Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
madex

Cappotto termico e autorizzazioni condominiali

Per effettuare un intervento di isolamento delle pareti, mediante il cappotto termico, è necessario chiedere permessi se si tratta di un edificio condominiale?
- NEWS Manutenzione condominiale

Che cos'è un cappotto termico?


Quali sono i permessi da chiedere per effettuare l'isolamento termico di un edificio?

Cosa fare se ci si trova all'interno di un condominio?

Prima di rispondere a queste domande vediamo che cos'è il cappotto termico da un punto di vista tecnico.
Brevemente, possiamo dire che il cappotto termico è un sistema di protezione del fabbricato che consente di risparmiare energia, isolando le pareti dell'edificio dall'ambiente esterno. Un sistema di coibentazione che consente di evitare un eccessivo raffreddamento delle pareti che è in grado di creare quell'effetto condensa tanto sgradevole e poco salubre negli ambienti interni.

Questo tipo di intervento comporta una modifica della parete esterna del fabbricato e pertanto, se ci si trova in uno stabile condominiale, è bene conoscere la normativa di riferimento e quali siano le necessarie autorizzazioni per poter effettuare i lavori.

Cappotto termico in condominio
Dall'isolamento a cappotto termico bisogna mantenere distinta l'installazione di pannelli isolanti che riguardano il singolo appartamento.
Come vedremo, a differenza del cappotto termico, si tratta di un intervento che ciascun condomino può effettuare in autonomia, in quanto riguarda unicamente la singola unità immobiliare e ricade nell'ambito di applicazione dell'articolo 1122 del Codice Civile che, in materia di condominio consente all'interno della singola proprietà di eseguire lavori che non arrechino danno alle parti comuni o determinino pregiudizio alla stabilità, sicurezza e decoro architettonico dell'edificio.
Per intraprendere i lavori bisogna darne notizia all'amministratore del condominio.


Il cappotto termico in condominio è un'innovazione


A differenza dei pannelli isolanti posti nei singoli appartamenti, l'istallazione in condominio del cappotto termico, si considera una innovazione della parte comune dell'edificio. Vediamo quali sono le norme contenute nel codice civile che si occupano delle innovazioni.

Le innovazioni in condominio sono disciplinate dall'articolo 1120 del codice civile che, dopo la modifica apportata dalla legge di riforma del condominio, è stato modificato nel modo seguente:

I condomini, con la maggioranza indicata dal quinto comma dell'articolo 1136, possono disporre tutte le innovazioni dirette al miglioramento o all'uso più comodo o al maggior rendimento delle cose comuni. I condomini, con la maggioranza indicata dal secondo comma dell'articolo1136, possono disporre le innovazioni che, nel rispetto della normativa di settore, hanno ad oggetto: 1) le opere e gli interventi volti a migliorare la sicurezza e la salubrità degli edifici e degli impianti; 2) le opere e gli interventi previsti per eliminare le barriere architettoniche, per il contenimento del consumo energetico degli edifici e per realizzare parcheggi destinati a servizio delle unità immobiliari o dell'edificio, nonché per la produzione di energia mediante l'utilizzo di impianti di cogenerazione, fonti eoliche, solari o comunque rinnovabili da parte del condominio o di terzi che conseguano a titolo oneroso un diritto reale o personale di godimento del lastrico solare o di altra idonea superficie comune; 3) l'installazione di impianti centralizzati per la ricezione radiotelevisiva e per l'accesso a qualunque altro genere di flusso informativo, anche da satellite o via cavo, e i relativi collegamenti fino alla diramazione per le singole utenze, ad esclusione degli impianti che non comportano modifiche in grado di alterare la destinazione della cosa comune e di impedire agli altri condomini di farne uso secondo il loro diritto.
L'amministratore è tenuto a convocare l'assemblea entro trenta giorni dalla richiesta anche di un solo condomino interessato all'adozione delle deliberazioni di cui al precedente comma. La richiesta deve contenere l'indicazione del contenuto specifico e delle modalità di esecuzione degli interventi proposti. In mancanza, l'amministratore deve invitare senza indugio il condomino proponente a fornire le necessarie integrazioni.
Sono vietate le innovazioni che possano recare pregiudizio alla stabilità o alla sicurezza del fabbricato, che ne alterino il decoro architettonico o che rendano talune parti comuni dell'edificio inservibili all'uso o al godimento anche di un solo condomino. Art. 1120 cod.civ.


Pur mancando una vera e propria definizione, la norma fa un elenco di quelle opere che possono essere considerate delle innovazioni delle cose comuni.
Nel silenzio del legislatore, la giurisprudenza ha definito le innovazioni come le modifiche materiali o funzionali volte al miglioramento, uso più comodo o al maggior rendimento delle cose comuni.
Le innovazioni sono dunque delle modifiche che comportino un'alterazionemateriale dell'edificio o che determinino un cambiamento funzionale di esso o di una sua parte.


Per quanto qui ci interessa, constatiamo che il cappotto termico, rientrando nell'ambito degli interventi finalizzati a contenere il consumo energetico dell'immobile e a migliorare la salubrità dell'aria costituisce un'innovazione del condominio.
La domanda che segue è: per poter dare esecuzione al cappotto termico è necessario il consenso dei condomini?

Ebbene sì, la decisione di effettuare un rivestimento termico a cappotto è di tipo assembleare.

L'intervento in questione viene infatti eseguito sulle parti comuni dell'edificio e pertanto tutti i condomini sono coinvolti dal punto di vista decisionale ed economico.
L'installazione di un cappotto termico esterno è un intervento sui muri perimetrali dell'edificio che comporta un cambiamento della loro consistenza materiale e pertanto rientra tra le opere la cui decisione è rimessa alla maggioranza dell'assemblea dei condomini.

L'amministratore è obbligato infatti a convocare l'assemblea entro 30 giorni dalla richiesta avanzata anche da un solo condomino. Sarà dunque l'assemblea ad assumere la decisione di installare un cappotto termico, dopo aver richiesto ad un tecnico abilitato di verificare preventivamente la fattibilità dell'opera, in relazione allo specifico immobile sul quale si dovrà intervenire.

Si deve ricordare che sono sempre vietate le innovazioni che possono recare pregiudizio alla stabilità e sicurezza del condominio o che ne alterino il decoro architettonico o rendano le parti comuni inservibili in base all'uso cui sono destinate.


Cappotto termico in condominio: chi paga?


Come stabilito dall'articolo 1120 codice civile per approvare la decisione di isolare le pareti esterne del condominio al fine di contenere il consumo energetico, si rimanda alle maggioranze previste dall'articolo 1136, in particolare si rinvia al secondo comma della predetta norma.
In base a quanto in essa stabilito, la delibera assembleare sarà valida se approvata con un numero di voti che rappresenti la maggioranza degli intervenuti e almeno la metà del valore dell'edificio.

Abbiamo visto come viene approvata la decisione relativa alla posa del cappotto termico in ambito condominiale. Una volta raggiunta la maggioranza assembleare prevista dalla legge si potrà dare il via ai lavori.

Qualora gli effetti benefici del cappotto termico riguardino soltanto alcuni proprietari, anche gli altri condomini dovranno pagare i lavori deliberati?
In che misura?
Nel caso in cui venga approvata, la spesa come verrà ripartita?

Cappotto termico esterno
Può capitare che non tutte le pareti dell'immobile vengano rivestite; anche per motivazioni strettamente economiche il lavoro viene effettuato sulla parte dell'edificio dove si ritiene più strettamente necessario. Si protegge magari le zone maggiormente esposte al freddo perché situate a nord.
Una volta che, a norma di legge, la spesa venga deliberata, sarà necessario capire come verrà suddiviso; tra tutti coloro che possiedono una unità immobiliare nello stabile riqualificato o solo tra coloro che ne beneficiano direttamente?

In linea di principio la delibera assembleare è vincolante nei confronti di tutti i condomini.
Vale quanto affermato dall'articolo 1123 del codice civile che così recita:

Le spese necessarie per la conservazione e per il godimento delle parti comuni dell'edificio, per la prestazione dei servizi nell'interesse comune e per le innovazioni deliberate dalla maggioranza sono sostenute dai condomini in misura proporzionale al valore della proprietà di ciascuno, salvo diversa convenzione. Se si tratta di cose destinate a servire i condomini in misura diversa, le spese sono ripartite in proporzione dell'uso che ciascuno può farne. Qualora un edificio abbia più scale, cortili, lastrici solari, opere o impianti destinati a servire una parte dell'intero fabbricato, le spese relative alla loro manutenzione sono a carico del gruppo di condomini che ne trae utilità. Art. 1123 cod.civ.


Sulla base di quanto disposto dalla legge il costo per le innovazioni deliberate viene sostenuto da tutti i condomini in proporzione ai millesimi di ciascuna unità immobiliare, salvo che mediante convenzione sia stato stabilito diversamente.

Soltanto se la spesa deliberata riguardi una cosa destinata a servire i condomini in misura differente, i relativi costi potranno essere suddivisi in proporzione all'uso che ciascuno può farne.

Autorizzazioni cappotto termico condominio
Il cappotto termico, innovazione di una parte comune del fabbricato, non rientra tra le cose che sono destinate a servire i condomini in misura diversa, pertanto la spesa dovrà essere ripartita in ragione del valore delle singole proprietà.

In conclusione, il vicino la cui abitazione si affaccia sul lato sud del fabbricato dovrà pagare per l'installazione del cappotto esterno come il condomino che si affaccia sul lato nord, in base alle quote di ciascuno, poiché si tratta di un intervento volto a migliorare il bene comune indipendentemente dal vantaggio conseguito da ciascuno nella propria unità immobiliare.


Innovazioni gravose


Poiché le innovazioni come l'isolamento termico a cappotto sono in grado di incidere in maniera profonda sulla situazione preesistente dell'edificio, il codice civile, oltre a disporre delle maggioranze ben precise, ha anche previsto delle tutele per coloro che si oppongono alle nuove opere, seguito la previsione di spese gravose.

In deroga al principio in base al quale le delibere assembleari valide sono vincolanti per tutti i partecipanti al condominio, (come stabilito dall'articolo 1137), l'articolo 1121 del codice civile stabilisce quanto segue:

qualora l'innovazione importi una spesa molto gravosa o abbia carattere voluttuario rispetto alle particolari condizioni e all'importanza dell'edificio, e consista in opere, impianti o manufatti suscettibili di utilizzazione separata, i condomini che non intendono trarne vantaggio sono esonerati da qualsiasi contributo nella spesa.

Qualora si tratti di una innovazione molto onerosa o non strettamente necessaria che sia suscettibile di utilizzo separato, i condomini contrari avranno il diritto di non partecipare alla spesa non servendosi dell'opera innovativa.

Se l'utilizzazione separata dell'innovazione gravosa o voluttuaria non sia possibile, si potrà dare esecuzione all'innovazione solo qualora la maggioranza che ha deliberato la spesa sia disposta ad accollarsi per intero il costo dei lavori.

riproduzione riservata
Articolo: Cappotto termico in condominio: deliberazioni di posa
Valutazione: 5.08 / 6 basato su 13 voti.

Cappotto termico in condominio: deliberazioni di posa: Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Francesco
    Francesco
    Venerdì 4 Febbraio 2022, alle ore 11:38
    Un solo condomino col consenso del condominio può usufruire bonus 110% per cappotto termico?
    rispondi al commento
    • Manuelamargilio
      Manuelamargilio Francesco
      Venerdì 4 Febbraio 2022, alle ore 19:43
      Buongiorno, del cappotto termico usufruiranno gli appartamenti che vengono isolati.
      rispondi al commento
  • Luciano Ferri
    Luciano Ferri
    Giovedì 10 Giugno 2021, alle ore 15:51
    Condominio di tre piani, la maggioranza, 4/6, decide per il cappotto termico.
    Viene fatto su tutti gli appartamenti, anche di chi era sfavorevole?
    rispondi al commento
    • Manuelamargilio
      Manuelamargilio Luciano Ferri
      Venerdì 4 Febbraio 2022, alle ore 19:44
      Il cappotto viene eseguito secondo le modalità stabilite in riunione assembleare e dunque in conformità alla tipologia di intervento approvato.
      rispondi al commento
  • Giuseppe Paglialunga
    Giuseppe Paglialunga
    Sabato 20 Marzo 2021, alle ore 09:50
    Ho un appartamento al secondo piano del condominio a tre piani e vorrei rivestire con isolamento termioco la parete nord.
    Detta parete interessa esclusivamente il mio appartamente e resta compresa tra il pavimento del balcne e il solaio inferiore del balcone dell'appartamento superiore.
    Il rivestimento risulterebbe praticamente non rilevabile a vista ed il costo sarebbe a solo mio carico.
    In queste condizioni devo avere comunque una delibera condominiale di approvazione o basta che comunichi l'esecuzione dell'intervento con una relazione del tecnico abilitato?
    Giuseppe Paglialunga
    rispondi al commento
    • Manuelamargilio
      Manuelamargilio Giuseppe Paglialunga
      Venerdì 4 Febbraio 2022, alle ore 19:46
      Buongiorno, si deve sempre interessare l'amministratore dello stabile.
      rispondi al commento
  • Katia Fabiano
    Katia Fabiano
    Lunedì 25 Gennaio 2021, alle ore 19:49
    Viviamo in una situazione veramente brutta nonostamte assemblea ha accettato di fare il cappotto esterno a lato nord.
    L'Amministratore non intende iniziare i lavori in quanto due condomini non hanno pagato la loro rata.
    A chi ci possiamo rivolgere?
    I nostri muri sono inzuppati d'acqua e sono pieni di muffa, siamo disperati.
    rispondi al commento
    • Manuelamargilio
      Manuelamargilio Katia Fabiano
      Venerdì 4 Febbraio 2022, alle ore 19:48
      Buongiorno, la sua situazione andrebbe discussa più nel dettaglio in quanto sono necessari elementi concreti per valutare nel complesso l'accaduto. Suggerisco pertanto di richiedere una consulenza a pagamento affinché possa meglio prendere visione dei fatti. Può rivolgersi a https://www.lavorincasa.it/consulenza-legale-fiscale-e-condominiale-sulla-casa/
      rispondi al commento
  • Giuseppebrescia
    Giuseppebrescia
    Venerdì 18 Settembre 2020, alle ore 14:56
    Abito in un condominio di 10+10 unità immobiliari disposte su di un edificio di 5 piani con 2 scale, 2 portoni di ingresso, 2 autoclavi, 2 ascensori. La scala A possiede 505,50 millesimi, la scala B 494,50 millesimi.In tutte le assemblee, la scala B è sempre perdente. La scala B può in questo caso fare il cappotto esterno nella parte di sua competenza con l'ecobonus 110, senza chiedere la maggioranza in assemblea ( sarebbe perdente) perchè l'altra scala è sempre per il no. Oppure si può fare il cappotto alla sola scala B nelle pareti dei balconi incassati?
    rispondi al commento
    • Manuelamargilio
      Manuelamargilio Giuseppebrescia
      Venerdì 4 Febbraio 2022, alle ore 19:50
      Se si tratta di edifici separati si potranno convocare due assemblee che voteranno ciascuna per la parte di loro interesse.
      rispondi al commento
  • Angelo
    Angelo
    Mercoledì 19 Agosto 2020, alle ore 09:48
    Abito in un condominio, vorremmo fare il cappotto su tutta la casa.
    La casa su due lati è appoggiata su due case più basse.
    Il mio dilemma e che se non ci lasciano fare il ponteggio su i due lati non potremmo fare il cappotto.
    Cosa si può fare?
    rispondi al commento
    • Manuelamargilio
      Manuelamargilio Angelo
      Venerdì 4 Febbraio 2022, alle ore 19:51
      Purtroppo il ponteggio è necessario per l'esecuzione dei lavori. Dovete trovare un accordo sul punto.
      rispondi al commento
  • Alessio
    Alessio
    Mercoledì 1 Luglio 2020, alle ore 19:32
    Se un condomino dell'ultimo propone di cappottare solo la terrazza condominiale (di cui sarebbe il principale beneficiario), i costi come vengono ripartiti?
    rispondi al commento
  • Paoloop
    Paoloop
    Giovedì 4 Giugno 2020, alle ore 17:59
    Le modifiche introdotte dal D.L. 18 Aprile 2019 n. 32, che introducono maggioranze in deroga, influiscono anche sulla possibilità di esonero dalla spesa?
    rispondi al commento
    • Manuelamargilio
      Manuelamargilio Paoloop
      Venerdì 4 Febbraio 2022, alle ore 19:52
      Resta fermo quanto stabilito in materia di Innovazione e di spesa ingente.
      rispondi al commento
  • Meniofrioni
    Meniofrioni
    Domenica 9 Giugno 2019, alle ore 02:23
    Come si procede se i condomini sopra dei garages privati vogliono isolare il proprio pavimento del solaio tra appartamento e garage occupando con isolamento termico il volume privato del garage da sotto? Cioè occupando il solaio sottostante privato?
    rispondi al commento
    • Andrea
      Andrea Meniofrioni
      Sabato 20 Novembre 2021, alle ore 11:06
      Sto vivendo la stessa situazione , mi sai dire se sono necessari permessi per la coebentazione del solaio condominiale dei box?
      Le abitazioni sono sopra i box quindi l'intervento è necessario per un lavoro di isolamento dal basso.
      rispondi al commento
    • Manuelamargilio
      Manuelamargilio Meniofrioni
      Venerdì 4 Febbraio 2022, alle ore 19:57
      Per la coibentazione dei soffitti dei box è necessario il consenso dei rispettivi proprietari.
      rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
dona
Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News
REGISTRATI COME UTENTE
340.159 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Cappotto termico in condominio: deliberazioni di posa che potrebbero interessarti


Cappotto termico in condominio: è possibile la riduzione del balcone

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Il Tribunale di Milano stabilisce che non vi è lesione del diritto di proprietà in caso di restringimento del balcone dovuto dal cappotto termico in condominio.

Superbonus 110 per cappotto termico interno: sì ma ad alcune condizioni

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Via libera al Superbonus 110 per il cappotto termico interno, se l'edificio è sottoposto a vincoli o a divieti. Ecco i chiarimenti dell'Agenzia delle Entrate.

Isoclip, la piastrella in gres per l'isolamento termoacustico

Isolamento termico - Brevettata da PFM, azienda di Palagano (MO), il prodotto ha vinto il Premio Oscar per l'edilizia 2021 al Made Expo di Milano, come innovazione ecosostenibile.

ETICS: tutto ciò che c'è da sapere sul sistema a cappotto

Isolamento termico - L'ETICS, il sistema di isolamento a cappotto con materiali certificati, sta avendo ampia diffusione in Italia, soprattutto con l'introduzione del Superbonus 110

Il cappotto termico di un edificio

Isolamento termico - Il cappotto termico, esterno o interno, è uno dei sistemi di isolamento termico ed acustico della parte di involucro opaco di un edificio rappresentato dalle pareti.

Deliberazioni per la posa di un cappotto termico in condominio

Manutenzione condominiale - In tema d'installazione di un cappotto termico in un condominio, la decisione assembleare dev'essere considerata un'innovazione e come tale deve essere adottata.

Novità per l'isolamento a cappotto termico

Isolamento termico - Le aziende sono alla continua ricerca di nuove soluzioni per migliorare le prestazioni energetiche degli edifici, oggi di primaria importanza.

Superbonus 110 e cappotto termico: devono pagare tutti i condomini?

Detrazioni e agevolazioni fiscali - In caso di intervento di isolamento termico dell'edificio condominiale tutti sono obbligati a contribuire. Non si è in presenza di opera voluttuaria o gravosa.

Dal cappotto termico tradizionale ai pannelli in calcestruzzo cellulare

Isolamento termico - Intervenire sull'involucro edilizio è tra i modi più efficaci per ottenere un buon risultato di isolamento termico e il rivestimento a cappotto è tra le soluzioni maggiormente auspicabili.
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img paola.pola
Buongiorno, in un piccolo condominio con n. 3 unità immobiliari situato in zona con vincoli paesaggistici che vieta il cappotto esterno, si provvede a coibentare l'intero...
paola.pola 03 Ottobre 2022 ore 12:05 2
Img giuse05
Buonasera a tutti,dopo aver fatto una riunione condominiale nel mese di Gennaio per i lavori trainante (Cappotto) al 110%, alla presenza di un Tecnico Ingegnere Eedile,...
giuse05 26 Settembre 2022 ore 13:45 15
Img stefano b.
Buongiornosarei interessato al possibile acquisto di un appartamento in condominio dove sono in corso, già in fase avanzata, i lavori per il superbonus 110 %.Premesso che,...
stefano b. 14 Settembre 2022 ore 00:22 1
Img bet86
Salvea tutti,mi chiamo Francesco e vorrei porvi una domanda.Un edificio composto da 3 unità di cui 2 unità abitative possedute da un unico proprietario e l'altra...
bet86 10 Settembre 2022 ore 20:00 1
Img paoletto2075!
Ho letto da molte parti che nel realizzare un cappotto interno se si utilizza un pannello isolante con spessore troppo elevato si forma la condensa (quindi la muffa) tra la parte...
paoletto2075! 07 Settembre 2022 ore 16:53 2