• progetto
  • cadcasa
  • ristrutturazione
  • caldaia
  • clima
  • forum
  • consulenza
  • preventivi
  • computo
  • mercatino
  • mypage
madex

Cappotto termico, ecco come verificare errori e difetti

Quali sono le verifiche e i controlli che evidenziano i difetti e la corretta posa in opera di un cappotto termico, evitando nel tempo la comparsa di criticità?
Pubblicato il

Corretta messa in opera dell'isolamento termico con cappotto esterno


In questo articolo parleremo dei difetti di posa del cappotto termico esterno che rappresenta certamente un intervento capace di ridurre significativamente i consumi energetici, a condizione che la sua realizzazione venga eseguita rispettando le procedure corrette.
In particolare, occorre impiegare materiali con la giusta compatibilità termica tra loro, oltre a evitare gli errori di posa in opera, che nel tempo possono manifestarsi arrecando danni, non solo al rivestimento isolante, ma anche all'interno delle costruzioni che si intendeva isolare con il loro impiego.

Errori di posa in opera dovuti ad imprese non qualificate


Le recenti agevolazioni fiscali governative, (Superbonus 110) hanno attirato sul mercato una miriade di imprese di recente costituzione, che prive dell'esperienza e della preparazione adeguata, e solo al fine di realizzare guadagni immediati, hanno realizzato interventi di isolamenti termici a cappotto esterno che all'apparenza sembrano eseguiti correttamente, ma che in pratica celano difetti nascosti di esecuzione che con il tempo verranno a galla.


Difetti visibili del cappotto termico


Alla luce di quanto esposto, è lecito chiedersi quali problemi potranno evidenziarsi in seguito a quanto sopra descritto e in particolare come è possibile rilevare tali criticità in tempo utile prima che l'intervento di isolamento descritto si trasformi in una fonte di problemi successivi da affrontare, con gravi danni economici per i proprietari degli immobili.

In rete già da diverso tempo sono apparse le immagini di cappotti termici rovinati, in alcuni casi collassati completamente o in parte, a causa di una serie di errori commessi in fase di realizzazione.

Errori da non commettere durante la realizzazione di un cappotto termico


Il primo errore che viene commesso quando si interviene nella realizzazione di un cappotto termico esterno, è rappresentato dalla mancanza di verifica di consistenza del supporto su cui verrà applicato l'isolante.

Cappotto termico distaccato (flli.Pellizzari)
Tale mancanza racchiude in sé il presupposto per una realizzazione precaria, la quale nel tempo inevitabilmente potrà manifestarsi mediante la comparsa di micro fessurazioni, rigonfiamenti, distacchi.

Questi eventi rappresentano, oltre un danno per il rivestimento in sé, anche la possibilità di infiltrazioni di acqua all'interno dell'intercapedine tra pannello e parete, specialmente se l'incollaggio dei pannelli è stato effettuato con la stessa perizia con cui si è svolta la fase iniziale dell'intervento.


Un altro segnale premonitore di intervento non correttamente eseguito, è rappresentato dalla comparsa sulle pareti esterne di una serie di piccoli pois di colore differente rispetto alla facciata.

Particolare posizionamento tasselli
Evidenze che stanno a indicare che i tasselli impiegati per fissare i pannelli alla parete sottostante sono stati coperti con del materiale avente caratteristiche termiche differenti del pannello isolante.

Un esempio in tal senso è rappresentato dall'impiego della malta cementizia per sigillare tali forature.


Come essere sicuri della corretta applicazione fatta con materiali certificati


I difetti visivi prima accennati (fessurazioni, rigonfiamenti, distacchi, macchie, ecc.) premonitori di criticità future, possono apparire dopo molto tempo, pertanto se si vuol verificare in tempo utile la correttezza dell'intervento, occorre impiegare mezzi diagnostici che scrutano nei dettagli l'intervento in modo oggettivo, tra cui il più completo è rappresentato dall'indagine termografica.

Altro elemento importante da richiedere all'impresa è la certificazione relativa al Kit di prodotti isolanti impiegati nella realizzazione del cappotto termico, verificando la sua coerenza con quanto previsto negli atti progettuali, oltre alla certificazione relativa alle maestranze abilitate alla corretta posa del cappotto termico.

Controllo termografico dell'insufflaggio nella parete ultimo piano con evidenza di incompleto riempimento
A tal proposito è bene tener presente che i produttori di sistemi isolanti sono tenuti a fornire kit di componenti, soggetto al rilascio dell'ETA (Valutazione Tecnica Europea) secondo la guida Etag 004.

Pertanto l'impiego di procedure e materiali differenti da quelli previsti dalle specifiche del Kit fornito dal produttore del materiale isolante, rappresentano motivo di difformità di cui ne risponde l'impresa e responsabili della Direzione dei lavori.

Ne consegue che l'addetto alla posa deve conoscere tali prescrizioni e soprattutto deve essere in grado di metterle in pratica.

Pertanto prima di affidare i lavori di isolamento a cappotto, è bene accertarsi della competenza dell'impresa in materia, visionando le certificazioni dei posatori che verranno impiegati per i lavori, così come indicato dalla norma UNI 11716.

La circolare


Allo scopo di poter consentire a tutti gli organismi, preposti alla certificazione dei posatori di cappotti termici, di poter procedere con un unico sistema di valutazione, Accredia ha pubblicato una circolare che definisce i requisiti dello schema di certificazione.

Ciò in modo che tutti gli Organismi che svolgono esami li realizzino con i medesimi criteri. Tale circolare dispone l'applicazione del nuovo schema a decorrere dal 18/03/2021.


Garanzie e durata nel tempo di un cappotto termico


Se applicato nel rispetto di quanto sopra indicato, un cappotto termico è garantito 10 anni, sia per eventuali difetti del materiale, rispetto a quanto dichiarato dal produttore, sia per difetti di posa in opera da parte dell'impresa esecutrice dei lavori.

Tra i compiti del posatore certificato dei rivestimenti a cappotto è previsto il controllo della posa in opera, oltre che la consegna finale del lavoro, al fine di garantire e certificare in modo corretto il lavoro eseguito.

Certificazione per installatore di isolamento termico a cappotto
Le ditte più qualificate forniscono oltre la certificazione del produttore del materiale isolante, anche una perizia termografica di quanto realizzato.

Perizia termografica


Tale perizia non invasiva, può essere di due tipi, preventiva, in corso d'opera e finale a lavoro completato prima della consegna dei lavori al committente.

Indagine termografica edificio
Mediante tali verifiche, è possibile dimostrare al committente la perfetta posa in opera dei pannelli isolanti, in quando è possibile evidenziare lo schema di posa dei pannelli, l'assenza di ponti termici, il corretto posizionamento dei tasselli, la giusta sovrapposizione delle reti annegate nel rasante, ecc.

Classi energetiche edifici
Tale certificazione, oltre a rappresentare un elemento a tutela dell'operato dell'impresa esecutrice dei lavori, rappresenta un valido elemento documentale per poter redigere un certificato di prestazione energetica, conformemente alle norme in materia, valido per l'assegnazione della classe energetica dell'edificio.

riproduzione riservata
Come verificare errori e difetti del cappotto termico
Valutazione: 5.67 / 6 basato su 3 voti.
gnews

Inserisci un commento o un'opinione su questo contenuto



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
Alert Commenti
346.825 UTENTI
SERVIZI GRATUITI PER GLI UTENTI
SEI INVECE UN'AZIENDA? REGISTRATI QUI
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img faraoniko
Buon pomeriggio, chiedo gentilmente consigli o suggerimenti in quanto ho eseguito il cappotto in EPS da 14 cm nel 2015 in una nuova costruzione e attualmente mi trovo con queste...
faraoniko 16 Aprile 2024 ore 12:20 4
Img stakius
Stiamo avviando i lavori di ristrutturazione alla palazzina e 2 inquilini su 5 (uno dei 2 sono io) vorrebbero fare il cappotto con eps250 spessore 10. Il problema si pone per le...
stakius 22 Ottobre 2023 ore 11:32 1
Img pippo185
Ciao a tutti, sul cappotto esterno della mia abitazione si è fatto questo buco dovuto alla grandinata due giorni fa.Purtroppo ho avuto vari consigli diversi, chi mi dice...
pippo185 25 Luglio 2023 ore 14:33 3
Img ledzep
Buonasera,Stasera tornando a casa dal lavoro ho notato che mi hanno applicato il cappotto termico "murando" parte delle zanche che sostengono l'unità esterna del...
ledzep 24 Febbraio 2023 ore 15:40 1
Img paoletto2075!
Ho letto da molte parti che nel realizzare un cappotto interno se si utilizza un pannello isolante con spessore troppo elevato si forma la condensa (quindi la muffa) tra la parte...
paoletto2075! 07 Settembre 2022 ore 16:53 2