Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Condominio, casa disabitata e spese della pulizia delle scale

NEWS Ripartizione spese21 Maggio 2020 ore 13:21
I condomini sono tenuti a pagare le spese sostenute dal condominio per la pulizia delle scale comuni anche se l'appartamento non è abitato, con alcune eccezioni

Casa disabitata e spese della pulizia delle scale condominiali


Se sono proprietario di un’abitazione situata in condomino ma non vi abita nessuno, devo pagare le spese relative alla pulizia delle scale condominiali?

Scale condominiali
È una domanda questa che si pongono in molti: e in effetti è comprensibile che chi non è esperto di diritto condominiale si chieda perché, se non abita nel condominio e quindi non usa le scale, debba contribuire alla spesa.

Un perché in realtà c’è ed è da rinvenirsi non nell’uso effettivo delle scale, ma in quello potenziale. Spieghiamoci meglio.


Casa disabitata e spese condominiali


Per affermare perché la pulizia delle scale va pagata anche se l’abitazione è vuota dobbiamo partire da una premessa. Ricordiamo qual è il fondamento giuridico per cui le spese condominiali, in genere, vanno pagate.

Pulizia scale in condominio

Le spese condominiali, cioè le spese relative alla conservazione e al godimento delle parti comuni sono dette in termini giuridici obbligazioni propter rem: in poche parole, l’obbligo di corrisponderle discende direttamente dal diritto reale, solitamente la proprietà, sul bene: chi è proprietario, solo perché è tale, è quindi tenuto a pagare le dette spese.

Una caratteristica delle obbligazioni propter rem è l’ambulatorietà, per la quale in parole semplici, accade che cambiando il proprietario, cambia il soggetto debitore di quelle obbligazioni.

In condominio, dunque, accadrà che cambiando il condomino con il passaggio di proprietà, cambi il debitore; con un correttivo, però: secondo l’art. 63, co.4 disp. att. e trans. c.c.

Chi subentra nei diritti di un condomino è obbligato solidalmente con questo al pagamento dei contributi relativi all'anno in corso e a quello precedente art. 63 co.4 disp. att. e trans.c.c.;

per completare il quadro, aggiungiamo che a seguito della riforma del condominio (L. n. 220/2012), il successivo co.5 prevede che:

chi cede diritti su unità immobiliari resta obbligato solidalmente con l'avente causa per i contributi maturati fino al momento in cui è trasmessa all'amministratore copia autentica del titolo che determina il trasferimento del diritto. art. 63 co.5 disp. att. e trans c.c.


Qualora si tratti di spese legate all’uso del bene da parte dei singoli e tale uso sia misurabile, ad esempio quello relativo al consumo di acqua (in presenza di contatori di sottrazione), ciascuno pagherà quanto consuma, fermo l’obbligo di pagare le spese legate ad esempio alla presenza dell’impianto e del contratto di fornitura, per rimanere all’esempio dell’acqua.

Ma, qualora il consumo personale non sia misurabile, il pagamento spetterà a tutti, secondo il criterio di riparto relativo alla spesa in questione. Il motivo, come anticipato, sta nel fatto che non si tratta di un uso mancante anche in via potenziale.

Scale in condominio e riparto spese
Questo quanto previsto dalle norme. Resta comunque la possibilità, per i condomini, di derogarvi ed escludere qualcuno dal pagamento delle spese.

Devono però essere tutti d’accordo, quindi deve trattarsi o di una decisione assembleare assunta da tutti i condomini o di una disposizione contenuta nel regolamento contrattuale (come tale, sottoscritta o accettata da tutti) del condominio: quindi può escludersi qualcuno dal pagamento delle spese purché la decisione sia assunta all’unanimità.

Per completare il quadro, nel caso concreto bisogna poi vedere cosa dispone in proposito la raccolta degli usi e consuetudini tenuta presso le Camere di Commercio.


Pulizia delle scale in condominio, il criterio generale


Ricordiamo che il criterio generale per il riparto delle spese di pulizia delle scale condominiali, secondo al giurisprudenza, è quello dell’art. 1124 c.c., secondo cui:

le scale e gli ascensori sono mantenuti e sostituiti dai proprietari delle unità immobiliari a cui servono. La spesa relativa è ripartita tra essi, per metà in ragione del valore delle singole unità immobiliari e per l'altra metà esclusivamente in misura proporzionale all'altezza di ciascun piano dal suolo.
II. Al fine del concorso nella metà della spesa, che è ripartita in ragione del valore, si considerano come piani le cantine, i palchi morti, le soffitte o camere a tetto e i lastrici solari, qualora non siano di proprietà comune. art. 1124 c.c.


Come si può notare, la norma si riferisce testualmente alla manutenzione, ma la sua applicazione, in particolare quella del comma 2, è stata estesa, appunto dalla giurisprudenza, ai casi di pulizia delle scale (v. Cass. n. 432/2007, ripresa da Cass. n. 29220/2018).

Sull’argomento abbiamo dedicato un apposito articolo su lavorincasa.it.

La deroga alla norma è, come detto, possibile ma solo all’unanimità.


Casa disabitata e pulizia delle scale in condominio fai da te


Abbiamo una deroga alle norme generali anche nel caso in cui la pulizia delle scale non sia affidata a una ditta esterna, ma sia gestita dai singoli condomini..

Questa è ad esempio la situazione vissuta da un utente del forum di lavorincasa che ha posto appunto il quesito:

Un condomino che non abita qui ma ha l'appartamento sfitto è tenuto alla pulizia della scale visto che ogni condomino pulisce la sua rampa di scale? 


Anche in tal caso deve quindi essere stata assunta una decisione assembleare approvata da tutti i condomini o una clausola di un regolamento contrattuale.

Come ha stabilito la giurisprudenza:

è affetta da nullità la delibera dell' assemblea condominiale con la quale, senza il consenso di tutti i condomini espresso in apposita convenzione, si modifichino a maggioranza i criteri legali o di regolamento contrattuale di riparto delle spese necessarie per la prestazione di servizi nell'interesse comune (quale quello di pulizia delle scale), venendo a incidere sui diritti individuali del singolo condomino attraverso l'imposizione, come nelle specie, di un obbligo di facere, ovvero di un comportamento personale, spettante in egual misura a ciascun partecipante e tale da esaurire il contenuto dell'obbligo di contribuzione (Cass. n. 29220/2018)


Insomma, statuendo che le pulizie saranno effettuate da tutti i condomini invece cha da una ditta specializzata, si va a derogare al criterio di legge e ciò può avvenire su consenso di tutti.


Per decidere il caso concreto, bisogna poi vedere cosa dispone precisamente la regola che i condomini si sono dati.

Infine, è possibile per il singolo condomino chiedere una riforma della regola derogatrice, ma la modifica deve sempre avvenire all’unanimità.

Quindi, il condomino, che un dì ha dato il suo consenso alla creazione di una norma che andava a derogare al criterio legale di riparto delle spese, può chiedere che il condominio si interroghi nuovamente sulla questione ed eventualmente torni sui suoi passi.

riproduzione riservata
Articolo: Casa disabitata e spese di pulizia scale condominiali
Valutazione: 5.50 / 6 basato su 2 voti.

Casa disabitata e spese di pulizia scale condominiali: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
Sostieni Lavorincasa
REGISTRATI COME UTENTE
317.237 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Quanto costa, dove lo trovo? Sei un Azienda ? Pubblica i tuoi Prezzi Quì !
  • Adeguamento antincendio autorimesse Condominiali
    Adeguamento antincendio...
    250.00
  • Scale ferro battuto
    Scale ferro battuto...
    2400.00
  • Scale in resina spatolata, gradini in resina Milano
    Scale in resina spatolata, gradini...
    80.00
  • Inferriate blindate di sicurezza
    Inferriate blindate di sicurezza...
    329.00
  • Robot aspirapolvere samsung powerbot
    Robot aspirapolvere samsung...
    374.99
  • Aspiracenere aspiraliquidi
    Aspiracenere aspiraliquidi...
    45.99
Notizie che trattano Casa disabitata e spese di pulizia scale condominiali che potrebbero interessarti


Criteri di riparto delle spese per la pulizia delle scale in condominio

Ripartizione spese - Come si ripartiscono le spese per la pulizia delle scale nel condominio? Non esistendo una norma espressa, la giurisprudenza ha dovuto sopperire alla lacuna.

Scale condominiali: l'assemblea può imporre ai condòmini di pulirle a turno?

Manutenzione condominiale - La pulizia scale condominiali può essere affidata a un'impresa qualificata o effettuata dagli stessi condòmini: quali sono i limiti dei poteri dell'assemblea?

Pulizia delle scale, è obbligatorio pagare l'impresa affidataria?

Manutenzione condominiale - La pulizia delle scale in condominio può essere eseguita in proprio solamente se tutti i condomini sono d'accordo e l'assemblea non può obbligare nessuno.

Scale condominiali: proprietà, pulizia, manutenzione, spese

Parti comuni - Le scale condominiali appartengono a tutti i condòmini o a quelli che se ne servono: con quali maggioranze si decidono interventi di manutenzione e pulizia?

Lavori di ristrutturazione e consultazione del regolamento condominiale

Manutenzione condominiale - Se il condomino deve eseguire lavori di ristrutturazione della propria unità immobiliare, è bene che consulti il regolamento per conoscere eventuali divieti.

Manutenzione scale condominiali, ripartizione costi e agevolazioni fiscali per tinteggiatura

Manutenzione condominiale - Il costo per la tinteggiatura delle scale condominiali deve essere ripartito secondo quanto stabilito dall'art. 1124 c.c. e può essere detratto ai fini fiscali.

Le scale in condominio sono di tutti se l'atto d'acquisto non è contrario

Parti comuni - Le scale in un edificio in condominio devono essere sempre considerate parti comuni a tutti i condomini, se non è diversamente stabilito negli atti d'acquisto.

Che cos'è un Condominio parziale e quali le cause

Ripartizione spese - Il condominio parziale è della compagine che gestisce parti comuni che servono solamente ad alcuni condomini. Qual è il suo ruolo in giudizio?

Spese ascensore in condominio: spettano anche a chi abita al piano terra

Parti comuni - Suddivisione delle spese per la manutenzione e sostituzione dell'ascensore. Sono dovute anche da chi ha un locale o negozio con accesso diretto a piano terra.
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img kito
Salve a tutti,qualcuno sa come si ripartisce correttamente la bolletta dei consumiidrici?C'è qualche software o foglio di calcolo in Excel?Grazie.So che è compito...
kito 12 Giugno 2006 ore 07:41 9
Img lmontuschi
Ciao!ho comprato un appartamento in un condominio composto da :6 appartamenti ... i proprietari sono 5.sotto ci sono 2 negozi di un altro proprietario ...è obbligatorio...
lmontuschi 04 Luglio 2006 ore 13:12 7
Img anonimo
Buongiorno,e grazie in anticipo a chi saprà dipanare alcuni dei miei dubbi.Vi spiego le mie perplessità:sono proprietario di una maisonette in una palazzina da 4...
anonimo 06 Novembre 2008 ore 08:21 2
Img gabrielee
Spiego il più brevemente e chiaramente possibile la situazione. Entro nell'appartamento sabato 1/2/2020. Mi accorgo subito la sera stessa che il citofono non funziona.
gabrielee 20 Marzo 2020 ore 14:30 1
Img robbie1956
A corredo del mio appartamento vi è già un garage detenuto in proprietà indivisa con altro condomino.L'accesso al box con una autovettura, anche piccola,...
robbie1956 25 Luglio 2007 ore 07:03 5