Decorazioni parietali in stile pompeiano

NEWS DI Pittura e decorazioni13 Ottobre 2014 ore 13:30
Le coloratissime e affascinanti decorazioni parietali ispirate ai quattro stili della pittura pompeiana contribuiscono a rendere unica un'antica dimora.

Interni pompeiani


Un tipico interno di una domus pompeiana.Chiunque abbia visitato Pompei ed Ercolano avrà notato i coloratissimi interni delle domus, cioè delle case delle famiglie più abbienti, caratterizzati da pavimenti a mosaico o di vari tipi di marmi lavorati con la tecnica dell'opus sectile, colonne generalmente tinteggiate di bianco e rosso, e infine pareti riccamente affrescate.

E proprio dello stile di questi affreschi si occuperà questo articolo, che vuole fornire uno spunto di riflessione e approfondimento a chi, amante dello stile neoclassico (a metà del Settecento la scoperta delle rovine sepolte di Pompei ed Ercolano fu infatti determinante per la diffusione del Neoclassicismo, e gli affreschi provenienti dalle prime domus scavate furono purtroppo strappati e dispersi nei musei e nelle collezioni private di tutta Europa) o proprietario di un'antica villa o dimora di quel periodo, volesse ispirarsi a queste antiche composizioni per rinnovare le pareti di casa .


Stili della pittura pompeiana


Gli stili pompeiani, sebbene siano già stati descritti dall'architetto romano Vitruvio nel proprio trattato De Architectura, sono stati riconosciuti e classificati per la prima volta solo nella seconda metà dell'Ottocento.

Inoltre, il termine stili pompeiani, derivante semplicemente dal fatto che le loro testimonianze più cospicue provengono appunto da Pompei e in misura minore da Ercolano, Oplontis e Stabia, non devono farci supporre che fossero diffusi solo nelle città campane, perchè viceversa ne abbiamo testimonianza in moltissime città romane d'Italia (tra cui ad esempio Assisi e ovviamente Roma) ed Europa.


Primo stile


Decorazione parietale a imitazione di una muratura in conci di pietra, forse ispirata a esempi di primo stile.Il primo stile è il più antico tra gli stili della pittura pompeiana a noi pervenuti: fu infatti molto diffuso in epoca sannitica, cioè tra il II secolo e l'80 avanti Cristo, ed è tuttora visibile ad esempio nella Basilica di Pompei, nella Casa di Sallustio e nella Casa del Fauno.

In questo stile, detto anche stile strutturale o a incrostazione, il principale motivo decorativo consiste nell'imitazione - solamente pittorica o più spesso anche con l'uso di stucchi - delle murature di conci di pietra squadrati o dei rivestimenti in preziose lastre marmoree policrome tipiche degli edifici più ricchi (sopratutto pubblici).

La parete viene quindi divisa in tre parti: uno zoccolo o basamento con l'imitazione di un rivestimento di grandi lastre marmoree, la parte centrale contenente la vera e propria imitazione di una muratura di conci di pietra squadrati, e infine la porzione superiore caratterizzata da una cornice aggettante di stucco.

Oltre alle lastre marmoree o ai conci di pietra, riproducenti le varie tipologie di marmi tramite l'imitazione pittorica dei vari tipi di venature oppure semplicemente tinteggiati con colori molto sgargianti e puramente convenzionali (rosso pompeiano, verde, nero, viola e giallo acceso), occasionalmente vengono rappresentate anche lesene o semicolonne, di stucco oppure dipinte.


Secondo stile


Esempio di parete con decorazioni di secondo stile.
Il secondo stile, detto anche stile architettonico e diffuso tra l'80 avanti Cristo circa e l'età augustea, si caratterizza proprio per la presenza di grandi architetture dipinte a trompe l'oeil su tutta l'estensione della parete: ne troviamo splendidi esempi nella cosiddetta Villa di Poppea a Oplontis e nella Casa di Augusto a Roma.

Tipicamente, questi trompe l'oeil architettonici comprendono portici, edicole, porte, finestre e colonnati che si aprono su vedute prospettiche: l'effetto illusionistico è quindi decisamente notevole, grazie anche alla rappresentazione della terza dimensione mediante una primitiva (ma efficace) forma di prospettiva centrale.

Esistono tuttavia due varianti di questo stile, cioè le pitture di giardino (estremamente comuni nelle domus di Pompei ed Ercolano e di cui si conservano splendidi esempi nella Casa di Livia sul Palatino), che rappresentano in modo molto fedele lussureggianti giardini con piante, cespugli, fiori, animali (ad esempio pavoni), statue e fontane; e le cosiddette megalografie, cioè cicli pittorici figurativi - spesso con personaggi a grandezza naturale - ispirati alla grande pittura ellenistica, il cui esempio più noto è sicuramente costituito dal ciclo dei misteri dionisiaci visibile nella Villa dei Misteri a Pompei.


Terzo stile


Esempio di terzo stile, proveniente dalla Il terzo stile, detto anche stile ornamentale, fu più o meno contemporaneo al secondo (sebbene le sue attestazioni più tarde risalgano alla metà del I secolo dopo Cristo) e si differenzia da questo per una minore ricchezza figurativa.

Infatti, la tipica parete in terzo stile appare caratterizzata da una serie di pannelli in tinta unita (neri, rossi, bianchi, gialli, o - assai più raramente - azzurri), al centro dei quali erano raffigurati piccoli quadretti (detti con termine greco pinakes) o medaglioni con piccoli paesaggi, scenette mitologiche, ritratti o nature morte. I pannelli monocromi e sopratutto la parte alta delle pareti sono inoltre arricchiti da nastri, ghirlande di fiori, bordi di tappeto o piccole figure (ad esempio ninfe, satiri e amorini) isolate.


Quarto stile


Particolare di una decorazione in quarto stile.Il quarto stile, detto anche dell'illusionismo prospettico, si diffuse dopo la metà del I secolo dopo Cristo, ed è quindi lo stile maggiormente diffuso negli scavi di Pompei ed Ercolano (ne troviamo splendide attestazioni ad esempio nella famosa Casa dei Vettii).

Si tratta dello stile in assoluto più scenografico, in quanto vengono ripresi, fondendoli, gli elementi tipici del secondo e terzo stile.

La parete è quindi divisa verticalmente in:
- Zoccolo o basamento, generalmente trattato a imitazione di rivestimenti marmorei o contenente motivi di ispirazione vegetale o fregi figurativi;
- Parte centrale, in cui ricompaiono i grandi pannelli monocromi tipici del terzo stile, al cui centro campeggia però un quadro figurativo di notevoli dimensioni (quasi sempre a soggetto mitologico); il pannello centrale è generalmente affiancato dagli scorci architettonici tipici del secondo stile, spesso riletti in chiave fantastica (le architetture rappresentate sono cioè completamente irreali, con nicchie ed edicole sorrette da esili piedistalli, spesso costituiti da candelieri o addirittura steli vegetali);
- Parte superiore, destinata solitamente alle raffigurazioni di architetture, paesaggi e vedute prospettiche.

Ancora una volta festoni di fiori, ghirlande, nastri, bordi di tappeto e piccole figure isolate (sedute sui cornicioni delle architetture fantastiche, affacciate dalle porte dipinte o addirittura isolate al centro dei pannelli laterali) completano e arricchiscono ulteriormente l'insieme.


Alcuni consigli per una decorazione parietale in stile pompeiano


Se desiderate davvero ispirarvi alla pittura pompeiana per abbellire la vostra casa, per prima cosa vi consiglio di documentarvi approfonditamente sulla pittura pompeiana, non solo per decidere lo stile più adatto ai vostri gusti e alla vostra dimora, ma sopratutto per trarre ispirazione dalle varie tipologie di modelli compositivi realmente esistenti: al riguardo, potrei consigliarvi ad esempio il libro Affreschi Romani di Umberto Pappalardo e Luciano Romano.

Successivamente, non resterà che affidare il modello prescelto a un esperto decoratore, che provvederà ad adattarlo alle vostre esigenze e a riprodurlo sulle pareti con la tecnica più opportuna.

Tuttavia, è necessario considerare che queste decorazioni presentano anche alcuni svantaggi, e cioè:
- sono molto costose da realizzare, perchè per una buona riuscita dal punto di vista artistico è necessario affidarsi a un decoratore di provata esperienza;
- risultano adatte solo a case antiche, preferibilmente di stile neoclassico;
- è necessario scegliere con molta attenzione gli impianti, gli infissi e i corpi luminosi, che dovranno essere di scarsissimo impatto visivo;
- richiedono stanze con pochi mobili e nessun quadro, per non appesantire l'ambiente dal punto di vista visivo e nascondere parti della decorazione, rovinando l'effetto globale (non a caso, nelle case degli antichi romani i mobili erano pochi e di piccole dimensioni, e risultavano pressochè sconosciuti i quadri da appendere alle pareti).

riproduzione riservata
Articolo: Decorazioni parietali in stile pompeiano
Valutazione: 5.50 / 6 basato su 2 voti.
  • fs
  • fs
  • fs
  • fs

Decorazioni parietali in stile pompeiano: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
Notizie che trattano Decorazioni parietali in stile pompeiano che potrebbero interessarti
La casa in stile vittoriano

La casa in stile vittoriano

Le case vittoriane sono ornate con arredi di vario genere con un eccessivo utilizzo di carte da parati, moquette, caminetti decorati e colori dai toni scuri.
Stile etnico - Cow Boy

Stile etnico - Cow Boy

Lo stile Cow boy è un simbolo legato all'epoca dei pionieri e del Selvaggio Far West.
Mobili in stile liberty e ottocento

Mobili in stile liberty e ottocento

Mobili ispirati agli anni 30 e 40...
Stile Bonsai

Stile Bonsai

Nella scelta dello stile da conferire al bonsai, influisce il gusto personale, ad esempio, con tronco verticale e forma conica di alberi come l?Abete, il Cipresso, ecc.
Stile d'arredo coloniale

Stile d'arredo coloniale

Lo stile coloniale nasce dall'incontro tra lo stile europeo e quello delle colonie orientali e del Nord America e ricrea in ogni casa atmosfere suggestive e lontane.
usr REGISTRATI COME UTENTE
290.380 Utenti Registrati
usr
REGISTRAZIONE AZIENDE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
  • Tavolo rotondo italiano intarsiato in stile carlo
    Tavolo rotondo italiano intarsiato...
    1500.00
  • Scrittoio tavolino francese intarsiato in stile luigi
    Scrittoio tavolino francese...
    1350.00
  • Fioriera francese in stile luigi xvi del
    Fioriera francese in stile luigi...
    700.00
  • Psiche italiana in noce e radica di
    Psiche italiana in noce e radica di...
    1250.00
  • Veneziana da mm15124x140
    Veneziana da mm15124x140...
    45.00
  • Tende da sole
    Tende da sole...
    270.00
  • Antico comò romano in noce del xviii
    Antico comò romano in noce...
    2800.00
  • Quadrotti blocktile art
    Quadrotti blocktile art...
    190.00
integra
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Officine Locati
  • Mansarda.it
  • Inferriate.it
  • Black & Decker
  • Kone
  • Faidatebook
  • Weber
MERCATINO DELL'USATO
€ 160 000.00
foto 4 geo Viterbo
Scade il 31 Dicembre 2018
€ 800.00
foto 6 geo Torino
Scade il 16 Settembre 2018
€ 40.00
foto 1 geo Napoli
Scade il 30 Giugno 2018
€ 500.00
foto 2 geo Roma
Scade il 31 Luglio 2018
€ 68.00
foto 1 geo Milano
Scade il 31 Ottobre 2018
€ 380.00
foto 6 geo Frosinone
Scade il 31 Dicembre 2018
VENDI SUBITO IL TUO USATO DI CASA
Inserisci annuncio
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
I NOSTRI VIDEO SU YOUTUBE
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.