Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
madex

Il bonus mobili nel 730/2018

Il bonus mobili, la detrazione Irpef al 50% per l'acquisto di mobili e grandi elettrodomestici per l'arredo di casa, è fruibile se indicato nel modello 730/2018.
27 Dicembre 2017 ore 10:31 - NEWS Detrazioni e agevolazioni fiscali
bonus mobili , 730 , bonus mobili 730

Bonus mobili 730


La detrazione IRPEF al 50% per l'acquisto di mobili nuovi e grandi elettrodomestici per l'arredo dell'immobile oggetto di ristrutturazione, il bonus mobili, è fruibile se le spese vengono indicate nel modello 730/2018. Ecco una mini guida sulla corretta compilazione della sezione III-C del quadro E Oneri e spese, dedicata al bonus in oggetto.


Bonus mobili: la detrazione IRPEF al 50%


Bonus mobiliPrima di soffermarci sulla compilazione della denuncia dei redditi, è utile ricordare brevemente alcune caratteristiche generali della detrazione fiscale in oggetto.

Il bonus mobili è l'ulteriore detrazione al 50% fruibile dai contribuenti che godono della detrazione Irpef, sempre al 50%, per gli interventi di recupero del patrimonio edilizio.

Così chi ristruttura casa e gode della detrazione 50%, può fruire anche del bonus mobili, la detrazione 50% per l'acquisto di mobili ed elettrodomestici realizzato il 31 dicembre 2018.

Il bonus mobili spetta su un ammontare massimo di 10.000 euro ed è ripartito in 10 rate annuali di pari importo.

L'Agenzia delle Entrate, con la circolare del 24/04/2015 n. 17/E, chiarisce inoltre che, seppur connesso alla detrazione per ristrutturazione edilizia, il bonus mobili è comunque una detrazione da questa autonoma, con proprie norme sul limite di spesa e sulla ripartizione in dieci rate della detrazione stessa, che non prevedono il trasferimento della detrazione.
In caso quindi di decesso del contribuente, a differenza della detrazione IRPEF per interventi di ristrutturazione edilizia, il bonus non utilizzato, in tutto o in parte, non si trasferisce agli eredi per i rimanenti periodi di imposta.

Bonus mobili 730La detrazione è fruibile per l'acquisto di:

-mobili (letti, armadi, cassettiere, librerie, scrivanie, tavoli, sedie, comodini, divani, poltrone, credenze, materassi, apparecchi di illuminazione)

-grandi elettrodomestici di classe non inferiore alla A+, nonché A per i forni, per le apparecchiature per le quali sia prevista l'etichetta energetica (frigoriferi, congelatori, lavatrici, asciugatrici, lavastoviglie, apparecchi di cottura, stufe elettriche, forni a microonde, piastre riscaldanti elettriche, apparecchi elettrici di riscaldamento, radiatori elettrici, ventilatori elettrici, apparecchi per il condizionamento).

È consentito portare in detrazione anche le spese di trasporto e di montaggio dei beni acquistati, mentre è escluso per l'acquisto di porte, pavimentazioni, tende e tendaggi e altri complementi di arredo.


Bonus mobili: interventi che danno diritto alla detrazione e pagamento spese


La detrazione spetta se le spese per l'acquisto sono sostenute dal 1 gennaio 2018 al 31 dicembre 2018 (grazie alla Legge di Stabilità che ha prorogato la fruizione del bonus mobili di un altro anno) per i seguenti interventi di recupero del patrimonio edilizio:

-manutenzione ordinaria effettuata sulle parti comuni di edificio residenziale;

-manutenzione straordinaria, restauro, risanamento conservativo e ristrutturazione edilizia sulle parti comuni di edificio residenziale e su singole unità immobiliari residenziali;

-ricostruzione o ripristino dell'immobile danneggiato a seguito di eventi calamitosi;

-ristrutturazione di interi fabbricati, da parte di imprese di costruzione o ristrutturazione immobiliare e da cooperative edilizie, che provvedono entro sei mesi dal termine dei lavori all'alienazione o assegnazione dell'immobile.


Sono interventi riconducibili alla manutenzione straordinaria quelli finalizzati al risparmio energetico volti all'utilizzo di fonti rinnovabili di energia e/o alla sostituzione di componenti essenziali degli impianti tecnologici e come tale danno diritto al bonus mobili.

Nel caso invece di interventi effettuati sulle parti comuni condominiali è ammessa la detrazione solo per gli acquisti dei beni finalizzati all'arredo delle parti comuni (ad esempio, guardiole, appartamento del portiere).

La data di inizio dei lavori di ristrutturazione deve essere anteriore a quella in cui sono sostenute le spese per l'acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici, ma non è necessario che le spese di ristrutturazione siano sostenute prima di quelle per l'arredo dell'abitazione.

Il pagamento delle spese deve essere effettuato mediante:

- bonifici bancari o postali,

- carte di credito o carte di debito.

Non è consentito, invece, effettuare il pagamento mediante assegni bancari, contanti o altri mezzi di pagamento.


Bonus mobili nel modello 730/2018: il rigo E57


Bonus mobili 730/2015Per fruire del bonus in oggetto il contribuente in primo luogo deve conservare la documentazione che attesta l'effettivo pagamento di mobili e grandi elettrodomestici, ossia:

-ricevute dei bonifici,

-ricevute di avvenuta transazione per i pagamenti mediante carte di credito o di debito,

-documentazione di addebito sul conto corrente,

-fatture di acquisto dei beni con la specificazione della natura, qualità e quantità dei beni e servizi acquisiti.

Guardando alla dichiarazione dei redditi 2017, nel modello 730/2018 è dedicata al bonus mobili la Sezione III C - Spese per l'arredo degli immobili ristrutturati (detrazione d'imposta del 50 per cento), al rigo E57.

In particolare in tale rigo nelle Colonne 1, 2, 3 e 4 Spese arredo immobili ristrutturati andrà indicata per ciascuna unità abitativa:

-il numero di rata (colonne 1 e 3)

-la spesa sostenuta (colonna 2 e 4) entro il limite di 10.000 euro.

Nell'unità abitativa oggetto degli interventi di ristrutturazione e del connesso bonus mobili sono comprese le pertinenze o la parte comune dell'edificio (il condominio), a prescindere dal numero dei contribuenti che partecipano alla spesa.

Ricordiamo che la detrazione fiscale è ripartita in 10 rate annuali da chi presta l'assistenza fiscale. Così ad esempio, se nel 2016 sono state sostenute spese per l'arredo di un immobile pari a 15.000 euro, indicare 2 nella colonna 1 Numero rata e 10.000 nella colonna 2 Spesa arredo immobile.


Bonus mobili nel modello 730 precompilato


In vigore da quest'anno il modello 730 precompilato, la dichiarazione dei redditi che l'Agenzia delle Entrate compila con alcuni dati e spese sostenute dal contribuente e già conosciute al Fisco.

Tra queste rientrano anche le spese per le ristrutturazione edilizie e il connesso bonus mobili ma solo se erano presenti nella denuncia dei redditi dell'anno passato e quindi riferite ad interventi iniziati prima del 2017.
In caso contrario, come per la detrazione al 50 e al 65%, anche per il bonus mobili, spetta al contribuente integrare il 730 precompilato.

riproduzione riservata
Articolo: Bonus mobili 730
Valutazione: 4.22 / 6 basato su 9 voti.

Bonus mobili 730: Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Cristianadeiconti
    Cristianadeiconti
    Mercoledì 29 Luglio 2015, alle ore 10:01
    Il bonus mobili è previsto per lavori di manutenzione ordinaria solo su parti comuni di un condominio, mentre su singoli appartamenti per lavori di manutenzione straordinaria, restauro e risanamento conservativo, ristrutturazione edilizia. I lavori citati invece rientrano nell'esecuzione di opere volte ad evitare infortuni domestici
    rispondi al commento
  • Giada2212
    Giada2212
    Martedì 28 Luglio 2015, alle ore 12:44
    Salve, ptrebbe cortesemente chiarirmi se si può usufruire del bonus mobili anche se in casa sono stati eseguiti lavori di piccola entità, tipo sostituzione tubo del gas in cucina, o inferriata in una finestra? Grazie
    rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
dona
Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News
REGISTRATI COME UTENTE
331.080 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Bonus mobili 730 che potrebbero interessarti


Sì alla proroga Bonus mobili e bonus verde ma con dei limiti

Leggi e Normative Tecniche - Bonus mobili e bonus verde sono i grandi assenti dalle previsioni del Decreto Rilancio in ambito di sconto in fattura e cessione del credito. Ammessa la detrazione.

Bonus mobili anche in caso di Sismabonus 110

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Il bonus mobili, la detrazione per mobili ed elettrodomestici, è ammessa anche in caso di Sismabonus 110%, a seguito di interventi di miglioramento antisismico

Bonus casa: proroga con la Manovra 2021

Fisco casa - In attesa del testo definitivo della Legge di Bilancio, arriva la notizia della conferma, nel Documento programmatico di bilancio, dei bonus casa per il 2021.

Il bonus facciate esclude il bonus mobili

Detrazioni e agevolazioni fiscali - A fronte di lavori sula facciata di un edificio si godrà anche del bonus mobili solo se gli interventi si fanno rientrare tra quelli di recupero del patrimonio edilizio

Bonus antincendi per il 2020: di cosa si tratta

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Manovra economica 2020: introdotto un bonus antincendio. Detrazione del 70 e 75% per la riqualificazione dei condomini in presenza di particolari requisiti tecnici

Il bonus verde si estende all'arredo da giardino

Fisco casa - Al bonus verde si aggiunge il bonus per arredare il giardino: gazebi, tavoli, sedie e divanetti da esterno. È quanto previsto da un emendamento al Decreto Rilancio

Bonus rubinetti: di cosa si tratta?

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Con emendamento alla Legge di Bilancio 2020 fa il suo ingresso il bonus rubinetti, la detrazione del 65% dei costi per acquisto di rubinetti che riducono i consumi

Arriva il bonus facciate nell'abito della Manovra di Bilancio 2020

Detrazioni e agevolazioni fiscali - La manovra di bilancio 2020 ha introdotto il Bonus Facciate con un credito fiscale che arriva al 90% utile per rimettere a nuovo numerosi condomini fatiscenti.

Bonus casa 2019: le novità in arrivo con la Legge di Bilancio

Leggi e Normative Tecniche - Approvata la manovra fiscale del governo con proroga per tutto il 2019 delle detrazioni fiscali relative a spese sulla casa. Ecco quali sono gli sconti previsti
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img paky.1993
Salve,mi chiamo Pasquale D'Addio e premetto che seguo molto il sito, fatto benissimo e dai contenuti molto chiari, avrei bisogno di un aiuto, illustro brevemente la situazione:ho...
paky.1993 28 Maggio 2021 ore 19:22 2
Img giovannapalma
Buongiorno, avrei necessità di ricevere il Vs parere in merito al seguente quesito. Una persona fisica che ha beneficiato del bonus ristrutturazioni e conseguentemente del...
giovannapalma 27 Maggio 2021 ore 20:22 7
Img paky.1993
Salve,mi presento, mi chiamo Pasquale ed ho 27 anni, ho acquistato casa e sono in procinto di iniziare un piccolo lavoro di manutenzione straordinaria ed usufruire del bonus...
paky.1993 13 Maggio 2021 ore 22:34 2
Img fabioanaclerio
Buonasera mi sono ritrovato ahimè in una situazione un po' ingarbugliata: In data 12/11/2020 l'ingegnere mi comunica che ha presentato la CILA al Comune e mi da il via...
fabioanaclerio 20 Aprile 2021 ore 17:32 19
Img desmond
Salve a tutti, avrei bisogno di un chiarimento.La guida AE sul bonus mobili dice che tale bonus "spetta unicamente al contribuente che usufruisce della detrazione per le spese di...
desmond 20 Aprile 2021 ore 13:32 1