissione gas fluorurati a effetto serra

Impianti di climatizzazione - C'è tempo fino al 31 dicembre per presentare all'Ispra, tramite piattaforma online, la dichiarazione riguardante l'emissione di gas fluorurati ad effetto serra.

Affitto: guida al pagamento TASI per inquilini

Fisco casa - In vista della scadenza del 16 giugno, ecco una mini guida utile sul pagamento della TASI per soggetti che vivono in affitto, alla luce delle ultime novità 2016
REGISTRATI COME UTENTE
295.527 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
  • Cucina modello serena
    Cucina modello serena...
    1590.00
  • Caldaia immergas modello eolo
    Caldaia immergas modello eolo...
    840.00
  • Tenda 223 fantasy
    Tenda 223 fantasy...
    312.00
  • Cucina componibile modello serena
    Cucina componibile modello serena...
    1590.00
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Mansarda.it
  • Inferriate.it
  • Officine Locati
  • Faidatebook
  • Black & Decker
  • Weber
  • Kone
MERCATINO DELL'USATO
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
I NOSTRI VIDEO SU YOUTUBE
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.