Cinque cose da sapere sul Piano Casa

NEWS DI Piano casa22 Giugno 2014 ore 02:04
Cinque sono gli elementi fondamentali racchiusi dal testo del Decreto Legge 47/2014 (Piano Casa Lupi) e che in questo articolo analizziamo nel dettaglio.
piano casa , bonus mobili , cedolare secca
Arch. Carmen Granata

Che cos'è il Piano Casa?


piano casaIl Piano Casa è stato introdotto per la prima volta nella normativa italiana dal governo Berlusconi nel 2008.
Si tratta di una legge che consente l'ampliamento di edifici esistenti, in deroga agli strumenti urbanistici vigenti, con lo scopo di favorire la ripresa economica attraverso l'attività edilizia.

Da allora, però, il termine Piano Casa è stato utilizzato per indicare tutti quei pacchetti normativi che racchiudono diversi provvedimenti riguardanti il mondo della casa, ingenerando in tal modo un po' di confusione.

Ultimo ad essere stato ribattezzato in tal modo è il D.L. 47/2014, messo a punto dal Ministro delle Infrastrutture Lupi e di recente approvato.
Cinque sono gli elementi fondamentali che il testo racchiude e che qui analizziamo più nel dettaglio.


Alloggi sociali e case popolari


Il principale obiettivo del decreto è quello di aumentare l'offerta di alloggi popolari disponibile sul mercato, attraverso il recupero e la ristrutturazione di quelli esistenti, che spesso sono fatiscenti e quindi inutilizzabili. Si punta, in tal modo, a recuperare circa 12.000 alloggi.
Per favorire questo obiettivo è prevista l'erogazione di fondi per i Comuni che si attivano in tal senso, con un investimento dello Stato di circa 568 milioni di euro.

È previsto anche il recupero di ulteriore liquidità attraverso la vendita degli alloggi agli stessi inquilini delle case popolari, con il meccanismo del Rent to Buy, cioè un sistema che consente di considerare i canoni di locazione già pagati come una sorta di anticipo da scontare sul prezzo finale della casa.

L'inquilino avrà però la possibilità di posticipare il riscatto dell'alloggio al settimo anno e, nel frattempo, le spese per la sua gestione, resteranno in capo all'ente responsabile.
In cambio non potrà però rivendere la casa prima di 5 anni.


Occupazione abusiva degli alloggi


Mentre da un lato il decreto punta a dare una risposta alla richiesta di accesso alla casa da parte della fascia di popolazione più a basso reddito, dall'altra mira anche a contrastare il fenomeno dell'occupazione abusiva di alloggi.

A questo scopo, infatti, impedisce l'accesso alla residenza e l'allaccio delle utenze agli inquilini che occupino abusivamente un alloggio.

Più precisamente, è il discusso art. 5 che he vieta l'allaccio di acqua, luce e gas a chi occupa abusivamente un'abitazione, sia pubblica che privata, nonché la concessione della residenza da parte dei Comuni.


Agevolazioni per gli affitti


Il Piano introduce una nuova aliquota per quel che riguarda la cedolare secca.
L'aliquota viene infatti ridotta al 10%, per gli immobili affittati a canone concordato, ma in zone considerate ad alta densità abitativa o colpite da calamità naturale e fino al 2017.
Un successivo decreto stabilirà qual è l'elenco dei Comuni ammessi.

Il Piano Casa Lupi introduce anche la possibilità, per gli inquilini con reddito inferiore a 15.000 euro, di detrarre fino a 900 euro del canone di locazione pagato, raddoppiando quindi, in tal modo, la soglia precedente, che era pari a 450 euro.


Morosità incolpevoli


Una importante novità riguarda poi il Fondo per le morosità incolpevoli. Grazie a uo stanziamento di 241 milioni di euro da aggiungere ai 140 già previsti, il Piano Casa consente direttamente a i Comuni di versare ai proprietari le somme che non hanno potuto riscuotere dagli inquilini, perché, ad esempio, hanno perso il lavoro.

In tal modo i proprietari potranno essere immediatamente pagati, rilasciando ricevuta direttamente al Comune. Il provvedimento si presenta quindi favorevole sia a loro, che agli inquilini.


Bonus mobili


bonus mobiliIl riferimento al bonus mobili è stato inserito nel decreto in un secondo momento, per porre una pezza alla questione del vincolo di spesa introdotto dalla Legge di Stabilità.

Riassumendo:
la Legge di Stabilità aveva introdotto per il bonus mobili un vincolo di spesa per cui, anche se il tetto massimo per l'acquisto dei mobili era di 10.000 euro, le spese per questo acquisto non potevano essere superiori a quelle per i lavori.

La norma aveva subito diverse vicissitudini ed era stata più volte introdotta e poi cancellata, a causa della mancata conversione in legge di qualche decreto.
Occorreva pertanto una parola definitiva e, per questo, il Piano Casa cancella definitivamente il vincolo di spesa: in poche parole, si possono acquistare fino a 10.000 euro di mobili, anche se la spesa per la ristrutturazione è stata solo di qualche centinaio di euro.

riproduzione riservata
Articolo: Cinque cose da sapere sul Piano Casa
Valutazione: 5.11 / 6 basato su 9 voti.
  • fs
  • fs
  • fs
  • fs

Cinque cose da sapere sul Piano Casa: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
Notizie che trattano Cinque cose da sapere sul Piano Casa che potrebbero interessarti
Bonus casa: le novità della Legge di Bilancio 2018

Bonus casa: le novità della Legge di Bilancio 2018

Appena pubblicato il testo ufficiale della Legge di Bilancio 2018 con le novità economiche e fiscali più importanti anche per chi effettuerà dei lavori in casa...
Cedolare secca: tutte le novità del 2017

Cedolare secca: tutte le novità del 2017

La cedolare secca è un regime fiscale dei contratti di locazione alternativo e facoltativo che comporta benefici e rinunce. Vediamo come è disciplinato nel 2017.
Come registrare il contratto di locazione

Come registrare il contratto di locazione

Tutta la procedura da seguire, le tasse da pagare e l'opzione alla cedolare secca per la registrazione del contratto di locazione di immobili ad uso abitativo.
Piano Casa 2

Piano Casa 2

Il Ministro delle Infrastrutture Lupi ha annunciato un nuovo Piano Casa per il rilancio del settore immobiliare, destinato sia all'acquisto che agli affitti.
Come indicare i redditi dei fabbricati nel modello Unico

Come indicare i redditi dei fabbricati nel modello Unico

Oltre al 730 per dichiarare i redditi c'è anche il modello Unico: ecco una mini guida per la compilazione del quadro RB per indicare i redditi dei fabbricati.
usr REGISTRATI COME UTENTE
290.380 Utenti Registrati
usr
REGISTRAZIONE AZIENDE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
  • Comò francese a mezzaluna con piano in
    Comò francese a mezzaluna...
    980.00
  • Tavolino olandese in legni di radica e
    Tavolino olandese in legni di...
    490.00
  • Console francese laccata e dipinta del xx
    Console francese laccata e dipinta...
    900.00
  • Credenza inglese in mogano dei primi del
    Credenza inglese in mogano dei...
    600.00
  • Ribalta olandese intarsiata in mogano acero bois
    Ribalta olandese intarsiata in...
    2600.00
  • Ristrutturazione appartamento Roma e provincia
    Ristrutturazione appartamento roma...
    450.00
  • Deumidificatore murale Genié Light
    Deumidificatore murale genié...
    2379.00
  • Cuscino
    Cuscino...
    24.00
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Inferriate.it
  • Mansarda.it
  • Officine Locati
  • Weber
  • Black & Decker
  • Faidatebook
  • Kone
MERCATINO DELL'USATO
€ 40.00
foto 1 geo Napoli
Scade il 30 Giugno 2018
€ 500.00
foto 2 geo Roma
Scade il 31 Luglio 2018
€ 800.00
foto 6 geo Torino
Scade il 16 Settembre 2018
€ 49 000.00
foto 6 geo Torino
Scade il 16 Settembre 2018
€ 59 000.00
foto 4 geo Torino
Scade il 16 Settembre 2018
€ 39 000.00
foto 6 geo Torino
Scade il 09 Settembre 2018
VENDI SUBITO IL TUO USATO DI CASA
Inserisci annuncio
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
I NOSTRI VIDEO SU YOUTUBE
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.