Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA

Contributi integrativi ai canoni di locazione

Il contributo integrativo al canone di locazione è una somma erogata dai Comuni, a copertura di parte della spesa sostenuta per l'affitto da famiglie a basso reddito.
13 Novembre 2014 ore 13:47 - NEWS Affittare casa

Cos'è il contributo integrativo al canone di locazione?


Ogni anno i Comuni italiani bandiscono un concorso per l'assegnazione di contributi integrativi ai canoni di locazione: si tratta, in sostanza, dell'erogazione di una somma in denaro a copertura di parte della spesa sostenuta per l'affitto da famiglie a basso reddito, titolari di un contratto di locazione residenziale, non riguardante immobili di edilizia pubblica.

contributo integrativo al canone di locazioneI comuni provvedono, esaminate le richieste pervenute, a stilare una graduatoria in base ai requisiti posseduti dai richiedenti e ad erogare i fondi agli aventi diritto.

Le somme stanziate sono in parte assegnate dalla Giunta Regionale e versate nelle casse dei comuni, in parte stanziate dai comuni stessi. Quindi, a seconda dei bilanci degli enti, le cifre possono cambiare così come le condizioni di accesso e i requisiti, pertanto si consiglia, a chi fosse interessato a richiedere il contributo, di informarsi presso il proprio Comune e procurarsi il bando.

In genere, comunque, gli adempimenti da compiere sono simili per tutta Italia, per cui possiamo descrivere a larghe linee come deve essere effettuata la richiesta.


Condizioni per richiedere il contributo integrativo al canone di locazione


La prima condizione necessaria per poter accedere al bando è quella di essere titolari di un contratto di locazione residenziale regolarmente registrato, non di edilizia pubblica.


Gli altri requisiti richiesti sono di solito:
- la cittadinanza italiana o di un paese dell'Unione europea, o lo status di rifugiato politico riconosciuto (in questo caso è richiesto anche l'esercizio di un'attività lavorativa);
- la residenza anagrafica o lo svolgimento dell'attività lavorativa nel territorio del comune che bandisce il concorso;
- la non titolarità di diritti reali (proprietà, usufrutto, ecc.) su un altro alloggio avente caratteristiche idonee per il proprio nucleo familiare e ubicato nello stesso comune a cui si riferisce il bando;
- la non titolarità degli stessi diritti su un alloggio ubicato anche fuori della provincia di interesse, il cui valore locativo sia pari a quello di un alloggio idoneo al proprio nucleo familiare;
- l'assenza di precedenti finanziamenti da parte dell'ente o dell'assegnazione di un alloggio realizzato con edilizia pubblica, con futuro patto di vendita.

Per quanto riguarda, invece, la situazione reddituale, viene richiesto che il rapporto tra il valore ISEE (Indicatore della Situazione Economica Equivalente), il valore ISE (Indicatore della Situazione Economica) e l'incidenza su di essi del canone di locazione annuo, rientri nell'ambito di determinati valori limite.
Ai contribuenti che dichiarano un valore ISE pari a zero, viene richiesta un'autocertificazione nella quale venga indicata la fonte di sostentamento della famiglia, pubblica o privata che sia.

L'importo del contributo verrà calcolato proprio in relazione al rapporto tra tali valori e i Comuni potranno decidere, per aiutare una platea più ampia di cittadini, di assegnare ad una parte di essi una somma inferiore al 100% del contributo così calcolato.

Sulla scorta delle dichiarazioni pervenute, il Comune determinerà la graduatoria, nella quale terrà conto di una serie di priorità, per cui, a parità di punteggio, potrà accordare preferenza a soggetti:
contributo integrativo al canone di locazione: famiglia numerosa- per i quali sia stato emesso provvedimento di rilascio dell'abitazione e che abbiano stipulato un nuovo contratto ai sensi della L. 431/98 (Disciplina delle locazioni e del rilascio degli immobili adibiti ad uso abitativo);
- famiglie prive di reddito;
- con più di 65 anni;
- costituenti nuclei monoparentali;
- con presenza di uno o più soggetti disabili in famiglia;
- in base al numero di componenti del nucleo familiare.


Come richiedere il contributo integrativo al canone di locazione?


Come detto in precedenza, le modalità di accesso al contributo, i requisiti e l'importo dello stesso, possono variare da Comune a Comune, per cui è necessario informarsi presso il proprio.
Molto spesso le informazioni, così come il fac simile del modello con cui compilare l'istanza, sono disponibili sul sito stesso dell'ente.

La domanda, redatta sotto forma di atto di notorietà (autocertificazione) ai sensi della L. 445/2000, va inviata in busta chiusa.

istanza per contributo integrativo al canone di locazioneAd essa dovranno essere allegati una serie di documenti, tra cui:
- fotocopia di un documento in corso di validità;
- copia del contratto di locazione registrato;
- copia della ricevuta di pagamento della tassa di registrazione per l'anno in corso (mod. F23);
- dichiarazione ISE dell'anno precedente;
- dichiarazione ISEE dell'anno precedente;
- autocertificazione, per chi dichiara ISE zero;
- copia dell'eventuale provvedimento di sfratto e della successiva stipula di nuovo contratto;
- documentazione attestante l'invalidità, nel caso si voglia usufruire di priorità;
- permesso di soggiorno per i richiedenti stranieri.

Le istanze saranno esaminate da una commissione tecnica appositamente istituita, che provvederà a definire la graduatoria.

riproduzione riservata
Articolo: Contributi integrativi ai canoni di locazione
Valutazione: 6.00 / 6 basato su 5 voti.

Contributi integrativi ai canoni di locazione: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
Sostieni Lavorincasa
REGISTRATI COME UTENTE
320.275 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Contributi integrativi ai canoni di locazione che potrebbero interessarti


Bonus affitti 2020: arriva il bando della Regione Campania

Affittare casa - Pubblicato il bando della Regione Campania per accedere al bonus affitti. La domanda di partecipazione va fatta esclusivamente online, entro il 13 marzo prossimo

Nuovo modello RLI per la registrazione e la rinegoziazione del canone d'affitto

Affittare casa - Dal 1° settembre obbligatorio l'uso di un nuovo modello RLI per la registrazione contratti di locazione immobiliari e per la richiesta revisione canone d'affitto.

Affitto: non sono dovuti i lavori di tinteggiatura a fine locazione

Affittare casa - Quando si lascia la casa in affitto l'inquilino non è obbligato a tinteggiare le pareti. Lo dice la Corte di cassazione con la recente sentenza n. 29329 del 2019

Contratti di locazione a canone concordato: agevolazioni fiscali solo se c'è attestazione

Affittare casa - In caso di contratto di locazione a canone concordato non assistito, per le agevolazioni fiscali è necessaria l'attestazione delle organizzazioni di categoria.

Affitto: il locatore può cedere il contratto senza consenso dell'inquilino

Affittare casa - Per la cessione del contratto di locazione da parte del padrone di casa non è richiesto il consenso del conduttore. Lo dice la Cassazione con una recente sentenza

Detrazione canone affitto con il modello 730 del 2019

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Hai un canone da pagare? Nella dichiarazione dei redditi è possibile detrarre le spese sostenute per il contratto di locazione. Vediamo come si deve procedere.

Agevolazioni fiscali per i proprietari che affittano

Affittare casa - Il reddito della locazione, viene tassato in maniera differente a seconda del tipo di contratto e anche per i proprietari vi sono delle agevolazioni fiscali.

Covid-19: al via accordi tra inquilini e proprietari per la riduzione del canone

Affittare casa - A causa dell'emergenza Coronavirus inquilini e proprietari potranno accordarsi per la riduzione dell'affitto. Ecco come effettuare la registrazione dell'accordo

Appartamento in affitto

Normative - Il contratto di locazione e' soggetto ad una serie di norme finalizzate, di volta in volta, a disciplinarne durata, misura del canone e diritti e obblighi delle parti.
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img fabriziolepiscopo
Avrei una richiesta di informazioni in merito alle detrazioni fiscali su ristrutturazione immobile. Trovandomi in una casistica particolare, non ho trovato una risposta esaudiente...
fabriziolepiscopo 17 Settembre 2020 ore 19:34 1
Img barbarafranzoni
Buongiorno. Sono in affitto dal 2009 con contratto 4+4 regolarmente rinnovato. A gennaio il proprietario mi ha mandato una raccomandata dicendo che entro il 31 luglio dovrò...
barbarafranzoni 23 Luglio 2020 ore 16:33 7
Img maurizio35
Buongiorno, un mio inquilino mi ha richiesto la riduzione del canone di locazione di immobile privato (contratto già a cedolare secca). Ci siamo accordati per una...
maurizio35 17 Aprile 2020 ore 16:13 3
Img francina79
Buongiorno, vorrei un parere su una proposta di affitto che mi è stata fatta. La casa che mi interessa ha bisogno di interventi di ristrutturazione visto che è...
francina79 01 Febbraio 2020 ore 08:48 4
Img cate77
Salve, sono affittuaria da 6 anni, pago sempre puntualmente le bollette e utenze. Ho riscontrato il problema che l'acqua esce dal tubo del bagno che è collegato con la...
cate77 07 Gennaio 2020 ore 12:50 2