Condominio, se una parte è comune c'è poco da discutere!

NEWS DI Parti comuni16 Novembre 2014 ore 15:10
Una volta accertato che la parte è comune, nessun condomino può impedirvi l'accesso; così ha deciso recentemente la Corte di Cassazione con sentenza n. 22192/2014.

Accertamento circa la natura di parte comune


Un condominio conveniva in giudizio alcuni condomini, proprietari in via esclusiva della terrazza posta all'ultimo piano dell'edificio, asserendo che il locale macchine dell'ascensore, presente sin dalla costruzione del palazzo, era posto sul lastrico solare, sulla sommità del vano scale; ad esso vi si accedeva percorrendo prima la scala condominiale fino alla terrazza dei convenuti, poi la terrazza medesima per salire sulla scaletta che conduceva sopra la gabbia scale; che i convenuti avevano apposto un cancello lungo la scala condominiale; il cancello era già stato rimosso in esecuzione di un provvedimento d'urgenza.

CondominioL'attore chiedeva dunque che fosse dichiarata la natura condominiale della scala di accesso e che fosse accertata la servitù di passaggio sulla terrazza dei convenuti, costituita per destinazione del padre di famiglia.

La domanda veniva accolta sia in primo che in secondo grado.

In particolare, in appello veniva accertata la natura di parte comune del locale dove sono posti i motori dell'impianto di elevazione ai sensi dell'art. 1117 n. 3 c.c.; infatti, per l'art. 1117, n. 3, c.c., anche nella nuova versione, i manufatti di qualunque genere destinati all'uso comune, come gli ascensori, in mancanza di titolo contrario devono presumersi comuni.

Osservava inoltre il giudice dell'appello che la situazione dei luoghi, inalterata fin dal progetto dell'edificio evidenziava il vincolo di servizio tra le due proprietà (condominiali) attualmente divise; la scaletta collocata sulla terrazza era opera che garantiva l'accessibilità al vano motori e che il pianerottolo dell'ultimo piano, così come la terrazza di sua copertura e l'area soprastante non potevano considerarsi di proprietà esclusiva trattandosi di parti che, per obiettive caratteristiche strutturali erano permanentemente destinate all'uso e al godimento comune e quindi di contitolarità necessaria a meno di un atto di natura negoziale che ne disponga un diverso regime.
Niente di nuovo sotto il sole per quanto riguarda l'individuazione delle parti comuni : in assenza di titolo contrario, sono parti comuni quelle collegate ai beni dei singoli da una relazione di accessorietà funzionale e strutturale (tra tante, v. Cass. 27145/2007).

L'opposta tesi della ricorrente in Cassazione (sent. n. 22192 del 20 ottobre 2014) si poggia sulla considerazione che dal momento che la gabbia ove è ubicato il locale macchine è stata costruita sulla terrazza di proprietà esclusiva, la stessa gabbia è, ai sensi dell'art. 934 c.c., proprietà esclusiva; che il proprietario può chiudere in qualunque tempo il fondo ai sensi dell'art. 841, c.c.; di non avere mai impedito ad alcuno in modo assoluto l'accesso al locale macchine, ma che intende consentirlo solo in caso di necessità, proprio come prescritto dall'art. 843, c.c.; che la Corte di Appello avrebbe violato proprio tale norma imponendo di lasciare aperta la proprietà sempre a tutti.

Edificio in condominioInvece, la sentenza di terzo grado dà ragione ancora al condominio, ritenendo innazitutto che la gabbia ove è ubicato il locale macchine non risulta costruita sulla parte di terrazza di proprietà esclusiva; al contrario, dalla motivazione della sentenza di appello, non specificamente impugnata sul punto, si evince che la costruzione insiste su una parte condominiale; soprattutto, la sentenza conclude asserendo in ogni caso risulta che la situazione dei luoghi era tale sin dal progetto così che nella vendita dell'area scoperta costituente la terrazza non poteva essere ricompresa la costruzione che alloggiava le macchine, sicuramente destinata all'uso comune.

La presunzione di proprietà, salvo contrarietà del titolo di cui all'art. 934 è qui superata dalla presunzione di parte comune, salvo contrarietà del titolo di cui all'art. 1117 c.c.

Il carattere speciale della normativa in materia condominiale deroga alle altre norme di diritto civile comune.


Proprietà e servitù


Prosegue la Corte, il proprietario non può chiudere in qualunque tempo il fondo, come potrebbe, normalmente, ai sensi dell'art. 841 c.c., perchè il suo diritto è limitato dalla servitù accertata in appello.

Nè egli può giustificare l'uso del cancelletto con l'obbligo del proprietario di consentire l'accesso nella sua proprietà ai sensi dell'art. 843 c.c. Non è possibile tale giustificazione perchè nel caso di servitù il diritto di proprietà non può esercitarsi pienamente, ma è limitato dalla presenza, appunto, della servitù, la quale non può essere aggravata o diminuita (art. 1067) e se il fondo viene chiuso, il proprietario deve lasciare libero e comodo l'ingresso a chi ha un diritto di servitù che richieda il passaggio sul fondo stesso (art. 1064).

Infine, anche il riferimento all'indiscriminato accesso di tutti alla terrazza di proprietà esclusiva è del tutto fuori luogo perché la servitù atipica accertata ha come contenuto il rapporto di asservimento a carico di una unità in proprietà esclusiva al fine di consentire l'accesso all'impianto comune e quindi consente l'accesso a quello servente non in via indiscriminata, ma nei casi di specifiche esigenze correlate alla manutenzione del bene comune.

Nel caso deciso dalla sentenza in commento (n. 22192/2014), in conclusione, il condomino aveva voluto cautelarsi a priori, se così si può dire, da qualunque ingerenza di altri, ritenendosi pieno proprietario in casa propria. Ed invece è stato deciso che, acclarata la natura di parte comune del bene che insiste nella sua proprietà, egli non può ostacolare in alcun modo l'utilizzo del detto bene da parte degli altri condomini.

Certo, se un giorno dovesse esservi un utilizzo non consono al diritto di servitù o comunque una lesione del suo diritto di proprietà non giustificata dalla servitù, egli potrà farsi valere attaverso le azioni giudiziarie a tutela della proprietà.

riproduzione riservata
Articolo: Condominio, se una parte è comune c'è poco da discutere!
Valutazione: 3.50 / 6 basato su 2 voti.

Condominio, se una parte è comune c'è poco da discutere!: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
Notizie che trattano Condominio, se una parte è comune c'è poco da discutere! che potrebbero interessarti
Parcheggio, servitù e condominio

Parcheggio, servitù e condominio

Condominio - Il parcheggio rende più comodo l'uso della proprietà ma non rappresenta mai un'utilità nel senso richiesto dalla legge per la costituzione di una servitù.
Parcheggio condominiale e servitù di parcheggio

Parcheggio condominiale e servitù di parcheggio

Parti comuni - I parcheggio in condominio accende spesso liti, ma non è configurabile una servitù di parcheggio per due motivi molto semplici che andremo ad approfondire ora.
Servitù e ruolo dell'amministratore di condominio

Servitù e ruolo dell'amministratore di condominio

Condominio - Ove esistano servitù di passaggio a favore di altro edificio e vi siano autonomi condomini, spesso capita che col tempo sorgono contestazioni in merito alle modalità di esercizio.

Amministratore di condominio e servitù

Condominio - L'amministratore di condominio non può agire in giudizio per ottenere il riconoscimento di una servitù perché questa azione non rientra tra i suoi poteri.

Il costruttore, il condominio e le servitù

Parti comuni - Quando nel caso di un edificio in condominio, che è tale quando ci sono almeno due proprietari, possono configurarsi delle servitù senza nessuna disposizione in merito?

Impianti condominiali posizionati nelle parti di proprietà esclusiva

Parti comuni - La presenza di impianti condominiali nelle parti di proprietà esclusiva può essere indice dell'esistenza di servitù costituite per destinazione del padre di famiglia.

Servitù volontarie e coattive, alcune differenze

Normative - La differenza tra servitù volontarie e coattive non si ferma solamente alle possibili differenti modalità di costituzione ma si spinge fino ai motivi di estinzione.

Servitù di telefonia

Parti comuni - In tema di condominio negli edifici prima di parlare di servitù di telefonia bisogna capire se ad avvantaggiarsi del passaggio dei cavi è un condomino oppure un terzo.

Servitù prediali

Normative - Le servitù, le loro caratteristiche e la loro configurabilità nell'ordinamento giuridico italiano.
REGISTRATI COME UTENTE
295.716 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
  • Jbl aquabasis plus lt 5
    Jbl aquabasis plus lt 5...
    15.86
  • Voliera esagonale verniciata alt cm 190
    Voliera esagonale verniciata alt...
    256.20
  • Box doccia sfera
    Box doccia sfera...
    332.00
  • Persiana alluminio lumia quadra sic
    Persiana alluminio lumia quadra sic...
    200.00
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Faidacasa.com
  • Officine Locati
  • Mansarda.it
  • Faidatebook
  • Weber
  • Kone
  • Black & Decker
MERCATINO DELL'USATO
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.