Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Compenso amministratore di condominio, senza accordo decide il giudice

NEWS Amministratore di condominio30 Maggio 2013 ore 12:00
Il compenso dell'amministratore di condominio è rimesso alla contrattazione tra le parti (non esistono tariffe). In mancanza di accordo è decido dal giudice.

Compenso amministratoreTizio viene nominato amministratore del condominio Alfa.
Egli accetta l'incarico ed alla successiva assemblea presenta un preventivo per ottenere dall'assemblea il placet alle sue richieste economiche.

L'assemblea non approva ma non revoca il neo amministratore.

Al momento della presentazione del rendiconto di gestione, Tizio ripresenta una nuova richiesta di compenso, leggermente più bassa, ma l'assise rigetta anche quel preventivo.

Oppure ancora: Tizio presenta un preventivo che viene accettato ed alla fine dell'anno nel rendiconto aumenta il suo compenso per attività da lui ritenute straordinarie e l'assemblea boccia le nuove pretese.

Che cosa accade in questi casi?

Vale la pena ricordare che, secondo l'orientamento maggioritario, l'amministratore del condominio raffigura un ufficio di diritto privato assimilabile al mandato con rappresentanza: con la conseguente applicazione, nei rapporti tra l'amministratore e ciascuno dei condomini , delle disposizioni sul mandato (Cass. SS.UU. 8 aprile 2008 n. 9148).


In questo contesto, è sempre la Cassazione a parlare per quanto riguarda la retribuzione, dall'art. 1709 cod. civ., secondo cui, contrariamente a quanto stabilito dal corrispondente art. 1753 del codice civile previgente e, per quanto riguarda espressamente l' amministratore del condominio, dall'art. 16 del r.d.l. 15 gennaio 1934, n. 56, il mandato si presume oneroso.

In tale contesto normativo, l'art. 1135, n. 1, cod. civ., che considera eventuale la retribuzione dell'amministratore, va inteso nel senso che l'assemblea può determinarsi espressamente per la gratuità (Cass. 16 aprile 1987 n. 3774).

Fino a questo punto è tutto chiaro.

Ciò che non sempre risulta di agevole soluzione è l'individuazione del parametro di valutazione del compenso spettante in caso di mancato accordo.

Secondo la Cassazione, che s'è pronunciata in materia di mandato svolto nell'ambito di professioni non regolamentate, per le attività professionali non protette svolte dal mandatario non professionista, l'art. 1709 c.c. non impone che il compenso sia determinato nella stessa misura prevista, per il professionista, dalle tariffe professionali (Cass. 22 aprile 2013, n. 9741).

Quindi?

Compenso amministratore di condominioIn buona sostanza, come ricorda l'art. 1709 c.c. in casi del genere, vale a dire in casi di mancanza di tariffe di riferimento, la misura del compenso è determinata dal giudice.

Ciò per i rapporti sorti prima dell'entrata in vigore della così detta riforma del condominio.

E dopo? La situazione sarà differente?

Ai sensi del quattordicesimo comma dell'art. 1129 c.c. (nuova formulazione) l'amministratore, all'atto dell'accettazione della nomina e del suo rinnovo, deve specificare analiticamente, a pena di nullità della nomina stessa, l'importo dovuto a titolo di compenso per l'attività svolta.

In questo modo, pare che non possano sorgere dubbi a meno che, leggendo attentamente la norma, l'amministratore è tenuto a specificare il suo compenso ma non v'è scritto che lo stesso deve subito essere accettato dall'assemblea; insomma essa può nominare come amministratore Tizio ma tacere sul compenso senza accettare nemmeno tacitamente il suo preventivo.

In buona sostanza, poiché per legge l'attività di amministratore sarà equiparata a quella del mandatario (cfr. nuovo art. 1129 c.c.), anche dopo l'entrata in vigore della riforma, nel caso di contrasti sul compenso, varrà quanto detto prima.

Forse si tratta di un'ipotesi di scuola (insomma di un'ipotesi più teorica che pratica visto l'obbligo di presentazione di un preventivo dettagliato), il tempo ci dirà come andranno le cose, ossia se ci saranno contenziosi sul punto.

riproduzione riservata
Articolo: Compenso amministratore di condominio, senza accordo decide il giudice
Valutazione: 4.50 / 6 basato su 2 voti.

Compenso amministratore di condominio, senza accordo decide il giudice: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
REGISTRATI COME UTENTE
312.212 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Quanto costa, dove lo trovo? Sei un Azienda ? Pubblica i tuoi Prezzi Quì !
  • Tunnel solare VELUX
    Tunnel solare velux...
    408.70
  • Tapparella elettrica e solare VELUX INTEGRA
    Tapparella elettrica e solare...
    435.54
  • Tenda oscurante a rullo VELUX
    Tenda oscurante a rullo velux...
    85.40
  • Zanzariera VELUX
    Zanzariera velux...
    131.00
Notizie che trattano Compenso amministratore di condominio, senza accordo decide il giudice che potrebbero interessarti


Amministratore e cause condominiali

Condominio - L?amministratore di condominio che viene citato in giudizio per una causa che esorbita dalle sue competenze se non riesce a convocare un?assemblea in tempi utili per decidere il da farsi

Amministratore di condominio e servitù

Condominio - L'amministratore di condominio non può agire in giudizio per ottenere il riconoscimento di una servitù perché questa azione non rientra tra i suoi poteri.

Il giudizio di revoca e l'amministratore

Condominio - L'amministratore di condominio è il mandatario della compagine e riceve l'incarico dall'assemblea con il voto favorevole della maggioranza degli intervenuti alla riunione.

L'amministratore di condominio e le cause condominiali

Condominio - Il ruolo di amministratore di condominio è in tutto e per tutto equiparabile a quello di un mandatario, vale a dire alla persona cui ci si rivolge per

Liti condominiali

Liti tra condomini - Si parla spesso di cause condominiali, vale la pena comprendere più da vicino quali sono queste controversie, quando sorgono e quali sono i ruoli di amministratore.

Gravi irregolarità dell'amministratore

Amministratore di condominio - L'amministratore di condominio è il mandatario dei condomini e deve agire rispettando determinate regole pena la possibilità di essere revocato anche per via giudiziale.

Revoca giudiziale dell'amministratore e onere della prova

Amministratore di condominio - La revoca giudiziale dell'amministratore può essere chiesta da ogni condomino, che deve provare la ricorrenza della causa che consente l'emissione del decreto.

La legittimazione attiva del singolo condomino e il litisconsorzio

Liti tra condomini - La legittimazione attiva del singolo condomino non si deve sempre interfacciare con la necessità di citare in giudizio tutti i suoi vicini in condominio.

Riforma del condominio e condomino apparente

Condominio - La riforma del condominio ha modificato le regole, dettate dalla Cassazione, in materia di applicazione del principio di apparenza nei rapporti condominiali?
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img lmontuschi
Ciao!ho comprato un appartamento in un condominio composto da :6 appartamenti ... i proprietari sono 5.sotto ci sono 2 negozi di un altro proprietario ...è obbligatorio...
lmontuschi 04 Luglio 2006 ore 13:12 1
Img nounou
Salve,Ho una domanda da porvi:Può un amministratore di condominio richiedere in assemblea un badget straordinario (di parecchi euro) ai condomini per coprire le spese...
nounou 18 Settembre 2007 ore 15:47 2
Img scarpantibus
Buon pomeriggio,volevo formulare un quesito a questo forum.Abito in una palazzina di 16 appartamenti in orizzontale divisi su due piani, gli appartamenti inferiori sono tutti con...
scarpantibus 23 Gennaio 2014 ore 14:04 1
Img benetony
Nel mio condominio che comprende 8 appartamenti si e discusso di ristrutturare alcune parti della facciata e un lanternino perché un po' fatiscenti.Ora durante un'assemblea...
benetony 21 Novembre 2013 ore 16:21 12
Img savevita
Nel palazzo vogliono istallare dei fari per evitare i furti questi dovrebbero essere istallati sui muri della casa.Io sostengo che le luci non impediscono i furti tanto più...
savevita 22 Gennaio 2014 ore 17:36 1