• progetto
  • cadcasa
  • ristrutturazione
  • caldaia
  • clima
  • forum
  • consulenza
  • preventivi
  • computo
  • mercatino
  • mypage
madex

Terriccio per piante fai da te, cosa serve per realizzarlo

Dalle sostanze che non possono mancare alle loro giuste proporzioni, passando per alcune dritte finali: ecco come ottenere un terriccio per piante fatto in casa
Pubblicato il

Terriccio per piante fai da te


Sono tanti i fattori che contribuiscono alla crescita di una pianta: esposizione alla luce, frequenza annaffiatura (ecco i 10 errori da evitare quando si annaffiano le piante), il giusto mix di terra per piante.

Questa cambia per ogni specie, in relazione agli elementi nutrizionali di cui ciascuna ha bisogno.

Perché non realizzare un terriccio per piante fai da te?
Ciò comporta diversi vantaggi in termini di:

  • risparmio economico;

  • controllo degli ingredienti;

  • produzione;

  • personalizzazione.


Occorre partire da una buona terra per giardini o per colture in vaso.

Questa deve essere costituita da:

  • 50% circa di sabbia;

  • 25-30% circa di torba;

  • 15-20% di argilla;

  • 10-15% di sostanza organica decomposta.


Se questi elementi non sono bilanciati o se gli esemplari coltivati hanno esigenze differenti, è possibile provvedere da soli alle correzioni necessarie.

Sostanze per terriccio per piante fai da te, da Lavorincasa.it
Continuate a leggere per scoprire come fare.


Torba fai da te, elemento principale della terra per piante


La torba è un materiale di natura organica che presenta una morfologia variabile secondo il prodotto vegetale di partenza e il differente grado di maturazione e colorazione.

Le piante in vaso, ad esempio, necessitano di torbe bionde a grana grossa, che consentono un buon passaggio di aria e di ritenzione idrica.

La torba comprende anche il limo, variante sedimentaria classificata in base al colore e alla macinatura che ne determina la struttura.

Torba per terriccio per piante fai da te, foto di martaposemuckel, da pixabay.com Torba per terriccio per piante fai da te, foto di martaposemuckel, da pixabay.com

Alcuni esemplari richiedono una maggiore percentuale di torba, soprattutto se la terra per piante risulta troppo dura. Inumiditela prima di mescolarla con gli altri ingredienti.

La torba è una sostanza acida (il suo pH va da 3,5 a 4). La maggior parte delle specie vegetali richiede un pH compreso tra 5,5 e 6, ecco perché va corretta con l'uso di carbonato di calcio.

La fibra o il midollo di cocco può sostituire o integrare l'utilizzo della torba fai da te.

Fibra di cocco per terriccio per piante, da ortodacoltivare.it
Viene ricavata dalla macinazione del mesocarpo della noce di cocco, parte molto fibrosa collegata al guscio, la stessa che viene sfruttata a scopo alimentare.


Sabbia per piante, ideale per terriccio drenante fai da te


La metà circa di una terra per piante deve essere costituita da sabbia.

Non quella che si trova in spiaggia, ma quella di fiume fine (di dimensioni fra 0,2 e 2,0 mm) di colore grigio chiaro, senza ghiaia.

La sabbia per piante viene usata per correggere la torba o altri materiali organici, in modo tale da avere un valido terriccio drenante fai da te.

Sabbia per piante, da medfordsand.business.site Sabbia per piante, da medfordsand.business.site

È consigliata soprattutto nel terriccio per le piante cactacee (piante grasse) e in quello per la formazione dei tappeti erbosi. Non deve essere mescolata, invece, con terra per piante argillosa.

In alternativa, può essere impiegata da sola per la messa a dimora delle talee con l'aggiunta di concime o per appesantire i vasi ed evitare che, quando la pianta cresce, rischi di ribaltarsi.


Argilla per piante, ottima in terriccio per piante leggero


Al contrario della torba, l'argilla cotta serve per dare consistenza a un terriccio per piante troppo leggero.

In che modo? Ne aumenta la consistenza e, insieme, la capacità di trattenere l'acqua.

Argilla per piante, da pagineverdibonsai.it Argilla per piante, da pagineverdibonsai.it

Ottimizza la gestione dei livelli di umidità della terra per giardini e per le specie in vaso, rendendo più difficile le disidratazioni rapide che possono verificarsi soprattutto nei mesi estivi.

Utilizzata sotto forma di scaglie, l'argilla per piante è in grado di incamerare varie sostanze (sodio, potassio, magnesio, calcio), per poi lasciarle andare nel terreno in maniera graduale.


Terriccio per piante di foglie, quali sono le più indicate


Il terriccio per piante di foglie si prepara mescolando alla terra per giardini le foglie di alcuni alberi.

Può essere adoperato da solo o mischiato alla torba fai da te:

  • nel caso di piante che necessitano di un terriccio soffice e ricco di sostanze nutritive;

  • per ammendare una terra da giardino troppo magra.


Quali foglie utilizzare?

Le foglie dalla lamina grande di faggio, robinia e leccio conferiscono al terriccio per piante una buona respirazione, sofficità e leggerezza, donandogli un discreto apporto di potassio.

Vanno usate appena raccolte e intere.

Terriccio di foglie, da boscodiogigia.it Terriccio di foglie, da boscodiogigia.it

Le foglie di pino silvestre, nero e strobo (le altre specie sono tutte da evitare) rendono il terriccio per piante arieggiante e drenante.

Anche in questo caso, vanno impiegate fresche, ma prima è bene macinarle un po'.


La corteccia e i suoi tanti vantaggi


Il compost di corteccia, chiamato bark, si adopera di solito per correggere la torba.

Corteccia nel terriccio per piante fai da te, da diflora.it Corteccia nel terriccio per piante fai da te, da diflora.it

Presenta diversi vantaggi:

  • migliora l'assorbimento dell'acqua e il passaggio dell'aria;

  • trattiene l'umidità;

  • riduce gli sbalzi del pH durante la coltivazione;

  • trattiene e rilascia lentamente alcuni elementi nutritivi (potassio, magnesio, calcio, ferro).


Quando ricorrere a perlite e vermiculite


Nel terriccio per piante fai da te sono presenti prodotti inorganici che si ottengono da alcune rocce, uno di questi è la perlite (agriperlite è quella che si usa nel campo dell'agricoltura).

È un materiale inerte (non altera il pH) che deriva da rocce vulcaniche espanse e si presenta sotto forma di granuli molto leggeri, bianchi, resistenti alla compressione e stabili nel tempo.

La perlite può sostituire la sabbia: grazie alla sua porosità, fornisce un eccellente drenaggio, ma è più leggera e può trattenere più aria di quest'ultima.

Perlite e vermiculite, da gardenbetty.com Perlite e vermiculite, da gardenbetty.com

In alternativa, è possibile ricorrere alla vermiculite, minerale ricco di magnesio, alluminio e ferro.

Data la sua struttura simile a quella di una spugna, trattiene l'acqua fino a cinque volte il suo peso, ha un'elevata capacità di arieggiamento e una forte funzionalità come tampone.


Compost, fertilizzante indispensabile


Il compost è il fertilizzante ottenuto dalla decomposizione naturale delle sostanze organiche, tramite l'azione combinata di ossigeno e batteri.

Compost fai da te, da gardeningknowhow.com Compost fai da te, da gardeningknowhow.com

Viene usato per accrescere il terriccio per piante e per mettere subito a loro disposizione gli elementi nutritivi di cui hanno bisogno.

Ecco come fare il compost a casa.


Terriccio per piante, come combinare le sostanze


Scopriamo, adesso, come combinare tra loro queste sostanze.

Per ottenere un efficace terriccio per piante di base, come suggeriscono esperti vivaisti e giardinieri, è consigliato mescolare:

  • 6 parti di terra per piante morbida, dalla consistenza non argillosa;

  • 3 parti di torba per mantenere una buona umidità del terreno (se serve, regolarizzatene il pH, come visto in precedenza);

  • 2 parti di sabbia per aumentare il potenziale drenante del terriccio per piante;

  • 1 parte di concime organico (ideale il compost da aggiungere periodicamente per avere una terra per giardini fertile).

Un terriccio per piante di base è il punto di partenza per realizzare quelli per determinate specie.

Vediamo, ad esempio, come creare un terriccio per piante grasse fai da te.

Come fare terriccio di base e per piante grasse, da Lavorincasa.it Come fare terriccio di base e per piante grasse, da Lavorincasa.it

Questo deve essere ben drenante, povero di nutrienti naturali, leggermente acido e non deve compattarsi.

Per conseguire questi risultati, ricorrete a:

  • 2 parti di terriccio leggero e poroso (non terreno pesante da giardino o contenenti vermiculite);

  • 2 parti di sabbia grossolana;

  • 1 parte di perlite.


Consigli finali per un buon terriccio per piante


Quelle viste sono ricette da cui partire per realizzare un terriccio per piante su misura per le vostre amiche verdi.

Per un risultato ottimale, ci sono alcuni aspetti da considerare:

  • iniziate da una ricetta base, aggiungete calce per innalzare il pH, zolfo per abbassarlo;

  • se la terra per piante ottenuta è collosa, incorporate sabbia grossolana o perlite, se questa è sabbiosa o granulosa, affidatevi alla torba o alla fibra di cocco;

  • se coltivate verdure, aumentate leggermente gli ingredienti cosicché la terra per piante trattenga l'umidità. Fate il contrario, nel caso di piante grasse;

  • conservate il terriccio per piante avanzato in un contenitore ermetico, in modo che gli insetti non possano entrarci. Finitelo entro sei mesi.

Dritte per realizzare terriccio per piante fai da te, da Lavorincasa.itDritte per realizzare terriccio per piante fai da te, da Lavorincasa.it

Per il resto, pratica e osservazione saranno le migliori alleate per produrre un terriccio per piante fai da te, adatto alle esigenze dei vostri angoli green.

riproduzione riservata
Come realizzare un proprio terriccio
Valutazione: 5.00 / 6 basato su 1 voti.
gnews
  • whatsapp
  • facebook
  • twitter

Inserisci un commento o un'opinione su questo contenuto



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
Alert Commenti
346.964 UTENTI
SERVIZI GRATUITI PER GLI UTENTI
SEI INVECE UN'AZIENDA? REGISTRATI QUI