Uso indebito dei contratti di locazione transitoria

NEWS DI Affittare casa28 Febbraio 2015 ore 13:46
In tema di locazioni a uso abitativo, quand'è possibile utilizzare il contratto transitorio? Quanto durano questi contratti e cosa accade se si usano indebitamente?

Locazione transitoria


Contratto di locazioneLa legge n. 431/98 oltre ai contratti c.d. libero (o 4+4) ed a canone concordato (o così detto 3+2) prevede un'altra tipologia di accordo: il contratto di locazione transitoria.

Se ne occupa l'art. 5 della legge n. 431/98, rubricato per l'appunto Contratti di locazione di natura transitoria, che recita:

Il decreto di cui al comma 2 dell'articolo 4 (d.m. 30 dicembre 2002 n.d.A.) definisce le condizioni e le modalità per la stipula di contratti di locazione di natura transitoria anche di durata inferiore ai limiti previsti dalla presente legge per soddisfare particolari esigenze delle parti.

In alternativa a quanto previsto dal comma 1, possono essere stipulati contratti di locazione per soddisfare le esigenze abitative di studenti universitari sulla base dei tipi di contratto di cui all'articolo 4-bis.

È facoltà dei comuni sede di università o di corsi universitari distaccati, eventualmente d'intesa con comuni limitrofi, promuovere specifici accordi locali per la definizione, sulla base dei criteri stabiliti ai sensi del comma 2 dell'articolo 4, ((dei canoni di)) locazione di immobili ad uso abitativo per studenti universitari. Agli accordi partecipano, oltre alle organizzazioni di cui al comma 3 dell'articolo 2, le aziende per il diritto allo studio e le associazioni degli studenti, nonché cooperative ed enti non lucrativi operanti nel settore.

In questo contesto, quindi, abbiamo due tipologie contrattuali:

a) quella transitoria sic et simpliciter;

b) quella legata allo status di studente universitario della parte conduttrice.

Rispetto al contratto di locazione transitoria, l'art. 2, primo comma, d.m. 30 dicembre 2002, specifica che:

I contratti di locazione di natura transitoria di cui all'articolo 5, comma 1, della legge 9 dicembre 1998, n. 431, hanno durata non inferiore ad un mese e non superiore a diciotto mesi. Tali contratti sono stipulati per soddisfare particolari esigenze dei proprietari e/o dei conduttori per fattispecie - con particolare riferimento a quelle derivanti da mobilità lavorativa - da individuarsi nella contrattazione territoriale tra le organizzazioni sindacali della proprietà edilizia e dei conduttori maggiormente rappresentative.


Assenza del requisito della transitorietà


La ragione della transitorietà (es. distaccamento presso un ramo d'azienda in città diversa da quella di residenza) dev'essere inserita in un documento allegato al contratto di locazione.

Come per i contratti 3+2, anche per quelli di natura transitoria il canone non è liberamente concordabile tra le parti (cfr. art. 2, secondo comma, d.m. 30 dicembre 2002).

Ai sensi del quinto comma dell'art. 2 del d.m. 30 dicembre 2002:

Contratto di locazione transitoriaI contratti di cui al presente articolo sono ricondotti alla durata prevista dall'articolo 2, comma 1, della legge 9 dicembre 1998, n. 431, in caso di inadempimento delle modalità di conferma delle esigenze transitorie stabilite nei tipi di contratto di cui al comma 6, ovvero nel caso le esigenze di transitorietà vengano meno.

La norma dev'essere letta alla luce degli allegati al più volte citato d.m. 30 dicembre 2002 e più nello specifico alla luce dell'allegato C.

In pratica un contratto di locazione fintamente transitorio viene ricondotto nell'alveo dei così detti contratti 4+4 se il proprietario non specifica le sue esigenze di transitorietà.

E se è il conduttore a mentire? Il d.m. non prevede la medesima sanzione ma non vi sono dubbi che il proprietario, dimostrando la finta transitorietà indicata dall'inquilino possa ottenere lo stesso risultato.

Rispetto ai così detti contratti per gli studenti universitari è stabilito che:

Nei comuni sede di università o di corsi universitari distaccati e di specializzazione nonché nei comuni limitrofi e qualora il conduttore sia iscritto ad un corso di laurea o di perfezionamento ovvero di specializzazione in un comune diverso da quello di residenza, possono essere stipulati contratti per studenti universitari di durata - precisata negli allegati tipi di contratto - da sei mesi a tre anni (rinnovabili alla prima scadenza, salvo disdetta del conduttore). Tali contratti possono essere sottoscritti o dal singolo studente o da gruppi di studenti universitari o dalle aziende per il diritto allo studio (art. 3, primo comma, d.m. 30 dicembre 2002).

Durata minima sei mesi, durata massima tre anni, possibilità di disdetta per il conduttore alla prima scadenza.

Anche in questo caso il canone non è libero ma concordato sulla base di accordi territoriali (art. 3, primo comma, d.m. 30 dicembre 2002).

I contratti devono essere redatti in forma scritta e devono essere registrati pena la loro nullità (solamente i contratti di durata inferiore a trenta giorni non necessitano della registrazione, ma la durata minima di quelli transitori – 3 mesi – di fatto la impone).

La registrazione deve avvenire entro trenta giorni dalla loro sottoscrizione mediante presentazione all'agenzia delle entrate; ai contratti di locazione transitoria può essere applicato il così detto regime della cedolare secca . Si tratta, com'è noto, di un regime fiscale che può essere scelto solamente dal proprietario e che comporta l'applicazione di un'imposta fissa calcolata sul canone complessivo versato, senza applicazione d'imposta di bollo e di registro (si veda qui).

Per la conclusione di entrambe le tipologie contrattuali bisogna utilizzare i modelli reperibili presso i comuni e le associazioni di categoria di proprietari ed inquilini ed è possibile, ma non obbligatorio, farsi assistere dalle medesime.

riproduzione riservata
Articolo: Contratti di locazione transitoria, uso indebito
Valutazione: 5.00 / 6 basato su 2 voti.

Contratti di locazione transitoria, uso indebito: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
Notizie che trattano Contratti di locazione transitoria, uso indebito che potrebbero interessarti
Locazione: il contratto ad uso transitorio

Locazione: il contratto ad uso transitorio

Affittare casa - La disciplina sul contratto di locazione ad uso transitorio: durata, requisiti minimi, modello e spese da ripartire tra locatore e conduttore ai sensi del DM 30/12/2002.
Gravi motivi del conduttore per il recesso dal contratto di locazione

Gravi motivi del conduttore per il recesso dal contratto di locazione

Affittare casa - Il recesso del conduttore per gravi motivi per essere esercitabile senza poter essere contestato deve fondarsi su motivi reali e deve essere comunicato nei modi di legge.
Seconda scadenza del contratto di locazione 4+4

Seconda scadenza del contratto di locazione 4+4

Affittare casa - Al termine del contratto di locazione 4+4, le parti hanno la possibilità di attivarsi per giungere a diverse conclusioni o di rimanere silenti per non cambiare nulla.

Affitti studenti fuori sede: le nuove detrazioni fiscali 2018

Affittare casa - Con il decreto fiscale 2017 approvato dal Senato, sono state introdotte delle novità sulle detrazioni del 19% dei canoni di affitto per gli studenti fuori sede.

Affitti: quali sono le tipologie di contratto di locazione

Affittare casa - Il contratto di locazione può avere contenuti diversi a seconda del tipo contrattuale adottato dalle parti. Ecco disciplina ed effetti delle differenti tipologie

Locazione, registrazione del contratto e canone di affitto

Affittare casa - La legge prevede un meccanismo di registrazione dei contratti di locazione che consente di entrate nel circuito legale con grande vantaggio sul canone da corrispondere.

Contratto d'affitto per studenti

Affittare casa - Per porre rimedio al malcostume degli affitti in nero agli studenti, è stata creata una forma specifica di contratto di locazione, pensato per le loro esigenze.

Risoluzione del contratto di locazione: obbligatoria la registrazione

Leggi e Normative Tecniche - La risoluzione del contratto di locazione deve essere registrata. Lo afferma la CTP di Milano che condanna un contribuente per aver tardivamente versato l'imposta

Contratti di locazione a canone concordato: agevolazioni fiscali solo se c'è attestazione

Affittare casa - In caso di contratto di locazione a canone concordato non assistito, per le agevolazioni fiscali è necessaria l'attestazione delle organizzazioni di categoria.
REGISTRATI COME UTENTE
295.444 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
  • Ombrellone leonardo 300x400
    Ombrellone leonardo 300x400...
    1350.00
  • Ombrellone leonardo 400x400
    Ombrellone leonardo 400x400...
    1660.00
  • Ombrellone torino 350
    Ombrellone torino 350...
    900.00
  • Ombrellone torino 300x400
    Ombrellone torino 300x400...
    980.00
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Mansarda.it
  • Inferriate.it
  • Officine Locati
  • Kone
  • Faidatebook
  • Weber
  • Black & Decker
MERCATINO DELL'USATO
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
I NOSTRI VIDEO SU YOUTUBE
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.