Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
madex

Cambiare pavimento: cosa sapere per evitare brutte sorprese

Come procedere nella scelta dei materiali per realizzare una nuova pavimentazione da sovrapporre a quella esistente, anche con prodotti alternativi alle ceramiche
- NEWS Pavimenti e rivestimenti

Pavimentazioni e criteri di scelta


La scelta del tipo di pavimentazione per la propria casa rappresenta uno dei momenti più importanti per definire il tipo di ambiente desiderato.

Da essa dipendono il prestigio, la praticità, la sicurezza, l'igiene dell'ambiente, indipendentemente se tale scelta venga fatta per la prima volta, al momento della realizzazione della casa, o in seguito, quando per diversi motivi si ritiene necessario sostituire la pavimentazione esistente.

Scegliere il materiale adatto per una buona pavimentazione
Nel primo caso, sapendo già con precisione la destinazione di ciascun ambiente della nuova abitazione, è più semplice decidere.

Caratteristiche come tipo di materiale, formato, resistenza allo scivolamento, resistenza alle sollecitazioni meccaniche, fisiche o chimiche, colori, ecc., rappresentano i fondamentali elementi da prendere in considerazione, al fine di garantirsi la buona riuscita dell'intervento di rivestimento, senza trascurare altresì la scelta di un buon posatore e di collanti idonei al tipo di posa prescelta.


Pavimenti da sostituire e modalità d'intervento


Gli elementi sopradescritti, oltre a essere importanti per i motivi sopra esposti, lo sono anche in considerazione del fatto che i pavimenti rappresentano le superfici più grandi da pulire e da sottoporre a manutenzione, all'interno di ogni abitazione.


Cambiare pavimenti senza problemi: laminato di rovere by Tarkett

Cambiare pavimenti senza problemi: laminato di rovere by Tarkett

Cambiare pavimenti senza problemi: laminato di rovere by Tarkett
Protezione pavimento in PVC

Protezione pavimento in PVC

Protezione pavimento in PVC
Pavimento in resina eseguito all'esterno, by kromax

Pavimento in resina eseguito all'esterno, by kromax

Pavimento in resina eseguito all'esterno, by kromax
Cambiare pavimenti senza problemi: il parquet

Cambiare pavimenti senza problemi: il parquet

Cambiare pavimenti senza problemi: il parquet
Sollevamento cornice porta caposcala per posa pavimento in sovrapposizione

Sollevamento cornice porta caposcala per posa pavimento in sovrapposizione

Sollevamento cornice porta caposcala per posa pavimento in sovrapposizione

Ciò premesso, di seguito intendo affrontare il tema più oneroso della sostituzione di una pavimentazione esistente, con particolare riferimento alle problematiche specifiche di tale operazione.

Pavimentazione deteriorata da valutare prima di intervenire con la sostituzione
Il tutto, cercando di rispondere alle domande che più di frequente vengono rivolte a noi professionisti in tali circostanze.

Quando cambiare un pavimento?


È questa la fondamentale domanda a cui rispondere.

Ovviamente un pavimento può essere cambiato per diversi motivi: per rinnovare un ambiente, per renderlo più luminoso ecc. Ma la domanda nasconde spesso un altro quesito, ossia, quando è necessario cambiare un pavimento esistente?

La risposta tira in ballo la verifica di diversi fattori, il cui esito condizionerà la scelta circa il tipo di materiali da impegare e la relativa posa in opera.


Elementi da valutare prima di sostituire un pavimento esistente


Uno dei principali fattori da tener presente, è rappresentato dalla vetustà di un pavimento, tenendo in conto il tempo trascorso da quando è stato realizzato e l'uso che ne è stato fatto.

Tale fattore non riguarda solamente l'aspetto estetico della pavimentazione, ma principalmente le condizioni di sicurezza, igienicità che esso deve garantire.


Alterazione
dello strato di protezione, con conseguente accentuazione della porosità superficiale, accentuazione del fenomeno di scivolamento in piano, presenza di sconnessioni, causa di fenomeni di inciampo, sollevamenti per perdita di adesione, rappresentano sicuramente giuste motivazioni a favore di una sostituzione della pavimentazione.

CONSIGLIATO amazon-seller
Pavimenti pvc adesivi
Specifiche del pavimento autoadesivo: lunghezza 500 cm, larghezza 60 cm, spessore circa 0,35 mm. I pavimenti in vinile...
prezzo € 34.99
COMPRA


Voglio precisare come tale decisione abbia la sua validità in presenza di pavimentazioni ordinarie e non certamente in presenza di pavimentazioni di pregio storico.

Tale aspetto, di manutenzione e conservazione, va affrontato con metodiche differenti, in rapporto alla tipologia della pavimentazione ai materiali ecc. Aspetti che non possono trovare spazio in questa breve trattazione.


L'importanza delle condizioni di sicurezza di un pavimento


Altri fattori da tener presenti nella valutazione dello stato di fatto di una pavimentazione, sono rappresentati dall'alterazione della sua percezione visiva, conseguenti a modifiche dello strato di lucentezza, stante il diverso grado di usura di alcune parti, come spesso accade in prossimità di scalini e pianerottoli.

Tale condizione, oltre a compromettere l'aspetto estetico della pavimentazione, in molti casi ne può compromettere anche la sicurezza, specialmente quando in particolari condizioni di luce, le superfici deteriorate, non possono venir percepite in maniera precisa.

Pavimentazione deteriorata principio di sollevamento
Stabilito di dover cambiare la pavimentazione le domande successive si riferiscono ai materiali più adatti da impiegare, al sistema di posa se ex novo o in sovrapposizione del pavimento esistente.

Una prima risposta scaturisce subito, dopo aver esaminato le condizioni del pavimento esistente. Infatti, se la pavimentazione è interessata da fenomeni di rigonfiamento, con sconnessioni di diversa entità, consiglio sempre di sostituire la pavimentazione con una nuova.

Tale indicazione deriva dall'impossibilità di incollare un nuovo pavimento su quello esistente, non potendosi garantire in alcun modo la perfetta adesione al supporto.


Verifica del piano di posa per una nuova pavimentazione


Viceversa, quando l'esame della pavimentazione esistente mette in risalto una buona adesione al sottostante massetto, anche in presenza di usura marcata della superficie, è possibile sovrapporre una nuova pavimentazione, senza temere che la stessa possa distaccarsi nel tempo.

A tal proposito, voglio mettere in evidenza alcuni aspetti da valutare con attenzione, ossia il tipo di materiale da impiegare per realizzare il nuovo pavimento e il relativo tipo di posa.

Pavimento formato 60x60 in sovrapposizione a pavimentazione esistente
Restando nell'ambito dei materiali più usati, come le ceramiche di diversi formati, occorre fare subito alcune considerazioni circa la tendenza di voler impiegare pavimentazioni di grande formato e ridotto spessore.

L'impiego di tali ceramiche non può essere impiegato in ogni situazione.
Esistono circostanze nelle quali tale impiego nel tempo si rivela dannoso, come nel caso di posa in sovrapposizione su un solaio molto flessibile a causa di uno spessore ridotto della struttura in rapporto alla luce libera di inflessione.


La scelta del formato più adatto per i pavimenti da sovrapporre


La condizione citata, a causa delle sollecitazioni derivanti da traffico veicolare o altro tipo di scuotimenti, stante il ridotto spessore del rivestimento e il grande formato impiegato, può dare origine a rotture e fessurazioni, specialmente nelle parti centrali dell'ambiente pavimentato.

Posa in opera di sostanza aggrappante prima di posare il nuovo pavimento
Pertanto, formati come 60x60 cm, 60x40 cm o simili, rappresentano in molti casi il giusto compromesso per realizzare una pavimentazione moderna, sicura e durevole, a condizione che la posa venga effettuata con i prodotti idonei.


Materiali alternativi alle ceramiche


In alternativa alle classiche ceramiche è possibile impiegare:

  • moquette;

  • pvc;

  • linoleum;

  • laminati;

  • resine;

  • parquet.


Per quanto riguarda la posa del parquet tradizionale sui pavimenti esistenti, è necessaria una trattazione specifica a parte, più approfondita, con uno spazio dedicato, da riproporre in un successivo articolo.

Moquette moderna


Le moderne pavimentazioni in moquette, oltre a donare una sensazione di comfort, hanno anche il pregio di essere utili, qualora occorra ottenere un maggior isolamento acustico e termico. Infatti, secondo la European Carpet Community, la moquette può ridurre i costi del riscaldamento fino al 12% all'anno.

Scegliendo moquette ecologiche, capaci di abbattere la presenza di polvere nell'aria grazie al fatto di catturare tale elemento, è possibile impiegarle anche come pavimentazioni anallergiche, così come attesta l'Associazione tedesca per l'allergia e l'asma DAAB.

Pavimento in PVC


I pavimenti in PVC, sono realizzati con sostanze sintetico-plastiche, non di origine naturale come il linoleum, con il quale non hanno niente in comune.

Posa pavimento in PVC rif Amazon
In commercio si trovano sotto forma di piastrelle di forme diverse, provviste di un materassino di sottofondo.

La posa, può essere fatta sulle pavimentazioni esistenti, a condizione che il piano di posa non presenti sconnessioni o imperfezioni varie.


Qualità dei materiali per un pavimento che duri nel tempo


La durata e la resistenza di tali pavimentazioni, dipendono da diversi fattori.
In primis la qualità. Oltre, ovviamente, a evitare di posarle su pavimentazioni preesistenti interessate da fenomeni di umidità di risalita, con presenza di salnitro ed efflorescenze.

Pavimentazione moderna in laminato Ditta Tarkett
Un errore abbastanza comune quando si cerca di coprire una pavimentazione esistente rovinata dalla umidità.

Pavimento in linoleum


Il linoleum, rappresenta un'altra alternativa valida per pavimentare gli ambienti, senza rimuovere la pavimentazione esistente, essendo un materiale riciclabile, composto principalmente da materie prime di origine naturale, come olio di lino, farina di legno, farina di sughero, ecc.

I pavimenti in linoleum risultano, pertanto, ecologici, fonoassorbenti, termoisolanti, non danno particolari problemi di manutenzione e offrono svariate sfumature estetiche di grande valore.

I linoleum di buona qualità, hanno una lunga durata e possono essere trattati con apposita lucidatura, qualora l'usura e la vetustà ne comportassero lo sbiadimento.

In linea generale possono essere impiegati per pavimentare ogni ambiente, grazie al fatto di essere impermeabili.

Tuttavia, ne sconsiglio l'impiego in ambienti molto umidi o su superfici grezze capaci di produrre umidità di condensa, la quale, non potendo traspirare, stante l'impermeabilità della pavimentazione, può generare muffe ed efflorescenze, con conseguente rigonfiamento della superficie.

Pavimentazione in linoleum
Dovendo pavimentare superfici fortemente esposte ai raggi solari, occorre tener conto del fatto che tali pavimentazioni tendono a sbiadire più velocemente di quelle in ombra.

Listoni in laminato


Le pavimentazioni in laminato sono costituite da un pannello in truciolare o MDF su cui vengono applicati due fogli plastici, di cui uno con funzione decorativa e il sovrapposto con funzione protettiva.

Si possono applicare su pavimenti esistenti, preferibilmente regolari e privi di infiltrazioni, dispongono di una grande varietà di texture, per cui è possibile arredare ogni ambiente.

I listoni di laminato, utili per realizzare superfici simili a quelle trattate con parquet tradizionale, sono preferiti spesso per la maggiore resistenza all'usura rispetto ai classici parquet.

Un laminato con resistenza C6 rappresenta il massimo della protezione contro danni provocati da graffi, urti, ecc.. Grazie alla discreta resistenza all'acqua, una volta posato a regola d'arte, può durare molti anni.

In presenza di pavimentazioni con piccole imperfezioni è sempre consigliabile l'impiego di un materassino isolante, il quale oltre ad assorbire tali imperfezioni di posa, riesce anche ad attutire il rumore dei passi, specialmente se effettuati da scarpe con tacchi.

Per esperienza personale, lo sconsiglio in ambienti molto umidi e peggio ancora per coprire aree con presenza di umidità ascendente.


Pavimenti in resina per ridurre lo spessore di sovrapposizione


Infine le pavimentazioni in resina costituiscono una alternativa per chi vuole rinnovare una pavimentazione, senza incidere troppo sullo spessore da aggiungere in sovrapposizione a quella esistente, infatti con soli 3 o 4 mm. è possibile realizzare pavimentazioni di grande effetto estetico.

Si ottengono così in poco tempo nuove pavimentazioni, uniformi, prive di fughe, molto resistenti e utili a diffondere al meglio il calore prodotto dagli ormai sempre più diffusi sistemi di riscaldamento a pavimento.

Pavimentazione in resina eseguita all'interno
Una pavimentazione in resina, risulta facile da pulire e non attaccabile da muffe ed altro tipo di efflorescenze, inoltre, grazie alla sua impermeabilità, è possibile impiegarla anche per uso esterno.

Gli svantaggi del suo impiego, risiedono nella possibilità di rigarsi, pertanto nelle zone più trafficate è consigliabile impiegare tappeti o stuoie di protezione.

Anche per le pavimentazioni in resina posate in sovrapposizione del pavimento esistente, occorre curare la regolarità del piano di posa, pertanto qualora fossero presenti sconnessioni, conviene eliminarle prima della posa della resina.


Nuove pavimentazioni nel rispetto delle normative vigenti


Come per le pavimentazioni in linoleum, anche quelle in resina risultano sensibili a forti esposizioni ai raggi solari. Allo scopo di scongiurare sbiadimenti o ingiallimenti delle superfici, è consigliabile sottoporre la pavimentazione a un processo di finitura con sostanze poliuretaniche.

Per quanto riguarda l'aspetto autorizzativo delle operazioni di sostituzione delle pavimentazioni, essendo opere rientranti nel regime di edilizia libera, non è richiesto alcun permesso.

Vorrei, infine, ricordare come la sovrapposizione di una nuova pavimentazione non deve in alcun modo ridurre l'altezza utile interna dei locali trattati, nel rispetto di quanto previsto dal decreto 5 luglio 1975, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 190 del 18 luglio 1975., per non rischiare di perdere il requisito di abitabilità.

riproduzione riservata
Articolo: Cambiare pavimento senza problemi
Valutazione: 5.50 / 6 basato su 2 voti.

Cambiare pavimento senza problemi: Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
dona
Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News
REGISTRATI COME UTENTE
332.059 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Cambiare pavimento senza problemi che potrebbero interessarti


Ecobonus: possibili agevolazioni per la sostituzione di pavimenti

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Ecobonus del 65% e detrazioni fiscali del 50% in caso di sostituzione o rifacimento pavimenti: ecco di seguito cosa dice in proposito l'Agenzia delle Entrate.

Rinnovare il pavimento con un nuovo colore

Pavimenti e rivestimenti - Rinnovare il pavimento di casa cambiando solo il colore è una soluzione possibile grazie all'applicazione di vernici apposite e seguendo alcune regole di base.

Rivestimenti a superfici continue per pavimenti in cemento spatolato

Pavimenti e rivestimenti - Le superfici continue in cemento spatolato sono rivestimenti oggi di grande tendenza per la realizzazione di pavimenti esteticamente belli da vedere e pratici.

Pavimenti smontabili

Ristrutturazione - Nuove tecnologie per semplificare la posa dei pavimenti.

Pavimento autolivellante: caratteristiche e posa in opera

Pavimenti e rivestimenti - Il pavimento autolivellante può essere un ottimo alleato nelle ristrutturazioni, riducendo le macerie da smaltire, garantendo una semplice manutenzione nel tempo

Pavimenti modulari

Pavimenti e rivestimenti - I pavimenti modulari a incastro rappresentano una svolta nel mondo dei rivestimenti, bastano poche semplici mosse e un click per avere un pavimento pronto all'uso!

Pavimenti con fibre ottiche integrate

Soluzioni progettuali - Con le fibre ottiche si possono creare dei pavimenti che al buio brillano di luce propria, con effetti simili a un cielo stellato o un tappeto cosparso di arabeschi.

Pavimenti e rivestimenti in pannelli di resina

Pavimenti e rivestimenti - L'idea di prodotti per il rivestimento e la pavimentazione per il bagno ci fa pensare istintivamente alle classiche piastrelle in ceramica o gres porcellanato,

Pavimento ultrasottile multistrato

Pavimenti e rivestimenti - Per rinnovare un pavimento senza rimuovere quello esistente o tagliare i serramenti presenti, si può utilizzare un rivestimento vinilico multistrato autoadesivo.
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img alessandra08
Salve, presto dovremo occuparci della ristrutturazione di una villetta a schiera e vogliamo cambiare il pavimento della zona giorno (pavimento in cotto stile anni '90).Stiamo...
alessandra08 07 Agosto 2019 ore 21:21 5