• progetto
  • cadcasa
  • ristrutturazione
  • caldaia
  • clima
  • forum
  • consulenza
  • preventivi
  • computo
  • mercatino
  • mypage
madex

Realizzare nuovi pluviali in un terrazzo esistente

Consigli su come potenziare il sistema di scarico delle acque pluviali di terrazzi e coperture diverse, inserendo nuovi elementi nelle strutture esistenti.
Pubblicato il

Creare pluviali su terrazzo esistente per lo smaltimento delle acque meteoriche


Le coperture piane, destinate a terrazzo, per essere efficienti dal punto di vista idraulico, devono essere provviste di un adeguato sistema di smaltimento delle acque derivanti dalle precipitazioni atmosferiche.

Le modalità di progettazione di tali sistemi idraulici è indicata nella norma UNI EN 12056-2001, pertanto nel progettare una copertura nuova occorrerà tener conto delle modalità di dimensionamento prescritte.

Terrazzi piani - Foto PixabayTerrazzi piani - Foto Pixabay

Il rispetto di tali criteri spesso non si ritrova in molte realizzazioni di terrazzi esistenti, pertanto per poter rientrare nella condizione di efficienza e sicurezza di un terrazzo, occorrerà provvedere alla realizzazione di altri condotti pluviali capaci di far defluire le acque piovane.


Smaltimento dell'acqua piovana: quando sono necessari nuovi pluviali?


La realizzazione di nuovi condotti pluviali dipende da diversi fattori, come il tipo configurazione della pendenza del solaio, il tipo di protezione perimetrale, la possibilità di creare dei nuovi pozzetti di raccolta etc.

Di seguito illustro alcuni esempi di interventi mediante i quali è possibile regolarizzare lo smaltimento delle acque.

Il primo segnale di inadeguatezza del sistema di smaltimento delle acque è rappresentato dal ristagno d'acqua, a seguito di una precipitazione atmosferica o di altra attività in cui l'acqua abbia coperto il terrazzo.

Tracimazione dalla grondaia  - Foto PixabayTracimazione dalla grondaia - Foto Pixabay

Il ristagno d'acqua, oltre a essere un problema per l'utilizzo del terrazzo, rappresenta anche una fonte di problemi per l'integrità della copertura e degli eventuali elementi di arredo del terrazzo stesso.

Pertanto occorre intervenire con il sistema più rapido e meno invasivo possibile, tenendo conto della geometria del solaio e alle sue caratteristiche (pendenza, superficie, tipo di pavimentazione, ecc.), oltre che delle sue condizioni al contorno.


Creare una nuova canalina di raccolta dell'acqua sul terrazzo esistente


Il caso più semplice di potenziamento è rappresentato dalla possibilità di creare nuove uscite attraverso forature disposte lungo la stessa linea di pendenza là dove il terrazzo è provvisto di parapetto esterno.

In tal caso è possibile realizzare una nuova canalina di raccolta delle nuove aperture, convogliando così il liquido verso la pluviale più prossima.

Moderno tipo di pluviale - Foto dal catalogo ditta PREFAModerno tipo di pluviale - Foto dal catalogo ditta PREFA

Pertanto, non occorrerà creare nuovi pozzetti di raccolta, non sempre possibili anche per ragioni di spazio, con un conseguente notevole risparmio economico.

Doccioni esterni


Se l'immobile in questione, dispone di spazi verdi privati, l'intervento sopra descitto può essere semplificato realizzando dei doccioni esterni con versamento delle acque direttamente verso gli spazi disponibili.

Tale situazione, anche se di immediata realizzazione, va inquadrata nel contesto decorativo e funzionale dell'immobile.


Sistemi correttivi per migliorare lo smaltimento delle acque sul terrazzo


Quando il terrazzo manifesta grosse criticità circa il corretto smaltimento delle acque, a causa di un'errata configurazione delle pendenze, è possibile impiegare diversi sistemi correttivi, i quali, a seconda dei casi, possono avere funzioni e caratteristiche differenti, come quelle descritte in seguito.

Sistema pendenzato per solai con gravi problemi di smaltimento delle acque


Se ci troviamo di fronte a un solaio con gravi problemi di smaltimento, in cui non è possibile realizzare gli interventi sopradescritti, con abitazione sottostante bisognevole di un buon isolamento termico.


Nel caso specifico è consigliabile un intervento di riconfigurazione senza demolire l'esistente utilizzando una copertura su quella esistente, che racchiuda in sé una nuova riconfigurazione delle pendenze, unitamente a un ottimo potere isolante.

Un sistema del genere è rappresentato dall'isolamento termico pendenzato, un sistema molto più leggero rispetto agli altri metodi convenzionali e che non ha bisogno di asciugarsi.

Questo non solo fa risparmiare tempo, ma è anche un metodo alternativo più economico ed efficace per garantire la pendenza necessaria all'elemento di tenuta in una copertura piana.

Applicazione sistema pendenzato Stiferite - foto da Associazione Imprese EdiliApplicazione sistema pendenzato Stiferite - foto da Associazione Imprese Edili

Il sistema pendenzato può essere realizzato con una base in polistirene espanso sagomata e da pannello isolante in poliuretano all'estradosso.

La realizzazione del sistema pendenzato, va progettata con precisione per adattarla a qualsiasi condizione di cantiere.

A seguito del progetto esecutivo, l'azienda fornitrice del prodotto provvede a consegnare i pannelli in cantiere su bancali con numerazione dei singoli elementi sulla base della distinta di produzione e installazione.


Nuovi pluviali per solai non calpestabili


Nel caso di un solaio di copertura non praticabile, è possibile realizzare una struttura leggera da sovrapporre a quella esistente, realizzando una geometria capace di convogliare le acque verso le direttrici necessarie.

Indipendentemente dal tipo di intervento prescelto, affinchè il sistema di smaltimento delle acque possa essere funzionale, occorre rispettare le norme previste dal Codice di Pratica delle coperture continue I.G.L.A.E..

Intervento con sistema pendenzato modificando pendenze e n°pluviali - foto arch.OlivaIntervento con sistema pendenzato modificando pendenze e n°pluviali - foto arch.Oliva

Tali norme stabiliscono, tra l'altro, le pendenze idonee a consentire un corretto deflusso delle acque verso i punti o linee di scarico, contemporaneamente al dilavamento ciclico.

Il dilavamento ciclico, deve provvedere a eliminare il pulviscolo atmosferico e altri eventuali elementi provenienti a seguito del primo periodo d'esercizio, tenendo conto anche del materiale di cui è composta la copertura.


L'importanza dei sistemi di scarico troppopieno


Sulle coperture impermeabilizzate, è sempre consigliabile inserire sistemi di scarico dotati da un dispositivo di troppopieno, capace di provvedere a smaltire il deflusso delle acque a seguito di intasamento delle bocche di scarico.

Il troppo pieno può semplicemente essere realizzato con uno scarico a doccione, il cui imbocco viene posizionato a pochi cm oltre il livello di scorrimento delle acque, in modo che entri in funzione solo in caso di reale necessità.


Il dimensionamento del sistema di scarico


Gli interventi sin qui illustrati, vanno comunque calcolati tenendo conto del tipo di copertura, della sua estensione, della località geografica e relativo grado di precipitazioni annuali.

Come criterio generale, si può ritenere che un pluviale di 80 mm di diametro per ogni 50 m2 di tetto, può essere sufficiente ad assicurare un buon smaltimento delle acque piovane, in zone a precipitazioni normali.

Tale proporzionamento, va sicuramente rivisto in zone a forte piovosità, condizione che comporta sicuramente l'aumento delle sezioni dei pluviali ed il loro numero.

Gli interventi sin qui descritti, possono essere realizzati sotto forma di edilizia libera quando non comportano aumento della volumetria e cambiamento sostanziale della sagoma del piano di calpestio.

Diversamente, per ogni situazione progettuale, andrà richiesta la necessaria autorizzazione alle autorità competenti.

Creazione di un nuovo doccione che provoca stillicidio in proprietà altrui - Foto arch. OlivaCreazione nuovo doccione che provoca stillicidio in proprietà altrui - foto arch. Oliva

Occorre comunque tener presente che indipendentemente dal tipo di intervento prescelto, va sempre rispettato l'art. 908 c.c. intitolato "scarico delle acque piovane".

L'articolo citato impone al proprietario che esegue la realizzazione dell'intervento di smaltimento delle acque, di evitare che esse vadano a cadere in proprietà aliena, costituendo così uno stillicidio.

Il rischio che tale situazione possa manifestarsi, ricorre specialmente nella realizzazione di doccioni esterni prospettanti su poco spazio privato e quindi a minima distanza dal confine.

riproduzione riservata
Come creare i pluviali in un terrazzo esistente
Valutazione: 5.00 / 6 basato su 1 voti.
gnews

Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Geom. Nico
    Geom. Nico
    Mercoledì 20 Marzo 2024, alle ore 14:26
    Ho visto su un sito la sezione di come è realizzato uno scarico per pluviali con il troppopieno.
    Dall'immagine però si evidenzia, semza ombra di dubbio e in ogni caso, l'acqua comunque viene convogliata in ambedue gli scarichi conteporeanamente.
    Chi riesce a mettere un disegno di una sezione del pluviale con il troppopieno?
    rispondi al commento
    • Arch. Francesco Oliva
      Arch. Francesco Oliva Geom. Nico
      Mercoledì 20 Marzo 2024, alle ore 16:30
      La sezione allegata illustra una modalità di scarico con troppopieno che tiene conto di due eventi possibili, ossia intasamento della pluviale e allagamento della copertura dovuto a eventi particolari.
      Le ricordo che il posizionamento del secondo scarico tiene conto del fatto che l'acqua non deve superare un livello tale da creare un sovraccarico del solaio..
      Infatti le prove di allagamento dei solai ritengono uno spessore di battente minmo di 3 cm,  sufficiente per verificare la tenuta.
      rispondi al commento
  • Mirko69
    Mirko69
    Mercoledì 20 Marzo 2024, alle ore 13:22
    Abito al piano terreno con giardino privato in un condominio con edificio a 3 piani.
    È stato rifatto l'impermeabilizzazione del solaio di copertura condominiale creando nel contempo dei troppo pieni (prima non esistevano) che scaricano l'acqua direttamente (senza grondaia) nei giardini privati, tra cui il mio, creando dei buchi negli stessi.
    Lo possono fare?
    Cosa posso fare per evitare allagamenti e buchi nel mio giardino?
    rispondi al commento
    • Arch. Francesco Oliva
      Arch. Francesco Oliva Mirko69
      Mercoledì 20 Marzo 2024, alle ore 16:37
      L'intervento effettuato viòla l'art.908 del c.c. pertanto senza il suo consenso va considerato illegittimo.
      rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
346.646 UTENTI
SERVIZI GRATUITI PER GLI UTENTI
SEI INVECE UN'AZIENDA? REGISTRATI QUI
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img alexs69
Nel mio condominio, per problemi di infiltrazione di acque piovane nel periodo invernale, dovremmo effettuare una nuova impermeabilizzazione del pavimento del terrazzo e,...
alexs69 22 Febbraio 2017 ore 13:42 1
Img minguccio68
Cari amici,nella narrazione dei fatti spero di essere abbastanza chiaro, poiché la vicenda, secondo il mio parere è abbastanza complessa. Si parte dal fatto che...
minguccio68 09 Luglio 2015 ore 13:37 2
Img ad25
Buongiorno,vivo in un condominio privo di amministatore e con tabelle millesimali approvate per la ripartizione delle spese di ogni tipo.Lo stabile è del 2006, quindi...
ad25 21 Gennaio 2015 ore 16:22 1
Img vittorio1959
Buon giorno, espongo il mio problema nella speranza di ricevere un aiuto da qualcuno:abito al terzo piano di un condominio di 4 piani.La palazzina è stata ritinteggiata e...
vittorio1959 26 Novembre 2013 ore 09:49 3