Comunione, condominio e compenso dell'amministratore giudiziale

NEWS DI Amministratore di condominio10 Marzo 2014 ore 15:26
Tanto l'amministratore della comunione, quanto quello del condominio possono essere nominati per via giudiziale, ma il compenso lo decidono i diretti interessati.
comunione , condominio , compenso amministratore

Nomina dell'amministratore


In tema di comunione e di condominio i partecipanti alle rispettive compagini possono nominare un amministratore.

CompensoQuest'ultimo, è notorio, è il soggetto cui la collettività demanda la gestione e conservazione delle cose comuni.

La nomina nella comunione è sempre facoltativa nel caso della comunione mentre può essere obbligatoria nel condominio se i partecipanti sono più di otto (cfr. art. 1129, primo comma, c.c.).

Ad ogni buon conto tanto nella comunione, quanto nel condominio, a determinate condizioni si può giungere ad una nomina dell'amministratore da parte dell'Autorità Giudiziaria su sollecitazione dei diretti interessati.


Nomina giudiziale nella comunione


Che cosa succede se, nell'ambito di una comunione i partecipanti alla stessa (detti comunisti) non prendono le decisioni necessarie alla sua gestione o, pur avendole prese, non v'è modo di eseguirle?

La risposta al quesito è fornita dall'art. 1105, quarto comma, c.c. a mente del quale:

Se non si prendono i provvedimenti necessari per l'amministrazione della cosa comune o non si forma una maggioranza, ovvero se la deliberazione adottata non viene eseguita, ciascun partecipante può ricorrere alla autorità giudiziaria. Questa provvede in camera di consiglio e può anche nominare un amministratore .

Si tratta di un procedimento di volontaria giurisdizione, ossia di una procedura che non ha carattere contenzioso, finalizzato ad ottenere un risultato (realizzazione di un intervento o esecuzione del deliberato) che non è stato possibile ottenere secondo le vie canoniche.

In questo contesto, l'Autorità Giudiziaria se lo ritiene utile (tale utilità può essere evidenziata dai comunisti) può nominare un amministratore ad acta, vale a dire un gestore dello specifico affare per il quale le è stato presentato ricorso.

L'articolo in esame è applicabile anche al condominio negli edifici in ragione del richiamo alle norme sulla comunione contenuto nell'art. 1139 c.c.


Nomina giudiziale nel condominio


Così come per la comunione condizione per rivolgersi al giudice è la stasi decisionale od operativa, anche per il condominio negli edifici il ricorso all'Autorità Giudiziaria non è incondizionato.

Compenso amministratoreA mente del primo comma dell'art. 1129 c.c.:

Quando i condomini sono più di otto, se l'assemblea non vi provvede, la nomina di un amministratore è fatta dall'autorità giudiziaria su ricorso di uno o più condomini o dell'amministratore dimissionario.

Per poter ottenere la nomina giudiziaria di un amministratore condominiale, quindi, devono ricorrere le seguenti condizioni:

a) i condomini devono essere almeno nove, ossia almeno nove differenti persone (o gruppi di persone) proprietarie di altrettante unità immobiliari;

b) l'assemblea non sia riuscita, per qualunque motivo (mancanza quorum, inattività, ecc.) a nominare il proprio legale rappresentante.

In tal caso ciascun condomino (oltre all'amministratore dimissionario, questa è una novità introdotta dalla riforma del condominio) può rivolgersi al Tribunale competente, ossia quello del luogo in cui è ubicato l'immobile, per ottenere la nomina dell'amministratore.


Compenso dell'amministratore giudiziale


Chi stabilisce il compenso dell'amministratore nominato dall'Autorità Giudiziaria?

In una controversia risolta dalla Corte d'appello di Bologna s'è affermato che il compenso dev'essere concordato tra le parti e non può essere determinato dall'autorità giudiziaria.

Il Tribunale – si legge nel provvedimento decisorio della Corte felsinea datato maggio 2009 – ha ritenuto che la liquidazione del compenso spettante all'amministratore dei beni comuni, qualora nominato dall'autorità giudiziaria, debba essere effettuata dalla stessa autorità in sede di volontaria giurisdizione.

Tale tesi non può essere condivisa in quanto, contrariamente a quanto osservato dal Tribunale, il rapporto tra l'amministratore nominato ai sensi dell' ultimo comma dell'art. 1105 c.c. e i partecipanti alla comunione deve essere inquadrato nell'ambito di quello privatistico di mandato: detto amministratore, infatti non assume la veste di amministratore giudiziario, essendo soltanto il soggetto indicato dall'autorità giudiziaria come persona qualificata ad amministrare in nome e per conto dei partecipanti alla comunione il patrimonio comune, stante l'impossibilità di costoro di provvedervi direttamente (cfr. Cass. 1596/1988) (App. Bologna 28 maggio 2009).

La decisione riguarda un caso relativo ad un amministratore della comunione ma, vista la somiglianza, dev'essere considerata utile anche in materia condominiale.

Proprio riguardo a quest'ultimo ambito, è bene specificare che l'amministratore all'atto dell'accettazione della nomina e del suo rinnovo, deve specificare analiticamente, a pena di nullità della nomina stessa, l'importo dovuto a titolo di compenso per l'attività svolta (art. 1129, quattordicesimo comma, c.c.).

In caso di mancato accordo sul compenso tra amministratore e assemblea, cui non segua la rinuncia all'incarico, la controversia è decisa dall'Autorità Giudiziaria (cfr. art. 1709 c.c.).

riproduzione riservata
Articolo: Comunione, condominio e compenso dell'amministratore giudiziale
Valutazione: 3.00 / 6 basato su 1 voti.

Comunione, condominio e compenso dell'amministratore giudiziale: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
Notizie che trattano Comunione, condominio e compenso dell'amministratore giudiziale che potrebbero interessarti
Chi decide il compenso dell'amministratore condominiale giudiziario?

Chi decide il compenso dell'amministratore condominiale giudiziario?

Condominio - L'amministratore condominiale giudiziario ha diritto al compenso come ogni suo collega nominato dall'assemblea. Essa lo dove stabilire in accordo con lui.
Condominio: nessun compenso extra all'amministratore revocato

Condominio: nessun compenso extra all'amministratore revocato

Amministratore di condominio - Nel caso in cui l'incarico dell'amministratore di condominio venga revocato non è previsto alcun compenso se l'assemblea è contraria alla proroga dei suoi poteri
Ripartizione compenso dell'amministratore di condominio

Ripartizione compenso dell'amministratore di condominio

Amministratore di condominio - Una volta incaricato l'amministratore, salvo diverso accordo, ha diritto ad una retribuzione, la quale nell'art. 1135 c.c. ha sollevato qualche interrogativo.

Compenso amministratore di condominio, senza accordo decide il giudice

Condominio - Il compenso dell'amministratore di condominio è rimesso alla contrattazione tra le parti (non esistono tariffe).In mancanza di accordo è decido dal giudice.

Il compenso dell'amministratore? Lo paga anche l'inquilino (forse)

Amministratore di condominio - Tra le spese cui deve partecipare l'inquilino una di quelle che crea maggiori problemi è il compenso dell'amministratore. Chi lo paga?

L'amministratore della comunione

Condominio - Nella prassi quotidiana, non fosse altro per le maggiori difficoltà pratiche dovute alla gestione, si è soliti affrontare e analizzare le problematiche

Amministratore di condominio, diritto alla retribuzione e limiti

Condominio - L?amministratore è il mandatario dei condomini in relazione alla gestione e conservazione delle parti comuni dell?edificio

Lavori straordinari e compenso dell'amministratore di condominio

Condominio - Nel caso in cui vengano deliberati interventi di manutenzione straordinaria, l'amministratore ha diritto ad ulteriori compensi solo se preventivamente concordati.

Compenso amministratore condominiale per l'assemblea straordinaria

Condominio - L'amministratore di condominio raffigura un ufficio di diritto privato assimilabile al mandato con rappresentanza tra l'amministratore e ciascuno dei condomini.
REGISTRATI COME UTENTE
295.527 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
  • Progettazione di interni
    Progettazione di interni...
    300.00
  • Facciate condominio
    Facciate condominio...
    50.00
  • Inferriate blindate di sicurezza
    Inferriate blindate di sicurezza...
    329.00
  • Ristrutturazione bagno zona Roma
    Ristrutturazione bagno zona roma...
    3790.00
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Officine Locati
  • Inferriate.it
  • Mansarda.it
  • Black & Decker
  • Weber
  • Faidatebook
  • Kone
MERCATINO DELL'USATO
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.