TASI: come si calcola

NEWS Fisco casa04 Giugno 2015 ore 17:13
Breve guida al calcolo della Tasi, la tassa sui servizi indivisibili comunali che devono pagare sia i proprietari di casa che gli inquilini che vivono in affitto.
calcolo tasi , tasi

Calcolo TASI


calcolo TasiPer il calcolo della TASI, la tassa diretta al finanziamento del costo per i servizi indivisibili forniti dai Comuni (ad esempio la sicurezza stradale, la gestione degli impianti e delle reti pubbliche ecc), dovuta da chiunque possegga o detenga, a qualsiasi titolo, fabbricati (anche chi vive in affitto) si usano le stesse regole previste per l’ IMU .
Le uniche variabili sono per le aliquote e le detrazioni della TASI, che ogni Comune decide con propria delibera da pubblicare sul sito del Dipartimento delle Finanze.

Per il calcolo dell’acconto TASI del 16 giugno 2015 si usano le aliquote del 2014, mentre per il calcolo del saldo del 16 dicembre, le nuove aliquote che ogni Comune deve approvare e pubblicare entro la fine di ottobre.


Come si calcola la TASI: la base imponibile


Per il calcolo della TASI si prendono a riferimento le stesse regole seguite per calcolare l’IMU.
In primo luogo si deve individuare il valore catastale dell’immobile che è dato dalla rendita catastale dello stesso, rivalutata al 5%.

come si calcola la TasiLa rendita catastale dell’immobile, su cui grava la TASI, si può trovare sul contratto di acquisto dell'immobile o su quello di locazione ( ricordiamo infatti che la TASI, a differenza dell'IMU, deve essere versata anche da chi detiene l'immobilie, quindi gli inquilini che vivono in affitto), oppure si può richiedere con la visura catastale. In alternativa si può utilizzare il servizio di ricerca reso disponibile sul sito dell'agenzia delle Entrate.

Una volta attuata la rivalutazione al 5% della rendita catastale dell'immobile su cui grava la TASI, all’importo ottenuto si devono moltiplicare dei coefficienti previsti dalla legge , diversi a seconda del fabbricato oggetto della TASI:

-
160 per le case e le loro pertinenze (box auto, cantine, soffitte, magazzini e tettoie)

-
80 per uffici (A/10) e banche (D/5)

-
55 per i negozi (categoria C/1)

-
65 per gli immobili strumentali (categorie da D/1 a D/10).


Come si calcola la TASI: aliquote e detrazioni


Ottenuto così il valore catastale (rendita rivalutata moltiplicata per coefficiente), si può calcolare la TASI, avendo a disposizione due elementi fondamenti, diversi da Comune a Comune, come le aliquote e le detrazioni TASI.

Per legge l’aliquota base per la TASI è compresa tra l’1 per mille e il 2,5 per mille, anche se i singoli Comuni hanno facoltà, di aumentarla fino a un ulteriore 0,8 per mille, determinando quindi le seguenti aliquote massime:

-prima casa : 3,3 per mille;

-altri fabbricati: 11,4 per mille (comprensiva dell’IMU).

Sulla base di queste aliquote ogni Comune può decidere quali applicare per gli immobili ubicati nel suo territorio. Conoscere le aliquote TASI è fondamentale per calcolare la tassa.

Per il pagamento dell’acconto o prima rata, in scadenza il 16 giugno 2015, in attesa che i Comuni approvino le delibere con le nuove aliquote 2015, si possono usare le aliquote 2014. Poi per il pagamento del saldo il 16 dicembre, si utilizzeranno le nuove aliquote da approvare e pubblicare sulla sezione dedicata del sito del Dipartimento delle Finanze, entro il 28 ottobre 2015.

Nel calcolo della TASI infine si deve prestare attenzione anche alla quota e ai mesi di possesso dell'immobile. Così se l'immobile è in comproprietà al 50%, bisognerà dividere a metà l'imposta annua dovuta (così come anche l’eventuale detrazione decisa dal Comune).


Calcolo TASI: un esempio pratico


Ecco un esempio pratico per capire meglio come si calcola la TASI. Prendiamo il caso di un immobile, di categoria catastale A, adibito ad abitazione principale, non locato e non occupato da soggetto diverso dal proprietario.

Si deve individuare in primo luogo la rendita catastale che è di 500 euro e poi si procede alla sua rivalutazione del 5% (500 X 1.05 = 525,00). All’importo ottenuto si moltiplica il coefficiente relativo alla categoria catastale dell’immobile, usando la seguente formula: 525 X 160 (Coefficiente fabbricati Categoria A) = 84.000 euro. Se il Comune ove è ubicato l’immobile ha deciso per l’aliquota all’1 per mille, la TASI si ottiene così: 84.000,00 X 0,001 = 84,00 euro.

L’importo dell’imposta dovuta va diviso in proporzione alla percentuale di possesso o altro diritto reale dell’immobile fra i proprietari. Così abbiamo:

-se l’immobile è intestato a due diversi proprietari ognuno al 50%, entrambi pagheranno la metà del totale dovuto quindi: 84,00: 2 = 42,00 euro.

-se l’immobile è intestato a tre diversi proprietari (quota individuale del 33,33%) ciascuno ognuno pagherà un terzo del totale dovuto quindi: 84,00 : 3 = 28,00 euro.

-se l’immobile è intestato a due diversi proprietari di cui il primo possiede il 20% e il secondo l’80%, pagano rispettivamente 16,80 euro (84,00 X 0,20) e 67,20 euro (84,00 X 0,80).

riproduzione riservata
Articolo: Come si calcola la TASI
Valutazione: 5.33 / 6 basato su 3 voti.

Come si calcola la TASI: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Cristianadeiconti
    Cristianadeiconti
    Martedì 9 Giugno 2015, alle ore 10:40
    Grazie Paolo43 per la segnalazione del refuso. Nel pezzo si fa un esempio generico di calcolo base che fa riferimento alla quota di possesso
    rispondi al commento
  • Paolov43
    Paolov43
    Martedì 9 Giugno 2015, alle ore 03:58
    C'è un errore... Rivalutare la rendita del 5% vuol dire moltiplicarla per 1.05 non 0.05. Infatti 500X0.05 non fa 525. Inoltre come si calcola la detrazione?
    rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
Notizie che trattano Come si calcola la TASI che potrebbero interessarti
Quali sono le scadenze per Imu e Tasi 2018?

Quali sono le scadenze per Imu e Tasi 2018?

Fisco casa - Si avvicinano gli appuntamenti con il Fisco per quanto concerne l'Imu e la Tasi 2018. Vediamo quando devono essere pagate le imposte sulla casa: acconto e saldo
IMU e TASI 2018 scadenza al 17 dicembre

IMU e TASI 2018 scadenza al 17 dicembre

Fisco casa - È ormai vicina la scadenza per il versamento della seconda rata dell'IMU e della TASI. Quando i contribuenti dovranno effettuare il saldo e modalità di calcolo.
Scade oggi il termine per il pagamento prima rata IMU e TASI 2019

Scade oggi il termine per il pagamento prima rata IMU e TASI 2019

Fisco casa - Scade oggi 17 giugno il termine per pagare la prima rata dell'IMU e TASI per l'anno 2019. Ecco chi deve pagare e come fare se si è in ritardo con il pagamento.

Tasi 2017: scadenza e modalità di pagamento della seconda rata

Fisco casa - Si avvicina l'appuntamento annuale con le imposte sulla casa: fissata al 18 dicembre la scadenza della seconda rata della Tasi, la tassa su servizi indivisibili

IMU e TASI: niente rottamazione!

Fisco casa - Non si farà la sanatoria per il mancato pagamento delle imposte sulla casa, IMU e TASI; sono queste le ultime novità. I Comuni sono esclusi dalla pace fiscale

IMU e TASI: ravvedimento operoso per chi non ha pagato

Fisco casa - In caso di ritardo nel pagamento di IMU e TASI si potrà fruire del ravvedimento operoso, un beneficio in base al quale si potrà ridurre la sanzione applicata.

Acconto IMU-TASI 2015: doppia scadenza 16 giugno

Fisco casa - In scadenza il 16 giugno 2015 il termine per versare il doppio acconto sia dell'IMU che della Tasi: chi sono i soggetti obbligati, come si calcolano e come si pagano.

Aliquote TASI 2015

Fisco casa - Prossima la scadenza per il pagamento del saldo della TASI per il 2015. Quali sono le aliquote da applicare nei vari comuni? Ecco le indicazioni per non sbagliare

In arrivo IMU unificata: di cosa si tratta?

Fisco casa - IMU e TASI saranno sostituite dalla nuova IMU unificata. Previste importanti novità nella legge di Bilancio 2019. Vediamo quali saranno i cambiamenti previsti.
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img mauynice
Buongiorno,io vorrei affittare il mio appartamento con contratto di locazione ad uso abitativo transitorio per un anno, mantenendo la residenza nello stesso.In questo caso la casa...
mauynice 19 Marzo 2015 ore 14:24 1
Img ilfrank67
Buongiorno a tutti,ho un dubbio amletico sul calcolo della TASI.Il caso:- genitore con proprietà del 75% e figlio (NON convivente) con proprietà del 25%- Il 25% del...
ilfrank67 17 Giugno 2015 ore 14:03 1
Img biagiomiriam
Salve tutti,voglio farvi qualche domanda sull imposta TASI.Dal 10 febbraio sono proprietario di una casa con tanto di atto notarile, volevo sapere se il calcolo della TASI lo devo...
biagiomiriam 11 Ottobre 2014 ore 22:59 1
Img simo717171
Buongiorno, sottopongo questo caso a mio avviso non banale. Marito e moglie possiedono una casa con due box. I tre immobili sono cointestati. Alla morte del marito, il diritto di...
simo717171 17 Maggio 2017 ore 23:05 1
REGISTRATI COME UTENTE
304.716 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
I NOSTRI VIDEO SU YOUTUBE
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Velux
  • Weber
  • Saint-Gobain ISOVER
  • Internorm
  • Marazzi
MERCATINO DELL'USATO
CHIEDI PREVENTIVI DEL SETTORE:
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
I NOSTRI VIDEO SU YOUTUBE
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.