Contatore di sottrazione dell'energia elettrica per gli impianti condominiali

NEWS DI Ripartizione spese22 Novembre 2014 ore 09:57
Che cosa bisogna fare se si vogliono installare dei contatori di sottrazione dedicati ai singoli impianti condominiali attaccati al contatore dell'energia elettrica?

Contatore condominiale


Di norma il condominio è dotato di un contatore generale per il consumo di energia elettrica; ciò comporta che su quell'utenza vadano ad incidere i consumi di tutti quegli impianti che necessitano di elettricità per il loro funzionamento.

ContatoreSi pensi, per fare alcuni esempi, all'impianto di ascensore, all'autoclave e ultimo ma non ultimo alla corrente elettrica per l'illuminazione delle scale.

Nei casi in cui è presente un solo contatore per tutte queste utenze, spetta all'assemblea decidere come ripartire quella spesa in relazione ai vari impianti; vediamo come.

C'è una norma del codice civile, esattamente il secondo comma dell'art. 1123, che recita:

Se si tratta di cose destinate a servire i condomini in misura diversa, le spese sono ripartite in proporzione dell'uso che ciascuno può farne.

La regola consente la ripartizione delle spese in base all'uso. Si badi; come ha più volte chiarito la giurisprudenza, l'uso cui fa riferimento la norma in esame non è l'uso reale di ciascun condomino, bensì l'uso potenziale che ognuno può fare di un bene.

In questi casi, pertanto, l'assemblea può considerare ogni singolo impianto e valutarlo come portatore di una voce di spesa a sé stante.

Per fare ciò è necessario individuare, convenzionalmente, una percentuale ipotetica di consumo da attribuire a quell'impianto.

Così, a puro titolo esemplificativo, l'assemblea può decidere che il consumo di energia elettrica dell'ascensore debba coincidere al 60% dell'importo fatturato, quello per l'autoclave al 30% e quello per la luce scale al restante 10%.

Se la spesa per il consumo a fine anno è pari a mille, quindi, l' amministratore dovrà imputare 600 all'ascensore e così via.

Quella spesa, poi, dovrà a sua volta essere ripartita tra tutti i condomini in base alla tabella millesimale di riferimento del singolo impianto (si tratta solitamente di tabelle d'uso).

Esistono, tuttavia, degli strumenti di rilevazione dei consumi effettivi che l'assemblea può decidere di far installare; si tratta dei così detti contatori di sottrazione di riferimento del singolo impianto collegato al contatore generale di energia elettrica.


Contatori di sottrazione e quorum deliberativi


Contatore di sottrazioneQuali sono le maggioranze necessarie a consentire l'installazione di questo genere di strumenti?

Partiamo dal dato certo: l'installazione dei contatori di sottrazione non rappresenta un'innovazione.

Per innovazioni delle cose comuni – afferma la Cassazione – s'intendono, dunque, non tutte le modificazioni (qualunque opus novum), sebbene le modifiche, le quali importino l'alterazione della entità sostanziale o il mutamento della originaria destinazione, in modo che le parti comuni, in seguito alle attività o alle opere innovative eseguite, presentino una diversa consistenza materiale, ovvero vengano ad essere utilizzate per fini diversi da quelli precedenti (tra le tante: Cass.,23 ottobre 1999, n. 11936; Casa ., 29 ottobre 1998, n. 1389; Cass., 5 novembre 1990, n. 10602) (così Cass. 26 maggio 2006 n. 12654).

Chiaramente il contatore di sottrazione serve solamente a rilevare l'esatto consumo dell'impianto collegato al contatore generale al fine di consentire un preciso addebito dei costi parziali.

Più che di un'innovazione, quindi, bisogna parlare di una modificazione della cosa comune, utile a garantire una corretta ripartizione delle spese.

Essendo questo il quadro giuridico, l'assemblea potrà deliberare questa spesa e quella relativa all'installazione:

a) in prima convocazione con il voto favorevole della maggioranza dei condomini intervenuti in assemblea che rappresentino almeno 500 millesimi (art. 1136, secondo comma, c.c.);

b) in seconda convocazione con il voto favorevole della maggioranza dei condomini intervenuti in assemblea che rappresentino almeno 333 millesimi (art. 1136, terzo comma, c.c.).

E se la decisione dovesse essere presa autonomamente dall'amministratore?

In quel caso, ad avviso di chi scrive, si tratterebbe di una spesa che dovrebbe passare al vaglio dell'assemblea, insomma un intervento da ratificare, a meno che non lo si voglia considerare un opera destinata a disciplinare la fruizione dei servizi nell'interesse comune, in modo che ne sia assicurato il miglior godimento a ciascuno dei condomini (art. 1130 n. 2 c.c.).

Ad ogni buon conto, se l'amministratore dovesse prendere una simile iniziativa perché, ad esempio, richiestogli dai condomini verbalmente, sarebbe comunque consigliabile agire chiedendo in anticipo le spese ai comproprietari (insomma senza anticipazioni), in modo che già il versamento della somma equivalga ad un'accettazione implicita dell'intervento di apposizione del contatore di sottrazione.

Qualora invece l'amministratore dovesse agire di propria iniziativa, anticipando la spesa, quest'ultima dovrebbe essere posta al vaglio dell'assemblea al momento dell'approvazione del rendiconto annuale di gestione e non è da escludersi una contestazione, con conseguente contenzioso.

riproduzione riservata
Articolo: Contatore di sottrazione dell'energia elettrica per gli impianti condominiali
Valutazione: 3.00 / 6 basato su 5 voti.

Contatore di sottrazione dell'energia elettrica per gli impianti condominiali: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Paolo4
    Paolo4
    Mercoledì 30 Maggio 2018, alle ore 16:54
    Quindi, se le spese della corrente elettrica contabilizzata dal contatore condominiale è ripartita in parti uguali tra i condomini (compresa quella consumata nel proprio box privato) e l'assemblea non raggiunge la maggioranza per l'installazione dei contatori di sottrazione dell'energia, si continuerà a dividere in parti uguali il consumo della corrente elettrica?
    rispondi al commento
    • Lucag1979
      Lucag1979 Paolo4
      Giovedì 31 Maggio 2018, alle ore 09:23
      A meno che qualcuno non faccia istanza al giudice di invalidare quel criterio e imporre all'assemblea tri trovarne uno più equo.
      rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
Notizie che trattano Contatore di sottrazione dell'energia elettrica per gli impianti condominiali che potrebbero interessarti
Verifica funzionamento contatore elettricità

Verifica funzionamento contatore elettricità

Impianti - Nel caso in cui sorgano dubbi sul funzionamento del contatore dell'energia elettrica è possibile contattare il venditore del servizio per chiederne una verifica.
Contatore energia elettrica

Contatore energia elettrica

Impianti - Il contatore dell'energia elettrica viene installato direttamente dalle società distributrici, tra le principali delle quali in Italia ci sono Enel ed ACEA.
Contatori individuali in condominio, installazione e ripartizione delle spese

Contatori individuali in condominio, installazione e ripartizione delle spese

Ripartizione spese - In condominio vi è un contatore principale, quello che serve all'ente a fatturare i consumi e dovrebbero essercene altri individuali utili a ripartire i consumi

Protezione Montante Elettrico, V3 CEI 64-8

Impianti - La protezione del montante con un proprio magnetotermico oltre che dalle caratteristiche dell'impianto elettrico, dipende dal valore che l'ente erogatore fornisce circa la corrente di corto circuito nel punto di consegna.

Consumi d'acqua, la mancata rendicontazione può portare alla revoca dell'amministratore

Condominio - In ogni condominio, questa almeno è la prassi che invale nel nostro paese, la compagine delega ad una società le operazioni di lettura dei contatori dell'acqua

Secondo Contatore Elettrico

Normative - E' possibile richiedere l'attivazione di un secondo contatore elettrico, con tariffe ridotte ed agevolate, per l'alimentazione esclusiva delle pompe di calore.

Condominio e vacanze estive

Condominio - Agosto mese di vacanze.Tantissime persone, in prossimità del così detto esodo agostano, si allontano dalle proprie abitazioni per trascorrere il periodo

Quadro elettrico civile

Impianti - Il quadro è il punto di controllo e manutenzione dell'impianto elettrico di casa, in esso sono allocati i dispositivi di protezione, manovra e monitoraggio.

Impianti Elettrici non a Norma

Normative - Le norme per gli impianti elettrici tengono conto anche dei livelli di comfort per gli utenti, tuttavia spesso sono violate le più semplici regole per la sicurezza.
REGISTRATI COME UTENTE
295.671 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
  • Sportello copricontatore 1
    Sportello copricontatore 1...
    180.00
  • Sportello copricontatore 2
    Sportello copricontatore 2...
    280.00
  • Solforatrice a zaino elettrica dinamica volpi
    Solforatrice a zaino elettrica...
    275.84
  • Marazzi covent garden "energia"
    Marazzi covent garden "...
    1078.00
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Mansarda.it
  • Faidacasa.com
  • Officine Locati
  • Black & Decker
  • Kone
  • Faidatebook
  • Weber
MERCATINO DELL'USATO
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.